Referendum: il voto estero possibile ago della bilancia, ed è già scontro

Pubblicato il 01 dicembre 2016 da ansa

consolato-referendum-costituzionale-2016

ROMA. – Castelnuovo di Porto, cittadina a Nord di Roma, lungo la Flaminia: è qui che, domenica sera, la partita del referendum potrebbe giocarsi la battaglia decisiva. E’ qui, infatti, che verranno scrutinati quei voti degli italiani all’estero sui quali da giorni il Comitato del No promette battaglia, segnalando irregolarità e contestando una campagna per il Sì che – è questa l’accusa – ha abusato del sostegno del governo al Sì.

Accuse che, nel giorno in cui scadono i termini per votare dall’estero, la Farnesina respinge nettamente, assicurando “la professionalità e l’assoluta imparzialità” della rete diplomatica e “diffidando dal divulgare notizie false che possano essere diffamatorie” nei confronti delle feluche e degli italiani all’estero.

Di fatto, sul voto dei poco più di 4 milioni di connazionali in giro per il mondo, è già scontro. E, stando ai boatos di palazzo secondo cui in un eventuale testa a testa proprio il voto estero (con un incidenza che andrebbe dal 3 al 5%) potrebbe essere decisivo, lo scontro rischia di trovare il suo apice nella notte elettorale.

Il Comitato del No – che aveva già promesso il ricorso alla Consulta se il voto all’estero risultasse decisivo per la vittoria del Sì – invierà 200 volontari a Castelnuovo di Porto “sulla scorta di irregolarità che sono state segnalate e per la pressione del Governo sul voto all’estero”. Ed è già pronto un team legale “che in caso di irregolarità potrà intervenire tempestivamente”.

La battaglia sulla regolarità del voto estero, tra l’altro, coinvolge quasi tutti Comitati per il No, da quello di Alessandro Pace a quello di Gaetano Quagliariello e Guglielmo Vaccaro fino al Comitato presieduto da Guido Calvi. E con il M5S che annuncia l’invio a Castelnuovo “100 controllori” per un voto “a rischio brogli”.

Attacchi sui quali il fronte del Sì per ora sorvola. “Il fatto che qualcuno annuncia già che farà ricorso è segnale di debolezza”, sottolinea il ministro della Difesa Roberta Pinotti laddove Dario Franceschini taglia corto: “se qualcuno ha qualcosa da dire, faccia denuncia”.

La Farnesina – dove la settimana scorsa il ministro Paolo Gentiloni ha incontrato le delegazioni dei Comitati del Sì e del No per fare un punto sul voto estero – interviene tentando di mettere un punto alle polemiche. Quelle giunte al Ministero sono “perlopiù segnalazioni prive di fondamento generate da commenti circolati sui social media”, spiega una nota del ministero, smentendo categoricamente l’esistenza di un documento che invita la rete diplomatico-consolare alla “mobilizzazione generale per il sì”.

Gli strascichi delle polemiche per la lettera di Matteo Renzi o per la missione del ministro delle Riforme Maria Elena Boschi in Sudamerica difficilmente si dissolveranno. Con il fronte del No particolarmente preoccupato per il trend che, tradizionalmente, arriva dall’estero: quello di un voto filo-governativo e, in tal caso, filo-renziano.

“All’estero credo prevarrà il Sì”, sottolinea Angelino Alfano incassando l’ira del fronte del No: “il ministro dell’Interno dovrebbe astenersi da pronostici”, hanno risposto.

(di Michele Esposito/ANSA)

Ultima ora

15:53Motop: Olanda, seconde libere a Vinales

(ANSA) - ROMA, 23 GIU - Maverick Vinales ha firmato il miglior tempo delle seconde libere, classe motoGp, sul circuito olandese di Assen, con il tempo di 1'33"130. Seconda un'altra Yamaha, quella di Jonas Folger, staccato di 367 millesimi. Terza la Honda di Marc Marquez (+0.652). Seguono la Ducati di Andrea Dovizioso (+0.660), la Honda di Cal Crutchlow (+0.698) e la seconda Yamaha ufficiale con Valentino Rossi (+0.700). Completano la top ten - cioè i piloti che al momento accederebbero alla Q2 di domani - Danilo Petrucci, Johann Zarco, Alvaro Bautista e Dani Pedrosa. In una sessione interrotta qualche minuto per la caduta di un pò di pioggia, sono rimasti fuori dal gruppo dei migliori sia Lorenzo (14/o tempo) che Iannone (17/o).

