Non solo Pellegrini, Italia da podio ai Mondiali di nuoto

Federica Pellegrini (ANSA/PATRICK B. KRAEMER)
Federica Pellegrini  (ANSA/PATRICK B. KRAEMER)
Federica Pellegrini
(ANSA/PATRICK B. KRAEMER)

ROMA. – Successi, piazzamenti e medaglie, soddisfazioni e naturalmente risultati. I Mondiali di nuoto in vasca corta, in corso a Windsor (Canada), continuano a premiare gli atleti azzurri. Nell’attesa della finale nei 100 stile libero che vedrà al via Federica Pellegrini (appuntamento nella notte italiana), i nuotatori italiani hanno intascato altre due medaglie: un argento nella staffetta 4ž50 mista femminile e il bronzo nei 100 rana con Fabio Scozzoli.

Due risultati che hanno portato l’Italia al quinto posto nel medagliere, preceduta solo da Stati Uniti, Ungheria, Russia e Corea del Sud.

La staffetta formata da Silvia Scalia (che ha chiuso la propria frazione in 26″96), Martina Carraro (30″12), Silvia Di Pietro (24″88) ed Erika Ferraioli (23″42), oltre all’argento, hanno ottenuto il record italiano, chiudendo la prova in 1’45″38. La gara è stata vinta dagli States, che hanno fatto registrare il nuovo primato mondiale in 1’43″27M terza la Danimarca (1’45″98).

Fabio Scozzoli, per ottenere il bronzo iridato, ha dovuto nuotare in 57″04. Questo alloro giunge quattro anni dopo la conquista dell’oro mondiale, sempre in vasca corta, nella piscina di Istanbul. La medaglia odierna ha grande valore, soprattutto se messa in relazione alle prospettive dell’atleta romagnolo.

Scozzoli ai 50 metri è passato in terza posizione e ha resistito negli ultimi 25 metri al rientro del brasiliano Felipe Franca Silva, giunto al quarto posto per un solo centesimo. La vittoria è andata al favorito della vigilia, il tedesco Marco Koch, primatista del mondo della doppia distanza, che ha preceduto Vladimir Morozov (57″00).

Federica Pellegrini ha superato la semifinali dei 100 stile libero con un 52″77 che fa ben sperare: è il sesto tempo di qualificazione. La veneta dovrà sfidare Penny Oleksiak, beniamina di casa, e l’australiana Brittany Elmslie, che la ottenuto la miglior prestazione delle semifinali; non ce l’ha fatta a qualificarsi, invece, Erika Ferraioli che, con 53″60, si è classificata 13/a.