Strage di Orlando, le famiglie delle vittime contro Fb e Twitter

Pubblicato il 20 dicembre 2016 da ansa

NEW YORK. – Riesplode in America la polemica sui social media, le cui piattaforme diventano spesso terreno fertile per la propaganda jiahdista. Stavolta a puntare il dito su Facebook, Twitter e Google (proprietaria di YouTube) sono i familiari di alcune delle vittime della strage di Orlando, in Florida, che hanno deciso di passare alle vie legali. All’interno del nightclub Pulse lo scorso 12 giugno morirono 49 persone, in quella che è stata la più grave sparatoria della storia moderna negli Stati Uniti.

Il killer, Omar Mir Seddique Mateen, 29 anni, era un cittadino americano di origini afghane, nato nello stato di New York e radicalizzato su internet. Prima di essere ucciso dalla polizia disse che il suo gesto era per vendicare i raid aerei Usa in Iraq e in Siria. Omar, nelle concitate ore in cui le teste di cuoio negoziarono per limitare il bilancio del massacro, professò fedeltà all’Isis, ma non era un militante del gruppo terroristico. Aveva maturato il suo gesto folle indottrinato proprio sui social media.

E l’accusa mossa ora ai principali social media è quella di aver influenzato l’assassino e di aver fornito – si legge sulle carte della causa presentata presso una corte del Michigan – “supporto materiale” alla propaganda degli uomini dello stato islamico.

“Senza Facebook, Twitter e Google non sarebbe stata possibile negli ultimi anni la crescita esplosiva dell’Isis, divenuto il gruppo terroristico più temuto al mondo”, accusano i familiari delle vittime di Orlando, rappresentati dallo stesso avvocato di una delle vittime americane degli attentati di Parigi.

Per il legale “i social media sono il cuore della gran parte dell’attività terroristica e qualcosa deve essere fatto”. Non è possibile – aggiunge – che attraverso queste piattaforme i terroristi continuino a fare propaganda, a raccogliere fondi e ad attrarre nuove reclute.

Così l’azione legale presentata in Michigan potrebbe segnare una svolta. Finora infatti le corti americane sono state riluttanti nel ritenere i giganti del web responsabili per i contenuti postati sulle proprie piattaforme. Ma se questa causa senza precedenti dovesse avere successo – affermano gli esperti – potrebbe rivoluzionare il mondo dei social media.

Al centro della denuncia l’interpretazione di quanto previsto dal Communications Decency Act (CDA) del 1996, che finora è servito a proteggere i social media da eventuali responsabilità legate ai contenuti postati sulle loro piattaforme.

Ma alcuni avvocati e accademici hanno cominciato a sostenere che siti come Facebook potrebbero violare la normativa con i loro algoritmi segreti, che consentono di piazzare pubblicità legate alle informazioni degli utenti, condividendo con l’Isis gli introiti pubblicitari e quindi finanziandone l’attività.

Nessun commento ufficiale per ora da Facebook, Google e Twitter. Quest’ultima in particolare ha lavorato in tempi recenti per sospendere tutti gli account sospettati di essere affiliati o di sostenere l’Isis o altre formazioni terroristiche. Ma per molti questo sforzo non basta.

(di Ugo Caltagirone/ANSA)

Ultima ora

16:20Calcio: Balotelli, ripresi allenamenti con il Nizza

(ANSA) - NIZZA (FRANCIA), 26 GIU - All'indomani del rinnovo contrattuale con il Nizza, con cui ha firmato fino al 30 giugno del 2019, Mario Balotelli ha ripreso gli allenamenti con il club francese. Lo stesso Nizza ha diffuso alcune foto e un video in cui si vede l'attaccante arrivare al centro di allenamento, salutare allenatore e compagni e poi mettersi al lavoro, in un clima di entusiasmo per il ritorno di Supermario. Nella scorsa stagione calcistica Balotelli ha segnato 15 gol con la maglia del Nizza, che ieri ha accolto con un "bentornato a casa" la notizia del rinnovo del contratto. Il club ha anche definito "l'idolo di grandi e piccini" l'ex giocatore di Inter e Milan.

16:19Usa: fonti, ambasciatore russo Sergei Kislyak torna a Mosca

(ANSA) - ROMA, 26 GIU - Il Cremlino ha deciso di richiamare a Mosca il suo ambasciatore a Washington Sergei Kislyak, considerato uno dei protagonisti delle interferenze russe nelle elezioni che hanno portato Trump alla Casa Bianca. Lo scrive BuzzFeed, citando tre fonti a conoscenza della decisione. In realtà Mosca non ha indicato alcuna data in tal senso, tuttavia, aggiunge BuzzFeed, lo 'US-Russia Business Council' ha organizzato per l'11 luglio al St Regis Hotel di Washington un party di addio per l'ambasciatore. Frattanto la portavoce del ministero degli Esteri russo Maria Zakharova ha scritto su Facebook: "Per tutta la notte sono stata contattata da giornalisti che volevano conferma della partenza a luglio dell'ambasciatore Kislyak...in Russia la decisione sul rientro e sulla nomina degli ambasciatori viene presa dal presidente. Quando verrà presa la decisione sulla sostituzione del nostro ambasciatore negli Usa...Kislyak entrerà nella storia come colui che ha fatto di tutto per promuovere i rapporti bilaterali".

