Trump attacca General Motors e Ford cancella la fabbrica in Messico

Pubblicato il 03 gennaio 2017 da ansa

WASHINGTON. – General Motors, la più grande casa automobilistica americana, è uno dei bersagli più grossi, con tanto di perdite in Borsa, colpiti da Donald Trump dalla sua postazione di ‘commander in twitter’. Una vera e propria raffica di tweet che non hanno risparmiato la Corea del Nord e la Cina, l’Obamacare e Guantanamo, nonché i suoi stessi colleghi di partito, rei di voler sterilizzare nel primo giorno del nuovo Congresso dell’era Trump l’organismo della Camera che tiene sotto controllo le violazioni etiche commesse dai suoi membri.

Non un buon viatico per chi ha promesso di “prosciugare la palude” della corruzione. Tanto che il Gop si è poi trovato costretto a fare marcia indietro, rinunciando al progetto. “Generals Motors sta inviando un modello di Chevy Cruze, fatto in Messico, ai concessionari Usa esentasse. Faccia (le auto, ndr) negli Usa o paghi pesanti tasse doganali!”, ha cinguettato il tycoon proprio mentre Gm si accinge a cancellare un turno alla fabbrica di Lordstown, Ohio, sullo sfondo della diminuzione delle vendite della Cruze sedan: una mossa che costerebbe l’eliminazione di 1.200 posti di lavoro a partire da questo mese.

General Motors si è limitata a precisare che in Messico fabbrica solo la versione ‘hatchback’ della Cruze “per i mercati globali, con un piccolo numero venduto in Usa”. Ma intanto Trump l’ha avvisata, come aveva già fatto con la Ford, che proprio oggi ha annunciato a sorpresa la cancellazione di un investimento di 1,6 miliardi per costruire una nuova fabbrica in Messico e lo stanziamento di 700 milioni di dollari per espandere lo stabilimento di Flat Rock, in Michigan, per costruire auto elettriche.

“Merito mio”, si è affrettato a dire, sempre su Twitter, il tycoon, promettendo che “l’America diventerà il più grande magnete al mondo per innovazione e creazione di lavoro”. Ma fonti della Ford hanno detto alla Nbc che Trump non ha nulla a che fare con questa decisione, legata a scelte di mercato. Lo stesso ceo Mark Fields ha precisato che il nuovo piano è in parte legato alla necessità di “utilizzare pienamente la capacità degli impianti esistenti” nell’ambito della strategia di vendita di auto piccole e medie, come Focus e Fusion. Ma Fields ha anche “incoraggiato le politiche pro crescita che il presidente eletto Donald Trump e il nuovo Congresso hanno indicato di voler perseguire”.

“Crediamo che queste riforme fiscali e regolatorie siano criticamente importanti per aumentare la competitività degli Usa e naturalmente portare a una ripresa nel manifatturiero americano e nell’innovazione high-tech”, ha spiegato, lasciando intendere che la scommessa dell’azienda è su una riduzione delle tasse. Insomma, una inversione di rotta, se fino ad un mese fa Fields insisteva che era troppo tardi per cambiare i piani della Ford in Messico.

Il magnate, che ha lanciato lo slogan protezionistico “comprare americano, assumere americano”, ha usato l’industria automobilistica come esempio degli effetti negativi dei grandi accordi commerciali, in questo caso il Nafta, e ha minacciato di imporre tariffe doganali penalizzanti per le aziende che delocalizzano e poi rivendono in Usa.

Recentemente il tycoon ha usato twitter anche per attaccare la Boeing per i costi esorbitanti del nuovo Air Force One e la Lockheed Martin per il programma astronomico degli F-35, strappando promesse per contenere i costi. Nella sua ultima raffica di cinquettii, Trump ha ammonito che la Corea del Nord non svilupperà mai un’arma nucleare capace di colpire gli Usa e ha criticato la Cina per non arginare il vicino. Poi ha mirato contro la chiusura di Guantanamo (“basta scarcerazioni”) e l’Obamacare che “non funziona ed è troppo caro”, smentendo così l’intenzione di salvare almeno in parte la riforma sanitaria.

Tra le vittime di questa presidenza via twitter anche i repubblicani: “Con tutto quello che il Congresso ha da fare, devono davvero indebolire l’ufficio etico indipendente come loro primo atto?”, ha criticato, invitandoli a concentrarsi sulla riforma fiscale, l’Obamacare e “molte altre cose di più grande importanza”.

