Al Senato la presentazione del docufilm di Luigi Maria Perotti “Il viaggio dell’altra Italia”

Pubblicato il 06 dicembre 2016 da redazione

Radio R9 intervista al regista Luigi Maria Perotti (From Youtube)

Radio R9 intervista al regista Luigi Maria Perotti (From Youtube)

ROMA – Nell’ambito della rassegna “Migrazioni: da Marcinelle a Lampedusa” organizzata dal Comitato per le questioni degli italiani all’estero del Senato, si è svolta, presso la Sala degli Atti parlamentari della Biblioteca del Senato “Giovanni Spadolini”, la proiezione del docufilm di Luigi Maria Perotti “Il viaggio dell’altra Italia”. Un percorso visivo fra i musei dedicati all’emigrazione italiana presenti nel nostro Paese e nel mondo.

Si parte dal Museo Nazionale dell’Emigrazione ospitato per diversi anni al Vittoriano di Roma e che ora è in attesa di una nuova sede, per poi passare alla sezione dedicata all’emigrazione italiana nel Museo del Mare di Genova, fino al Museo dell’Immigrazione di Ellis Island di New York e all’Hotel de los Inmigrantes. Una struttura dove alloggiarono milioni di immigrati giunti in Argentina oggi trasformata in un museo. Nel docufilm anche interviste di repertorio delle teche Rai.

Il dibattito sulla proiezione del docufilm è stato introdotto e moderato dal presidente del Comitato per le questioni degli italiani all’estero del Senato Claudio Micheloni che, dopo aver salutato il segretario generale del Ctim Roberto Menia presente all’incontro, ha ricordato l’importante contributo dato da Mirko Tremaglia al mondo ed alla memoria dell’emigrazione italiana.

“La storia delle migrazioni di oggi – ha affermato Micheloni spiegando le ragioni della rassegna da “Marcinelle a Lampedusa” – non è la nostra storia dell’emigrazione, però vi è una cosa che le accomuna, gli esseri umani. Così come siamo partiti noi per cercare di migliorare le nostre condizioni di vita o di sopravvivere, oggi sono gli stessi esseri umani che devono fuggire e si ritrovano sulle nostre frontiere, da qui il collegamento per questo nostro modesto tentativo di far riflettere sul semplice fatto che la commemorazione delle nostre vittime in emigrazione è legata ad una riflessione sulle nostre azioni e politiche di oggi per le migrazioni”.

Micheloni ha poi ricordato come il Comitato per le questioni degli italiani all’estero abbia ascoltato in audizione il ministro Franceschini sulla chiusura del Museo Nazionale dell’Emigrazione presso Vittoriano, ottenendo assicurazioni sul fatto che presso Genova, dove già esiste nel Museo del Mare una sezione dedicata alla diaspora italiana, sarebbe stato aperto un nuovo museo sull’emigrazione di grandi dimensioni.

Un progetto ancora in itinere su cui il Comitato cercherà di fare il punto con una missione a Genova all’inizio del prossimo anno a cui Micheloni ha invitato anche il direttore generale del Maeci per gli Italiani all’Estero e le Politiche Migratorie Cristina Ravaglia fra gli oratori dell’incontro. Micheloni ha anche evidenziato come i rapporti con il direttore generale siano aperti e improntati ad una reciproca chiarezza che permette di intervenire concretamente sui problemi.

Nel corso del dibattito Micheoni ha inoltre sottolineato sia il rinnovato interesse delle terze generazioni di connazionali all’estero, che orami sono integrate nella società di accoglienza, per la riscoperta delle proprie origini, sia l’esigenza che la storia dell’emigrazione italiana venga insegnata nelle nostre scuole.

“L’Italia – ha poi affermato Micheloni evidenziando la necessità di mettere in condizione Rai Italia di funzionare al meglio – non ha capito l’importanza che ha la presenza di una televisione italiana nel mondo… Il nostro paese deve capire che se riduce i rapporti con le comunità italiane nel mondo è l’Italia che ci rimette”.

