La belleza como emprendimiento venezolano

Pubblicato il 12 dicembre 2016 da redazione

CARACAS. – El programa “Belleza Por Un Futuro – Emprendedoras de la Belleza”, que resulta de la alianza entre L’Oréal Venezuela y la A. C. Trabajo y Persona, ofrece formación gratuita a mujeres de sectores más vulnerables en peluquería y relacionados al sector de la belleza con el propósito de mejorar su calidad de vida.

El programa Emprendedoras de la Belleza, que por primera vez acoge a una persona sorda, forma a las participantes en emprendimiento, desarrollo humano, capacitación técnica y en el oficio de belleza integral (peluquería, maquillaje, etc); con relación al último, este 23 de noviembre se realizó una video conferencia con estilistas internacionales reconocidos como Arnaldo Francisconi, último campeón europeo en cortes de tendencia, junto a un grupo de estilistas italianas de la ciudad de Cesena, Italia.

Durante una mañana, las emprendedoras conocieron el testimonio de Francisconi y de las estilistas, también tuvieron la oportunidad de compartir sus historias de vida y expectativas en torno al oficio de la belleza. “Me conmueve que amen su trabajo y sigan profesionalizándose en un país con tantas dificultades como Venezuela, son un ejemplo para nosotros”, compartió Francisconi.

El encuentro que permitió la formación de las Emprendedoras de la Belleza se realizó en la Mega Sala Digital Movistar gracias a la alianza con Fundación Telefónica; la colaboración de la embajada de Italia en Venezuela, quien apoyó con la traducción simultánea; de la misma manera que la Confederación de Sordos de Venezuela, con sus intérpretes de la lengua de señas.

Desde Italia el evento lo organizó la ONG Orizzonti con el apoyo del Confartigianato (confederación de artesanos) de la ciudad de Cesena dentro de su programa social La bellezza fa beneficenza.

Sobre L’Oréal Venezuela

L’Oréal se ha dedicado a la belleza durante 106 años y en Venezuela desde hace 56.

Como compañía líder en belleza L’Oréal está presente en Venezuela a través de diversos puntos de distribución mediante las marcas Maybelline, L’Oréal Paris, Vichy, La Roche-Posay, Lancôme, Giorgio Armani, Biotherm, Ralph Lauren, Diesel, Viktor and Rolf, Cacharel, Kérastase y L’Oréal Professionnel.

“Compartiendo la Belleza con Todos” es el nuevo compromiso de sostenibilidad del grupo proyectado para el año 2020 y a través de objetivos ambiciosos establece la ruta para lograr la meta de atraer a un billón de nuevos consumidores bajo criterios de sostenibilidad que involucran a toda la cadena de valor.

Sobre Trabajo y Persona

Trabajo y Persona es una Asociación Civil Sin Fines de Lucro que nació en el 2009 con la misión de recuperar el valor del trabajo en la sociedad venezolana y así la dignidad de la persona a través de la educación para el trabajo.

Sobre Belleza Por Un Futuro – Emprendedoras de la Belleza

Belleza Por Un Futuro es la adaptación regional del programa de educación internacional Beauty For A Better Life, liderado por la Fundación L’Oréal. Presente en más de 20 países en el mundo el programa ha beneficiado a más de 1000 personas social o económicamente vulnerables.

Junto con “Emprendedoras de la Belleza” de Trabajo y Persona, representa la adaptación en Venezuela de la iniciativa que ya para el año 2016 suma 5 cohortes con casi 90 egresadas.

El programa tiene como objetivo ayudar a mujeres en situación de vulnerabilidad económica y social a través de la formación en oficios de la belleza y emprendimiento que permitan fortalecer la autoestima y asegurar la inclusión plena en los ámbitos económicos y sociales.

Belleza Por Un Futuro se enmarca en los compromisos que el Grupo L’Oréal ha asumido en materia de desarrollo sostenible expresados en “Compartiendo la Belleza con Todos” y contribuye al objetivo de permitir, de aquí al 2020, el acceso a un empleo a más de 100.000 personas de entornos desfavorecidos.

Ultima ora

16:05Bankitalia: Renzi, evidente mancanza vigilanza efficace

(ANSA) - RECANATI, 18 OTT - "Se qualcuno vuol raccontare che in questi anni nel settore banche non è successo niente, non siamo noi, perché è successo di tutto. È mancata evidentemente una vigilanza efficace. C’è bisogno di scrivere una pagina nuova". Lo dice Matteo Renzi, segretario Pd, tornando su Bankitalia. “Se qualcuno spiega la mancanza di vigilanza di questi anni risponde agli italiani, non al Pd".

15:49Bankitalia: Renzi, rispetteremo scelta ma pagina nuova

(ANSA) - RECANATI (ANCONA), 18 OTT - "La nostra mozione di ieri spiega con forza che c'è bisogno di scrivere una pagina nuova. Chiunque sarà il governatore e le scelte che farà il Governo e le autorità preposte, avranno il pieno rispetto istituzionale da parte del Pd ma ieri la mozione l'ha votata il Pd sulla base delle indicazioni del Governo". Lo ribadisce Matteo Renzi, segretario del Pd, a margine di un incontro a Recanati.

15:48Calcio: Napoli, contrattura per Insigne

(ANSA) - ROMA, 18 OTT - Lorenzo Insigne ha riportato ieri sera nel match contro il Manchester City una contrattura da affaticamento all'adduttore destro. Lo afferma in una nota il Napoli, precisando che le condizioni dell'attaccante verranno valutate "giorno per giorno". Oggi Insigne non si è allenato con i compagni a Manchester, in un campo vicino all'Etihad Stadium messo a disposizione dal City, ma ha svolto terapie. Difficile che Insigne possa essere impiegato sabato sera contro l'Inter. il tecnico Sarri sta valutando le diverse opzioni, tra cui l'impiego di Ounas.

