Archiviato il referendum, Jp Morgan irrita il presidente Maduro

Pubblicato il 28 novembre 2016 da Mauro Bafile

jp-morgan

CARACAS – La notizia ha fatto scalpore non tanto per il suo contenuto quanto per la reazione del presidente della Repubblica, Nicolás Maduro. D’altronde, JP Morgan, società finanziaria con sede a New York, si era limitata a informare che l’azienda statale petrolifera venezuelana, “Petróleos de Venezuela”, avrebbe avviato un “periodo di grazia” di 30 giorni, per il pagamento di circa 404 milioni di dollari corrispondenti agli interessi sulle obbligazioni con scadenza 2021, 2024 e 2035. Insomma, nulla di straordinario giacché è nel suo diritto appellarvi ogni qualvolta lo ritenga opportuno. Il presidente della Repubblica, invece, ha interpretato la notizia come un’azione orientata a screditare il paese. Insomma, come una delle tante da sommarsi alla più volte citata “guerra economica” che muoverebbe il grosso capitale internazionale ai danni del piccolo paese latinoamericano.

All’estero si è convinti che quasi sicuramente il Venezuela farà onore alle scadenze dei propri bond o altri strumenti finanziari. E, infatti, fino ad oggi il governo ha rispettato religiosamente ogni appuntamento e privilegiato il debito estero a quello interno, gli impegni internazionali a quelli assunti nei confronti dei propri imprenditori. Ed è comprensibile. L’assetto economico venezuelano è assai diverso da quello argentino. Il colosso del sud non ha proprietà sequestrabili all’estero. Il Venezuela, invece, sì. Se il nostro paese dovesse entrare in default, cioè in condizioni d’insolvenza rispetto a obbligazioni o debiti, non solamente si chiuderebbe il rubinetto dei prestiti ma i debitori potrebbero esigere il sequestro di proprietà del Paese all’estero, in questo caso di Pdvsa. Addirittura, potrebbero chiedere la confisca di petroliere provenienti dal Venezuela o con petrolio venezuelano. Un disastro per l’economia del Paese che dipende dal greggio in un 95 per cento.

presidente-maduro

La reazione adirata del presidente della Repubblica, più di carattere demagogico e populista che pratico, quindi non avrebbe giustificazioni. E ancor meno l’avrebbe un’azione legale nei confronti di JP Morgan che, nel suo comunicato, si sarebbe limitato a informare del mancato pagamento delle obbligazioni di Pdvsa e a sottolineare che l’azienda statale avrebbe fatto uso di una sua prerogativa: i 30 giorni di grazia. Notizia confermata dal ministro dell’Energia, Euloquio del Pino, che ha dovuto ammettere in un comunicato che l’Holding petrolifera avrebbe tardato a saldare i propri debiti, pur attribuendo le responsabilità del rinvio al Citibank, il consorzio finanziario nordamericano incaricato dei pagamenti.

Mentre il tema economico continua a tener banco e a destare preoccupazione, quello politico è oramai “sequestrato” da due argomenti: dialogo e referendum.

Sebbene ci sia ancora chi sostiene ciecamente e, forse, ingenuamente la necessità di insistere sulla consulta popolare, è evidente che questa è ormai da archiviare. Lo è anche la pretesa di anticipare l’elezione presidenziale. Meglio avrebbe fatto il Tavolo dell’Unità, come abbiamo scritto in tempi non sospetti, a impegnarsi nelle elezioni amministrative. Probabilmente hanno temuto un’implosione o, ancor più, un’esplosione di candidati a sindaco e governatore che avrebbe liquefatto il voto dell’Opposizione a beneficio degli aspiranti pro-governativi. Il problema, comunque, è stato solo rimandato. Le organizzazioni politiche dovranno raggiungere un accordo se vorranno ottenere il successo, come accaduto nelle elezioni parlamentari, e se non vorranno alimentare il clima di frustrazione e sfiducia negli elettori. Sei mesi trascorrono veloci e non c’è tempo da perdere.

referendum-cop-2

Anche in seno al partito di governo le circostanze non sono favorevoli. Lo scontento serpeggia un po’ ovunque. Il bilancio nelle regioni e comuni amministrati dal Psuv è tutt’altro che positivo. E non pare che esistano candidati che possano vantare una vera leadership regionale o locale. In passato, il presidente Chávez fece da portaerei. Ovvero, si spese di persona per sostenere le candidature del Psuv. Il presidente Maduro non ha il suo carisma né la popolarità per farlo. A riprova, le elezioni parlamentari.