Ha poi preso la parola il direttore generale del Maeci per gli Italiani all’Estero e le Politiche Migratorie Cristina Ravaglia che ha sottolineato l’importanza di far conoscere ai giovani di oggi la storia dell’emigrazione italiana. Una funzione che il Museo nazionale dell’Emigrazione, grazie alla sua posizione strategica al Vittoriano, ha assolto egregiamente ospitando moltissime scolaresche. Un elemento, quello del coinvolgimento dei giovani, su cui, secondo la Ravaglia bisogna continuare a puntare.

Per quanto poi riguarda il nuovo museo dell’emigrazione che dovrebbe sorgere a Genova, il direttore generale ha rilevato come il progetto, completamente nelle mani del ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, pur non essendo ancora in uno stato avanzatissimo, arriverà a centrare l’obiettivo prefissato, ovvero la realizzazione di un museo che si spera possa avere la stessa valenza simbolica di quello ospitato a Roma.

La Ravaglia ha poi sottolineato come, anche al fine di affrontare in maniera costruttiva, razionale e non buonista il fenomeno ormai strutturale dell’immigrazione, sia necessario guardare agli italiani all’estero e alle attuali politiche migratorie con uno sguardo di insieme.

Il direttore generale ha inoltre segnalato l’ampiezza del nostro fenomeno migratorio che direttamente o indirettamente ha toccato quasi tutte le famiglie italiane “Oggi nel mondo abbiamo più di 5 milioni di italiani di passaporto che sono sempre di più italiani di seconda e terza generazione, sono inoltre ricominciate le partenze dall’Italia, ma con uno spirito completamente diverso…

La nuova emigrazione italiana – ha spiegato la Ravaglia – è formata da persone che sono comunque state abituate a viaggiare, perché alcune iniziative, come i programmi Erasmus e i voli low cost, hanno cambiato veramente il nostro modo di essere insieme all’interconnesione permanente nella quale viviamo. Oltre a questi ‘cervelli in movimento’, gente che ha esperienza nello studiare, lavorare e vivere all’estero, vi sono però ancora tante persone che partono alla ricerca di opportunità ed è per questo che la nostra rete consolare ha attivato iniziative a supporto dalla nuova emigrazione.

Iniziative che abbiamo deliberatamente lasciato alla sensibilità e alla specificità di ciascun Paese”. In proposito il direttore generale ha segnalato le iniziative intraprese in Germania, in stretta collaborazione con le autorità tedesche e gli uffici del lavoro, a Londra, con le serate informative per i nuovi arrivati “Primo approdo” e in Australia dove la rete consolare ha informato i giovani italiani che hanno usufruito del visto vacanze lavoro sulle difficoltà e sulle difficili situazioni che avrebbero potuto trovare.

“Mi fa molto piacere – ha proseguito la Ravaglia – vedere questo rinnovato interesse attorno alla promozione e all’insegnamento della lingua italiana nel mondo e sono profondamente convinta che il primo veicolo e strumento per far conoscere l’italiano all’estero siano le nostre collettività nel mondo che sono i naturali motori della propagazione della nostra lingua…

Tra l’altro la lingua italiana – ha aggiunto il direttore generale – diviene anche per chi arriva nel nostro Paese uno strumento straordinario di integrazione. Una lingua italiana che, in un domani ideale in cui i flussi migratori potranno essere governati e condivisi, potrebbe venire insegnata nel paese d’origine per facilitare l’inserimento anche professionale di chi voglia trasferirsi in Italia a lavorare”.

“Quando sono arrivato a Rai Italia – ha ricordato nel corso del dibattito il direttore Rai Italia Piero Corsini – venivano da una situazione per cui da un anno e mezzo era stata interrotta la produzione di programmi originali ed era offerta solo una selezione del meglio dei programmi della Rai. Questo ci ha quindi consentito di partire da un terreno vergine che abbiamo dissodato e fertilizzato. La prima cosa su cui ci siamo applicati è il racconto del mondo degli italiani all’estero con occhi nuovi, sgombrando la testa dagli stereotipi e credo che questo, dopo 700 puntate del nostro programma di bandiera Community, abbia pagato, perché abbiamo fatto conoscere tantissimi aspetti degli italiani nel mondo della prima e della nuova emigrazione”.