15:47Università italiane riunite a Torino in nome Francofonia

(ANSA) - TORINO, 18 OTT - L' Università di Torino da due giorni è capitale italiana della Francofonia riunendo rettori e rappresentanti d' ateneo, tra cui quelli di Napoli, Genova, Firenze, Udine, Milano, Marche, Valle d'Aosta, assieme al rettore dell'Agenzia Universitaria della Francofonia, Jean Paul De Gaudemar e al poeta e diplomatico Salah Stétié. La realtà Francofona conta nel mondo 274 milioni di persone e coinvolge 84 Stati. La rete Auf, che federa 845 atenei di 111 nazioni, è la più importante al mondo con un budget per il 2017 di 39,46 milioni di euro. L' aver avuto dal Miur la gestione delle attività dell' Università Italo-Francese, la posizione geografica, la sua tradizione e la sua storia, candida l'Università di Torino - ha detto il rettore Gianmaria Ajani - a ospitare un ufficio permanente dell'Auf. Una possibilità che ha visto il favore di De Gaudemar. Torino conta, infatti, 251 accordi bilaterali di mobilità con università francesi e 135 accordi di cooperazione internazionale, di cui 68 stipulati con la Francia. Nell'anno accademico 2016-2017 dei 3993 studenti stranieri, 688 erano francofoni. Il mondo sconfinato della Francofonia - hanno sottolineato Stétié e De Gaudemar - che va dal Canada al Madagascar, passando per l'Africa e il bacino Mediterraneo, non è caratterizzato soltanto dalla lingua. Le docenti Marie-Berthe Vittoz e Cristina Giacoma dell'ateneo torinese che hanno promosso l'evento, hanno sottolineato come nel mondo si sia passati in 5 anni da 100 milioni studenti a 200 milioni e che parlare di Francofonia non significhi soltanto imparare il francese, ma, in un ottica interdisciplinare, coinvolgere i diversi rami dei sapere. Il francese è materia di studio in diversi Dipartimenti, da quello di Giurisprudenza a quelli di Filosofia e Scienze economico-sociali. (ANSA).

15:45Sieropositivo contagiò donne: procura chiede l’ergastolo

(ANSA) - ROMA, 18 OTT - La procura di Roma ha chiesto la condanna all'ergastolo, con isolamento diurno per due anni, di Valentino Talluto, il sieropositivo accusato di aver contagiato con rapporti sessuali non protetti una trentina di donne. L'uomo è accusato di epidemia dolosa e di lesioni gravissime. Secondo il pm Elena Neri, all'imputato "non possono essere concesse le attenuanti generiche non avendo mai dimostrato pentimento". "Talluto - ha detto il rappresentante dell'accusa durante la requisitoria - non ha mai collaborato, ha reso false dichiarazioni: il suo era un modo per seminare morte". Sono 57 i casi contestati tra contagi diretti (oltre 30), indiretti (un bimbo e tre partner di donne in precedenza infettate), nonché episodi di donne scampate alla trasmissione del virus. Il processo si tiene in corte di assise e la sentenza è prevista per il 25 ottobre prossimo.

15:31Battisti: appello dell’ex moglie a presidente Corte Suprema

(ANSA) - SAN PAOLO, 18 OTT - L'ex moglie di Cesare Battisti, Priscila Pereira, ha inviato una lettera alla presidente del Supremo Tribunale Federale (Stf) brasiliano, Carmen Lucia, chiedendole che all'ex membro dei Pac sia concesso di rimanere in Brasile per occuparsi del figlio. Lo ha reso noto la giornalista Monica Bergamo nella sua colonna sul quotidiano Folha de Sao Paulo, citando vari brani della missiva, nella quale l'ex moglie sottolinea che Battisti ha "il diritto di continuare ad esercitare la sua paternità in modo totale". "Ho vissuto queste ultime giornate al limite dell'angoscia", scrive Pereira, spiegando che non dispone dei mezzi necessari per sostentarsi ed occuparsi del figlio che ha avuto con Battisti. Il prossimo 24 ottobre la Corte deve riunirsi per emettere un parere sulla richiesta di 'habeas corpus' presentata dagli avvocati dell'ex terrorista. Il governo di Michel Temer ha fatto sapere che non prenderà nessuna iniziativa su un'eventuale estradizione di Battisti finché l'alta corte non avrà preso una decisione

15:28Lavoro: rider fanno causa a Foodora, è la prima in Italia

(ANSA) - TORINO, 18 OTT - È iniziata a Torino la causa, la prima in Italia, intentata da sei rider contro Foodora. I fattorini, seguiti dagli avvocati Sergio Bonetto e Giulia Druetta, chiedono di essere reintegrati nel posto di lavoro. Dopo la mobilitazione dello scorso anno, l'azienda non ha più fatto lavorare i sei giovani, nonostante avessero dato la disponibilità. A quanto si apprende dagli avvocati, il tentativo di conciliazione è fallito e l'impresa ha escluso ogni possibilità di reintegro. Si tratta della prima azione legale in Italia nei confronti di Foodora. Dopo gli scioperi dello scorso anno contro le condizioni di lavoro di Foodora, i sei rider non vennero più chiamati. "Un licenziamento orale", che secondo i ricorrenti è illegittimo.(ANSA).

Archivio Ultima ora