Senatore Claudio Micheloni: “Grazie a tutti gli elettori, indipendentemente dalla preferenza espressa

Claudio Micheloni (Foto, ©veroniquebotteron.com)
Claudio Micheloni (Foto, ©veroniquebotteron.com)

ROMA – Il presidente del Comitato per le Questioni degli Italiani all’estero del Senato, Claudio Micheloni, ringrazia tutti gli elettori italiani residenti all’estero che hanno preso parte al referendum costituzionale, “indipendentemente dalla preferenza espressa nelle urne”, e la rete diplomatico-consolare per “il considerevole lavoro svolto al servizio dei cittadini”.

“Un milione e 246.342 elettori, pari al 30.75% degli aventi diritto, rappresentano un risultato importante e significativo in termini di partecipazione democratica, un risultato non scontato – scrive Micheloni – dopo il deludente tasso di partecipazione registrato in occasione delle elezioni dei Comites. Nel collegio Europa l’affluenza raggiunge il 33.7%, con 730.109 votanti”.

“Considerando lo schieramento di forze in campo, ritengo il risultato del No più che soddisfacente: il 35.3% nell’insieme della circoscrizione estero, il 37.58% in Europa, con 249.976 elettori, il 37.77% in America del Nord, il 40.32% in Oceania e Africa, il 28.7% in America meridionale. Tale risultato – prosegue il senatore – è da attribuire all’impegno di migliaia di cittadini e alla passione e all’intelligenza dei militanti delle organizzazioni storiche dell’emigrazione, quali ad esempio la FILEF e le Colonie Libere Italiane in Svizzera, i quali si sono battuti senza risparmio in una campagna a costo zero il cui primo obiettivo era la partecipazione consapevole del maggior numero possibile di elettori”.

Dopo aver ricondotto la prevalenza del Sì tra gli elettori all’estero al diverso ruolo giocato fuori dai confini nazionali dall’impegno del Governo quale promotore del referendum, Micheloni torna poi sulle “diverse voci che si sono levate nelle ultime settimane contro il voto degli italiani all’estero, pregiudizialmente bollato come voto di scambio” e che egli giudica “assolutamente inaccettabili” e atte a far apparire, nel loro aspetto più grave, “una volontà di lesione dei diritti di cittadinanza degli italiani all’estero sanciti dalla Costituzione”.

“Quando i politici, tutti, impareranno a rispettare la volontà popolare, anche e soprattutto quando manifesta orientamenti diversi dai loro desideri, l’antipolitica avrà minori opportunità di strumentalizzare il disagio sociale e il deficit di rappresentanza vissuti da milioni di cittadini.

Quanto ai problemi che riguardano le modalità di voto degli italiani all’estero – segnala Micheloni, – credo che il Parlamento debba intervenire, quando sarà discussa la nuova legge elettorale, per assicurare oltre ogni ragionevole dubbio la segretezza e la libertà del voto, anche attingendo alle diverse proposte già depositate in questa legislatura e in quelle precedenti”.

“Non è questo il momento dei bilanci, ma desidero esprimere un ringraziamento nei confronti del Governo Renzi, e in particolare del ministro Paolo Gentiloni e del sottosegretario Vincenzo Amendola, per l’impegno profuso che, Costituzione a parte, mi ha visto convinto sostenitore di un orizzonte riformista che semmai avrei voluto più forte, non più debole.

Nella fase politica non semplice che si è aperta nelle ultime ore – conclude il senatore, – possiamo e dobbiamo tutti confidare nella solidità della democrazia italiana e nell’autorevole guida del Presidente Sergio Mattarella”.

Condividi: