Lagarde, segni di spinta sulla crescita. Inflazione Ue riparte

Pubblicato il 04 gennaio 2017 da ansa

ANSA/MICHAEL REYNOLDS

BERLINO. – Le premesse per una spinta sulla crescita nel 2017, a livello globale, ci sono. Ma per Christine Lagarde, che si è espressa in un intervento sull’Handelsblatt di oggi, bisogna distribuire più equamente i redditi: il prerequisito per una buona politica economica oggi. Se il capo del Fmi sceglie il giornale vicino alle imprese tedesche per questo messaggio, è proprio in Germania che cresce il pressing sulla Bce, per un cambio di rotta sui tassi, all’indomani dei dati sull’inattesa impennata dell’inflazione tedesca (+1,7% a dicembre).

E l’inflazione riparte in tutta l’eurozona: Eurostat stima il tasso a 1,1% su base annua, rispetto allo 0,6% registrato a novembre. “Nel 2017 più fattori potrebbero contribuire a una crescita più forte e più sostenibile a livello globale”, ha scritto Lagarde.

“La Germania presiederà il G20 e si impegnerà per misure e riforme strutturali, che aumentano la capacità di resistenza delle economie maggiori – continua -. La Cina continuerà a spostare il modello economico dall’export all’estero, verso la domanda interna. E in molti paesi asiatici e sudamericani assisteremo probabilmente a un aumento della dinamica giovanile”.

Inoltre, “la nuova amministrazione Usa avrà di nuovo il suo focus sulla riforma fiscale delle imprese e sugli investimenti sulle infrastrutture”.

E’ proprio la nuova amministrazione Usa di Donald Trump, sebbene non sia mai nominato direttamente, al centro dei verbali della Fed: esiste, si legge, “considerevole incertezza” sull’impatto che l’amministrazione Trump potrebbe avere sull’economia statunitense. Quasi tutti i funzionari “sono d’accordo sul fatto che è troppo presto per giudicare” quali e come i cambiamenti promessi da Trump verranno attuati, così come “questi possano impattare sull’outlook economico”.

Fermo restando che, alla luce delle promesse ‘espansive’ del presidente eletto, e del loro relativo impatto positivo sull’economia Usa, quasi tutti i funzionari Fed sono d’accordo sulla possibilità di un’accelerazione nel rialzo dei tassi. Non a caso, anche secondo Lagarde, ci saranno tuttavia “sfide” poste dai “fattori politici che hanno influenzato il 2016”.

L’intervento della responsabile francese del fondo è incentrato sulle disuguaglianze: “negli ultimi 20 anni il reddito del 10% più ricco della popolazione è salito del 40%, mentre i ceti più deboli quasi non guadagnano”. “Il Fmi ritiene che una distribuzione del reddito più equa rappresenti non solo una buona politica sociale, ma anche una buona politica economica”.

È lo stesso giornale a chiamare la Bce, dedicando l’apertura ai dati sull’inflazione. “La distruzione del valore è drammatica: i cittadini federali accumulano oltre 5 mila miliardi di euro. Con un’inflazione dell’1%, il patrimonio perde 50 miliardi all’anno. All’1,5% si tratta addirittura di 75 miliardi”, calcola Marc Tuengler, direttore generale di DSW, associazione per la tutela dei titoli.

Per il ministro delle Finanze della Baviera, Markus Soeder “un disastro”: “la Bce deve al più presto iniziare ad alzare gradualmente i tassi”.

(di Rosanna Pugliese/ANSA)

Ultima ora

18:11Sicilia: Micciché, mai fatti accordi con Lotti

(ANSA) - PALERMO, 17 DIC - Il neo-eletto presidente dell'Ars, Gianfranco Miccichè in una nota dichiara "che con il ministro dello Sport, Luca Lotti, non c'è stato alcun accordo sulla eventualità di far confluire i voti dei deputati del Pd sulla sua candidatura alla presidenza del Parlamento siciliano". "Il ministro Lotti - sottolinea Miccichè - mi ha telefonato dopo la mia elezione per augurarmi buon lavoro".

18:04Savoia: Vittorio Emanuele, domani a Vicoforte per omaggio

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - "Domani, alle ore 15.00, insieme a mia moglie Marina, a mio figlio Emanuele Filiberto, a mia sorella Maria Pia ed a mio nipote Serge di Jugoslavia, mi recherò al Santuario di Vicoforte per rendere omaggio alle sepolture provvisorie dei miei nonni, il Re Vittorio Emanuele III e la Regina Elena". Lo scrive, in una nota, Vittorio Emanuele di Savoia.

18:03Savoia: Comunità ebraiche, profonda inquietudine

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - "In un'epoca segnata dal progressivo smarrimento di Memoria e valori fondamentali il rientro della salma del re Vittorio Emanuele III in Italia non può che generare profonda inquietudine, anche perché giunge alla vigilia di un anno segnato da molti anniversari", tra cui "gli 80 anni dalla firma delle Leggi Razziste". Lo sottolinea la Presidente dell'Unione delle Comunità Ebraiche Italiane Noemi Di Segni, ricordando che "Vittorio Emanuele III fu complice di quel regime fascista di cui non ostacolò mai l'ascesa".

18:02Igor: accetta estradizione, ma dopo inchiesta Spagna

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - Norbert Feher, noto come 'Igor il russo' ha risposto in italiano alle domande del giudice spagnolo, Carmen Lamela - durante l'interrogatorio tenuto in videoconferenza - e ha accettato, non opponendosi al mandato di arresto europeo, di essere consegnato in Italia per essere processato per gli omicidi commessi ad aprile tra Bolognese e Ferrarese. Secondo quanto filtra da ambienti investigativi italiani l'eventuale consegna - come è emerso dall'interrogatorio durante l'udienza di convalida in Aragona - avverrà dopo i processi per i tre omicidi - di due agenti della Guardia Civil e di un allevatore - avvenuti in Spagna lo scorso 14 dicembre. Nell'interrogatorio il latitante, fuggito dall'Italia otto mesi fa, ha detto di essere in Spagna da settembre. Sull'affermazione verranno fatti accertamenti.(ANSA).

17:54Papa: Gentiloni, grazie per esortarci a fare mondo migliore

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - "Desidero ancora una volta ringraziarla profondamente per il suo inarrestabile impegno che scuote le nostre coscienze e ci esorta a rendere migliore questo mondo". Lo dice il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni in un messaggio di auguri a Papa Francesco per il suo compleanno.

17:53Austria: Salvini, Strache? Non è un estremista

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - In Austria "io non vedo estremisti al governo. Heinz-Christian Strache non è assolutamente estremista, se controllare i confini è estremista allora sono estremista anche io. Io vedo un partito che difende l'interesse nazionale austriaco e io come Lega lo voglio fare non solo in Lombardia e Veneto dove governiamo da anni, ma anche in Puglia o in Campania". Lo afferma il segretario della Lega Matteo Salvini a "1/2 ora in più".

17:42Salvini, serve programma scritto o no alleanze con FI

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - "Io chiedo un programma comune del centrodestra, senza un programma scritto" nei suoi "capisaldi non c'è alleanza". Lo afferma il segretario della Lega Matteo Salvini a "1/2 ora in più" su Raitre spiegando che l'abolizione della Fornero, un intervento su immigrazione, scuola e sulle politiche europee, sono i punti "su cui non ci può essere trattativa". "Io ritengo che Berlusconi firmerà", spiega Salvini, ritenendo necessario, in vista dell'ipotesi larghe intese anche "un patto contro gli inciuci".

Archivio Ultima ora