Olette: “Preoccupante aumento della mortalità materna”

CARACAS – Preoccupa il livello di mortalità infantile e materna in Venezuela. Nel 2016, stando all’ex ministro della Salute e ricercato della “Red Defendamos la Epidemiologia”, Josè Felix Oletta, il tasso di mortalità associato alla maternità o al parto è stato di 130 vittime ogni 100mila bambini nati. L’ex ministro, inoltre, ha denunciato che 750 donne sono morte durante il parto negli ospedali pubblici.

– Questo era il tasso di mortalità che avevamo nel 1957, circa 59 anni fa – ha affermato con amarezza Oletta -. Era il tasso di mortalità prima dell’era democratica.

Stando all’ex ministro, il tasso di mortalità infantile è passato da 14,7 ogni mille nati vivi al 18,6 ogni mille bambini.

– Questa cifra – ha precisato il medico – rappresenta un retrocesso di ben 19 anni, come lo dimostrano le statistiche della salute pubblica.

Stando ad Olette, almeno l’80 per cento dei decessi si sarebbe potuto evitare con un’attenta prevenzione. Ha spiegato che il 25 per cento delle complicazioni si ha in donne la cui età non supera i 18 anni.

Il medico ha anche sottolineato che nel 2012, 8 dei 10 ospedali dell’area metropolitana avevano la capacità di 887 posti letto mentre oggi, la capacità pare si sia ridotta a meno di 600 posti letto.

In Venezuela, oggi, il tasso di mortalità infantile e materna è 9 volte superiore a quella accettata dalle nazioni Unite.