San Nicola risorge a Ground Zero con il progetto di Calatrava

Pubblicato il 29 novembre 2016 da ansa

San Nicola risorge a Ground Zero e per la prima volta dal tempo delle stragi un simbolo religioso riappare nel sito del World Trade Center, 29 novembre 2016. ANSA/ALESSANDRA BALDINI -------------------------------------------------------------------------------------------

San Nicola risorge a Ground Zero e per la prima volta dal tempo delle stragi un simbolo religioso riappare nel sito del World Trade Center, 29 novembre 2016.
ANSA/ALESSANDRA BALDINI
——————————————————————————————-

NEW YORK. – San Nicola risorge a Ground Zero e per la prima volta dal tempo delle stragi un simbolo religioso riappare nel sito del World Trade Center. Il patriarca Demetrios ha benedetto il “legno di Cristo” alla base della nuova chiesa disegnata dell’architetto Santiago Calatrava di fronte alla Freedom Tower. Un breve volo, aiutato da una gru, e la croce è atterrata al centro della cupola ispirata a Santa Sofia di Istanbul.

“In questa valle di vetro e cemento vediamo il trionfo dell’ingegno umano e della disposizione umana a superare ogni tragedia”, ha detto Demetrios, primate della chiesa greco-ortodossa in America: “A San Nicola diamo un messaggio in più, una apertura verso una realtà non materiale, la presenza di Dio”.

San Nicola di prima delle stragi era un edificio banale, ricavato in una vecchia osteria. La chiesa di Calatrava, l’architetto della vicina stazione e dell'”Oculus”, brillerà di notte attraverso un rivestimento di vetro e marmo pentelico estratto dalla stessa vena usata per il Partenone: un parallelo che non è sfuggito al presidente Barack Obama.

Ad Atene, nel primo viaggio all’estero dopo l’elezione di Donald Trump, il presidente aveva ricordato la parabola della chiesetta una volta in rovina, “simbolo di resilienza, che sta per rinascere”. Ci sono voluti oltre 15 anni per arrivare al “topping out”.

Rasa al suolo dal crollo di 2 World Trade Center, San Nicola riaprirà al culto nella primavera 2018, ha detto all’ANSA il direttore dell’arcidiocesi Jerry Dimitriou. Costo, 40 milioni di dollari, il doppio della stima di partenza.

La chiesa, frequentata nella sua prima esistenza dall’attore Terry Savalas (il Kojak televisivo) e prima ancora dall’armatore Aristotele Onassis, ne ha già raccolti 38 tra finanziamenti municipali, doni di parrocchiani di tutte le estrazioni sociali e anche dell’amministrazione comunale di Bari ma i lavori di ricostruzione sono partiti solo due anni fa perché leader religiosi e Port Authority non riuscivano a mettersi d’accordo sull’ubicazione e le dimensioni del nuovo edificio.

Quello che dopo le stragi sembrava uno dei progetti più semplici di ricostruzione si era rivelato infatti uno dei più complessi. Molto ha avuto a che fare con un garage-bunker sotterraneo che ha avuto la prelazione sul sito, ma anche con conflitti anche all’interno della comunità greco-ortodossa, molti scontenti dell’obiettivo di fare di San Nicola un National Shrine, santuario nazionale e luogo di meditazione per ogni fede, non la semplice parrocchia che era sempre stata prima.

Solo nel 2011 fu individuata la nuova location. 13 architetti furono invitati a presentare progetti e Calatrava vinse all’unanimità grazie al modellino ispirato a Santa Sofia che adesso sta prendendo forma in cemento e acciaio a prova di bomba.

(di Alessandra Baldini/ANSA)

Ultima ora

21:13Libia: rapiti funzionari dell’Onu, poi rilasciati

(ANSA) - ROMA, 28 GIU - Funzionari dell'Onu sono stati rapiti, e poi rilasciati, dopo che il loro convoglio è stato attaccato da uomini armati vicino a Zawiyah, a circa 50 chilometri a ovest di Tripoli. Secondo i media internazionali i rapitori farebbero parte di un gruppo locale affiliato ad Al Qaida. A bordo dei mezzi Onu viaggiavano un americano, due svedesi, due giordani, un team di sicurezza romeno e alcuni libici.

