Lapo, social e tv: ma dove stiamo andando?

Pubblicato il 29 novembre 2016 da Luca Marfé

Lapo Elkann arrestato a New York

Lapo Elkann arrestato a New York

E niente, Lapo c’è cascato un’altra volta. Ma non è di lui che voglio scrivere, lungi da me l’idea di giudicarlo. Anche perché, purtroppo per lui, temo ci penserà presto qualche tribunale statunitense.

Voglio scrivere dell’impatto che certi personaggi rischiano di avere sull’evoluzione (evidente involuzione) della nostra società.

I cattivi maestri, “bad boy” li chiamano qui in America, non sono mai mancati. Ma il fascino che esercitano oggi, soprattutto su teenager e giovanissimi, è a dir poco preoccupante. Questo perché, con l’esplosione del fenomeno delle reti sociali, accompagnato parallelamente da un oggettivo impoverimento qualitativo dei principali organi di informazione, il contagio delle idee diventa pressoché inevitabile.

Provo a spiegarmi meglio e vengo a qualcosa di concreto.

Oggi l’ex-Iena Enrico Lucci, prima di andare in onda su Rai 2 con la sua trasmissione Nemo, ha pubblicato su Twitter un breve video nel quale afferma di essere “con la mente a New York” al fianco del suo amico Lapo. Un messaggio di solidarietà che, così, di cuore, potrebbe anche starci. Peccato che la tv la guardi un bel po’ di gente. E peccato che il suo amico Lapo non si sia soltanto reso protagonista dell’ennesimo episodio spiacevole, ma abbia infranto la legge (rischia fino a due anni di carcere soltanto per il simulato sequestro).

Proprio la percezione sballata della legalità, infatti, è una delle note dolenti dell’Italia di oggi. Criminali, e ripeto criminali, che assurgono al ruolo di James Bond dei poveri, grazie anche e soprattutto al maldestro (nei casi di buona fede) o addirittura mirato (acchiappare click è diventato lo sport nazionale di una buona metà dei miei colleghi) contributo dei mass media.

E così i Lapo e i Corona, assieme a molti altri che non vale nemmeno la pena citare, dall’aver infranto delle leggi dello Stato assurgono al ruolo di protagonisti incompresi, cui ci si affretta a far recapitare comprensione e solidarietà.

Senza voler entrare nel merito di gusti ed abitudini, sessuali e non, di ciascuno, sarebbe forse il caso di ripartire dalle basi, tanto chiare qui negli Stati Uniti, tanto sbiadite, ahinoi, in Italia: la legge è una cosa seria; chi sbaglia paga.

E questo senza voler andare a toccare il tasto del distacco tra episodi del genere, riportati sotto forma di improbabili melodrammi, e la realtà quotidiana di chi si fa il mazzo come una capanna per arrivare alla fine del mese.

Che i carrozzoni mediatici tornino ad occuparsi di pallone o di qualsivoglia frivolezza.

Che a Lapo ci penseranno giudici ed avvocati com’è giusto che sia.

Luca Marfé

Twitter: @marfeluca – Instagram: @lucamarfe

  • Antonio Meo

    Articolo sacrosanto. A chi dovrebbero mai interessare le vicende di questi squallidi personaggi? Se cominciassimo a parlare solo di cose più serie, forse inizieremmo a curare questa nostra sempre più malata società. E’ ora di finirla di dare a questi personaggi risalto mediatico. Dirottiamolo verso chi ha da proporre esempi positivi.

  • Luca Marfé

    Antonio, grazie molte per il suo commento. Siamo esattamente sulla stessa lunghezza d’onda.
    Un forte abbraccio da New York e continui a seguirmi!

lucamarfe
Luca Marfé

Papà di Laerte. Un sognatore contagioso, un entusiasta. (Giornalista professionista OdG). Manhattan, NY.

www.lucamarfe.com




Ultimi articoli


20 dicembre 2016

Buon Natale, nonostante tutto



09 dicembre 2016

Renzi, da rottamatore a rottamato



24 novembre 2016

25 anni senza Freddie Mercury



04 ottobre 2016

Tutti diversi, tutti uguali



25 agosto 2016

C’è differenza



29 giugno 2016

Leggere anziché scrivere



09 giugno 2016

Una donna alla Casa Bianca?