L’altra Italia: Gazmir Zeneli. Il sogno americano è vivo!

Pubblicato il 23 novembre 2016 da redazione

NEW YORK. – Gazmir, “Gaz” per gli amici, è un ragazzo già grande. Ha le mani robuste e qualcosa di goffo, ma negli occhi gli si legge il cuore delle persone perbene. E ancora, ha alle spalle una storia incredibile. Una delle tante storie, alle quali oramai ci stiamo tristemente abituando, fatta di gommoni, paure e speranze. E soprattutto di sogni.

E lui, all’indomani della sua Odissea, il suo “American dream” oggi lo vive e lo racconta così.

«Sono nato in Albania e nel ’91 scappavano tutti. Tra quei “tutti” anche i miei tre fratelli, più grandi e già pronti a prendersi le loro vite. Io sono rimasto indietro per forza di cose: ho dovuto aspettare e aspettare ancora. Nel ’94, finalmente, il mio momento. Sono arrivato a Bari senza neanche sapere troppo bene come. La notte, i gommoni fatiscenti, un bel po’ di paura. Con mamma e papà che non sapevano neanche della mia partenza. Merito e colpa di uno zio che i miei genitori non volevano frequentassi. Un uomo astuto, pieno di connessioni, l’artefice della mia traversata. Sono partito con lui nel bel mezzo della notte e dopo meno di un’ora mi sono ritrovato in acqua con indosso dei vestiti che non mi erano mai sembrati così pesanti. Non ho avuto nemmeno il tempo di capire quale fosse la ragione. Una vedetta della Guardia Costiera, mi hanno spiegato poi. Una mezz’ora che sembrava non voler finire, poi di nuovo sù, bagnato fradicio. La mia grande fortuna sono stati gli occhi di bambino, quelli che ti mostrano tutto come un grande gioco. Era una realtà cruda, capace però quasi di divertirmi. Ma, soprattutto, era l’inizio della mia storia».

E i tuoi genitori?

«Li ho rivisti tre anni dopo quando hanno raggiunto me ed i miei fratelli a Caserta. Mi ricordo di quell’abbraccio come fosse adesso. La famiglia è importante. E la famiglia era di nuovo riunita.
Noi lavoravamo tutti. Io, in realtà, avevo appena iniziato perché i primi tempi i miei fratelli mi consideravano troppo piccolo per coinvolgermi. E invece non vedevo l’ora di cominciare. Il lavoro, la fatica, il sudore avrebbero rappresentato per me la mia dignità e questa è una delle poche certezze su cui ho sempre fatto affidamento. Mi ritrovai al fianco di una signora, la titolare di un ristorante che faceva del cosiddetto “chilometro zero” la sua bandiera, con mio fratello che le disse “anche se non gli date soldi, fate in modo che impari un mestiere, che si innamori della cucina, delle cose buone».

Io questa signora non l’ho mai vista e Gaz lo conosco poco. Ma deve aver fatto centro perché questo ragazzo oggi è un genio della pizza.

«Nel giro di un paio d’anni sono diventato il cuoco del locale. Tutto iniziava a prendere forma anche se non avevo ancora nessuna idea di dove mi avrebbero portato gli anni a venire. Nel bel mezzo di tutto questo, è saltato fuori l’amore della mia vita: la pizza.
Una passione che avevo sempre covato, mai esplosa fino ad allora perché mai mi era stata data la possibilità di imparare. Questo fino a quando il proprietario di un hotel che aiutavo tra banchetti ed eventi privati non mi affiancò a suo figlio. È stata come una scintilla. La cucina è scivolata sullo sfondo in un attimo e mi sono ritrovato con le mani in pasta a quella che sarebbe diventata la mia strada».

Gazmir Zeneli ---------------------------------------------------

Gazmir Zeneli
———————————————–

Ma insomma, Gaz: dopo tante peripezie, in America come ci sei arrivato?

«Ho vinto la lotteria! Dopo aver iniziato a lavorare per due grandi catene campane, mi sono detto: ci provo! Ho letteralmente vinto il mio visto e mi sono catapultato negli Stati Uniti senza pensarci sù due volte, pur non avendo alcun aggancio o binario professionale. “È il Paese delle opportunità”, mi sono detto. Ed il mio coraggio è stato ancora una volta premiato. Una traversata più degna, ma non per questo meno difficile. All’inizio tante cucine di “serie B”, dove sono stato costretto per forza di cose ad imparare lo spagnolo, vera lingua del posto. Poi, dopo aver lavorato tanto sul mio inglese, ho incrociato due giganti, Rosso Pomodoro e Eataly. Ora sono qui, dove un tempo sorgevano altri giganti (le Torri Gemelle, ndr), dove lavoro e sforno centinaia di pizze al giorno. Nello stesso continente che riunisce i miei fratelli: perché nel frattempo si sono trasferiti pure loro!».

