Il “Tavolo dell’Unità” scricchiola, smarrito nel suo labirinto

Pubblicato il 14 novembre 2016 da redazione

Il “Tavolo dell’Unità” scricchiola smarrito nel suo labirinto

Il “Tavolo dell’Unità” scricchiola smarrito nel suo labirinto

Mauro Bafile

Se in Colombia la speranza è riposta nel secondo accordo appena concluso tra Governo e Farc, per porre punto finale ad una vecchia guerra fratricida che da decenni si combatte senza sosta né esclusione di colpi; in Venezuela l’attenzione è concentrata sul “dialogo” che Governo e Tavolo dell’Unità hanno iniziato per restituire al paese una stabilità istituzionale e, con essa, iniziare una ripresa economica che assicuri una qualità di vita accettabile al venezuelano.

Il Governo continua arroccato sulle sue posizioni, chiaramente esposte domenica scorsa dal capo dello Stato e, sembrerebbe, tacitamente accettate dai mediatori dell’Opposizione. Il presidente Maduro, che ha firmato una nuova proroga del “Decreto d’Emergenza Economica”, ha confermato che il programma elettorale continuerà invariato. Ovvero, le elezioni dei Governatori, dei Sindaci e delle amministrazioni locali in generale, che secondo la Costituzione dovrebbero svolgersi nel mese di dicembre, saranno realizzate alla fine del primo semestre dell’anno prossimo, mentre non subirà alterazioni il “ruolino di marcia” per le presidenziali, previste per il 2018.

Una volta che il Consiglio Nazionale Elettorale ne fisserà la data, saranno invece ripetute le elezioni nello Stato Amazonas. Il Parlamento, quindi, dovrà scorporare definitivamente i tre deputati eletti nelle elezioni politiche precedenti ed accettare, suo malgrado, che nelle elezioni parlamentari sono stati commessi brogli. Lo farà? Staremo a vedere.

Il Tavolo dell’Unità scricchiola, esita prigioniero nel suo labirinto; labirinto che si è costruito dopo la decisione di privilegiare il Referendum revocatorio sulle elezioni amministrative. La consulta popolare è apparsa, ai leader del “Tavolo”, il collante necessario per mantenere assieme e in vita l’eterogenea Opposizione che solo così può rappresentare una maggioranza politica rilevante.

Cedendo alle pressioni delle correnti radicali, poco numerose ma senz’altro assai attive, ha trascurato le elezioni amministrative. Queste, lo abbiamo scritto in tempi non sospetti, rappresentano il vero potere politico: quello che permette a partiti e leader di stare accanto agli elettori, di conoscere le necessità dei cittadini e interpretarne gli umori.

La conquista delle amministrazioni regionali, al contrario del Referendum revocatorio, era a portata di mano. Un trionfo dell’Opposizione, dopo quello ottenuto dal Parlamento, avrebbe rappresentato un duro colpo per la credibilità del Governo e avrebbe indebolito, facendo emergere tutte le contraddizioni interne, il “Partido Socialista Unido de Venezuela”.

Se per il Referendum era necessario seguire un cammino irto di ostacoli e sottomettersi alle pratiche dilatorie dell’organismo elettorale, per le elezioni regionali tutto era già stabilito dalla Costituzione e dalla consuetudine. Non realizzarle, senza una giustificazione plausibile, sarebbe stato impossibile per il Consiglio Nazionale Elettorale.

Ma, con molta probabilità, il Tavolo dell’Unità ha temuto, forse con ragione, l’implosione. In altre parole, che la lotta degli aspiranti a Governatori, a Sindaci o, semplicemente ad assessori comunali potesse creare crepe irreparabili e provocare ferite insanabili tra i “soci” del “Tavolo”. Se così fosse stato, e pochi ne dubitano, le divisioni avrebbero irrimediabilmente provocato la scissione dell’alleanza.

Lilian Tintori e Maria Corina Machado, donne in lotta...

