Cordoglio del Consiglio generale degli italiani all’estero per la morte della giovane abruzzese nell’attentato a Berlino

TÄGERWILEN (Svizzera) – Il Consiglio generale degli italiani all’estero esprime il più sentito cordoglio alla famiglia di Fabrizia Di Lorenzo deceduta assieme ad altre undici persone a Berlino per mano di un attacco terroristico di matrice religiosa.

Nello scriteriato atto di violenza sono state ferite altre quarantotto persone facendo riemergere quel diffuso sentimento di impotenza e di incertezza manifestatosi nel recente passato in altri luoghi europei. A loro va il nostro accorato augurio per il pieno recupero della salute e il ritorno alla vita quotidiana.

Il nostro pensiero è rivolto alla famiglia della giovane abruzzese trasferitasi da pochi anni a Berlino, meta di riferimento per numerosi suoi giovani coetanei italiani ed europei.

La solidarietà del Consiglio generale degli italiani all’estero è estesa al Paese ospitante e alla nostra comunità in Germania, alla collega Edith Pichler, che vive a Berlino, ai consiglieri residenti in terra tedesca, alla rappresentanza diplomatica, al Comites di Berlino, all’Intercomites nelle sue articolazioni ed al mondo associativo italiano.

Facciamo nostre le parole del ministro degli Esteri nonché presidente del CGIE, Angelino Alfano, accorso sul luogo della tragedia assieme al suo collega tedesco Frank Walter Steinmeier “… i ripetuti episodi di questi giorni non muteranno la nostra determinazione a combattere il terrorismo a fianco dei nostri partner internazionali e accanto alla Germania in particolare con cui l’Italia è in stretto coordinamento”.

In questi difficili anni di diffuso disorientamento politico, economico e sociale siamo desiderosi di ritornare alla normalità per vivere in un mondo di pace, nel quale le libertà individuali rappresentano un valore inalienabile per condividere il bene comune.

(Michele Schiavone/Segretario generale del Consiglio generale degli italiani all’estero)

Condividi: