Un anno difficile

Pubblicato il 25 dicembre 2016 da Mauro Bafile

Dispiace doverlo scrivere ma il 2017 non poteva presentarsi sotto auspici più neri. Il Venezuela chiude il 2016 con la peggiore “performance” della sua era democratica. Il bilancio può essere riassunto con pochi dati: una recessione che alcuni economisti calcolano di oltre il 10 per cento e un’inflazione del 700 per cento, quindi sull’orlo dell’iperinflazione. Ma non è tutto. Il paese, oggi, è in debito anche con la democrazia, che tanto sacrificio è costato costruire.
Non si tratta solo della mancanza di generi alimentari o medicine; non si tratta solo dei prigionieri politici, si tratta in essenza, della decadenza etica dell’intera società. Sono andati smarriti tutti i valori che, dopo la rivolta del 1958, aiutarono il Paese a progredire. E’ vero. Il mondo, quello industrializzato e quello emergente, vive un periodo di transizione. Lascia alle spalle l’era della modernità, che ha caratterizzato il secolo scorso, e si avvia a percorrerne un’altra di cui ancora non si conoscono le caratteristiche. In questo interludio della post-modernità, si avanza senza avere coscienza di dove si voglia andare.
in Venezuela la solidarietà non è più di casa. L’insicurezza dilaga ovunque, avanza come un cancro in metastasi tra l’indifferenza apparente di chi dovrebbe proporre soluzioni o, quantomeno, fare sforzi per contrastarla.
La mancanza di fiducia nelle istituzioni, che poco più di 15 anni fa rappresentavano un faro per la democrazia; la crisi economica che impoverisce e demoralizza i venezuelani di ogni classe sociale; i discorsi impregnati di banale demagogia, sono oggi il “leit-motive” di una società alla deriva. E la nostra comunità, che non vive in un’isola ma è immersa in questa realtà, ne soffre anch’essa le conseguenze.
Il Comites di Caracas, che oggi dovrebbero essere protagonista, continua ad essere latitante, lontani anni luce dalla Collettività che non riesce a rappresentare né a interpretare. Preferisce i luoghi comuni, le polemiche infantili, i personalismi sterili alle proposte concrete. Non promuove iniziative. Si limita a criticare senza presentare alternative e organizzano riunioni carbonare, dalle quali la Collettività è esclusa.
Alcuni membri, i soliti professionisti dell’emigrazione, si svegliano solo quando ci visita qualche personalità politica, qualche ministro o sottosegretario. Allora si sbracciano in arringhe e comizi salvo poi tornare a dormire.
Anche i “new entry”, pure quelli una volta all’opposizione, sembrano essersi adagiati sul quieto vivere. Le speranze che la comunità aveva riposto in loro sono state purtroppo deluse. E la barca va alla deriva, senza una rotta.
Il vuoto è coperto dai nostri Centri Italiano Venezuelani e dalle nostre Case d’Italia che danno l’esempio. Sono loro, come hanno sempre fatto, che propongono, organizzano, denunciano. Nel loro interno ritroviamo la solidarietà verso i meno fortunati.
Il nostro Consolato, dal canto suo, soffre per l’ormai cronica mancanza di personale che non permette d’offrire il servizio che merita ed esige la Collettività. Ma di questo, come di altri temi, i connazionali avranno modo di parlare apertamente con l’Ambasciatore Silvio Mignano nel corso dell’incontro-colloquio del 21 gennaio, organizzato dal nostro Giornale assieme al Centro Italiano Venezuelano di Caracas.
E’ questo, in breve, il Paese che trova il Senatore Pier Ferdinando Casini durante la sua visita. Un Paese in cui ancora vi sono connazionali in prigione per la loro militanza politica, in cui i nostri anziani non arrivano a fine mese con una pensione divorata dall’inflazione, in cui i nostri giovani sono costretti a ripercorrere il cammino dei nonni o dei genitori in cerca di un futuro migliore in altri paesi e in cui tanti connazionali sopravvivono solo grazie alla solidarietà di amici, di Ong, delle nostre Associazioni o di Fondazioni.
Si chiude un anno, il 2016, tutto da dimenticare e se ne apre un altro, il 2017, che promette ancora sacrifici, disagi e privazioni. Più che mai, quindi, sarà necessario che la Collettività abbandoni gli egoismi, archivi gli interessi personali e alimenti lo spirito di solidarietà come ha sempre saputo fare nei momenti difficili
Bafile Mauro

Ultima ora

08:45Attacco Kabul: terminato, uccisi 3 assalitori

(ANSA) - KABUL, 21 GEN - L'attacco terroristico all'Hotel Intercontinental di Kabul è terminato poco prima delle 10 locali (le 6,30 italiane). Lo ha annunciato un portavoce del ministero dell'Interno nella capitale afghana. Anche se pochi minuti dopo l'annuncio gli inviati di due tv afghane, 1TvNews e Tolo, hanno fatto sapere che "si sentono ancora spari ed esplosioni" Tre assalitori sono stati uccisi e 126 persone tratte in salvo, fra cui 41 stranieri. I morti sono invece cinque, sei i feriti. I vigili del fuoco sono ora al lavoro per spegnere l'incendio provocato ieri da una esplosione nella prima fase dell'attacco.