Nel frattempo, scricchiola il tavolo del dialogo. La Chiesa spera in un miracolo, a dimostrazione di quanto sia difficile conciliare posizioni diametralmente opposte, e Governo e Opposizione si accusano a vicenda di non rispettare gli accordi.

Il presidente Maduro, in reiterate occasioni, ha affermato d’aver obbligato l’Opposizione a non dare un calcio al tavolo del dialogo e, allo stesso tempo, ha reiterato logicamente che non è disposto ad andare a elezioni anticipate. Anzi, ha sottolineato che non permetterà che l’Opposizione possa tornare a Miraflores. Non si capisce bene, quindi, cosa accadrebbe nel 2018 se dovesse trionfare il Tavolo dell’Unità. Rispetterà i risultati? Consegnerà la banda presidenziale al nuovo capo di Stato?

mesa-de-la-unidad

Dal canto suo, il Tavolo dell’Unità insiste cocciutamente sul referendum e sulle elezioni anticipate e sostiene che queste sono le principali richieste espresse nel corso del dialogo con i rappresentanti del Governo. E’ evidente che, come gli esponenti delle Farc non potevano accettare di firmare un accordo di pace che li avrebbe condannati al carcere, così il governo non accetterà mai un referendum o elezioni anticipate in cui le possibilità di trionfo sono pari a 0 o quasi. E’ vero che l’estinto presidente Chávez si sottopose più di una volta al volere delle urne ma lo è anche che era sicuro del trionfo.

Lo scontento oggi è diffuso. E anche se il “chavismo” può mostrare ancora i muscoli, in seno al Psuv il malcontento cresce come la schiuma. La popolarità del presidente Maduro è messa a dura prova e oggi anche i simpatizzanti del governo hanno la sensazione che il Paese stia precipitando in un dirupo. Farebbe forse meglio il Tavolo dell’Unità a esigere subito, più che la consulta popolare o l’elezione presidenziale anticipata, una data certa per le amministrative, a prepararsi ad esse e ad archiviare, almeno per il momento, l’assalto a Miraflores. E’ pericoloso alimentare false speranze che potrebbero trasformarsi in sfiducia, scoramento e frustrazione.

Il prossimo anno, per il governo, sarà molto difficile nell’ambito economico e sociale. Ciò potrebbe permettere un trionfo travolgente dell’Opposizione nelle amministrative, nel caso si dovessero svolgere; trionfo che, potrebbe anche far precipitare gli eventi e obbligare il presidente a una decisione oggi impensabile.

Mauro Bafile

Ultima ora

18:05Calcio: ufficiale, la Fiorentina è in vendita

(ANSA) - FIRENZE, 26 GIU - La Fiorentina è in vendita. La decisione, presa direttamente da Diego e Andrea Della Valle, è stata annunciato sul sito ufficiale del club viola: "La proprietà della Acf Fiorentina comunica di essere assolutamente disponibile, vista l'insoddisfazione di parte della tifoseria, a farsi da parte e mettere la società a disposizione di chi voglia acquistarla per poterla poi gestire come ritiene più giusto fare".

18:04Tiro: double trap, quasi impossibile che torni a Giochi

(ANSA) - ROMA, 26 GIU - "Voglio essere onesto, è quasi impossibile che il Double Trap dopo il 2020 torni nel programma". Con queste parole, riferite alle Olimpiadi e dette al sito britannico 'Inside the Games' a margine dell'Assemblea straordinaria di Monaco, il presidente della federazione mondiale di tiro (Issf) Olegario Vazquez Rana smorza le speranze di quanti, fra tecnici e tiratori, auspicavano un ritorno al passato dopo i Giochi di Tokyo. "E' una disciplina costosa, il doppio delle altre - ha aggiunto il presidente della Issf - e le donne non la praticano anche per via del peso delle armi sulle loro spalle, che in questo caso è notevole. Negli ultimi 15-20 anni praticamente non ci sono state donne che si sono dedicate al double trap, e noi dobbiamo seguire le indicazioni del Cio: se non c'è' 'equity gender', non ci può essere spazio per certe prove. E tutto questo vale, parzialmente, anche per la gara di pistola da 50 metri".

18:04Appalto rifiuti pilotato: assolto ex sindaco di Sestu

(ANSA) - CAGLIARI, 26 GIU - Sentenza riformata. Nella vicenda dell'appalto milionario sui rifiuti non ci fu corruzione, almeno da parte dell'ex sindaco di Sestu Aldo Pili (Pd). Lo hanno stabilito i giudici della seconda sezione penale della Corte d'appello di Cagliari che hanno assolto l'ex primo cittadino, l'unico dei quattro ex amministratori del comune alle porte del capoluogo ad avere rinunciato alla prescrizione dopo la condanna a due anni inflitta in primo grado. E oggi, il collegio presieduto da Claudio Gatti ha assolto Aldo Pili dalla corruzione, dichiarando invece prescritto il reato per l'ex vicesindaco Sergio Cardia, l'ex assessore ai Servizi Tecnologici, Claudio Lai, e l'ex consigliere comunale Natalino Loi. Erano accusati di aver cercato di pilotare l'appalto per la raccolta e il conferimento dei rifiuti di Sestu in cambio di assunzioni a tempo di operai segnalati dagli amministratori. Durante il processo d'appello, Aldo Pili - difeso dall'avvocato Alberto Filippini - aveva preso la parola rivolgendosi ai giudici con voce visibilmente emozionata, dichiarando la sua intenzione a non avvalersi della prescrizione e chiedendo di essere giudicato nel merito perché riteneva di non aver mai commesso alcun reato. Nel primo pomeriggio, il collegio è uscito dalla camera di consiglio pronunciando la sentenza che chiude definitivamente la vicenda: l'ex sindaco assolto, mentre per tutti gli altri è stata decretata la prescrizione del reato.(ANSA).

17:58Calcio: Baccaglini ‘interregno Zamparini è normale’

(ANSA) - PALERMO, 26 GIU - "Che ci sia un interregno è normale. Il passaggio di proprietà avviene con i suoi tempi e quelli calcistici non corrispondono a quelli finanziari". Lo ha detto il presidente del Palermo, Paul Baccaglini, durante una diretta Facebook. I tifosi, che vogliono la totale uscita dell'ex presidente e attuale proprietario Maurizio Zamparini, non l'hanno presa bene e nei commenti chiedono all'italo-americano di fare chiarezza sui tempi del closing. Chiarezza che non è arrivata. La sensazione è che si andrà oltre il 30 giugno, data entro la quale il Palermo dovrà formalizzare l'iscrizione al campionato di Serie B. In queste condizioni sarà la proprietà a fare l'iscrizione, così come è stato per le scelte dell'allenatore e del direttore sportivo.

17:56Calcio: Preziosi ‘irrealizzabile azionariato popolare’

(ANSA) - GENOVA, 26 GIU - "In attesa di sviluppi la squadra devo costruirla io". A parlare ai microfoni di Telenord è il presidente del Genoa, Enrico Preziosi, che ha confermato l'intenzione per il momento di andare avanti da solo. "Il Genoa è in totale sicurezza - ha spiegato Preziosi -. E smentisco che ci sia una cordata genovese pronta a subentrare al sottoscritto. Ho solo incontrato una persona seria che ha presentato un progetto di azionariato popolare, una possibilità che non mi sembra percorribile. Serve invece presentare un conto corrente con i soldi". Preziosi ha poi parlato del mercato. "Sono impegnato a fare una squadra pronta per il ritiro - ha aggiunto -. Stiamo lavorando a fari spenti. Non vogliamo commettere gli stessi errori dello scorso anno. I giocatori costano e bisogna avere le giuste risorse per poterli prendere".

17:50Maltempo: temporali e venti forti al nord

(ANSA) - ROMA, 26 GIU - Il transito di una perturbazione di origine atlantica sul nostro Paese porterà una nuova fase di maltempo sulle regioni settentrionali, specie su Piemonte e Lombardia. Per questo il Dipartimento della Protezione Civile ha emesso un avviso di condizioni meteorologiche avverse. L'avviso prevede, dal pomeriggio di oggi, precipitazioni da sparse a diffuse, a prevalente carattere temporalesco, su Piemonte e Lombardia specie sui settori settentrionali. I fenomeni saranno accompagnati da rovesci di forte intensità, frequente attività elettrica, locali grandinate e forti raffiche di vento. Sulla base dei fenomeni previsti è stata valutata, per la giornata di domani, allerta gialla su gran parte del Piemonte e della Lombardia.

17:46Calcio: Palermo, ecco Tedino ‘per me è occasione importante’

(ANSA) - PALERMO, 26 GIU - "Sono orgoglioso di essere in una squadra storica. Per me e per il mio staff è un'occasione importante, ma è un'occasione importante anche per il Palermo: siamo molto carichi e molto motivati". Sono queste le prime parole dell'allenatore Bruno Tedino, arrivato a Palermo. "Cercheremo di creare - ha proseguito - un certo tipo di staff, un certo tipo di zoccolo duro e abbiamo bisogno di tutti: città, stampa. Tutti devono portare il proprio mattoncino per costruire questa bellissima casa". E' arrivato in città anche Fabio Lupo, il nuovo direttore sportivo. Il primo colpo di mercato è il giovane difensore Andrea Ingegneri.

Archivio Ultima ora