M5s punta alle elezioni e ragiona sulla squadra di governo

Pubblicato il 14 novembre 2016 da ansa

M5s punta alle elezioni e ragiona sulla squadra di governo

M5s punta alle elezioni e ragiona sulla squadra di governo

ROMA. – Il M5s preme per il voto anticipato. Con un’accelerazione che negli ultimi giorni si à fatta sempre più pressante. Se al referendum vincerà il fronte del No “andremo dal capo dello Stato e chiederemo lo scioglimento il prima possibile delle Camere e la convocazione di nuove elezioni” ripetono ormai ogni giorno Luigi Di Maio, Alessandro Di Battista e Roberto Fico durante i loro tour in giro per l’Italia e l’Europa, abbandonando definitivamente la linea attendista che fino a poco tempo fa vedeva i 5 Stelle appellarsi alle decisioni del Capo dello Stato.

Ma il vento del cambiamento che ha soffiato forte in Usa ed ha convinto anche la Lega di Salvini ad accelerare lo sentono anche i 5 Stelle. “Le persone che incontriamo ci dicono che voteranno No al di là di quello che pensano della riforma: voteranno No perché vogliono un cambiamento vero. E questo cambiamento può arrivare solo se si va in fretta al voto”, spiega uno dei big del Movimento.

I 5 Stelle studiano quindi le mosse del premier e non vogliono farsi trovare impreparati da un’eventuale colpo di scena di Renzi. Se il premier dovesse cedere, è il ragionamento, dovrà infatti cadere sotto i colpi del M5s che sta puntando tutte le sue energie nella campagna per il No al referendum.

In questo scenario gioca a favore del Movimento anche il dibattito sulla legge elettorale: il vento proporzionalista che ormai sta contagiando trasversalmente le forze politiche cade a pennello per il M5s. “Ma non faremo inciuci: noi sosteniamo solo la nostra proposta di legge elettorale” chiariscono tuttavia i 5 Stelle che hanno messo a punto il loro ‘Democratellum’, un sistema tendenzialmente proporzionale ma non “puro” che consente ad una forza politica che ottenga attorno al 40% dei consensi di avere oltre il 50% dei seggi.

E’ una azzardo che lascia tuttavia il M5s con il fiato sospeso: “cosa farà Renzi se mai dovesse vincere il Sì? Andrà lo stesso alle elezioni? Magari con l’Italicum?” è l’interrogativo che serpeggia. Resta poi la questione della squadra di governo. Anche lì le strade sono apertissime. C’è una parte del M5s che preme per avviare la selezione dei candidati papabili. E quella che invece frena, sicura che “le cose riescono meglio quando sono cotte e mangiate”.

Sono due strategie che hanno entrambe come minimo comune denominatore il ruolo che giocherà Luigi Di Maio in un eventuale governo pentastellato. “Se si vota in primavera siamo impreparati: dobbiamo pensarci in tempo o rischiamo di finire come Raggi a Roma” protesta un esponente di peso del Movimento che entra nel punto: “il problema non è Di Maio o un altro. Il dibattito interno che alimenta invidie e rivalità non ci porterà lontano. Non possiamo perdere altro tempo”.

Di Maio intanto continua a visitare le capitali europee come un vero e proprio leader in pectore anche se mantiene un “low profile”. Quando si scatenerà la guerra sul suo nome, non può che sperare che duri il meno possibile.

(di Francesca Chiri/ANSA)

Ultima ora

18:11Sicilia: Micciché, mai fatti accordi con Lotti

(ANSA) - PALERMO, 17 DIC - Il neo-eletto presidente dell'Ars, Gianfranco Miccichè in una nota dichiara "che con il ministro dello Sport, Luca Lotti, non c'è stato alcun accordo sulla eventualità di far confluire i voti dei deputati del Pd sulla sua candidatura alla presidenza del Parlamento siciliano". "Il ministro Lotti - sottolinea Miccichè - mi ha telefonato dopo la mia elezione per augurarmi buon lavoro".

18:04Savoia: Vittorio Emanuele, domani a Vicoforte per omaggio

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - "Domani, alle ore 15.00, insieme a mia moglie Marina, a mio figlio Emanuele Filiberto, a mia sorella Maria Pia ed a mio nipote Serge di Jugoslavia, mi recherò al Santuario di Vicoforte per rendere omaggio alle sepolture provvisorie dei miei nonni, il Re Vittorio Emanuele III e la Regina Elena". Lo scrive, in una nota, Vittorio Emanuele di Savoia.

18:03Savoia: Comunità ebraiche, profonda inquietudine

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - "In un'epoca segnata dal progressivo smarrimento di Memoria e valori fondamentali il rientro della salma del re Vittorio Emanuele III in Italia non può che generare profonda inquietudine, anche perché giunge alla vigilia di un anno segnato da molti anniversari", tra cui "gli 80 anni dalla firma delle Leggi Razziste". Lo sottolinea la Presidente dell'Unione delle Comunità Ebraiche Italiane Noemi Di Segni, ricordando che "Vittorio Emanuele III fu complice di quel regime fascista di cui non ostacolò mai l'ascesa".

18:02Igor: accetta estradizione, ma dopo inchiesta Spagna

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - Norbert Feher, noto come 'Igor il russo' ha risposto in italiano alle domande del giudice spagnolo, Carmen Lamela - durante l'interrogatorio tenuto in videoconferenza - e ha accettato, non opponendosi al mandato di arresto europeo, di essere consegnato in Italia per essere processato per gli omicidi commessi ad aprile tra Bolognese e Ferrarese. Secondo quanto filtra da ambienti investigativi italiani l'eventuale consegna - come è emerso dall'interrogatorio durante l'udienza di convalida in Aragona - avverrà dopo i processi per i tre omicidi - di due agenti della Guardia Civil e di un allevatore - avvenuti in Spagna lo scorso 14 dicembre. Nell'interrogatorio il latitante, fuggito dall'Italia otto mesi fa, ha detto di essere in Spagna da settembre. Sull'affermazione verranno fatti accertamenti.(ANSA).

17:54Papa: Gentiloni, grazie per esortarci a fare mondo migliore

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - "Desidero ancora una volta ringraziarla profondamente per il suo inarrestabile impegno che scuote le nostre coscienze e ci esorta a rendere migliore questo mondo". Lo dice il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni in un messaggio di auguri a Papa Francesco per il suo compleanno.

17:53Austria: Salvini, Strache? Non è un estremista

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - In Austria "io non vedo estremisti al governo. Heinz-Christian Strache non è assolutamente estremista, se controllare i confini è estremista allora sono estremista anche io. Io vedo un partito che difende l'interesse nazionale austriaco e io come Lega lo voglio fare non solo in Lombardia e Veneto dove governiamo da anni, ma anche in Puglia o in Campania". Lo afferma il segretario della Lega Matteo Salvini a "1/2 ora in più".

17:42Salvini, serve programma scritto o no alleanze con FI

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - "Io chiedo un programma comune del centrodestra, senza un programma scritto" nei suoi "capisaldi non c'è alleanza". Lo afferma il segretario della Lega Matteo Salvini a "1/2 ora in più" su Raitre spiegando che l'abolizione della Fornero, un intervento su immigrazione, scuola e sulle politiche europee, sono i punti "su cui non ci può essere trattativa". "Io ritengo che Berlusconi firmerà", spiega Salvini, ritenendo necessario, in vista dell'ipotesi larghe intese anche "un patto contro gli inciuci".

Archivio Ultima ora