Bob Dylan diserta la cerimonia del Nobel, ho altri impegni

Pubblicato il 17 novembre 2016 da ansa

FILE  - In this Jan. 12, 2012, file photo, Bob Dylan performs in Los Angeles. Dylan was named the winner of the 2016 Nobel Prize in literature Thursday, Oct. 13, 2016, in a stunning announcement that for the first time bestowed the prestigious award to someone primarily seen as a musician. (ANSA/AP Photo/Chris Pizzello, File)

FILE – In this Jan. 12, 2012, file photo, Bob Dylan performs in Los Angeles. Dylan was named the winner of the 2016 Nobel Prize in literature Thursday, Oct. 13, 2016, in a stunning announcement that for the first time bestowed the prestigious award to someone primarily seen as a musician. (ANSA/AP Photo/Chris Pizzello, File)

NEW YORK. – Bob Dylan lascia l’Accademia del Nobel a bocca asciutta. Dopo una serie di apparenti tira e molla, l’enigmatico cantautore ha informato l’Accademia svedese che il 10 dicembre non parteciperà alla cerimonia in frac per la consegna del premio per la letteratura.

“Vorrebbe ricevere il premio personalmente ma altri impegni purtroppo glielo rendono impossibile”, ha annunciato, attribuendo il dispiacere al musicista, il Comitato che il 13 ottobre gli ha conferito il suo massimo riconoscimento letterario per “aver creato nuove espressioni poetiche all’interno della grande tradizione della canzone americana”.

Dylan “ha sottolineato ancora una volta che si sente davvero molto onorato e vorrebbe essere con noi”, ha riferito l’Accademia osservando che è “inconsueto ma non eccezionale”, che un premiato decida di disertare la cerimonia. In passato hanno accettato il premio per la letteratura ma non si sono presentati Doris Lessing, Harold Pinter e Elfriede Jelinek mentre Jean Paul Sartre è il caso più celebre di un rifiuto del premio che però l’Accademia non ha mai riconosciuto.

E anche nel caso della Lessing e degli altri autori “il premio appartiene ancora a loro così come appartiene a Dylan”, ha precisato l’Accademia aggiungendo che l’unico requisito è che il cantante faccia la tradizionale Nobel Lecture entro sei mesi dal sei dicembre. Questo appuntamento può tenersi ovunque, non necessariamente in Svezia.

Il premio a Dylan aveva provocato polemiche tra chi lo ha giudicato immeritato: “Sarebbe stato più giusto che fosse andato a Leonard Cohen”, ha proclamato ancora oggi il poeta australiano Clive James mentre altri grandi esclusi, da Haruki Murakami e Philip Roth, hanno masticato amaro.

Lo stesso cantante che concluderà la prossima settimana a Fort Lauderdale in Florida il suo “Never Ending Tour” a zig zag per l’America, ha gettato benzina sul fuoco evitando di rispondere alle ripetute telefonate del Comitato subito dopo l’annuncio, al punto da farsi dare del “maleducato e arrogante” da un membro dell’Accademia.

Dylan aveva rotto il silenzio e accettato ufficialmente il Nobel due settimane dopo l’annuncio in una telefonata alla segretaria permanente del premio Sara Danius a metà tra il serio e la presa per i fondelli: “Sono rimasto speechlees: senza parole”.

(Di Alessandra Baldini/ANSA)

Ultima ora

11:48Ungheria: Weber, ‘Orban trovi soluzione su legge anti Soros’

(ANSA) - BRUXELLES, 29 APR - "Le proposte del governo ungherese sono inaccettabili, per noi della famiglia popolare la libertà della scienza è fondamentale. Siamo stati molto chiari oggi", sul progetto di legge sull'istruzione, che significherebbe la chiusura dell'università di George Soros, la Ceu. Lo ha detto il capogruppo del Ppe al Parlamento europeo Manfred Weber al suo arrivo al pre-vertice del Ppe. "Ora - afferma - tocca a lui trovare una soluzione, deve cambiare. La cosa buona è che parliamo tra noi. Rispetto al polacco Kaczynski, che non risponde nemmeno alle lettere dalla Commissione Ue, Orban vuole discutere dei problemi".

11:48Calcio: Conte, orgogliosi di quanto già fatto

(ANSA) - ROMA, 29 APR - Il primo obiettivo stagionale, la conquista di un posto in Champions League, è ad un passo e Antonio Conte ci tiene a ricordarlo. "Dobbiamo esserne orgogliosi - sottolinea il tecnico del Chelsea in vista del match di Premier League sul campo dell'Everton - Così com'è già un grande risultato essere arrivati a questo punto della stagione in lotta per il campionato e per la Fa Cup". Vincere domani a Goodison Park, infatti, significherebbe soprattutto compiere un altro passo verso lo scudetto: ad oggi sono 4 i punti di vantaggio sul Tottenham, con cinque partite a testa ancora da disputare. E la prudenza non è mai troppa, anche se si dice che il percorso che spetta ai Blues sia più facile di quello degli Spurs. "Alla fine del campionato - avverte Conte - qualsiasi partita è difficile per tante ragioni: le pressioni aumentano, devi vincere a tutti i costi e scendere in campo con questi presupposti non è semplice. Non solo per noi, ma anche per il Tottenham (domani impegnato in casa contro l'Arsenal, ndr)".