01:34Calcio: Mkhitaryan dice sì all’Arsenal, Sanchez allo United

(ANSA) - ROMA, 21 GEN - Il centrocampista armeno del Manchester United Henrikh Mkhitaryan ha accettato la proposta di trasferirsi all'Arsenal, aprendo la strada allo scambio con il cileno Alexis Sanchez, molto atteso da Jose Mourino. Il 28enne centrocampista, 28 anni, si sottoporrà alle visite mediche tra domani e lunedì dopo aver trovato nella giornata di oggi l'accordo con il club londinese, di cui al momento non si conoscono i termini. Secondo i media inglesi, il trasferimento avverrà 'alla pari', avendo trovato i club un accordo su una valutazione di 35 milioni di sterline per entrambi i giocatori.

01:14Calcio: pari Atletico e Valencia ko, sabato pro-Barcellona

(ANSA) - ROMA, 20 GEN - Il Barcellona domina la Liga anche senza giocare, visto che le rivali fanno a gara per gettare punti e perdere ulteriore terreno sulla capolista. L'Atletico Madrid, impegnato col Girona, si è fatto bloccare sull'1-1 e praticamente può dire addio alle pur flebili speranze di contendere il titolo ai blaugrana. I punti di distacco tra prima e seconda sono ora otto, con il Barca che ha una partita in meno (domani col Betis). Il Valencia, terzo in graduatoria, ha addirittura perso a Las Palmas, sprecando l'occasione di affiancare la squadra di Simeone. Vince invece il Villarreal, 2-1 a Levante, e sale al quarto posto in attesa della partita domenicale del Real Madrid.

01:13Liberia: presidente Weah in campo per partita di beneficenza

(ANSA) - ROMA, 20 GEN - L'ex fuoriclasse George Weah torna al calcio per un giorno, in occasione degli eventi che precedono il suo insediamento come presidente della Liberia: l'ex milanista è sceso in campo per una partita di beneficenza con una squadra creata per l'occasione - la Weah All Stars Team, con molti ex colleghi calciatori - , sfidata in campo dai militari delle forze armate liberiane. Il match - finito 2 a 1 per la squadra del neo presidente - si è svolto al Barclay Training Center di Monrovia. Weah, 51 anni, giurerà da presidente il 22 gennaio.

00:35Calcio: serie B, Cesena-Bari 1-1

(ANSA) - CESENA, 20 GEN - Finisce in parità la sfida dell'"Orogel Stadium Manuzzi" tra Cesena e Bari, ultima sfida del sabato nella 22/a giornata di serie B. All'acuto di Laribi nel primo tempo risponde il Bari con un'autorete di Suagher. Pareggio alla fine giusto giunto al termine di una gara vivace in cui non sono mancate le occasioni da una parte e dall'altra, la più clamorosa la traversa colpita dal barese Cissè a 5' dal termine. Il Bari è sesto con 35 punti, il Cesena raggiunge l'Entella a quota 24.

22:33Calcio: Lipsia ko, raggiunto da Bayer e M.Gladbach

(ANSA) - ROMA, 20 GEN - Il Lipsia perde 2-1 a Friburgo e viene agganciato al secondo posto dal Bayer Leverkusen, vittorioso 4-1 sul campo dell'Hoffenheim, e dal Borussia Moenchengladbach, impostosi 2-0 sull'Augusta. Dopo 19 turni di Bundesliga, la capolista Bayern Monaco ha 13 punti di vantaggio con una partita in meno e domani riceve il Werder Brema. Molto affollata la zona Champions-Europa League. Alle spalle del terzetto a 31 punti, ci sono a quota 30 il Borussia Dortmund, oggi un pareggio 1-1 a Berlino in casa dell'Hertha, lo Schalke 04, che battendo domani l'Hannover scavalcherebbe tutti portandosi al secondo posto da solo, e l'Eintracht, vittorioso per 3-1 a Wolfsburg. In coda, il Magonza batte lo Stoccarda 3-2 e lo raggiunge al quart'ultimo posto. Nella sfida Amburgo-Colonia ha la meglio il fanalino di coda, che vince 2-0 in trasferta.

22:27Calcio: tripletta di Aguero, il City riprende a correre

(ANSA) - ROMA, 20 GEN - Niente cambia in vetta alla Premier League dopo il sabato di incontri della 24/a giornata. Vince 3-0 il Manchester City nell'impegno tardo pomeridiano col Newcastle e mantiene 12 punti di vantaggio sul Manchester United, che si impone 1-0 in casa del Burnley, e 15 sul Chelsea, vittorioso 4-0 a Brighton. Il Liverpool giocherà lunedì a Swansea per riagganciare, in caso di vittoria, la squadra di Conte al terzo posto. Il Tottenham gioca domani e nel frattempo l'Arsenal, con un liberatorio 4-1 al Crystal Palace dopo due pareggi e una sconfitta, gli si è avvicinato. All'Ethiad Stadium il primo gol dei Citizens è stato assegnato ad Aguero, che su cross di De Bruyne ha sfiorato di testa il pallone. Nella ripresa, El Kun ha segnato altre due reti, la prima su rigore. Ed il City riparte dopo il ko con il Liverpool. Lo United ha capitalizzato al massimo una rete di Martial al 9' della ripresa, mentre l'Arsenal ha dilagato sul Palace segnando con Monreal, Iwobi, Koscielny e Lacazette.

Archivio Ultima ora