(di Claudio Salvalaggio/ANSA)

Ultima ora

06:37Barcellona: a Cambrils terroristi con auto su persone

BARCELLONA - I cinque sospetti terroristi uccisi dalla polizia locale spagnola nel blitz notturno a Cambrils avevano investito alcune persone con un'automobile. Lo riferisce la polizia stessa confermando anche che i cinque indossavano cinture esplosive.

05:47Venezuela: Ortega Diaz sarebbe fuggita all’estero

CARACAS - L'ex Procuratrice Luisa Ortega Diaz avrebbe lasciato il Venezuela per sfuggire alla persecuzione del governo chavista, che ha ordinato l'arresto di suo marito e l'ha accusata di essere responsabile della violenza durante le manifestazioni che si susseguono nel paese dallo scorso aprile e di aver cospirato per favorire un'invasione straniera. Lo hanno indicato fonti locali citate dal portale news argentino Infobae, aggiungendo che Ortega Diaz -a cui la giustizia ha sequestrato il passaporto- avrebbe raggiunto clandestinamente la Colombia o il Brasile. La notizia non e' ancora stata confermata da fonti indipendenti. Oggi il suo successore a capo della Procura, Tarek William Saab, ha accusato Ortega Diaz di essere "la responsabile intellettuale di ognuna delle vittime registrate dallo scorso primo aprile", quando la Procuratrice ha denunciato una rottura dell'ordine costituzionale a Caracas.

05:31Barcellona: a Cambrils kamikaze con cinture esplosive

BARCELLONA - Indossavano probabilmente cinture esplosive da kamikaze i sospetti terroristi, quattro dei quali uccisi e uno ferito in un'operazione della polizia locale spagnola a Cambrils, localita' turistica a 100 chilometri da Barcellona, sulla costa sud-occidentale. Lo riferisce la tv pubblica spagnola RTVE. La televisione dice che i cinque stavano tentando di portare a termine un attacco simile a quello di Barcellona. Sette persone sono rimaste ferite, due in modo grave.

05:28Venezuela: Costituente sospende immunità marito Ortega Diaz

CARACAS - L'Assemblea Costituente promossa dal presidente Nicolas Maduro ha sospeso l'immunità parlamentare di German Ferrer, deputato chavista e marito dell'ex Procuratrice Luisa Ortega Diaz, su richiesta del Tribunale Supremo di Giustizia. L'alta corte aveva autorizzato ieri l'arresto di Ferrer, in base all'imputazione per corruzione, estorsione, associazione a delinquere e riciclaggio presentata dal successore di Ortega Diaz alla Procura, Tarek William Saab.

05:22Barcellona:polizia,a Cambrils si preparava attentato

BARCELLONA - Secondo la tv pubblica spagnola RTVE sono quattro i presunti terroristi uccisi dalla polizia locale della Catalogna a Cambrils. La polizia sospetta che stessero preparando un attacco nella localita' turistica a circa 100 chilometri da Barcellona. Un quinto presunto terrorista e' rimasto ferito. La polizia ha invitato i cittadini di Cambrils a non uscire di casa.

05:17Barcellona:blitz polizia a Cambrils,uccisi terroristi

ROMA - Quattro o cinque presunti terroristi sono stati uccisi in un'operazione della polizia spagnola in corso a Cambrils, cittadina sulla costa a sud-ovest di Barcellona. La notizia e' riferita dai media spagnoli ed e' riportata, fra l'altro, dall'edizione on line del Guardian. Anche alcuni agenti sono rimasti feriti. Non e' chiaro se l'operazione sia legata alla strage sulla Rambla a Barcellona.

05:13Barcellona: Consiglio Sicurezza Onu condanna attacco

NEW YORK - Il Consiglio di sicurezza dell'Onu ha ''condannato nei termini piu' forti l'attacco terroristico barbaro e vile a Barcellona''. Nella dichiarazione, proposta dall'Italia in accordo con la Spagna, i Quindici hanno ribadito che ''il terrorismo in tutte le sue forme e manifestazioni costituisce una delle piu' gravi minacce alla pace e alla sicurezza internazionali''. Il Cds ha espresso la solidarieta' alla Spagna, sottolineando la ''necessita' di intensificare gli sforzi internazionali per combattere il terrorismo e l'estremismo violento'', un invito rivolto a tutti gli Stati membri.

Archivio Ultima ora