Scoppia in una risata di felicità che conosce solo chi ha dovuto combattere per essere felice.

«Mamma e papà, invece, continuano a vivere a Caserta. Vengono a trovarci ogni tanto, si fermano pure uno o due mesi, ma alla fine di restare non ne parlano mai. Gli Stati Uniti, per noi figli, sono un’immensa opportunità. Ma l’Italia è e resta la nostra famiglia. Il cuore è lì, dall’altra parte dell’Oceano».

Gaz è nu buonu uaglion’. Buono perché coraggioso, lavoratore, sorridente. E senza saperlo mi ha insegnato tanto. E la sua storia non è soltanto la sua storia. È la lotta, è il sogno di tanti. Di quelli che scappano e di quelli che semplicemente se ne vanno per inseguire qualcosa di più, di più grande.

«Il sogno americano è ancora vivo! E mo’ devo correre o mi licenziano!».

Corri, Gaz: che di strada ne farai ancora. E tanta.

Luca Marfé

Twitter: @marfeluca – Instagram: @lucamarfe

Ultima ora

01:12E.League: Montella, ora testa a rimonta Milan in campionato

(ANSA) - MILANO, 23 NOV - Conquistata la qualificazione ai sedicesimi di Europa League al primo posto del girone, Vincenzo Montella ora pensa alla rimonta che attende il Milan in Serie A. "E' stata una serata positiva, ora abbiamo più tempo per concentrarci meglio sul campionato dove dobbiamo necessariamente recuperare. La squadra vale più della classifica che ha", ha spiegato l'allenatore rossonero, convinto che la squadra "nelle ultime 4-5 partite abbia dimostrato una crescita". Dopo il 5-1 rifilato all'Austria Vienna, Montella ha sottolineato di avere apprezzato "che la squadra non si è fatta prendere dalla frenesia dopo lo svantaggio". Fra le note positive, la doppietta di André Silva, il primo nella storia rossonera a segnare otto gol in Europa League. "Sono felicissimo e spero di avere più opportunità, vedremo - ha detto il portoghese -. Pesa giocare poco in campionato? Per me è uguale. In Europa League, però, ho più opportunità, sono più concentrato e riesco a dare il meglio di me stesso, ma spero di giocare di più in Serie A".

01:09E.League: Gasperini, importante esserci anche nei 16/i

(ANSA) - LIVERPOOL, 23 NOV - "Sono molto contento per la felicità che ho visto sugli spalti, più di 3 mila a Liverpool e tanti anche a Reggio Emilia, sono contento per la famiglia Percassi: siamo dentro le coppe fino a febbraio, poi vedremo per il primo posto e il sorteggio". Gian Piero Gasperini è raggiante, dopo la cinquina all'Everton, che proietterebbe l'Atalanta al primo posto con un pari casalingo col Lione, ma intanto si gode la qualificazione negli ottavi di Europa League. "Cristante è in grande evoluzione dopo un po' di apprendistato, stavolta è partito forte e ha prospettive notevoli - spiega il tecnico nerazzurro soffermandosi sul migliore in campo -. Cornelius i ha dato tantissimo in un settore dove abbiamo bisogno di crescere. Rooney? Per me rimane un giocatore importante, tornerà sui suoi livelli abituali". Il 'Gasp' elogia i giovani: "Ne abbiamo alcuni che potranno diventare fondamentali anche per la Nazionale, ma non è che sarà per nostro merito che potrà rinascere tutto il calcio italiano".

00:32Calcio: Europa League, Milan e Atalanta a suon di cinquine

(ANSA) - ROMA, 23 NOV - Milan e Atalanta travolgono i rispettivi avversari e si qualificano per i sedicesimi di finale dell'Europa League. I rossoneri sono primi nel proprio girone (D), i bergamaschi devono aspettare l'ultima partita, in casa contro il Lione. Di 5-1 il successo della squadra di Montella in casa sull'Austria Vienna, andata in vantaggio con Monschein al 21'. Il pari è arrivato con 27' grazie a Ricardo Rodriguez, mentre Andrè Silva ha firmato il 2-1 al 36'. Il tris è arrivato al 42', grazie a Cutrone, lo stesso Silva ha calato il poker al 25' della ripresa e Cutrone ha realizzato anche nel finale. Stesso punteggio anche dell'Atalanta, 5-1, a Liverpool contro l'Everton (prima vittoria italiana a Goodison park). La squadra di Gasperini è andata avanti con una doppietta dell'ottimo Cristante (12' pt e 19' st) e, dopo il gol della bandiera di Ramirez al 26' st, è arrivato il tris di Gonens al 41'. Cornelius al 43' e al 49' st ha chiuso i conti. Da segnalare un errore dal dischetto di Gomez.

