Fed alza i tassi. Yellen, nessun consiglio a Trump

Pubblicato il 14 dicembre 2016 da ansa

(Foto EPA/SHAWN THEW)

NEW YORK. – La Fed alza i tassi di interesse, nel primo aumento del 2016 e il secondo in dieci anni. Un incremento di un quarto di punti che fa salire il costo del denaro in una forchetta fra lo 0,50% e lo 0,75%. E lascia intravedere la possibilità che procederà più velocemente del previsto nel ritoccare i tassi: gli aumenti previsti per il 2017 sono infatti tre, più dei due stimati in settembre, quando ancora l’America doveva andare al voto.

“L’aumento è un voto di fiducia nell’economia americana”, afferma Janet Yellen, assicurando comunque che la politica monetaria resta accomodante, a sostegno della crescita e di un ulteriore rafforzamento del mercato del lavoro. L’annuncio della Fed arriva a mercati chiusi in Europa: le piazze finanziarie del Vecchio Continente chiudono tutte in rosso, mostrando cautela in attesa della decisione.

Wall Street apre negativa, bruciando però le perdite quando mancavano pochi minuti alla diffusione del comunicato della banca centrale. La prima reazione dei listini americani è stata positiva, con un balzo in avanti e il Dow Jones a un nuovo record storico. Poi gli indici hanno ripiegato, metabolizzando l’idea che la Fed possa procedere più velocemente nel ritoccare il costo del denaro.

Yellen invita alla cautela: la revisione al rialzo, a tre da due, del numero delle strette è “minima”. Ma ammette: la politica di bilancio può avere un impatto e alterare l’outlook economico, costringendo di fatto a rivedere la sua politica. “Non cerco di dare consigli alla nuova amministrazione” Trump, ma “dico che il rapporto debito-pil va tenuto in considerazione” nel definire le politiche di bilancio.

Il riferimento, non troppo indiretto, è il maxi piano di investimenti e il taglio delle tasse preannunciati dal presidente eletto, Donald Trump. “C’è una considerevole incertezza sul futuro della politica economica, dobbiamo attendere e vedere cosa accadrà”, afferma Yellen, incalzata, nel corso della conferenza stampa, da domande sul possibile impatto delle politiche di Trump sull’economia.

Gli analisti ritengono che le misure del presidente eletto stimoleranno la crescita e faranno salire l’inflazione, costringendo la Fed ad agire con aumenti dei tassi per evitare un surriscaldamento dell’economia. Yellen, aspramente criticata da Trump nel corso della campagna elettorale, precisa di non aver avuto alcun contatto con il presidente eletto, anche se lo staff della Fed ne ha avuti con il suo transition team.

”Intendo restare per tutto il mio mandato. Non ho ancora preso alcuna decisione per il dopo”, risponde Yellen a chi gli le chiedeva se confermasse la sua intenzione di restare alla guida delle Fed dopo l’elezione di Trump. Yellen sfida il presidente eletto anche sulla riforma di Wall Street, ribadendo gli effetti positivi avuti sul sistema bancario: lo stesso Trum, infatti, aveva paventato l’ipotesi di rivederla, indebolendola verso una direzione meno stringente.

(Di Serena Di Ronza/ANSA)

Ultima ora

05:55‘Spari a Nimes’, poi la prefettura smentisce

(ANSA) - ROMA, 20 AGO - Momenti di paura a Nimes, nel sud della Francia, dopo le notizie diffuse in serata e poi smentite di una "sparatoria alla stazione". A lanciare l'allarme intorno alle 21 sono stati alcuni media spagnoli e successivamente quelli britannici che avevano parlato di "una sparatoria, di un uomo arrestato e di due in fuga". Notizie che avevano fatto pensare ad un nuovo attentato e ad un possibile collegamento con quello di Barcellona, vista la vicinanza di Nimes con la frontiera spagnola. La stazione ferroviaria della città è stata immediatamente evacuata e transennata dalle forze dell'ordine, mentre sui social network si diffondevano un tam-tam di notizie, tra "jihadisti in fuga", e "paura" e "sparatorie", e "uomini armati asserragliati sul vagone di un treno". Poco dopo però la prefettura della regione della Gard ha smentito la notizia della sparatoria, confermando però che la stazione era stata chiusa perché "era in corso un'operazione di verifica dopo una segnalazione sospetta".

