Referendum: Comitato per il No lede i diritti degli italiani all’estero

Pubblicato il 22 novembre 2016 da ansa

referendum-est

referendum-est

ROMA. – Con l’annuncio di un ricorso del Comitato del No in caso di vittoria del Sì grazie ai voti esteri si sono “superati anche i più ampi confini del rispetto delle regole democratiche e, prima ancora, della decenza civile”. Lo affermano i deputati del Pd eletti all’estero Farina, Fedi, Garavini, La Marca, Porta, Tacconi.

I parlamentari ricordano che il voto estero “ha retto finora a tre elezioni politiche generali e ad altrettante consultazioni referendarie”. E che, rispetto alle problematicità, “le uniche proposte di legge avanzate nella precedente e in questa legislatura, volte a migliorare e a mettere in sicurezza il voto all’estero, sono le nostre.

Dagli altri, solo qualche sporadica proposta di abolire la circoscrizione Estero e, con essa, la possibilità di esercitare ‘effettivamente’ il proprio diritto, come la Costituzione richiede”. “Gli strenui difensori del ‘la Costituzione non si tocca’ e i fautori del processo preventivo alle intenzioni di voto dei cittadini italiani all’estero avanzano, dunque, un’ipotesi di sospensione della legalità costituzionale e di aprioristica delegittimazione di quella parte dell’ordinamento che riguarda una parte dei cittadini italiani. Cittadini di pieno diritto, la cui unica diversità è quella di risiedere all’estero”.

E questo “con un risvolto, non sappiamo se raggelante o comico, che la prevalenza del No nei voti all’estero sanerebbe di per sé gli immancabili brogli che a quel voto sarebbero legati”.

Si tratta solo dell’ultimo attacco di una serie che da settimane descrive gli elettori esteri come “una congrega di individui pronta a regalare il plico elettorale in cambio di un caffè, un insieme di beoti nelle mani di costruttori di brogli in servizio permanente effettivo. Una rappresentazione vergognosa e ributtante, che si è amplificata nel totale silenzio e con l’obiettiva complicità di chi, nel fronte del No, a parole si dice vicino a questo mondo”.

Per i deputati del Pd “i cittadini italiani all’estero devono prendere atto che il voto, per iniziativa altrui, non nostra, si è caricato di significati che, per quanto li riguarda, vanno anche al di là di questa pur importantissima scelta. Si tratta di affermare concretamente, con il voto, la propria autonomia e il proprio diritto di pesare e di essere rispettati come qualsiasi altro cittadino italiano”.

“La faziosità politica del fronte del No, inoltre, sta creando danni gravissimi agli interessi del Paese perché disilludere e respingere milioni di cittadini integrati nelle realtà più dinamiche del mondo significa depotenziare e rimettere in discussione il sostegno alla proiezione internazionale dell’Italia, di cui essi sono i primi testimoni e attori”, concludono.

Ultima ora

15:53Motop: Olanda, seconde libere a Vinales

(ANSA) - ROMA, 23 GIU - Maverick Vinales ha firmato il miglior tempo delle seconde libere, classe motoGp, sul circuito olandese di Assen, con il tempo di 1'33"130. Seconda un'altra Yamaha, quella di Jonas Folger, staccato di 367 millesimi. Terza la Honda di Marc Marquez (+0.652). Seguono la Ducati di Andrea Dovizioso (+0.660), la Honda di Cal Crutchlow (+0.698) e la seconda Yamaha ufficiale con Valentino Rossi (+0.700). Completano la top ten - cioè i piloti che al momento accederebbero alla Q2 di domani - Danilo Petrucci, Johann Zarco, Alvaro Bautista e Dani Pedrosa. In una sessione interrotta qualche minuto per la caduta di un pò di pioggia, sono rimasti fuori dal gruppo dei migliori sia Lorenzo (14/o tempo) che Iannone (17/o).