23:31Europa League: Lazio, Inzaghi “ko Nani unica nota stonata”

(ANSA) - ROMA, 23 NOV - Dopo la sconfitta nel derby, la Lazio non riesce a invertire la rotta e impatta sul Vitesse. Pareggio indolore, visto che i biancocelesti erano già qualificati da primi del girone: "Stasera con la classifica già raggiunta era più difficile, ma sono contento perché i ragazzi hanno saputo reagire. Ora ci prepariamo per giocare al meglio contro la Fiorentina", ha spiegato a caldo Simone Inzaghi, secondo il quale "l'unica nota stonata è l'infortunio di Nani". Il portoghese ha giocato circa un'ora senza incidere, poi si è arreso per un dolore alla coscia: "Sembrava tutto a posto e invece oggi si è fermato, peccato perché stava per entrare nei meccanismi. Speriamo di non perderlo per molto ma per un paio di settimane non sarà con noi".

22:58Flash mob precari ricerca, non uccideteci, assumeteci

(ANSA) - FIRENZE, 23 NOV - Uomini in abito e maschera bianca, in ginocchio a terra, simbolicamente uccisi con un colpo di pistola alla testa: questo il flash mob 'non sparate alla ricerca', portato 'in scena' nella centralissima piazza della Repubblica a Firenze dai precari di alcuni dei più importanti istituti del settore italiani, come Indire, Cnr, Iss, Ispra, Crea. Obiettivo della manifestazione, chiedere a Governo e Parlamento di avviare subito un percorso certo di stabilizzazione, "perché questa situazione anomala, che riguarda quasi 9000 persone in Italia, si concluda e possa finalmente iniziare un nuovo ciclo che indirizzi il Paese verso una visione più lungimirante per noi e per le generazioni che verranno. Non uccideteci, assumeteci", hanno spiegato oggi alcuni degli organizzatori della protesta. Solo l'Indire, racconta uno dei manifestanti, tra i suoi "400 lavoratori, tra ricercatori, collaboratori tecnici, amministrativi, ha solo il 30% degli addetti a tempo indeterminato. Gli altri collaboratori, ben 230 tra tempi determinati e cococo, nonostante anni di esperienza e idoneità in concorsi pubblici nazionali, sono rimasti fino ad oggi in una situazione di precariato che si fa sempre più instabile e fosca, mese dopo mese". (ANSA).

22:45Aggredita e palpeggiata da ragazzini tra 8 e 12 anni

(ANSA) - PALERMO, 23 NOV - A Palermo una giovane è stata aggredita da una mezza dozzina di ragazzini tra gli 8 e i 12 anni, secondo quanto lei stessa ha riferito alla polizia, mentre si trovava alla fermata del bus in via Basile, nei pressi dell'università. Accerchiata, è stata spintonata, palpeggiata e insultata; ha urlato, ma nessuno è arrivato in suo soccorso. Quando i ragazzini, forse per gli strepiti della giovane, sono fuggiti, la ragazza ha trovato riparo nell'edificio 19 nella cittadella universitaria, da dove ha chiamato gli agenti. L'aggressione è avvenuta quando stava cominciando a fare buio. La giovane, una studentessa, ha detto ai poliziotti che faceva avanti e indietro alla fermata, in attesa dell'autobus, quando i ragazzini (forse 8, secondo quanto la ragazza ha riferito agli agenti), l'hanno accerchiata e molestata. La vittima ha spiegato ai poliziotti di aver saputo di altre ragazze prese di mira dalla banda di ragazzini, sempre nella stessa zona.

22:35Calcio: Mirabelli,dubbi su Milan?Se ne scrive di ogni colore

(ANSA) - MILANO, 23 NOV - "Non è questione di dare una posizione ufficiale: dal pre-closing al closing a oggi se ne sentono e se ne scrivono di tutti i colori". Così il ds del Milan, Massimiliano Mirabelli, a proposito dei dubbi sulla proprietà cinese sollevati dalla stampa, anche internazionale, e sull'intervista del presidente della Uefa, Aleksander Ceferin, che intervistato da Repubblica a proposito del voluntary agreement chiesto dal club si è detto "preoccupato". "Come ha twittato il presidente Berlusconi - ha continuato Mirabelli, poco prima della partita di Europa League contro l'Austria Vienna -, atteniamoci ai fatti e i fatti dicono che abbiamo una proprietà che fino ad adesso ha rispettato tutte le scadenze. Bando alle chiacchiere, pensiamo alle cose concrete. Abbiamo altro a cui pensare, abbiamo un problema diverso: dobbiamo metterci sul binario e fare cose importanti a livello sportivo".

Archivio Ultima ora