Papa Francesco con Santos e Uribe, summit per la pace in Colombia

Pubblicato il 16 dicembre 2016 da ansa

CITTA’ DEL VATICANO. – Papa Francesco, che aspettava l’occasione per riunire attorno allo stesso tavolo Manuel Santos e Alvaro Uribe, ha colto al volo la presenza del primo a Roma per invitare il secondo, con il quale la diplomazia vaticana aveva contatti da tempo, e li ha fatti sedere allo stesso tavolo. Per la Colombia e per il suo travagliato cammino verso la pace, una occasione estremamente importante e significativa:

Juan Manuel Santos Calderon è fresco di premio Nobel per la pace per gli accordi con le Farc che lo scorso agosto hanno messo fine a 50 anni di conflitto con la guerriglia, ma che sono stati inspiegabilmente bocciati dal referendum popolare del 2 ottobre, e seguiti il 24 ottobre dalla firma di un nuovo accordo, ratificato dal Parlamento. Da agosto Santos ha avuto come antagonista Uribe, suo predecessore alla presidenza della Colombia, che ha avversato il dialogo con le Farc.

Dopo il nuovo accordo, – che ha portato ad alcune correzioni apprezzate anche dai sostenitori della linea di Uribe – il ruolo che quest’ultimo può svolgere può contribuire a rilanciare la pacificazione. Il Papa aspettava un momento favorevole, e lo ha colto al volo, invitando anche Uribe nel giorno della udienza ufficiale al premio Nobel, ricevuto con un seguito di dieci persone compresi moglie e tre figli. E’ priva di fondamento comunque, ha precisato il portavoce Greg Burke, la voce secondo la quale il Vaticano avrebbe fornito a Uribe un aereo privato per giungere a Roma.

Qualche passo avanti si può cogliere nella nota diffusa dal vaticano dopo la mattinata di “conversazioni svoltesi in un clima di grande cordialità”, nelle quali è stato espresso l'”apprezzamento per il sostegno del Papa al processo di pace” in Colombia e l’auspicio “che tale pace sia stabile e duratura”.

“Si è rilevata, a tal fine, – spiega la nota nel linguaggio necessariamente criptico della diplomazia – l’importanza dell’incontro e dell’unità tra le forze politiche colombiane e dell’impegno delle FARC-EP, mentre la Chiesa locale potrà continuare ad offrire il suo contributo in favore della riconciliazione nazionale e dell’educazione al perdono e alla concordia”.

Il ruolo del Papa e della sua diplomazia – di sostegno alla pace ma senza schierarsi con nessuno dei contendenti – viene apprezzato dai due statisti. Inoltre la cordialità delle conversazioni ha supportato l’impegno delle forze politiche colombiane alla unità per la pacificazione. Sembra un passo avanti, anche se non ancora quello decisivo: il Papa, ha spiegato Burke, mantiene il desiderio di andare in Colombia, ma come disse ai giornalisti, intende farlo solo quando il processo di pace sarà completato, e ad oggi “rispetto a questo non c’è nessun cambiamento”.

Fino ad oggi, e in attesa anche dell’incontro, fissato in pomeridiana, del senatore Uribe con il segretario di Stato Parolin: non c’è ancora una svolta, ma niente esclude che si debba ancora aspettarla per molto. Nell’animato via vai di politici colombiani in Vaticano, va registrato un momento molto intenso, quando il presidente Santos ha offerto in dono al Pontefice una delle penne con cui è stato firmato l’accordo di pace.

“Sulla pallottola – ha spiegato Santos a Bergoglio – c’è scritto ‘le pallottole sono state il nostro passato, la pace il nostro futuro'”. La penna è ricavata dal bossolo di una pallottola, e, distribuita in circa 500 esemplari a chi ha lavorato alla firma degli accordi, è stata chiamata “Baligrafo”, un gioco di parole tra “boligrafo”, che in spagnolo vuol dire penna, e “bala”, che vuol dire pallottola.

(giovanna.chirri@ansa.it)

Ultima ora

11:26Migranti: Forza Nuova, striscioni contro Patriarca Moraglia

(ANSA) - VENEZIA, 20 NOV - Militanti di Forza Nuova hanno affisso nell'area marciana degli striscioni provocatori nei confronti del Patriarca Francesco Moraglia, contestando l'accoglienza offerta nei patronati ai migranti provenienti dall'ex base di Conetta. Per il coordinatore regionale del movimento Andrea Visentin, "non ultimo, questi gesti plateali e propagandistici a favore dei cosiddetti 'migranti', rischiano di innescare quella 'guerra tra poveri', a cui siamo contrari e che vogliamo impedire". "Ci chiediamo Eccellenza - continua rivolto a Moraglia - se, dalle stanze dorate del Suo palazzo, veda gli italiani, sempre più schiacciati dalla crisi e non tutelati nei loro più elementari diritti sociali dalle istituzioni preposte, dormire al freddo in una macchina, risparmiare sulle spese sanitarie, non arrivare alla prima settimana; apra le porte degli immobili diocesani anche a loro".