15:49Calcio: Messi apre alla Cina ‘andarci non è impossibile’

(ANSA) - ROMA, 23 GIU - Anche Lionel Messi non esclude una possibile esperienza in Cina. In una intervista a Espn, l'asso argentino del Barcellona apre ad un'avventura nel calcio della Grande Muraglia: "Non posso dire che andare in Cina sia impossibile - afferma l'argentino - nessuno può dire che ci sia qualcosa di impossibile nel calcio di oggi, ma non mi è mai passato per la mente. Terminare la mia carriera al Barcellona è quello che ho sempre voluto e quello che sogno. Penso solo a questo club e a vincere il maggior numero possibile di titoli la prossima stagione".

15:29Brexit:Gentiloni,da May buone intenzioni ma verificare

(ANSA) - ROMA, 23 GIU - La proposta del premier britannico Theresa May "è una dimostrazione di buone intenzioni, ma ci sono molte cose da verificare nel merito". Lo ha detto il premier Paolo Gentiloni in conferenza stampa da Bruxelles, al termine del vertice europeo.

15:27Wp, Cia accertò che Putin diresse campagna hackeraggio

(ANSA) - WASHINGTON, 23 GIU - La Cia accertò che Vladimir Putin fu coinvolto direttamente nella campagna di hackeraggio per screditare le presidenziali Usa sulla base di fonti interne al governo russo. Lo rivela il Washington Post che ricostruisce con decine di fonti anonime dell'intelligence Usa le reazioni di Obama per fermare le interferenze russe. La Cia sarebbe venuta in possesso di specifiche istruzioni di Putin per sconfiggere o almeno danneggiare la candidata dem Hillary Clinton e aiutare il suo rivale Donald Trump.

15:26Gentiloni,su migranti Italia soddisfatta da vertice Ue

(ANSA) - ROMA, 23 GIU - "Sul tema migratorio credo che l'Italia possa essere soddisfatta dalle conclusioni raggiunte, anche se sappiamo bene che i problemi con cui ci dobbiamo confrontare non si risolvono con le conclusioni di un documento del Consiglio europeo". Lo ha detto il premier Paolo Gentiloni nella conferenza stampa a Bruxelles.

15:22Calcio: Berlusconi, Donnarumma? Serve indulgenza

(ANSA) - ROMA, 23 GIU - Tradiscono di più i politici o i calciatori? "I calciatori sono professionisti, fa parte della loro professione cambiare squadra". E il portiere del Milan "Donnarumma è un bravissimo ragazzo di 18 anni che si trova davanti a scelte difficili e con somme importanti. Non bisogna giudicarlo male". Lo ha detto Silvio Berlusconi, intervistato a L'Aria che tira su La7. Invece "sono stati 500 i politici che hanno cambiato casacca in questa legislatura sovvertendo il voto degli italiani", ha sottolineato.

15:06Rugby: domani Australia-Italia

(ANSA) - ROMA, Il tour dell'Italrugby nell'Emisfero Sud volge al termine ed oggi a Brisbane gli Azzurri capitanati da Francesco Minto hanno svolto l'ultima seduta tecnica della tournée. Domani il test-match contro l'Australia, l'ultima fatica per la Nazionale del ct Conor O'Shea che si presenta alla sfida con la quarta forza del ranking internazionale dopo la sconfitte di Singapore contro la Scozia e quella all'ultimo secondo contro le isole Fiji. "Abbiamo un enorme rispetto per i Wallabies - ha detto Minto - ma domani saremo concentrati soprattutto sul nostro gioco. In queste settimane abbiamo lavorato molto sul rugby che vogliamo proporre e siamo qui per mostrare il rugby italiano e fare la nostra partita. Domani sfidiamo una delle migliori squadre al mondo, credo non ci sia nulla di più appagante per un giocatore che sfidare i più forti. E' una grande opportunità per tutti noi e quello che ho chiesto ai miei compagni è una grande prestazione. Pensiamo a noi stessi ed al nostro gioco, il risultato non conta".

Archivio Ultima ora