16:18Polizia Ferroviaria compie 110 anni, fu voluta da Giolitti

(ANSA) - ROMA, 26 GIU - A volerla fu l'allora ministro dell'Interno Giovanni Giolitti, nel 1907, per prevenire e contrastare i reati sui treni, seguendo di un paio d'anno la nascita delle Ferrovie, nel 1905. La Polizia Ferroviaria, che è la specialità più antica della Polizia di Stato e in questi giorni compie 110 anni, garantisce oggi la sicurezza di 2 milioni di viaggiatori che si recano in una delle 2.500 stazioni, prendono i 9mila convogli lungo i 16mila chilometri di binari. Conta oggi su 4.300 operatori, che garantiscono la sicurezza con un calo dei reati: meno 27% di furti, meno 37% di rapine, meno 5% di aggressioni e meno 9% di danneggiamenti. Nel corso del 2016 i controlli sono stati 940.649, 14.065 le sanzioni amministrative, 1.245 gli arrestati e 11.360 gli indagati. In occasione dell'anniversario il capo della Polizia,Gabrielli e l'ad di FS Italiane, Mazzoncini, hanno rinnovato la convenzione che dal 2007 garantisce lo scambio di informazioni, dotazioni tecnologiche e strumenti a supporto dell'attività della Polfer.

16:15Calcio: Premier League, de Boer tecnico del Crystal Palace

(ANSA) - ROMA, 26 GIU - Frank de Boer è il nuovo tecnico del Crystal Palace: lo annuncia il club di Premier League sul proprio sito internet, precisando che con il manager è stato raggiunto un accordo di tre anni. Il tecnico olandese, che subentra a Sam Allardyce, era senza squadra da novembre, quando fu esonerato dall'Inter. "È un grande onore per me - le parole di de Boer riportate sul sito dopo la sua presentazione alla stampa - essere stato nominato alla guida di uno storico club come questo: un club conosciuto in tutto il mondo per i suoi tifosi fieri e appassionati. Quest'incarico costituisce una grande opportunità per me e non vedo l'ora di cominciare il campionato lavorando con giocatori e staff". De Boer, 47 anni, è alla prima esperienza in Premier League.

16:13Consip, nuove accuse a capitano del Noe Scafarto

(ANSA) - ROMA, 26 GIU - Si aggrava la posizione del capitano del Noe carabinieri Gian Paolo Scafarto, interrogato oggi in procura a Roma su Consip. Le nuove ipotesi di accusa sono falso e rivelazione del segreto e si aggiungono alla prima, sempre di falso, per l'attribuzione all'imprenditore napoletano Alfredo Romeo di una frase pronunciata da Italo Bocchino e riferita a Tiziano Renzi. Le nuove contestazioni vertono per quanto riguarda il falso su un riferimento al generale Fabrizio Farragina, ex Aisi (servizio segreto interno), sulla presunta presenza di 007 durante le indagini di Scafarto su Consip; la rivelazione di segreto si riferisce invece a presunte 'soffiate' sull'andamento delle indagini - ad agosto 2016 e marzo 2017 - ad ex colleghi del Noe passati poi all'Aisi. Sabato è stato sentito l'ex presidente Consip Luigi Ferrara, ora indagato per false dichiarazioni al pm per aver ridimensionato il ruolo del comandante generale dei carabinieri Tullio Del Sette nella presunta violazione del segreto dell'indagine.

16:12Omicidio-suicidio a Prato, spara a moglie e si uccide

(ANSA) - PRATO, 26 GIU - Un ottantunenne ha ucciso la moglie di 79 e poi si è suicidato. E' accaduto a Prato, dove i due corpi sono stati trovati stamani nel loro appartamento. I due coniugi sono stati trovati in camera da letto. Secondo una prima ricostruzione dei carabinieri l'uomo avrebbe esploso contro la moglie un colpo dal suo fucile da caccia. Poi avrebbe rivolto l'arma verso di sé e avrebbe fatto fuoco ancora una volta. Per i militari il gesto sarebbe riconducibile ad una crisi depressiva. (ANSA).

16:07Spagna: ancora in fiamme parco Donana

(ANSA) - MADRID, 26 GIU - E' ancora fuori controllo uno dei tre fronti dell'incendio divampato sabato notte attorno al parco nazionale spagnolo di Donana, vicino a Huelva nel sud dell'Andalusia, dichiarato dall'Unesco Patrimonio dell'Umanità e Riserva della Biosfera. Il fronte ancora attivo è quello più vicino al cuore del parco nazionale. Per l'assessore all'Ambiente dell'Andalusia José Fiscal ci sono però "buone prospettive" di poter domare anche questo fronte in giornata. Molto dipenderà dall'evoluzione del forte vento - fino a 90 km orari - che da due giorni alimenta le fiamme. L'incendio ha costretto alla fuga circa 50mila persone che trascorrevano il fine settimana nel parco, in particolare nel comune turistico di Matalascanas. Alla lotta contro le fiamme partecipano 500 pompieri appoggiati da 15 mezzi di terra e da 7 canadair, oltre che dall'Unità Militare di Emergenza (Ume). Ieri i responsabili del parco hanno ordinato l'evacuazione del centro di protezione della Lince Iberica.

Archivio Ultima ora