M5s punta alle elezioni e ragiona sulla squadra di governo

Pubblicato il 14 novembre 2016 da ansa

M5s punta alle elezioni e ragiona sulla squadra di governo

M5s punta alle elezioni e ragiona sulla squadra di governo

ROMA. – Il M5s preme per il voto anticipato. Con un’accelerazione che negli ultimi giorni si à fatta sempre più pressante. Se al referendum vincerà il fronte del No “andremo dal capo dello Stato e chiederemo lo scioglimento il prima possibile delle Camere e la convocazione di nuove elezioni” ripetono ormai ogni giorno Luigi Di Maio, Alessandro Di Battista e Roberto Fico durante i loro tour in giro per l’Italia e l’Europa, abbandonando definitivamente la linea attendista che fino a poco tempo fa vedeva i 5 Stelle appellarsi alle decisioni del Capo dello Stato.

Ma il vento del cambiamento che ha soffiato forte in Usa ed ha convinto anche la Lega di Salvini ad accelerare lo sentono anche i 5 Stelle. “Le persone che incontriamo ci dicono che voteranno No al di là di quello che pensano della riforma: voteranno No perché vogliono un cambiamento vero. E questo cambiamento può arrivare solo se si va in fretta al voto”, spiega uno dei big del Movimento.

I 5 Stelle studiano quindi le mosse del premier e non vogliono farsi trovare impreparati da un’eventuale colpo di scena di Renzi. Se il premier dovesse cedere, è il ragionamento, dovrà infatti cadere sotto i colpi del M5s che sta puntando tutte le sue energie nella campagna per il No al referendum.

In questo scenario gioca a favore del Movimento anche il dibattito sulla legge elettorale: il vento proporzionalista che ormai sta contagiando trasversalmente le forze politiche cade a pennello per il M5s. “Ma non faremo inciuci: noi sosteniamo solo la nostra proposta di legge elettorale” chiariscono tuttavia i 5 Stelle che hanno messo a punto il loro ‘Democratellum’, un sistema tendenzialmente proporzionale ma non “puro” che consente ad una forza politica che ottenga attorno al 40% dei consensi di avere oltre il 50% dei seggi.

E’ una azzardo che lascia tuttavia il M5s con il fiato sospeso: “cosa farà Renzi se mai dovesse vincere il Sì? Andrà lo stesso alle elezioni? Magari con l’Italicum?” è l’interrogativo che serpeggia. Resta poi la questione della squadra di governo. Anche lì le strade sono apertissime. C’è una parte del M5s che preme per avviare la selezione dei candidati papabili. E quella che invece frena, sicura che “le cose riescono meglio quando sono cotte e mangiate”.

Sono due strategie che hanno entrambe come minimo comune denominatore il ruolo che giocherà Luigi Di Maio in un eventuale governo pentastellato. “Se si vota in primavera siamo impreparati: dobbiamo pensarci in tempo o rischiamo di finire come Raggi a Roma” protesta un esponente di peso del Movimento che entra nel punto: “il problema non è Di Maio o un altro. Il dibattito interno che alimenta invidie e rivalità non ci porterà lontano. Non possiamo perdere altro tempo”.

Di Maio intanto continua a visitare le capitali europee come un vero e proprio leader in pectore anche se mantiene un “low profile”. Quando si scatenerà la guerra sul suo nome, non può che sperare che duri il meno possibile.

(di Francesca Chiri/ANSA)

Ultima ora

20:46Migranti: Austria verso disdetta piano ricollocamenti

(ANSA) - BOLZANO, 27 MAR - Vienna potrebbe varare già domani il ritiro dal piano di ricollocamenti deciso dalla Ue. La proposta del ministro della Difesa Hanz Doskozil (socialdemocratici) è stata accolta dal ministro degli interni Wolfgag Sobotka (popolari). Secondo il ministro della Difesa, l'Austria ha "più che rispettato" gli obblighi europei.