11:25Cadavere uomo trovato in acqua fossi medicei a Livorno

(ANSA) - LIVORNO, 20 NOV - Il cadavere di un uomo, non ancora identificato, è stato recuperato questa mattina dai sommozzatori dei vigili del fuoco nelle acque dei fossi medicei, sotto gli scali Finocchietti a Livorno. A richiedere l'impiego dei sommozzatori è stata la polizia, che, intervenuta sul posto anche con la scientifica, ha avviato tutti gli accertamenti per risalire all'identità e alle cause del decesso. A scoprire il corpo è stato un pescatore: stava per uscire per una battuta di pesca quando ha visto la salma galleggiare vicino alla sua barca.

11:18Calcio: Allegri, “schiaffi immeritati, ora reagire”

(ANSA) - TORINO, 20 NOV - "Se non si è reattivi con la testa, si prende gli schiaffi anche quando non li si merita". Massimiliano Allegri torna così, via Twitter, sulla sconfitta della sua Juventus contro la Sampdoria. "Ora reagire con positività - è la richiesta del tecnico bianconero - che i giorni da qui al 6 gennaio diranno tanto su chi siamo e dove vogliamo andare!".

11:16‘Tribunale ordini dimissioni di Mugabe

(ANSA) - ROMA, 20 NOV - Il presidente dell'associazione dei veterani di guerra in Zimbabwe, Chris Mutsvangwa, ha annunciato in una conferenza stampa che chiederà "un ordine del tribunale per far dimettere Robert Mugabe". Lo riporta la Bbc. Il capo dei veterani dello Zimbabwe ha annunciato "nuove proteste di piazza" nei prossimi giorni. "Il tuo tempo è finito", ha detto Mutsvangwa rivolgendosi a Mugabe. Ieri il presidente 93enne ha spiazzato tutti in un discorso trasmesso in diretta televisiva durante il quale non solo non ha annunciato le sue attese dimissioni, ma ha anche dichiarato di voler presiedere il congresso del partito a dicembre. Ieri lo stesso Zanu-PF aveva intimato a Mugabe di dimettersi entro oggi a mezzogiorno altrimenti si sarebbe dato il via all'impeachment.

11:02Arresto De Luca: stop domiciliari, ora misura interdittiva

(ANSA) - PALERMO, 20 NOV - Il gip di Messina ha disposto la revoca degli arresti domiciliari per il neo deputato regionale Cateno de Luca, accusato di evasione fiscale sostituendo la misura con quella interdittiva del divieto di esercizio di posizioni apicali negli enti coinvolti nell'inchiesta. Per il giudice sussistono i gravi indizi di colpevolezza di De Luca ma si sarebbero affievolite le esigenze cautelari. La settimana scorsa, dopo le continue esternazioni sui social del deputato il gip aveva disposto il divieto di comunicazione con l'esterno. (ANSA).

11:01Migranti: ex Moi Torino, trasferiti i primi profughi

(ANSA) - TORINO, 20 NOV - Ha preso il via questa mattina, a Torino, il trasferimento dei primi migranti dall'ex Moi, il villaggio olimpico da tempo occupato da famiglie di profughi e migranti. Le operazioni prendono il via dalle cantine. I primi migranti verranno collocati in posti letto messi a disposizione dalla Diocesi di Torino. "Per ora sta andando tutto bene - afferma Davide Ricca, presidente della Circoscrizione 8 -. È stato portato avanti un progetto condiviso con gli occupanti, che già da ieri sono stati informati del trasferimento. Questo è un primo passo per la liberazione delle palazzine e la loro restituzione al quartiere". Nelle palazzine dell'ex villaggio olimpico di Torino 2006 vivono in tutto circa 750 stranieri, 50 dei quali nei sotterranei. Il progetto Moi - acronimo di Migranti Opportunità Integrazione - è stato messo in campo con Prefettura, Comune di Torino, Regione Piemonte, Città Metropolitana, Diocesi e Compagnia di San Paolo.(ANSA).

10:57Figc: Sibilia, non ho notizie di spaccature Lnd su Tavecchio

(ANSA) - ROMA, 20 NOV - "Faremo adesso una riflessione nel Consiglio direttivo della Lega e dopo prenderemo delle decisioni. Al momento è prematuro anticipare qualsiasi cosa visto che ancora non abbiamo parlato". Così il presidente della Lega Nazionale Dilettanti, Cosimo Sibilia, all'ingresso della sede della Lnd per discutere della situazione in Figc, dove il presidente Carlo Tavecchio oggi chiederà la fiducia per restare al proprio posto in via Allegri. "Se la Lega Dilettanti si presenta compatta? Io non ho notizie di spaccature al nostro interno, vedremo al momento opportuno e decideremo, spero nella maniera più largamente condivisa". Sibilia infine non si è voluto pronunciare sulla scelta di Tavecchio di non presentarsi dimissionario al Consiglio federale programmato per mezzogiorno in Federcalcio: "Non posso dare un giudizio prima del consiglio direttivo della Lnd".

Archivio Ultima ora