Il “Tavolo dell’Unità” scricchiola, smarrito nel suo labirinto

Pubblicato il 14 novembre 2016 da redazione

Il “Tavolo dell’Unità” scricchiola smarrito nel suo labirinto

Il “Tavolo dell’Unità” scricchiola smarrito nel suo labirinto

Mauro Bafile

Se in Colombia la speranza è riposta nel secondo accordo appena concluso tra Governo e Farc, per porre punto finale ad una vecchia guerra fratricida che da decenni si combatte senza sosta né esclusione di colpi; in Venezuela l’attenzione è concentrata sul “dialogo” che Governo e Tavolo dell’Unità hanno iniziato per restituire al paese una stabilità istituzionale e, con essa, iniziare una ripresa economica che assicuri una qualità di vita accettabile al venezuelano.

Il Governo continua arroccato sulle sue posizioni, chiaramente esposte domenica scorsa dal capo dello Stato e, sembrerebbe, tacitamente accettate dai mediatori dell’Opposizione. Il presidente Maduro, che ha firmato una nuova proroga del “Decreto d’Emergenza Economica”, ha confermato che il programma elettorale continuerà invariato. Ovvero, le elezioni dei Governatori, dei Sindaci e delle amministrazioni locali in generale, che secondo la Costituzione dovrebbero svolgersi nel mese di dicembre, saranno realizzate alla fine del primo semestre dell’anno prossimo, mentre non subirà alterazioni il “ruolino di marcia” per le presidenziali, previste per il 2018.

Una volta che il Consiglio Nazionale Elettorale ne fisserà la data, saranno invece ripetute le elezioni nello Stato Amazonas. Il Parlamento, quindi, dovrà scorporare definitivamente i tre deputati eletti nelle elezioni politiche precedenti ed accettare, suo malgrado, che nelle elezioni parlamentari sono stati commessi brogli. Lo farà? Staremo a vedere.

Il Tavolo dell’Unità scricchiola, esita prigioniero nel suo labirinto; labirinto che si è costruito dopo la decisione di privilegiare il Referendum revocatorio sulle elezioni amministrative. La consulta popolare è apparsa, ai leader del “Tavolo”, il collante necessario per mantenere assieme e in vita l’eterogenea Opposizione che solo così può rappresentare una maggioranza politica rilevante.

Cedendo alle pressioni delle correnti radicali, poco numerose ma senz’altro assai attive, ha trascurato le elezioni amministrative. Queste, lo abbiamo scritto in tempi non sospetti, rappresentano il vero potere politico: quello che permette a partiti e leader di stare accanto agli elettori, di conoscere le necessità dei cittadini e interpretarne gli umori.

La conquista delle amministrazioni regionali, al contrario del Referendum revocatorio, era a portata di mano. Un trionfo dell’Opposizione, dopo quello ottenuto dal Parlamento, avrebbe rappresentato un duro colpo per la credibilità del Governo e avrebbe indebolito, facendo emergere tutte le contraddizioni interne, il “Partido Socialista Unido de Venezuela”.

Se per il Referendum era necessario seguire un cammino irto di ostacoli e sottomettersi alle pratiche dilatorie dell’organismo elettorale, per le elezioni regionali tutto era già stabilito dalla Costituzione e dalla consuetudine. Non realizzarle, senza una giustificazione plausibile, sarebbe stato impossibile per il Consiglio Nazionale Elettorale.

Ma, con molta probabilità, il Tavolo dell’Unità ha temuto, forse con ragione, l’implosione. In altre parole, che la lotta degli aspiranti a Governatori, a Sindaci o, semplicemente ad assessori comunali potesse creare crepe irreparabili e provocare ferite insanabili tra i “soci” del “Tavolo”. Se così fosse stato, e pochi ne dubitano, le divisioni avrebbero irrimediabilmente provocato la scissione dell’alleanza.

Lilian Tintori e Maria Corina Machado, donne in lotta...

Lilian Tintori e Maria Corina Machado, donne in lotta…

Messo all’angolo, ora, il “Tavolo dell’Unità” è impantanato in un dialogo col governo che rischia di indebolirlo e di allontanarlo dagli elettori. Il linguaggio impiegato nel comunicato ufficiale è parso alla stragrande maggioranza una rinuncia a priori alle bandiere che, fino a ieri, erano state la ragione d’essere dell’alleanza molto ampia e diversa.

Come affermano Willy McKey e Luis Vicente León, nel portale Prodavinci.com, anche il linguaggio ha un suo peso. E, spesso, è rilevante. Ad esempio, espressioni come “persone detenute” invece di “prigionieri politici”, “boicottaggio” e “aggressione economica” che richiamano alla mente la terminologia governativa – leggasi, “guerra economica” -, appaiono come una resa. Sono concessioni, forse necessarie per avanzare nel dialogo e raggiungere gli obiettivi desiderati, che hanno il sapore amaro della sconfitta.