15:49Calcio: Messi apre alla Cina ‘andarci non è impossibile’

(ANSA) - ROMA, 23 GIU - Anche Lionel Messi non esclude una possibile esperienza in Cina. In una intervista a Espn, l'asso argentino del Barcellona apre ad un'avventura nel calcio della Grande Muraglia: "Non posso dire che andare in Cina sia impossibile - afferma l'argentino - nessuno può dire che ci sia qualcosa di impossibile nel calcio di oggi, ma non mi è mai passato per la mente. Terminare la mia carriera al Barcellona è quello che ho sempre voluto e quello che sogno. Penso solo a questo club e a vincere il maggior numero possibile di titoli la prossima stagione".

15:29Brexit:Gentiloni,da May buone intenzioni ma verificare

(ANSA) - ROMA, 23 GIU - La proposta del premier britannico Theresa May "è una dimostrazione di buone intenzioni, ma ci sono molte cose da verificare nel merito". Lo ha detto il premier Paolo Gentiloni in conferenza stampa da Bruxelles, al termine del vertice europeo.

15:27Wp, Cia accertò che Putin diresse campagna hackeraggio

(ANSA) - WASHINGTON, 23 GIU - La Cia accertò che Vladimir Putin fu coinvolto direttamente nella campagna di hackeraggio per screditare le presidenziali Usa sulla base di fonti interne al governo russo. Lo rivela il Washington Post che ricostruisce con decine di fonti anonime dell'intelligence Usa le reazioni di Obama per fermare le interferenze russe. La Cia sarebbe venuta in possesso di specifiche istruzioni di Putin per sconfiggere o almeno danneggiare la candidata dem Hillary Clinton e aiutare il suo rivale Donald Trump.

15:26Gentiloni,su migranti Italia soddisfatta da vertice Ue

(ANSA) - ROMA, 23 GIU - "Sul tema migratorio credo che l'Italia possa essere soddisfatta dalle conclusioni raggiunte, anche se sappiamo bene che i problemi con cui ci dobbiamo confrontare non si risolvono con le conclusioni di un documento del Consiglio europeo". Lo ha detto il premier Paolo Gentiloni nella conferenza stampa a Bruxelles.

15:22Calcio: Berlusconi, Donnarumma? Serve indulgenza

(ANSA) - ROMA, 23 GIU - Tradiscono di più i politici o i calciatori? "I calciatori sono professionisti, fa parte della loro professione cambiare squadra". E il portiere del Milan "Donnarumma è un bravissimo ragazzo di 18 anni che si trova davanti a scelte difficili e con somme importanti. Non bisogna giudicarlo male". Lo ha detto Silvio Berlusconi, intervistato a L'Aria che tira su La7. Invece "sono stati 500 i politici che hanno cambiato casacca in questa legislatura sovvertendo il voto degli italiani", ha sottolineato.

15:06Rugby: domani Australia-Italia

(ANSA) - ROMA, Il tour dell'Italrugby nell'Emisfero Sud volge al termine ed oggi a Brisbane gli Azzurri capitanati da Francesco Minto hanno svolto l'ultima seduta tecnica della tournée. Domani il test-match contro l'Australia, l'ultima fatica per la Nazionale del ct Conor O'Shea che si presenta alla sfida con la quarta forza del ranking internazionale dopo la sconfitte di Singapore contro la Scozia e quella all'ultimo secondo contro le isole Fiji. "Abbiamo un enorme rispetto per i Wallabies - ha detto Minto - ma domani saremo concentrati soprattutto sul nostro gioco. In queste settimane abbiamo lavorato molto sul rugby che vogliamo proporre e siamo qui per mostrare il rugby italiano e fare la nostra partita. Domani sfidiamo una delle migliori squadre al mondo, credo non ci sia nulla di più appagante per un giocatore che sfidare i più forti. E' una grande opportunità per tutti noi e quello che ho chiesto ai miei compagni è una grande prestazione. Pensiamo a noi stessi ed al nostro gioco, il risultato non conta".

Archivio Ultima ora