Lilian Tintori e Maria Corina Machado, donne in lotta…

Messo all’angolo, ora, il “Tavolo dell’Unità” è impantanato in un dialogo col governo che rischia di indebolirlo e di allontanarlo dagli elettori. Il linguaggio impiegato nel comunicato ufficiale è parso alla stragrande maggioranza una rinuncia a priori alle bandiere che, fino a ieri, erano state la ragione d’essere dell’alleanza molto ampia e diversa.

Come affermano Willy McKey e Luis Vicente León, nel portale Prodavinci.com, anche il linguaggio ha un suo peso. E, spesso, è rilevante. Ad esempio, espressioni come “persone detenute” invece di “prigionieri politici”, “boicottaggio” e “aggressione economica” che richiamano alla mente la terminologia governativa – leggasi, “guerra economica” -, appaiono come una resa. Sono concessioni, forse necessarie per avanzare nel dialogo e raggiungere gli obiettivi desiderati, che hanno il sapore amaro della sconfitta.

Ma l’attenzione dei venezuelani non è solo rivolta al confronto, il più delle volte dai toni assai aspri, tra Governo e Opposizione ma anche, anzi soprattutto, all’economia domestica. E’ la quotidianità che colpisce più d’ogni altra cosa l’operaio, la domestica, lo studente, il professionista e la casalinga.

Con un dollaro che ha rotto gli ormeggi e un’inflazione che pare superare largamente le previsioni del Fondo Monetario Internazionale, la classe media destina oramai più dell’80 per cento dello stipendio all’acquisto dei generi alimentari mentre quella più umile è precipitata nell’abisso della povertà assoluta. Per questo, è sempre più frequente osservare un numero crescente di venezuelani rovistare tra i rifiuti dei “mercati generali”, dei supermarket o solo dei piccoli generi alimentari.

People queue to try to buy basic food items outside a supermarket in Caracas, April 22, 2016. REUTERS/Carlos Garcia Rawlins -------------------------------------------------------------------------------------------

People queue to try to buy basic food items outside a supermarket in Caracas, April 22, 2016. REUTERS/Carlos Garcia Rawlins
——————————————————————————————-

I senzatetto, poi, trascorrono la notte tra un sacco dell’immondizia e l’altro, cercando di arrivare prima della nettezza urbana. E il panorama futuro, viste le previsioni che si hanno sul costo della vita, appare assai buio. Infatti, stando a un recente sondaggio di Conindustria, si stima per il prossimo anno un’inflazione del 1.250 per cento, assai lontana dalle proiezioni dei portavoce del governo.

Il futuro economico del paese molto dipenderà dall’andamento del mercato petrolifero. Nonostante le ripetute dichiarazioni del presidente Maduro, e di esponenti del Governo, pare assai lontano un accordo sulla produzione in seno all’Opec. L’Agenzia Internazionale dell’Energia prevede una crescita della domanda di greggio, nel 2017, pari all’1,2 per cento.

E’ un incremento, questo, simile alla crescita dell’offerta. Anzi, questa potrebbe subire un incremento ulteriore qualora l’organizzazione dei produttori di petrolio non dovesse raggiungere un accordo e ridurre la produzione. Oggi l’offerta dell’Opec si aggira attornoai 30 milioni di barili al giorno. L’ago della bilancia, come sempre, è l’Arabia Saudita. Questa potrebbe non accettare un tetto alla produzione nel timore di dover cedere quote di mercato all’industria del fracking, qualora il prezzo dovesse superare determinati livelli.

Il Venezuela produce petrolio pesante. E questa non è novità. La viscosità del greggio è tale che, per la sua elaborazione nelle raffinerie locali, ha bisogno di altri ingredienti. Ad esempio, petrolio leggero come il “SaharanBlend” che il Venezuela importa dall’Algeria. Per far fronte alle spese, dopo la contrazione dei prezzi del greggio nei mercati internazionali, la holding petrolifera nazionale ha ridotto drammaticamente, e in alcuni casi bloccato definitivamente, la distribuzione di petrolio che non crea proventi.