Ma l’attenzione dei venezuelani non è solo rivolta al confronto, il più delle volte dai toni assai aspri, tra Governo e Opposizione ma anche, anzi soprattutto, all’economia domestica. E’ la quotidianità che colpisce più d’ogni altra cosa l’operaio, la domestica, lo studente, il professionista e la casalinga.

Con un dollaro che ha rotto gli ormeggi e un’inflazione che pare superare largamente le previsioni del Fondo Monetario Internazionale, la classe media destina oramai più dell’80 per cento dello stipendio all’acquisto dei generi alimentari mentre quella più umile è precipitata nell’abisso della povertà assoluta. Per questo, è sempre più frequente osservare un numero crescente di venezuelani rovistare tra i rifiuti dei “mercati generali”, dei supermarket o solo dei piccoli generi alimentari.

People queue to try to buy basic food items outside a supermarket in Caracas, April 22, 2016. REUTERS/Carlos Garcia Rawlins -------------------------------------------------------------------------------------------

People queue to try to buy basic food items outside a supermarket in Caracas, April 22, 2016. REUTERS/Carlos Garcia Rawlins
——————————————————————————————-

I senzatetto, poi, trascorrono la notte tra un sacco dell’immondizia e l’altro, cercando di arrivare prima della nettezza urbana. E il panorama futuro, viste le previsioni che si hanno sul costo della vita, appare assai buio. Infatti, stando a un recente sondaggio di Conindustria, si stima per il prossimo anno un’inflazione del 1.250 per cento, assai lontana dalle proiezioni dei portavoce del governo.

Il futuro economico del paese molto dipenderà dall’andamento del mercato petrolifero. Nonostante le ripetute dichiarazioni del presidente Maduro, e di esponenti del Governo, pare assai lontano un accordo sulla produzione in seno all’Opec. L’Agenzia Internazionale dell’Energia prevede una crescita della domanda di greggio, nel 2017, pari all’1,2 per cento.

E’ un incremento, questo, simile alla crescita dell’offerta. Anzi, questa potrebbe subire un incremento ulteriore qualora l’organizzazione dei produttori di petrolio non dovesse raggiungere un accordo e ridurre la produzione. Oggi l’offerta dell’Opec si aggira attornoai 30 milioni di barili al giorno. L’ago della bilancia, come sempre, è l’Arabia Saudita. Questa potrebbe non accettare un tetto alla produzione nel timore di dover cedere quote di mercato all’industria del fracking, qualora il prezzo dovesse superare determinati livelli.

Il Venezuela produce petrolio pesante. E questa non è novità. La viscosità del greggio è tale che, per la sua elaborazione nelle raffinerie locali, ha bisogno di altri ingredienti. Ad esempio, petrolio leggero come il “SaharanBlend” che il Venezuela importa dall’Algeria. Per far fronte alle spese, dopo la contrazione dei prezzi del greggio nei mercati internazionali, la holding petrolifera nazionale ha ridotto drammaticamente, e in alcuni casi bloccato definitivamente, la distribuzione di petrolio che non crea proventi.

Le circostanze internazionali, che incidono sul prezzo del petrolio dal quale dipende il 95 per cento dell’economia, si riflettono pesantemente sulle riserve internazionali. Queste rappresentano a volte il termometro attraverso il quale misurare la buona salute di un’economia. Stando alla Banca Centrale, quelle del Venezuela, la settimana scorsa, si stimavano in appena 10,9 miliardi di dollari, un livello molto basso e poco rassicurante.

Ultima ora

20:18Calcio: Napoli, Sarri, Mertens non è in dubbio

(ANSA) - NIZZA, 21 AGO - "Ho parlato con il medico e non credo che Mertens sia in dubbio". Lo ha detto Maurizio Sarri alla vigilia della sfida contro il Nizza per il playoff di Champions League. L'attaccante belga non si è allenato stamattina, ma Sarri ha spiegato: "Ha subito un colpo - ha detto - ad un dito di un piede, le scarpe gli davano un po' fastidio e l'ho spedito in palestra anche se lui voleva allenarsi. La scelta è stata più mia che sua, ma parlando con lui e col dottore nessun vede grosse problematiche".

20:17Barcellona: la famiglia di Gulotta torna con la salma

(ANSA) - MILANO, 21 AGO - Dovrebbero tornare insieme alla salma di Bruno Gulotta i familiari del trentacinquenne di Legnano che si trovavano con lui a Barcellona quando c'è stato l'attentato che lo ha ucciso. Oltre alla compagna Martina e ai due figli, Alessandro e Aria, che erano con lui al momento della tragedia, a quanto si apprende, sono arrivati a Barcellona anche il fratello di Bruno, che si trovava già in Spagna, e il padre.