11:39Calcio: Inter, Zhang Jindong a Milano

(ANSA) - ROMA, 29 APR - Il proprietario dell'Inter Zhang Jindong è arrivato questa mattina presto a Milano e sarà a San Siro domani sera per assistere alla sfida contro il Napoli. Si parla insistentemente anche di un incontro con Lele Oriali, vicino al ritorno in nerazzurro a partire dalla prossima stagione con la qualifica di team manager, la stessa che ricopre in Nazionale. Zhang incontrerà tra oggi e domani anche l'allenatore Stefano Pioli e la squadra nerazzurra in vista della partita di domenica.

11:15Schengen: bilaterali Tusk con premier Slovenia e Croazia

(ANSA) - BRUXELLES, 29 APR - Il presidente del Consiglio europeo Donald Tusk ha incontrato oggi, prima dell'inizio dei lavori del vertice Ue sulla Brexit, il premier della Slovenia Miro Cerar per affrontare il problema delle code ai confini tra il suo Paese e la Croazia dovute ai controlli sistematici Ue reintrodotti da inizio aprile alle frontiere esterne dell'area Schengen. Ieri sera Tusk aveva visto, sempre per la stessa questione, il premier croato Andrej Plenkovic. La Croazia, infatti, pur essendo membro dell'Ue, non fa ancora parte dello spazio di libera circolazione dei cittadini Schengen.(ANSA).

10:55Brexit: Tusk, rimanere uniti per concludere i negoziati

(ANSA) - BRUXELLES, 29 APR - "Dobbiamo restare uniti come Ue a 27, solo così saremo in grado di concludere i negoziati, e la nostra unità è anche nell'interesse della Gran Bretagna". E' il messaggio lanciato dal presidente del Consiglio europeo Donald Tusk al suo arrivo al vertice Ue, dicendosi "fiducioso che non cambierà" il "sostegno" attuale che al momento c'è a questo approccio da parte dei 27 e delle altre istituzioni Ue. Tusk ha quindi ribadito che l'approccio è quello di chiudere prima con il passato per poi definire il futuro: "non c'è dubbio che tutti vogliamo una futura relazione stretta e forte con la Gran Bretagna, ma prima dobbiamo sistemare il nostro passato, questo è l'unico modo per procedere". Il presidente Ue ha ricordato anche che "la prima priorità per l'Ue e la Gran Bretagna" è garantire i diritti ai cittadini "da entrambe le parti".(ANSA)

10:52Francia: En Marche!, ‘Front National espella Le Pen padre’

(ANSA) - PARIGI, 29 APR - "En Marche! esige che Jean-Marie Le Pen sia sollevato dalle sue funzioni in seno al Front National" per le "frasi ignobili" pronunciate dopo l'omaggio a Xavier Jugelé, il poliziotto ucciso il 20 aprile da un terrorista a Parigi. Il movimento del candidato Emmanuel Macron si scaglia contro le frasi-shock di Le Pen senior, che ieri ha affermato che la cerimonia in memoria di Jugelé "rendeva omaggio più all'omosessuale che al poliziotto". "Se Marine Le Pen ha detto di essersi 'emozionata' per il discorso del compagno di Xavier Jugelé - continua En Marche! - non ha ancora, 24 ore dopo, condannato in modo fermo le frasi del padre, che è ancora presidente onorario del Front National e membro di diritto del comitato centrale del partito. Chiedo alla candidata del FN di condannare pubblicamente le affermazioni del padre e di mettere immediatamente fine alle funzioni ancora occupate da Jean-Marie Le Pen in seno al Front National".

10:20Scuola:a Milano d’ora in poi senza sale le mense degli asili

(ANSA) - MILANO, 29 APR - I bambini degli asili di Milano devono adeguarsi, per quanto possano trovare la pasta insipida: d'ora in poi le mense forniranno solo piatti senza sale. E' la conseguenza di una direttiva dell'Ats, che è stata pienamente accolta da Milano Ristorazione, la società partecipata del Comune che gestisce le mense in questione. In base alla direttiva è stato eliminato il "sale aggiunto" in modo tale da "abituare al gusto naturale degli alimenti e ridurre la propensione verso cibi troppo salati". Secondo i nutrizionisti, il sale fa male alla salute, e se i bambini si abituano a non assumerlo ne beneficeranno in salute. Ecco allora che dalle mense degli asili arrivano per loro paste e risotti perfettamente insipidi (anche l'acqua della bollitura non viene salata). I genitori dei bambini, accogliendo le perplessità dei figli, hanno espresso la loro contrarietà.

Archivio Ultima ora