“Facciamo una grande fatica per spiegare all’interno della Rai – ha aggiunto Corsini – l’importanza di questo servizio che noi offriamo a decine e decine di milioni di spettatori nel mondo, siamo comunque riusciti ad attivare anche l’informazione di ritorno e abbiamo nuovi progetti in cantiere”.

E’ infine intervenuto l’autore del docufilm Luigi Maria Perotti che ha spiegato come nel documentario abbia cercato di raccontare anche le sensazioni di orgoglio di essere italiani dei figli dei nostri connazionali all’estero. Secondo Perotti i musei sulla nostra emigrazione interessano anche i non italiani che vedono nella nostra storia migratoria un esempio di riscatto sociale che parte dal disagio per poi arrivare all’affermazione nella comunità di accoglienza.

Perotti ha poi sottolineato come la tolleranza e l’approccio ai flussi migratori non rappresenti né un bene né un male, ma una condizione imprescindibile dell’essere umano. “Il progetto corale di Rai Italia – ha concluso Perotti – non ha forse le risorse necessarie per avere una capacità ancora più incisiva all’estero, ma funziona perché è un laboratorio dove riusciamo a sperimentare e creare contenuti che a mio avviso hanno un valore e rimangono, grazie sopratutto ai connazionali che intervistiamo e che con le loro storie divengono partecipi di un storia più grande”.

(G.M.- Inform)

Ultima ora

20:19Calcio: Kakà, la mia carriera di giocatore finisce oggi

(ANSA) - SAN PAOLO, 17 DIC - "Questo è il punto finale: la mia carriera di giocatore finisce qui". L'annuncio è di un Kakà emozionato, e arriva dai microfoni di Rete Globo. L'ex milanista era tentato da un'offerta del San Paolo, che avrebbe voluto fargli chiudere la carriera nel club dove l'aveva cominciata, "ma la mia ultima maglia - ha detto Kakà - è stata quella dell'Orlando City". "Avevo bisogno di un po' di tempo per prendere una decisione in tranquillità - ha aggiunto -, poi ho chiesto ai miei genitori, mio fratello, la mia ragazza e mia cognata, un periodo di preghiera. Sono andato in Europa per sentire l'emozione delle partite lì dove il calcio ha raggiunto il pieno potenziale. E in maniera consapevole sono giunto alla conclusione che è arrivata l'ora di ritirarmi. Cosa farò? Mi preparerò per continuare nel calcio con un altro ruolo, ma non è detto che chi è stato un grande calciatore sia bravo anche da dirigente. Mi piacerebbe lavorare per uno dei club in cui ho giocato. Il Milan mi ha fatto una proposta, vedremo...".

20:11Nuoto: Europei 25 m, Orsi oro nei 100 misti

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - Dopo Luca Dotto, oro nei 100 sl, tocca a Marco Orsi rimpinguare il medagliere dell'Italia agli Europei in vasca corta in corso a Copenhagen. L'azzurro delle Fiamme Oro Roma lo fa nel modo migliore, vincendo, in 51"76, nei 100 misti. Batte in rimonta, nella frazione a libero, il russo Fesikov che cede allo sprint con 51"94. Con quest'oro, mai vinto dall'Italia, sale a ben 19 medaglie (8 individuali) il bottino azzurro agli Europei.

