L’Italia nel Consiglio Onu e presidente del G7

Pubblicato il 03 gennaio 2017 da ansa

Il Palazzo di vetro delle Nazioni Unite

ROMA. – Con l’ingresso nel Consiglio di sicurezza dell’Onu e la presidenza del G7 è iniziato un anno cruciale per la politica estera italiana che culminerà a maggio con il vertice di Taormina. “L’Italia da oggi nel Consiglio di Sicurezza dell’Onu. Più forte la nostra voce per sviluppo sostenibile, pace, impegno globale sui migranti”, ha commentato oggi su Twitter il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni che nei giorni scorsi ha delineato con grande chiarezza quali saranno i principi che guideranno il governo nelle sfide di politica estera per il 2017.

Da gennaio l’Italia è entrata a far parte anche della trojka dell’Osce di cui assumerà la presidenza a partire dal 2018.

Innanzitutto, la presidenza del G7. A capo del vertice, ha spiegato il premier nella conferenza stampa di fine anno, l’Italia sarà “quella di sempre”, quindi un Paese coerente nei suoi valori e nelle sue alleanze, partner imprescindibile di Unione europea e Nato. Ma il G7 sarà l’occasione per raggiungere soprattutto due obiettivi: ribadire la centralità del Mediterraneo e rilanciare nuovi rapporti con la Russia.

Che il ‘mare nostrum’ sia una priorità della politica estera italiana lo ha sottolineato tante volte Gentiloni, soprattutto nel suo precedente incarico da ministro degli Esteri. Dal Mediterraneo per l’Italia arrivano opportunità e rischi ed è anche per questo, per la nostra economia e la nostra sicurezza, che il governo vuole mantenere alta l’attenzione della comunità internazionale sulla questione dei migranti e sulle tante crisi aperte nell’area dalla Libia, all’Iraq, alla Siria.

Su questo ultimo punto l’Italia è stata chiara: non c’è altra soluzione che l’apertura di negoziati sulla transizione gestititi dall’Onu. E sarà uno degli argomenti, insieme con la necessità di non trascurare il conflitto israelo-palestinese, che il governo vuole riportare al centro dell’agenda delle Nazioni Unite approfittando del suo ingresso nel Consiglio di Sicurezza.

L’auspicio di Roma è che anche la Russia contribuisca ad arrivare a questa soluzione di raccordo con gli Stati Uniti. Fautore da sempre di una politica di fermezza e, insieme, apertura nei confronti di Mosca nei prossimi mesi l’Italia potrebbe contare sulla nuova amministrazione Usa per portare il resto della comunità internazionale sul fronte del dialogo.

D’altronde, è la convinzione del governo, le logiche da guerra fredda oggi non hanno più senso. Il vertice del G7 a Taormina i prossimi 26 e 27 maggio sarà il primo con Donald Trump presidente americano. Roma ribadisce che il rapporto con gli Stati Uniti non si discute ed è un caposaldo della nostra politica estera. Al momento Mosca resta fuori, ma sono in molti a ipotizzare, anche all’indomani del debutto della nuova amministrazione americana, un ritorno presto della Russia nel Club, che tornerebbe a essere G8. Forse già a Taormina.

(di Benedetta Guerrera/ANSA)

Ultima ora

18:11Sicilia: Micciché, mai fatti accordi con Lotti

(ANSA) - PALERMO, 17 DIC - Il neo-eletto presidente dell'Ars, Gianfranco Miccichè in una nota dichiara "che con il ministro dello Sport, Luca Lotti, non c'è stato alcun accordo sulla eventualità di far confluire i voti dei deputati del Pd sulla sua candidatura alla presidenza del Parlamento siciliano". "Il ministro Lotti - sottolinea Miccichè - mi ha telefonato dopo la mia elezione per augurarmi buon lavoro".

18:04Savoia: Vittorio Emanuele, domani a Vicoforte per omaggio

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - "Domani, alle ore 15.00, insieme a mia moglie Marina, a mio figlio Emanuele Filiberto, a mia sorella Maria Pia ed a mio nipote Serge di Jugoslavia, mi recherò al Santuario di Vicoforte per rendere omaggio alle sepolture provvisorie dei miei nonni, il Re Vittorio Emanuele III e la Regina Elena". Lo scrive, in una nota, Vittorio Emanuele di Savoia.

18:03Savoia: Comunità ebraiche, profonda inquietudine

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - "In un'epoca segnata dal progressivo smarrimento di Memoria e valori fondamentali il rientro della salma del re Vittorio Emanuele III in Italia non può che generare profonda inquietudine, anche perché giunge alla vigilia di un anno segnato da molti anniversari", tra cui "gli 80 anni dalla firma delle Leggi Razziste". Lo sottolinea la Presidente dell'Unione delle Comunità Ebraiche Italiane Noemi Di Segni, ricordando che "Vittorio Emanuele III fu complice di quel regime fascista di cui non ostacolò mai l'ascesa".

18:02Igor: accetta estradizione, ma dopo inchiesta Spagna

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - Norbert Feher, noto come 'Igor il russo' ha risposto in italiano alle domande del giudice spagnolo, Carmen Lamela - durante l'interrogatorio tenuto in videoconferenza - e ha accettato, non opponendosi al mandato di arresto europeo, di essere consegnato in Italia per essere processato per gli omicidi commessi ad aprile tra Bolognese e Ferrarese. Secondo quanto filtra da ambienti investigativi italiani l'eventuale consegna - come è emerso dall'interrogatorio durante l'udienza di convalida in Aragona - avverrà dopo i processi per i tre omicidi - di due agenti della Guardia Civil e di un allevatore - avvenuti in Spagna lo scorso 14 dicembre. Nell'interrogatorio il latitante, fuggito dall'Italia otto mesi fa, ha detto di essere in Spagna da settembre. Sull'affermazione verranno fatti accertamenti.(ANSA).

17:54Papa: Gentiloni, grazie per esortarci a fare mondo migliore

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - "Desidero ancora una volta ringraziarla profondamente per il suo inarrestabile impegno che scuote le nostre coscienze e ci esorta a rendere migliore questo mondo". Lo dice il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni in un messaggio di auguri a Papa Francesco per il suo compleanno.

17:53Austria: Salvini, Strache? Non è un estremista

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - In Austria "io non vedo estremisti al governo. Heinz-Christian Strache non è assolutamente estremista, se controllare i confini è estremista allora sono estremista anche io. Io vedo un partito che difende l'interesse nazionale austriaco e io come Lega lo voglio fare non solo in Lombardia e Veneto dove governiamo da anni, ma anche in Puglia o in Campania". Lo afferma il segretario della Lega Matteo Salvini a "1/2 ora in più".

17:42Salvini, serve programma scritto o no alleanze con FI

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - "Io chiedo un programma comune del centrodestra, senza un programma scritto" nei suoi "capisaldi non c'è alleanza". Lo afferma il segretario della Lega Matteo Salvini a "1/2 ora in più" su Raitre spiegando che l'abolizione della Fornero, un intervento su immigrazione, scuola e sulle politiche europee, sono i punti "su cui non ci può essere trattativa". "Io ritengo che Berlusconi firmerà", spiega Salvini, ritenendo necessario, in vista dell'ipotesi larghe intese anche "un patto contro gli inciuci".

Archivio Ultima ora