Le circostanze internazionali, che incidono sul prezzo del petrolio dal quale dipende il 95 per cento dell’economia, si riflettono pesantemente sulle riserve internazionali. Queste rappresentano a volte il termometro attraverso il quale misurare la buona salute di un’economia. Stando alla Banca Centrale, quelle del Venezuela, la settimana scorsa, si stimavano in appena 10,9 miliardi di dollari, un livello molto basso e poco rassicurante.

Ultima ora

16:05Bankitalia: Renzi, evidente mancanza vigilanza efficace

(ANSA) - RECANATI, 18 OTT - "Se qualcuno vuol raccontare che in questi anni nel settore banche non è successo niente, non siamo noi, perché è successo di tutto. È mancata evidentemente una vigilanza efficace. C’è bisogno di scrivere una pagina nuova". Lo dice Matteo Renzi, segretario Pd, tornando su Bankitalia. “Se qualcuno spiega la mancanza di vigilanza di questi anni risponde agli italiani, non al Pd".

15:49Bankitalia: Renzi, rispetteremo scelta ma pagina nuova

(ANSA) - RECANATI (ANCONA), 18 OTT - "La nostra mozione di ieri spiega con forza che c'è bisogno di scrivere una pagina nuova. Chiunque sarà il governatore e le scelte che farà il Governo e le autorità preposte, avranno il pieno rispetto istituzionale da parte del Pd ma ieri la mozione l'ha votata il Pd sulla base delle indicazioni del Governo". Lo ribadisce Matteo Renzi, segretario del Pd, a margine di un incontro a Recanati.

15:48Calcio: Napoli, contrattura per Insigne

(ANSA) - ROMA, 18 OTT - Lorenzo Insigne ha riportato ieri sera nel match contro il Manchester City una contrattura da affaticamento all'adduttore destro. Lo afferma in una nota il Napoli, precisando che le condizioni dell'attaccante verranno valutate "giorno per giorno". Oggi Insigne non si è allenato con i compagni a Manchester, in un campo vicino all'Etihad Stadium messo a disposizione dal City, ma ha svolto terapie. Difficile che Insigne possa essere impiegato sabato sera contro l'Inter. il tecnico Sarri sta valutando le diverse opzioni, tra cui l'impiego di Ounas.

15:47Università italiane riunite a Torino in nome Francofonia

(ANSA) - TORINO, 18 OTT - L' Università di Torino da due giorni è capitale italiana della Francofonia riunendo rettori e rappresentanti d' ateneo, tra cui quelli di Napoli, Genova, Firenze, Udine, Milano, Marche, Valle d'Aosta, assieme al rettore dell'Agenzia Universitaria della Francofonia, Jean Paul De Gaudemar e al poeta e diplomatico Salah Stétié. La realtà Francofona conta nel mondo 274 milioni di persone e coinvolge 84 Stati. La rete Auf, che federa 845 atenei di 111 nazioni, è la più importante al mondo con un budget per il 2017 di 39,46 milioni di euro. L' aver avuto dal Miur la gestione delle attività dell' Università Italo-Francese, la posizione geografica, la sua tradizione e la sua storia, candida l'Università di Torino - ha detto il rettore Gianmaria Ajani - a ospitare un ufficio permanente dell'Auf. Una possibilità che ha visto il favore di De Gaudemar. Torino conta, infatti, 251 accordi bilaterali di mobilità con università francesi e 135 accordi di cooperazione internazionale, di cui 68 stipulati con la Francia. Nell'anno accademico 2016-2017 dei 3993 studenti stranieri, 688 erano francofoni. Il mondo sconfinato della Francofonia - hanno sottolineato Stétié e De Gaudemar - che va dal Canada al Madagascar, passando per l'Africa e il bacino Mediterraneo, non è caratterizzato soltanto dalla lingua. Le docenti Marie-Berthe Vittoz e Cristina Giacoma dell'ateneo torinese che hanno promosso l'evento, hanno sottolineato come nel mondo si sia passati in 5 anni da 100 milioni studenti a 200 milioni e che parlare di Francofonia non significhi soltanto imparare il francese, ma, in un ottica interdisciplinare, coinvolgere i diversi rami dei sapere. Il francese è materia di studio in diversi Dipartimenti, da quello di Giurisprudenza a quelli di Filosofia e Scienze economico-sociali. (ANSA).