20:09Calcio: Allegri, scudetto ci crediamo ma attenti alla Roma

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - "Se spero più nel settimo scudetto o nella Champions? Credo che la Juve possa andare in fondo agli obiettivi. In Italia il campionato è più equilibrato rispetto agli anni scorsi, e cercheremo di arrivare in fondo e di dare la zampata vincente". Al termine di Bologna-Juventus, Massimiliano Allegri sottolinea che la sua squadra punta, come sempre, a vincere tutto. La Juve sembra essersi ritrovata: per Allegri "i ragazzi stanno facendo delle buone prestazioni, stiamo crescendo fisicamente e come compattezza. Abbiamo creato molto e concesso niente". "Finora i numeri del campionato sono importanti - dice ancora -, poi Napoli e Inter stanno facendo numeri altrettanto importanti e per stare in alto non potevamo fare meno di loro". Ma di chi è il merito della compattezza ritrovata? "Di chi gioca e di chi sta in panchina - risponde Allegri -. C'è grande disponibilità e i meriti sono dei ragazzi. Chi temo di più per lo scudetto? Della Roma si parla poco, ma è migliorata: ha giocatori di spessore e subisce pochissimo".

20:03Calcio: Pioli “Fiorentina meritava vittoria ai punti”

(ANSA) - FIRENZE, 17 DIC - Contro il Genoa, grazie anche alle sconfitte di Milan, Sampdoria e Torino, la Fiorentina aveva la possibilità di far un balzo in classifica e invece è arrivato un pareggio a reti bianche: "Sicuramente dispiace non essere riusciti a vincere - dice il tecnico Stefano Pioli -. Non siamo riusciti ad essere continui nella manovra nel primo tempo, nella ripresa un po' meglio, abbiamo concluso 20 volte contro un avversario chiuso. È stata una prova di maturità dei miei, siamo stati attenti, concentrati e non abbiamo rischiato, ci voleva un pizzico di fortuna anche su qualche occasione, magari sulle palle inattive. Per mole di gioco avremmo meritato la vittoria". Poi, ancora sulla gara e i risultati delle altre squadre: "Ci è mancato qualcosa dentro l'area, ci vuole anche più precisione perché su oltre 20 tiri fatti solo 4-5 sono finiti in porta. Gli avversari hanno concesso pochi spazi, dovevamo sicuramente fare qualcosa in più. Abbiamo avuto 7-8 occasioni in area, purtroppo non siamo riusciti a concretizzare".

19:54Bbc, diplomatica Gb trovata assassinata in Libano

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - Una diplomatica britannica, Rebecca Dykes, che lavorava all'ambasciata del Regno Unito a Beirut, è stata trovata assassinata. Lo riferisce la polizia, citata dalla Bbc online. Rebecca Dykes, è stata "violentata e strangolata". Il suo corpo è stato trovato ieri sul ciglio di un'autostrada.

19:38Chiesa: comunità Assisi “si ferma” e prega per la pace

(ANSA) - ASSISI (PERUGIA), 17 DIC - In una domenica di shopping pre-natalizio la comunità religiosa di Assisi si è fermata per pregare per la pace in Terra Santa, portando fiammelle di pace fino alla Tomba di San Francesco. In tanti infatti si sono ritrovati al Santuario della Spogliazione per lanciare un messaggio di speranza "per Gerusalemme e per tutti i Paesi colpiti dalle avversità e dalla guerra". È stata una preghiera "intensa, ardente e fiduciosa" come l'ha definita il vescovo monsignor Domenico Sorrentino. "Una preghiera speciale - ha aggiunto - in un periodo in cui sentiamo solo espressioni di guerra, odio e violenza. Abbiamo ascoltato eventi che ci preoccupano molto; ad essi dobbiamo dare risposte che hanno il carattere della saggezza. Abbiamo un anno speciale che riteniamo particolarmente importante, l'anno della preghiera". Di fronte alla Tomba del Poverello il vescovo ha quindi letto una preghiera da lui scritta in cui si invoca la pace. Ha poi ricordato il Papa nel giorno del suo compleanno. (ANSA).

19:28Nuoto: oro Dotto a Europei 25 m, è campione dei 100 sl

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - Luca Dotto conquista la medaglia d'oro nei 100 stile libero agli europei in vasca corta in corso a Copenaghen. Il velocista azzurro, campione europeo in vasca lunga a Londra 2016, ha dominato la gara regina chiudendo in 46"11 davanti al belga Pieter Timmers secondo in 46"54 e all'inglese Duncan Svott terzo in 46"64.

Archivio Ultima ora