20:39Trump: congresso nega credenziali stampa a Breibart

(ANSA) - NEW YORK, 27 MAR - Il Congresso americano nega le credenziali stampa a Breibart News, il sito ultraconservatore guidato per anni da Steve Bannon, lo stratega della Casa Bianca. La richiesta di Breibart e' stata negata ''fino a che non ci saranno risposte'' sui rapporti fra la pubblicazione e Bannon. Lo riporta il New York Post. L'amministratore delegato e presidente di Breibart, Larry Solov, aveva presentato la richiesta di accredito permanente, accompagnata da una lettera in cui precisava che Bannon non ricopre alcun ruolo da novembre 2016. Ma la commissione chiamata a concedere le credenziali ha espresso dubbi e chiesto ulteriori chiarimenti visto che non ci sono prove che Bannon abbia tagliato tutti i rapporti.

20:34Massacrato da branco, 9 in Procura di Frosinone

(ANSA) - ROMA, 27 MAR - Si è concluso nel pomeriggio il sopralluogo nella discoteca dove sarebbe avvenuta la lite che ha scatenato successivamente il pestaggio di Emanuele Morganti, morto per le lesioni riportate. Presente al sopralluogo, utile per cercare riscontri ai racconti degli indagati e dei testimoni, il procuratore capo della Procura della Repubblica di Frosinone Giuseppe De Falco e il comandante dei carabinieri della Compagnia di Alatri Antonio Contente. Successivamente i nove indagati sono stati convocati in Procura.

20:29Trump, ‘via fondi federali a ‘città santuario’

(ANSA) - WASHINGTON, 27 MAR - Gli Stati e le città santuario che continueranno a difendere gli immigrati clandestini violando le leggi sull'immigrazione potranno vedersi trattenere o cancellare alcuni fondi federali: lo ha annunciato l'attorney general Jeff Sessions.

20:29Calcio: Roma, Pallotta al lavoro a Londra

(ANSA) - ROMA, 27 MAR - Da Roma a Londra per continuare a programmare società e squadra del futuro: James Pallotta prosegue nella City gli incontri con il suo management, da Baldini a Baldissoni, passando per l'attuale ds Massara e il comparto commerciale. Secondo voci di mercato, smentite però da Trigoria, il presidente della Roma avrebbe incontrato anche quello che dovrebbe essere il nuovo direttore sportivo, lo spagnolo Monchi, per fargli sottoscrivere un contratto triennale. La trattativa fra le parti sembra ormai agli sgoccioli, tanto che il quotidiano "Mundo Deportivo" riporta la posizione del club citando un qualificato dirigente romanista: "Manca solo la firma. Monchi è tremendamente eccitato per la sfida".

20:07Calcio: ds Barcellona, “Dybala? Pronti ad ogni occasione”

(ANSA) - ROMA, 27 MAR - "Il Barcellona è attento a ogni movimento di mercato, specialmente a quelli che riguardano giocatori bravi che possano interessare anche altri club". Il ds del Barcellona, Robert Fernandez, usa un giro di parole per confermare l'interesse del club per lo juventino Paulo Dybala in un'intervista concessa a Mundo Deportivo. "E' un buon giocatore, non posso dire altro. E' chiaro che saremo pronti a sfruttare ogni situazione, sempre tenendo conto di quel cha abbiamo qui in casa". Fernandez ha anche parlato di Verratti, che potrebbe lasciare il Psg: "Questi giocatori sono sempre una questione di denaro. E a parte pagarlo quanto chiedono, poi è il club che non te lo vende. Vi ricordate quel che successe con Thiago Silva? Il Psg non volle trattare con il Barcellona".

20:06Un bambino di due anni cade da finestra, condizioni gravi

(ANSA) - POTENZA, 27 MAR - Sono gravi le condizioni di un bambino di due anni, caduto - per cause in fase di accertamento - da una finestra, da un'altezza di circa cinque metri, a Ruvo del Monte (Potenza): soccorso dal 118 "Basilicata soccorso" è stato trasportato in codice rosso all'ospedale San Carlo di Potenza. Sull'episodio indagini sono in corso da parte dei Carabinieri.

Archivio Ultima ora