15:45Sieropositivo contagiò donne: procura chiede l’ergastolo

(ANSA) - ROMA, 18 OTT - La procura di Roma ha chiesto la condanna all'ergastolo, con isolamento diurno per due anni, di Valentino Talluto, il sieropositivo accusato di aver contagiato con rapporti sessuali non protetti una trentina di donne. L'uomo è accusato di epidemia dolosa e di lesioni gravissime. Secondo il pm Elena Neri, all'imputato "non possono essere concesse le attenuanti generiche non avendo mai dimostrato pentimento". "Talluto - ha detto il rappresentante dell'accusa durante la requisitoria - non ha mai collaborato, ha reso false dichiarazioni: il suo era un modo per seminare morte". Sono 57 i casi contestati tra contagi diretti (oltre 30), indiretti (un bimbo e tre partner di donne in precedenza infettate), nonché episodi di donne scampate alla trasmissione del virus. Il processo si tiene in corte di assise e la sentenza è prevista per il 25 ottobre prossimo.

15:31Battisti: appello dell’ex moglie a presidente Corte Suprema

(ANSA) - SAN PAOLO, 18 OTT - L'ex moglie di Cesare Battisti, Priscila Pereira, ha inviato una lettera alla presidente del Supremo Tribunale Federale (Stf) brasiliano, Carmen Lucia, chiedendole che all'ex membro dei Pac sia concesso di rimanere in Brasile per occuparsi del figlio. Lo ha reso noto la giornalista Monica Bergamo nella sua colonna sul quotidiano Folha de Sao Paulo, citando vari brani della missiva, nella quale l'ex moglie sottolinea che Battisti ha "il diritto di continuare ad esercitare la sua paternità in modo totale". "Ho vissuto queste ultime giornate al limite dell'angoscia", scrive Pereira, spiegando che non dispone dei mezzi necessari per sostentarsi ed occuparsi del figlio che ha avuto con Battisti. Il prossimo 24 ottobre la Corte deve riunirsi per emettere un parere sulla richiesta di 'habeas corpus' presentata dagli avvocati dell'ex terrorista. Il governo di Michel Temer ha fatto sapere che non prenderà nessuna iniziativa su un'eventuale estradizione di Battisti finché l'alta corte non avrà preso una decisione

15:28Lavoro: rider fanno causa a Foodora, è la prima in Italia

(ANSA) - TORINO, 18 OTT - È iniziata a Torino la causa, la prima in Italia, intentata da sei rider contro Foodora. I fattorini, seguiti dagli avvocati Sergio Bonetto e Giulia Druetta, chiedono di essere reintegrati nel posto di lavoro. Dopo la mobilitazione dello scorso anno, l'azienda non ha più fatto lavorare i sei giovani, nonostante avessero dato la disponibilità. A quanto si apprende dagli avvocati, il tentativo di conciliazione è fallito e l'impresa ha escluso ogni possibilità di reintegro. Si tratta della prima azione legale in Italia nei confronti di Foodora. Dopo gli scioperi dello scorso anno contro le condizioni di lavoro di Foodora, i sei rider non vennero più chiamati. "Un licenziamento orale", che secondo i ricorrenti è illegittimo.(ANSA).

Archivio Ultima ora