L’altra Italia: Gazmir Zeneli. Il sogno americano è vivo!

Pubblicato il 23 novembre 2016 da redazione

NEW YORK. – Gazmir, “Gaz” per gli amici, è un ragazzo già grande. Ha le mani robuste e qualcosa di goffo, ma negli occhi gli si legge il cuore delle persone perbene. E ancora, ha alle spalle una storia incredibile. Una delle tante storie, alle quali oramai ci stiamo tristemente abituando, fatta di gommoni, paure e speranze. E soprattutto di sogni.

E lui, all’indomani della sua Odissea, il suo “American dream” oggi lo vive e lo racconta così.

«Sono nato in Albania e nel ’91 scappavano tutti. Tra quei “tutti” anche i miei tre fratelli, più grandi e già pronti a prendersi le loro vite. Io sono rimasto indietro per forza di cose: ho dovuto aspettare e aspettare ancora. Nel ’94, finalmente, il mio momento. Sono arrivato a Bari senza neanche sapere troppo bene come. La notte, i gommoni fatiscenti, un bel po’ di paura. Con mamma e papà che non sapevano neanche della mia partenza. Merito e colpa di uno zio che i miei genitori non volevano frequentassi. Un uomo astuto, pieno di connessioni, l’artefice della mia traversata. Sono partito con lui nel bel mezzo della notte e dopo meno di un’ora mi sono ritrovato in acqua con indosso dei vestiti che non mi erano mai sembrati così pesanti. Non ho avuto nemmeno il tempo di capire quale fosse la ragione. Una vedetta della Guardia Costiera, mi hanno spiegato poi. Una mezz’ora che sembrava non voler finire, poi di nuovo sù, bagnato fradicio. La mia grande fortuna sono stati gli occhi di bambino, quelli che ti mostrano tutto come un grande gioco. Era una realtà cruda, capace però quasi di divertirmi. Ma, soprattutto, era l’inizio della mia storia».

E i tuoi genitori?

«Li ho rivisti tre anni dopo quando hanno raggiunto me ed i miei fratelli a Caserta. Mi ricordo di quell’abbraccio come fosse adesso. La famiglia è importante. E la famiglia era di nuovo riunita.
Noi lavoravamo tutti. Io, in realtà, avevo appena iniziato perché i primi tempi i miei fratelli mi consideravano troppo piccolo per coinvolgermi. E invece non vedevo l’ora di cominciare. Il lavoro, la fatica, il sudore avrebbero rappresentato per me la mia dignità e questa è una delle poche certezze su cui ho sempre fatto affidamento. Mi ritrovai al fianco di una signora, la titolare di un ristorante che faceva del cosiddetto “chilometro zero” la sua bandiera, con mio fratello che le disse “anche se non gli date soldi, fate in modo che impari un mestiere, che si innamori della cucina, delle cose buone».

Io questa signora non l’ho mai vista e Gaz lo conosco poco. Ma deve aver fatto centro perché questo ragazzo oggi è un genio della pizza.

«Nel giro di un paio d’anni sono diventato il cuoco del locale. Tutto iniziava a prendere forma anche se non avevo ancora nessuna idea di dove mi avrebbero portato gli anni a venire. Nel bel mezzo di tutto questo, è saltato fuori l’amore della mia vita: la pizza.
Una passione che avevo sempre covato, mai esplosa fino ad allora perché mai mi era stata data la possibilità di imparare. Questo fino a quando il proprietario di un hotel che aiutavo tra banchetti ed eventi privati non mi affiancò a suo figlio. È stata come una scintilla. La cucina è scivolata sullo sfondo in un attimo e mi sono ritrovato con le mani in pasta a quella che sarebbe diventata la mia strada».

Gazmir Zeneli ---------------------------------------------------

Gazmir Zeneli
———————————————–

Ma insomma, Gaz: dopo tante peripezie, in America come ci sei arrivato?