21:11Maltempo flagella Centro Nord, allerta in diverse regioni

(ANSA) - TORINO, 28 GIU - Nubifragi, trombe d'aria, esondazioni e allagamenti. E' allerta meteo sulle regioni del Centro Nord, a causa della perturbazione di origine atlantica che sta dividendo in due il Paese, uno scarto termico di venti gradi tra la Valle d'Aosta e la Sicilia. Con il sole e l'afa regine al Sud, Piemonte, Liguria, Lombardia e Veneto riaprono l'ombrello e contano i danni dei violenti acquazzoni, tra alberi sradicati e tetti scoperchiati, mentre Emilia-Romagna e Toscana fanno i conti soprattutto col forte vento e il mare mosso. Il Dipartimento della Protezione civile, d'intesa con le Regioni coinvolte, ha emesso un avviso di condizioni meteo avverse.

20:54Rifiuti: A Ercolano corteo e mascherine contro roghi tossici

(ANSA) - ERCOLANO (NAPOLI), 28 GIU - Un corteo per dire stop allo sversamento illegale dei rifiuti e ai roghi tossici si è svolto, questa sera, lungo le strade di Ercolano (Napoli). A promuoverlo i volontari dell'associazione "Salute Ambiente Vesuvio" che, a seguito degli ultimi roghi nell'area delle cave in contrada Castelluccio nel cuore del Parco Nazionale del Vesuvio, hanno chiesto interventi celeri alle istituzioni contro chi inquina e deturpa il territorio. Alla testa del corteo, partito da piazza Trieste, i giovani delle parrocchie con lo striscione 'Il Vesuvio non è una discarica', a seguire le Mamme Vulcaniche, i sacerdoti del decanato, le scuole, il mondo del volontariato e comuni cittadini che hanno indossato mascherine "perché in alcune ore non si può respirare a causa dei fumi". (ANSA).

20:51Interrotta per 100′ circolazione treni per albero caduto

(ANSA) - PERUGIA, 28 GIU - Interrotta per circa un'ora e tre quarti a causa di un albero caduto a causa del forte vento la linea ferroviaria tra Ellera e Magione, sulla tratta Firenze-Foligno. Personale di Rfi è subito intervenuto e ha rimosso il tronco permettendo ai treni di tornare a circolare. Al momento della caduta della pianta non c'erano convogli lungo il percorso. Le ferrovie hanno quindi attivato un servizio navetta su bus tra Ellera e Magione fino al momento della riapertura.

20:48Libia: fonti libiche, rilasciati i funzionari Onu rapiti

(ANSA) - TRIPOLI, 28 GIU - I funzionari dell'Onu rapiti oggi in Libia vicino a Tripoli dopo un attacco da parte di uomini armati al loro convoglio sarebbero già stati rilasciati. Lo si apprende da fonti locali secondo le quali a bordo dei mezzi Onu viaggiavano un americano, due svedesi, due giordani, un team di sicurezza romeno e alcuni libici.

20:42Libia:agenzia Mena,’attacco Al Qaida, rapiti funzionari Onu’

(ANSA) - TRIPOLI, 28 GIU - Funzionari dell'Onu sono stati rapiti dopo che il loro convoglio è stato attaccato da uomini armati vicino a Zawiyah, a circa 50 chilometri a ovest di Tripoli. Non si hanno al momento notizie sulla sorte dei sette dipendenti dell'Unsmil, la missione delle Nazioni Unite in Libia. Lo riferisce l'agenzia egiziana Mena. La stessa agenzia cita Sky News secondo la quale i rapitori farebbero parte di un gruppo locale affiliato ad Al Qaida.

19:53Attore Diele: pm dispone nuovi esami tossicologici

(ANSA) - SALERNO, 28 GIU - Domenico Diele dovrà ripetere gli esami tossicologici, questa volta con un prelievo di materiale cheratinico, come i capelli. Lo ha disposto il pm della procura della repubblica di Salerno, Elena Cosentino, che ha notificato un avviso sia all'indagato per omicidio stradale aggravato, sia ai familiari di Ilaria Dilillo, la 48enne travolta dall'attore lungo l'autostrada A2 del Mediterraneo all'altezza dell'uscita di Montecorvino Pugliano (Salerno). L'accertamento tecnico irripetibile si svolgerà venerdì prossimo. Diele, pur avendo ottenuto il beneficio degli arresti domiciliari, resta nel carcere di Salerno - Fuorni, dove si trova ormai da sabato scorso, perché non è ancora stato trovato un braccialetto elettronico, misura necessaria per il trasferimento ai domiciliari.

Archivio Ultima ora