San Nicola risorge a Ground Zero con il progetto di Calatrava

Pubblicato il 29 novembre 2016 da ansa

San Nicola risorge a Ground Zero e per la prima volta dal tempo delle stragi un simbolo religioso riappare nel sito del World Trade Center, 29 novembre 2016. ANSA/ALESSANDRA BALDINI -------------------------------------------------------------------------------------------

San Nicola risorge a Ground Zero e per la prima volta dal tempo delle stragi un simbolo religioso riappare nel sito del World Trade Center, 29 novembre 2016.
ANSA/ALESSANDRA BALDINI
——————————————————————————————-

NEW YORK. – San Nicola risorge a Ground Zero e per la prima volta dal tempo delle stragi un simbolo religioso riappare nel sito del World Trade Center. Il patriarca Demetrios ha benedetto il “legno di Cristo” alla base della nuova chiesa disegnata dell’architetto Santiago Calatrava di fronte alla Freedom Tower. Un breve volo, aiutato da una gru, e la croce è atterrata al centro della cupola ispirata a Santa Sofia di Istanbul.

“In questa valle di vetro e cemento vediamo il trionfo dell’ingegno umano e della disposizione umana a superare ogni tragedia”, ha detto Demetrios, primate della chiesa greco-ortodossa in America: “A San Nicola diamo un messaggio in più, una apertura verso una realtà non materiale, la presenza di Dio”.

San Nicola di prima delle stragi era un edificio banale, ricavato in una vecchia osteria. La chiesa di Calatrava, l’architetto della vicina stazione e dell'”Oculus”, brillerà di notte attraverso un rivestimento di vetro e marmo pentelico estratto dalla stessa vena usata per il Partenone: un parallelo che non è sfuggito al presidente Barack Obama.

Ad Atene, nel primo viaggio all’estero dopo l’elezione di Donald Trump, il presidente aveva ricordato la parabola della chiesetta una volta in rovina, “simbolo di resilienza, che sta per rinascere”. Ci sono voluti oltre 15 anni per arrivare al “topping out”.

Rasa al suolo dal crollo di 2 World Trade Center, San Nicola riaprirà al culto nella primavera 2018, ha detto all’ANSA il direttore dell’arcidiocesi Jerry Dimitriou. Costo, 40 milioni di dollari, il doppio della stima di partenza.

La chiesa, frequentata nella sua prima esistenza dall’attore Terry Savalas (il Kojak televisivo) e prima ancora dall’armatore Aristotele Onassis, ne ha già raccolti 38 tra finanziamenti municipali, doni di parrocchiani di tutte le estrazioni sociali e anche dell’amministrazione comunale di Bari ma i lavori di ricostruzione sono partiti solo due anni fa perché leader religiosi e Port Authority non riuscivano a mettersi d’accordo sull’ubicazione e le dimensioni del nuovo edificio.

Quello che dopo le stragi sembrava uno dei progetti più semplici di ricostruzione si era rivelato infatti uno dei più complessi. Molto ha avuto a che fare con un garage-bunker sotterraneo che ha avuto la prelazione sul sito, ma anche con conflitti anche all’interno della comunità greco-ortodossa, molti scontenti dell’obiettivo di fare di San Nicola un National Shrine, santuario nazionale e luogo di meditazione per ogni fede, non la semplice parrocchia che era sempre stata prima.

Solo nel 2011 fu individuata la nuova location. 13 architetti furono invitati a presentare progetti e Calatrava vinse all’unanimità grazie al modellino ispirato a Santa Sofia che adesso sta prendendo forma in cemento e acciaio a prova di bomba.

(di Alessandra Baldini/ANSA)

Ultima ora

04:58Terremoto: scossa 3.2 nel Reatino, Amatrice trema ancora

(ANSA) - ROMA, 27 MAR - Una scossa di magnitudo 3.2 è stata registrata alle 4:08 dall'Ingv nella provincia di Rieti ad una profondità di 9 km. I comuni più vicini all'epicentro sono Amatrice, Campotosto, Accumoli e Capitignano. (ANSA).

00:24Mondiali 2018: Montenegro-Polonia 1-2

(ANSA) - ROMA, 26 MAR - Vittoria esterna delle Polonia che ha battuto 2-1 Montenegro in una partita giocata a Podgorica e valida per il gruppo E delle qualificazioni al Mondiale del 2018. Ha aperto le marcature Lewandowski al 40' per la Polonia, pari di Mugosa al 62'. La rete della vittoria porta la firma di Piszczek all'81'.

00:22Mondiali 2018: Scozia-Slovenia 1-0

(ANSA) - ROMA, 26 MAR - La Scozia ha battuto 1-0 la Slovenia in una partita giocata a Glasgow e valida per il gruppo F delle qualificazioni al Mondiale del 2018. La rete è stata segnata da Martin all'88'.

00:13Mondiali 2018: Irlanda del Nord-Norvegia 2-0

(ANSA) - ROMA, 26 MAR - A Belfast l'Irlanda del Nord ha battuto 2-0 la Norvegia in una partita valida per il gruppo C delle qualificazioni ai mondiali di Russia 2018. Le reti sono state segnate da Ward al 2' e Washington al 32'.

23:28Calcio: Bari-Novara 0-0, pugliesi rallentano ancora

(ANSA) - BARI, 26 MAR - Il Bari, dopo la debacle di Trapani, rallenta ancora la sua marcia verso l'alta classifica pareggiando 0-0 con il Novara al San Nicola. Nonostante il sostegno dei 21mila sugli spalti, Floro Flores e Brienza non sono riusciti a scardinare l'ordinata difesa disposta da Boscaglia. Nella ripresa Floro Flores ha avuto due buone occasioni non concretizzate, mentre il Novara si è difeso con ordine. Nel finale c'è stato lo sterile forcing pugliese, ma l'innesto di Maniero per un attacco a due punte non ha accresciuto il potenziale balistico biancorosso e soprattutto non ha dato i risultati sperati. Il Bari sale a quota 47, mentre il Novara resta in scia con 46 punti.

22:32Ventenne pestato da branco ad Alatri, è morto a Roma

(ANSA) - ROMA, 26 MAR - E' morto stasera all'Umberto I di Roma il ventenne di Alatri pestato a sangue in piazza nella città in provincia di Frosinone. Lo si è appreso da fonti investigative. Emanuele Morganti non ce l'ha fatta dopo ore di agonia ed un intervento chirurgico. Era stato aggredito due notti fa da un gruppo di persone dopo una lite in un locale nel centro storico del comune frusinate per difendere la fidanzata. Il pm della procura di Frosinone ed i carabinieri stanno interrogando alcuni sospettati.

21:49Marine Le Pen, ‘l’Ue morirà, la gente non la vuole più’

(ANSA) - ROMA, 26 MAR - "L'Unione europea morirà perche' la gente non la vuole più". Ne è convinta Marine Le Pen, la candidata euroscettica alle presidenziali in Francia. Durante un comizio elettorale a Lille la leader del Front National ha rassicurato i suoi sostenitori che lasciare l'eurozona, come da lei proposto, "non trascinerebbe il Paese nel caos". "E' arrivato il tempo di sconfiggere i 'globalisti'. Il mio è un messaggio di libertà, emancipazione e liberazione", ha aggiunto Le Pen invitando "tutti i patrioti a riunirsi sotto la nostra bandiera".

Archivio Ultima ora