«Ho vinto la lotteria! Dopo aver iniziato a lavorare per due grandi catene campane, mi sono detto: ci provo! Ho letteralmente vinto il mio visto e mi sono catapultato negli Stati Uniti senza pensarci sù due volte, pur non avendo alcun aggancio o binario professionale. “È il Paese delle opportunità”, mi sono detto. Ed il mio coraggio è stato ancora una volta premiato. Una traversata più degna, ma non per questo meno difficile. All’inizio tante cucine di “serie B”, dove sono stato costretto per forza di cose ad imparare lo spagnolo, vera lingua del posto. Poi, dopo aver lavorato tanto sul mio inglese, ho incrociato due giganti, Rosso Pomodoro e Eataly. Ora sono qui, dove un tempo sorgevano altri giganti (le Torri Gemelle, ndr), dove lavoro e sforno centinaia di pizze al giorno. Nello stesso continente che riunisce i miei fratelli: perché nel frattempo si sono trasferiti pure loro!».

Scoppia in una risata di felicità che conosce solo chi ha dovuto combattere per essere felice.

«Mamma e papà, invece, continuano a vivere a Caserta. Vengono a trovarci ogni tanto, si fermano pure uno o due mesi, ma alla fine di restare non ne parlano mai. Gli Stati Uniti, per noi figli, sono un’immensa opportunità. Ma l’Italia è e resta la nostra famiglia. Il cuore è lì, dall’altra parte dell’Oceano».

Gaz è nu buonu uaglion’. Buono perché coraggioso, lavoratore, sorridente. E senza saperlo mi ha insegnato tanto. E la sua storia non è soltanto la sua storia. È la lotta, è il sogno di tanti. Di quelli che scappano e di quelli che semplicemente se ne vanno per inseguire qualcosa di più, di più grande.

«Il sogno americano è ancora vivo! E mo’ devo correre o mi licenziano!».

Corri, Gaz: che di strada ne farai ancora. E tanta.

Luca Marfé

Twitter: @marfeluca – Instagram: @lucamarfe

Ultima ora

15:42Pakistan: scontri per blackout, un morto

(ANSA) - ISLAMABAD, 29 MAG - Almeno una persona è morta in Pakistan ed altre sei sono rimaste ferite oggi in incidenti fra le forze dell'ordine e centinaia di manifestanti scesi in piazza contro i ripetuti blackout elettrici nella provincia nord-occidentale di Khyber Pkhtunkhwa. Lo riferisce la tv DawnNews. Gli incidenti sono avvenuti nel distretto di Malakand, dove i dimostranti hanno appiccato il fuoco al locale commissariato di polizia. Una simile protesta è avvenuta anche nel capoluogo provinciale Peshawar dove i manifestanti hanno bloccato il traffico sul Ring Road. L'interruzione delle forniture di energia elettrica è frequente in Pakistan, ma si è intensificata negli ultimi giorni, aumentando i disagi della popolazione impegnata nel rispetto del mese sacro di Ramadan.

15:34Calcio: Sarri domani ritira Premio Bearzot

(ANSA) - ROMA, 29 MAG - Si terrà domani alle ore 15 a Roma, presso il Salone d'Onore del Coni, la celebrazione della settima edizione del Premio 'Enzo Bearzot', riconoscimento promosso dall'Unione Sportiva Acli con il patrocinio della Figc. Il premio sarà consegnato a Maurizio Sarri. A premiare l'allenatore del Napoli saranno il presidente dell'Us Acli Damiano Lembo, il numero uno della Figc Carlo Tavecchio, e il presidente del Coni Giovanni Malagò. Tanti gli ospiti illustri che prenderanno parte alla cerimonia, tra cui spicca la presenza del patron del Napoli, Aurelio De Laurentiis. Il tecnico del Napoli succede a Claudio Ranieri ed è stato scelto da una prestigiosa giuria presieduta da Tavecchio e Lembo e formata da direttori e capi redazione delle più importanti testate italiane, sportive e nazionali, alcuni dei quali saranno presenti all'evento di domani.

