Referendum: nella ripartizione Estero si afferma il Sì

Pubblicato il 06 dicembre 2016 da redazione

voto-estero

ROMA- Dopo lunghi mesi di campagna elettorale si è svolto il referendum confermativo sulla riforma costituzionale che era stata approvata in via definitiva dai due rami del Parlamento. Ha vinto nettamente il fronte del No. Sui 50.773.284 elettori chiamati alle urne hanno espresso il loro voto in Italia e all’estero 33.243.845 connazionali, ovvero il 65,47% degli aventi diritto. In Italia l’affluenza complessiva è stata del 68,48% , mentre nella circoscrizione Estero hanno espresso il loro voto 1.245.929 connazionali pari al 30,74 % degli elettori (4.052.341).

Nella ripartizione Europa hanno votato il 33,70% degli aventi diritto. Leggermente inferiore l’affluenza nelle ripartizioni America settentrionale e centrale (31,19%) e Africa Asia Oceania e Antartide (31,91%). Più ridotta la partecipazione nella ripartizione America Meridionale dove la quota dei votanti si attesta al 25,44 %.

A differenza di quanto è avvenuto in Italia, nella circoscrizione Estero prevale nettamente il Sì che ottiene il 64,70% dei consensi (722.672 voti) contro il 35,30% dei No (394.253 voti). Numerose in questo contesto le schede nulle 119.174 (9,56 %) a cui si aggiungono 9.297 schede bianche (0,74 %) e 533 schede contestate e non assegnate (0,04 %).

Per quanto riguarda il dato disaggregato nella ripartizione Europa i votanti sono stati 730.109 (33,70 %). Ai Sì sono andati 415.068 suffragi, pari al 62,42%, mentre il No è stato scelto da 249.876 elettori (37,58%). Vi sono state 4.048 (0,55 %) schede bianche, 60.983 (8,35 %) schede nulle e 134 (0,01 %) schede contestate e non assegnate.

In questa ripartizione in evidenza i risultati della Svizzera dove hanno votato 204.256 elettori pari al 42,32 % degli aventi diritto. Netta la vittoria del Sì con 119.462 suffragi (64,25%) contro i 66.457 voti ottenuti dal No (35,75%).

Alta anche l’affluenza nel Regno Unito con 87.593 votanti (37,60 %). Qui il Sì ha ottenuto 50.353 voti (62,70%), mentre il No si è fermato a 29.956 voti (37,30%). Più bassa l’affluenza in Germania con 169.010 votanti (29,06%). In territorio tedesco il Sì ha ottenuto 92.321 suffragi (61,02%). 58.985 connazionali hanno invece scelto il No (38,98%).

Nella ripartizione America Meridionale i votanti sono stati 328.561 (25,44 %). Anche in questa area del mondo ha vinto nettamente il Sì 207.144 (71,93%), mentre il No ha ottenuto 80.831 voti. (28,7%). Da segnalare inoltre 4.211 (1,28 %) schede bianche, 36.064 (10,97 %) schede nulle e 311 (0,09 %) schede contestate e non assegnate.

In questo ambito geografico ricordiamo i risultati dell’Argentina dove hanno votato 170.532 connazionali (25,33 %). Il Sì ha ottenuto 95.897 consensi (65,11%), mentre il No si è fermato a 51.378 voti (34,89%). Bassa l’affluenza anche in Venezuela dove hanno espresso il loro voto 20.786 italiani (21,06 %). Il Sì ha prevalso con 11.338 voti (61,72%), il No ha ottenuto 7.033 consensi (38,28%). Più alta la partecipazione in Brasile con 93.054 votanti (28,58 %). 70.327 connazionali hanno votato Sì (84,23%), mentre il No ha ottenuto 13.167 consensi (15,77%).