20:15Atletica: scandali Iaaf, Tas conferma tre squalifiche a vita

(ANSA) - LOSANNA (SVIZZERA), 21 AGO - Il Tas di Losanna ha confermato la squalifica a vita per tre dirigenti del mondo dell'atletica rimasti coinvolti negli scandali verificatisi in seno alla Iaaf durante la presidenza di Lamine Diack. Uno dei tre che hanno avuto la pena sportiva confermata dal Tribunale di Arbitrato è proprio il figlio di Diack, Papa Massata Diack, all'epoca consulente nel marketing della federazione, colpevole di aver ricevuto denaro per occultare dei casi di positività al doping. E' ricercato dall'Interpol. Lo stesso vale per l'ex tesoriere della federazione internazionale, il russo Valentin Balakhnicev, coinvolto in patria anche nel cosiddetto 'doping di Stato'. Il terzo squalificato a vita è l'allenatore Alexei Melnikov, che ha più volte somministrato sostanze proibite a suoi atleti, e anche lui operante nell'ambito del 'doping di Stato'.

20:06Terremoto: Save the Children lancia allarme scuole

(ANSA) - ROMA, 21 AGO - A un anno dal sisma e a pochi giorni dalla riapertura delle scuole, Save the Children esprime preoccupazione per le criticità che i minori dovranno affrontare con l'avvio del nuovo anno scolastico. Stando agli ultimi dati a disposizione dell'Organizzazione, su 2.409 edifici scolastici con più 84 mila studenti e alunni iscritti solo 1.585 sono stati dichiarati completamente agibili. Sarebbero, dunque, 824 le strutture non agibili (delle quali 146 totalmente inagibili). Le cifre diffuse dalla Protezione civile nel corso della conferenza stampa promossa oggi da Palazzo Chigi sullo stato della ricostruzione post-terremoto, confermano che il 34% delle scuole dove sono stati effettuati i sopralluoghi è risultato inagibile. Entro il mese di febbraio 2018, come reso noto da Errani, dovrebbero essere completati i lavori di costruzione di 21 nuovi edifici scolastici; ulteriori 87 scuole, inoltre, saranno messe in sicurezza nel corso di 2 anni.

20:04Multato per parcheggio insulta disabile, pm Monza indaga

(ANSA) - MILANO, 21 AGO - Un'inchiesta per "diffamazione aggravata" è stata aperta dalla Procura di Monza per arrivare all'individuazione della persona che, dopo essere stato multata per aver parcheggiato in un posto riservato alle persone disabili, ha lasciato nel parcheggio sotterraneo di un centro commerciale di Carugate (Milano) un cartello con insulti di questo genere: "a te handiccappato che ieri hai chiamato i vigili per non fare due metri in più vorrei dirti questo: a me 60 euro non cambiano nulla ma tu rimani sempre un povero handiccappato ... sono contento che ti sia capitata questa disgrazia!". Il Questore di Milano Marcello Cardona, si legge in una nota, "ieri sera, avuta notizia del fatto, e ritenendo i contenuti del cartello violenti e lesivi della dignità delle persone con disabilità, ha disposto sin da subito che le volanti dell'Ufficio Prevenzione Generale intervenissero sul posto per fare chiarezza e individuare l'autore del gesto".

19:53Incendi: 29 richieste intervento aereo

(ANSA) - ROMA, 21 AGO - Dalle prime ore del giorno gli equipaggi di Canadair ed elicotteri della flotta aerea dello Stato, coordinati dal Dipartimento della Protezione Civile, hanno ripreso le operazioni di spegnimento dei numerosi incendi boschivi. Al momento sono 29 le richieste di concorso aereo ricevute dal Centro Operativo Aereo Unificato del Dipartimento dalle Regioni. In particolare, 7 sono pervenute dalla Calabria, 5 dalla Campania e altrettante dal Lazio, 3 ciascuna da Abruzzo e Sicilia, 2 dalla Basilicata e una rispettivamente da Piemonte, Toscana, Molise e Puglia. L'intenso lavoro svolto dai piloti dei mezzi aerei - 14 Canadair e 9 elicotteri del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco oltre a due elicotteri del Comparto Difesa - ha permesso di mettere sotto controllo o spegnere, finora, 13 roghi. Le attività di lancio di acqua e liquido ritardante ed estinguente proseguiranno finché le condizioni di luce consentiranno di operare in sicurezza.

19:41Gasdotto: ‘No Tap’, 15-17/9 incontro nazionale in Salento

(ANSA) - MELENDUGNO (LECCE), 21 AGO - Dal 15 al 17 settembre prossimi il Presidio 'No Tap' di Melendugno terrà in Salento un incontro nazionale "con tutte le realtà in lotta da Sud a Nord contro il gasdotto". Lo rendono noto con un comunicato gli aderenti al Presidio. "Tre giorni - si spiega - in cui racconteremo le nostre storie, ci confronteremo, uniremo i nostri passi spinti dal potente 'no' che ci rende vicini oltre le distanze. Tre giorni per difendere e rivendicare il nostro diritto a decidere per il futuro nostro e dei nostri territori". Nella nota il Presidio riferisce che il gasdotto Tap non finirà a Melendugno ma "collegandosi alla rete Snam, proseguirà il suo percorso e la sua opera di devastazione fino a Minerbio in Emilia Romagna", aggiungendo che "intere regioni e comunità saranno attraversati da un'opera inutile, distruttiva progettata senza tenere alcun conto della volontà e della sicurezza di chi vive nei territori interessati".

Archivio Ultima ora