22:37Avaria: 500mila galline abbattute, focolai influenza estinti

(ANSA) - MILANO, 19 AGO - Sono terminate ieri tutte le operazioni di abbattimento, pulizia e disinfezione sia nei focolai di influenza aviaria sia negli allevamenti sottoposti ad abbattimento preventivo. Lo comunica l'Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Venezie, spiegando che "tutti i focolai di influenza aviaria risultano quindi estinti". L'abbattimento più cospicuo si è registrato in un allevamento di galline ovaiole di Castiglione delle Stiviere, nel mantovano, dove sono state eliminate 460mila galline ovaiole contagiate. La Lombardia la scorsa settimana ha comunicato all'istituto zooprofilattico la conclusione delle operazioni di abbattimento degli ultimi focolai e l'abbattimento preventivo di un allevamento di tacchini considerato a rischio elevato. La mappa dei focolai comprende Veneto, Lombardia ed Emilia Romagna, ma alcuni casi sono stati segnalati anche in Piemonte e Friuli Venezia Giulia. A essere colpiti dal virus, da gennaio a oggi, sono state soprattutto galline ovaiole, tacchini e oche da carne.

22:00Calcio: Verona-Napoli, ancora Var conferma gol partenopei

(ANSA) - ROMA, 19 AGO - Napoli in vantaggio a Verona e gol confermato dalla Var, chiamata in causa dall'arbitro Fabbri. La formazione di Sarri è andata in vantaggio dopo 32' grazie a un'autorete di Souprayen. Il direttore di gara, prima di convalidare la rete, ha chiesto l'intervento della Var che ha confermato la regolarità del gol degli ospiti.

21:49Squalo volpe di 200 chili pescato nel crotonese

(ANSA) - STRONGOLI (CROTONE), 19 AGO - Un esemplare di squalo volpe di 200 kg, lungo oltre 3,5 metri, è stato pescato a Strongoli marina, nel crotonese, con una canna da pesca da altura. Lo squalo ha abboccato ad una profondità di 60 metri. La sorprendente cattura è stata fatta da Giuseppe Fiorita, giovane appassionato di pesca sportiva che era uscito in mare per una battuta di pesca in cerca di ricciole. Lo squalo volpe, con i suoi 6 metri di lunghezza, rappresenta la specie più grande fra le tre ascritte al genere Alopias. È molto diffuso nei mari tropicali. (ANSA).

21:00Venezia: ancora degrado, fa pipì contro muro hotel Danieli

(ANSA) - VENEZIA, 19 AGO - E' l'estate del degrado e della maleducazione che debordano questa a Venezia dove, dopo i turisti che fanno tuffi e bagni nel canali come in piscina, si è visto pure un uomo urinare in pieno giorno contro un muro dell'hotel 'Danieli', 5 stelle tra i più esclusivi al mondo, uno dei simboli della città. L'uomo, piegato verso la parete in atteggiamento inequivocabile, è stato ripreso con lo smartphone da un veneziano, che poi, dal proprio profilo Facebook, ha messo on line il filmato del nuovo sfregio alla città lagunare. Il tutto in Riva degli Schiavoni, davanti al bacino di San Marco, con i turisti che passavo al fianco dell'incivile incontinente, che non è però stato individuato.

20:58Finlandia: italiana ferita era con figlia sei mesi

(ANSA) - FIRENZE, 19 AGO - Lisa Biancucci, la ricercatrice rimasta ferita nell'attentato di Turku, quando ha subito l'aggressione era con la figlia di sei mesi nel passeggino. Il particolare è stato reso noto dallo zio della donna che vive come gli altri familiari a Bibbiena, la cittadina aretina di cui è originaria la giovane studiosa e dove Lisa Biancucci si trovava fino a sabato scorso, quando è ripartita con il marito per Turku: è era venuta a Bibbiena per far battezzare la piccola. (ANSA).

20:51In codice rosso 4 ore per trasferimento,muore 23enne

(ANSA) - NAPOLI, 19 AGO - Ricoverato in codice rosso, aspetta quattro ore per essere trasferito in un altro ospedale per l'esecuzione di una agioTac. Ore che sarebbero risultate fatali per un 23enne che, a Napoli, è morto il giorno dopo il ricovero. E' quanto rende noto il consigliere regionale della Campania, Francesco Borrelli che diffonde la denuncia presentata dal responsabile del Pronto Soccorso del Loreto Mare Alfredo Pietroluongo dove, tra l'altro, si legge che si è verificata una "inosservanza ai più elementari doveri professionali".

Archivio Ultima ora