Nella ripartizione America settentrionale e centrale hanno votato 116.969 elettori (31,19 %). Il Sì ha ottenuto 62.816 voti (62,24%). Al No sono andati 38.113 voti (37,76%). Vi sono state 520 (0,44 %) schede bianche ; 15.444 (13,20 %) schede nulle e 76 (0,06 %) schede contestate e non assegnate. Negli Stati Uniti, dove hanno espresso il loro suffragio 62.577 connazionali (28,65 % ), ha vinto il Sì 32.145 con voti (58,87%). Il No ha invece ottenuto 22.460 voti (41,13 5). Più ampio il margine di vittoria del Sì in Canada dove, a fronte di 43.797 votanti (35,82 % ), il Sì ha ottenuto 24.868 suffragi (67,10%) contro i 12.192 voti del No (32,90%).

Infine nella ripartizione Africa Asia Oceania e Antartide i votanti sono stati 70.290 (31,91 %), con 37.644 Sì (59,68%) e 25.433 No (40,32%). 518 (0,73 %) le schede bianche, 6.683 (9,50 %) le schede nulle e 12 (0,01 %) le schede contestate e non assegnate . In questa ampia area geografica ricordiamo il risultato dell’Australia con 35.435 votanti (29,33 %), dove il Sì ha ottenuto 19.760 voti (64,35%) e il No è stato scelto da 10.949 connazionali (35,65%). Più bassa l’affluenza in Sud Africa dove sono andati a votare 5.671 italiani (20,10 %) ed il Sì ha avuto 3.258 voti (62,41%) , mentre il No ha ottenuto 1.962 consensi (37,59%).

Ultima ora

11:48Ungheria: Weber, ‘Orban trovi soluzione su legge anti Soros’

(ANSA) - BRUXELLES, 29 APR - "Le proposte del governo ungherese sono inaccettabili, per noi della famiglia popolare la libertà della scienza è fondamentale. Siamo stati molto chiari oggi", sul progetto di legge sull'istruzione, che significherebbe la chiusura dell'università di George Soros, la Ceu. Lo ha detto il capogruppo del Ppe al Parlamento europeo Manfred Weber al suo arrivo al pre-vertice del Ppe. "Ora - afferma - tocca a lui trovare una soluzione, deve cambiare. La cosa buona è che parliamo tra noi. Rispetto al polacco Kaczynski, che non risponde nemmeno alle lettere dalla Commissione Ue, Orban vuole discutere dei problemi".

11:48Calcio: Conte, orgogliosi di quanto già fatto

(ANSA) - ROMA, 29 APR - Il primo obiettivo stagionale, la conquista di un posto in Champions League, è ad un passo e Antonio Conte ci tiene a ricordarlo. "Dobbiamo esserne orgogliosi - sottolinea il tecnico del Chelsea in vista del match di Premier League sul campo dell'Everton - Così com'è già un grande risultato essere arrivati a questo punto della stagione in lotta per il campionato e per la Fa Cup". Vincere domani a Goodison Park, infatti, significherebbe soprattutto compiere un altro passo verso lo scudetto: ad oggi sono 4 i punti di vantaggio sul Tottenham, con cinque partite a testa ancora da disputare. E la prudenza non è mai troppa, anche se si dice che il percorso che spetta ai Blues sia più facile di quello degli Spurs. "Alla fine del campionato - avverte Conte - qualsiasi partita è difficile per tante ragioni: le pressioni aumentano, devi vincere a tutti i costi e scendere in campo con questi presupposti non è semplice. Non solo per noi, ma anche per il Tottenham (domani impegnato in casa contro l'Arsenal, ndr)".

11:39Calcio: Inter, Zhang Jindong a Milano

(ANSA) - ROMA, 29 APR - Il proprietario dell'Inter Zhang Jindong è arrivato questa mattina presto a Milano e sarà a San Siro domani sera per assistere alla sfida contro il Napoli. Si parla insistentemente anche di un incontro con Lele Oriali, vicino al ritorno in nerazzurro a partire dalla prossima stagione con la qualifica di team manager, la stessa che ricopre in Nazionale. Zhang incontrerà tra oggi e domani anche l'allenatore Stefano Pioli e la squadra nerazzurra in vista della partita di domenica.