15:27Domani Gentiloni incontra Trudeau a Villa Madama

(ANSA) - ROMA, 29 MAG - Il presidente del Consiglio, Paolo Gentiloni, riceverà domani, martedì 30 maggio, alle ore 12 a Villa Madama, il Primo Ministro canadese Justin Trudeau. Al termine dell'incontro è prevista una conferenza stampa.

15:26Calcio: Chiellini, siamo migliori di due anni fa

(ANSA) - TORINO, 29 MAG - "Rispetto a due anni fa ci sentiamo diversi e migliori, a prescindere dalla qualità tecnica". Lo sostiene Giorgio Chiellini, grande assente contro il Barcellona due anni fa perché infortunato, paragonando la Juventus di allora a quella che sabato affronterà il Real Madrid in una nuova finale di Champions League. "Due anni fa a Berlino abbiamo avuto un primo tempo troppo di tensione, nel secondo invece ci siamo scoperti troppo. L'esperienza ci servirà", aggiunge il difensore bianconero.

15:26Amber Rudd replica a Merkel, fidati di noi

(ANSA) - LONDRA, 29 MAG - Reazione irritata a Londra alle parole di Angela Merkel, che dopo il G7 di Taormina ha invitato l'Europa continentale a tornare padrona "del suo destino" e a non "dipendere più completamente" dagli Usa e dalla Gran Bretagna, specie nel dopo Trump e del dopo Brexit. Parole a cui Amber Rudd, ministra dell'Interno del governo conservatore di Theresa May, ha replicato a stretto giro dai microfoni della Bbc sottolineando come Berlino e Bruxelles non possano pensare di prescindere sulla collaborazione degli alleati, in particolare in materia di "sicurezza". "Mentre avviamo i negoziati per lasciare l'Ue, siamo in grado di rassicurare la Germania e gli altri Paesi europei di voler restare un partner forte nella difesa e nella sicurezza, oltre che, speriamo, nel commercio", ha detto Rudd. "Possiamo assicurare la signora Merkel - ha insisto punzecchiando la cancelliera tedesca - che noi puntiamo a una relazione speciale a livello pan-europeo per far sì di restare tutti al riparo dal terrorismo" estero e interno.

15:25L.elettorale: Delrio, alleanza Cav? Serve norma bipartisan

(ANSA) - ROMA, 29 MAG - Si sentirebbe a suo agio nell'ipotesi di un'alleanza con Berlusconi? "Io mi sento a mio agio adesso se il Paese trova la via per fare una riforma elettorale che vada bene alla gran parte delle forze politiche, di maggioranza e di opposizione che insieme trovano una soluzione". Lo ha detto rispondendo ai giornalisti a Firenze, il ministro per le infrastrutture Graziano Delrio. "Tutto il resto non è all'ordine del giorno, vediamo", ha aggiunto.

15:24Calcio: Montella, appello agli sponsor

(ANSA) - SANTA MARGHERITA DI PULA (CAGLIARI), 29 MAG - Il Milan cerca un grande centravanti e Vincenzo Montella si appella anche agli sponsor. "Siamo indecisi se comprare Morata o Belotti, ma vi chiedo uno sforzo sul piano economico, compriamo entrambi, e così non puntiamo solo alla Champions ma anche allo scudetto", ha scherzato l'allenatore parlando ai manager delle aziende partner del club. E, più serio, ha aggiunto che "sono due attaccanti forti per caratteristiche complementari". "C'è la volontà di tanti giocatori di venire al Milan, la nostra squadra e la nostra società piacciono nonostante non giochiamo la Champions - ha detto Montella in una pausa del workshop ospitato al Forte Village di Santa Margherita di Pula - L'obiettivo per l'anno prossimo è tornare in Champions, sarà una sfida impegnativa. Juve, Napoli e Roma sono nettamente più avanti, l'Inter ha un parco giocatori importante, la Lazio ha chiuso con 7 punti più di noi, la Fiorentina fa sempre squadre competitive e c'è l'outsider Atalanta".

Archivio Ultima ora