11:15Schengen: bilaterali Tusk con premier Slovenia e Croazia

(ANSA) - BRUXELLES, 29 APR - Il presidente del Consiglio europeo Donald Tusk ha incontrato oggi, prima dell'inizio dei lavori del vertice Ue sulla Brexit, il premier della Slovenia Miro Cerar per affrontare il problema delle code ai confini tra il suo Paese e la Croazia dovute ai controlli sistematici Ue reintrodotti da inizio aprile alle frontiere esterne dell'area Schengen. Ieri sera Tusk aveva visto, sempre per la stessa questione, il premier croato Andrej Plenkovic. La Croazia, infatti, pur essendo membro dell'Ue, non fa ancora parte dello spazio di libera circolazione dei cittadini Schengen.(ANSA).

10:55Brexit: Tusk, rimanere uniti per concludere i negoziati

(ANSA) - BRUXELLES, 29 APR - "Dobbiamo restare uniti come Ue a 27, solo così saremo in grado di concludere i negoziati, e la nostra unità è anche nell'interesse della Gran Bretagna". E' il messaggio lanciato dal presidente del Consiglio europeo Donald Tusk al suo arrivo al vertice Ue, dicendosi "fiducioso che non cambierà" il "sostegno" attuale che al momento c'è a questo approccio da parte dei 27 e delle altre istituzioni Ue. Tusk ha quindi ribadito che l'approccio è quello di chiudere prima con il passato per poi definire il futuro: "non c'è dubbio che tutti vogliamo una futura relazione stretta e forte con la Gran Bretagna, ma prima dobbiamo sistemare il nostro passato, questo è l'unico modo per procedere". Il presidente Ue ha ricordato anche che "la prima priorità per l'Ue e la Gran Bretagna" è garantire i diritti ai cittadini "da entrambe le parti".(ANSA)

10:52Francia: En Marche!, ‘Front National espella Le Pen padre’

(ANSA) - PARIGI, 29 APR - "En Marche! esige che Jean-Marie Le Pen sia sollevato dalle sue funzioni in seno al Front National" per le "frasi ignobili" pronunciate dopo l'omaggio a Xavier Jugelé, il poliziotto ucciso il 20 aprile da un terrorista a Parigi. Il movimento del candidato Emmanuel Macron si scaglia contro le frasi-shock di Le Pen senior, che ieri ha affermato che la cerimonia in memoria di Jugelé "rendeva omaggio più all'omosessuale che al poliziotto". "Se Marine Le Pen ha detto di essersi 'emozionata' per il discorso del compagno di Xavier Jugelé - continua En Marche! - non ha ancora, 24 ore dopo, condannato in modo fermo le frasi del padre, che è ancora presidente onorario del Front National e membro di diritto del comitato centrale del partito. Chiedo alla candidata del FN di condannare pubblicamente le affermazioni del padre e di mettere immediatamente fine alle funzioni ancora occupate da Jean-Marie Le Pen in seno al Front National".

10:20Scuola:a Milano d’ora in poi senza sale le mense degli asili

(ANSA) - MILANO, 29 APR - I bambini degli asili di Milano devono adeguarsi, per quanto possano trovare la pasta insipida: d'ora in poi le mense forniranno solo piatti senza sale. E' la conseguenza di una direttiva dell'Ats, che è stata pienamente accolta da Milano Ristorazione, la società partecipata del Comune che gestisce le mense in questione. In base alla direttiva è stato eliminato il "sale aggiunto" in modo tale da "abituare al gusto naturale degli alimenti e ridurre la propensione verso cibi troppo salati". Secondo i nutrizionisti, il sale fa male alla salute, e se i bambini si abituano a non assumerlo ne beneficeranno in salute. Ecco allora che dalle mense degli asili arrivano per loro paste e risotti perfettamente insipidi (anche l'acqua della bollitura non viene salata). I genitori dei bambini, accogliendo le perplessità dei figli, hanno espresso la loro contrarietà.

Archivio Ultima ora