Legge elettorale tra proporzionale e soglia, il nodo tra Berlusconi e Renzi

Pubblicato il 04 gennaio 2017 da ansa

Foto Roberto Monaldo / LaPresse

ROMA. – Una legge elettorale proporzionale, con una soglia di sbarramento alta. E’ questa la richiesta di Silvio Berlusconi e da lì il Cavaliere non si smuove, come ha spiegato agli interlocutori nelle ultime ore. Ma, osservano le stesse fonti, se nel dialogo in Parlamento con il Pd si arrivasse a un modello di questo tipo, potrebbero ridursi anche le resistenze rispetto all’ipotesi di un ritorno anticipato alle urne, voluto fortemente da Matteo Renzi.

Nei contatti informali in corso da giorni tra gli ‘sherpa’ di Pd e Fi, gli uomini del Cavaliere avrebbero ribadito il no a fughe in avanti di Renzi. Di qui anche la linea, riaffermata da Renato Schifani, della disponibilità a sedersi a un tavolo di confronto dopo che si sarà pronunciata la Consulta, il 24 gennaio.

E alla vigilia della ripresa dei lavori parlamentari, la prossima settimana, con un passaggio delicato come il voto al Senato sulla sfiducia al ministro Giuliano Poletti, Berlusconi avrebbe tenuto ferma la linea indicata prima di Natale: Fi tiene un atteggiamento di interlocuzione responsabile con il governo e confida nel ruolo di garante del presidente della Repubblica Sergio Mattarella e in quello di ‘facilitatore’ del premier Paolo Gentiloni, a partire da un tema come la legge elettorale.

Il tentativo, spiegano fonti azzurre, è allontanarsi il più possibile dal maggioritario proposto da Renzi con il ritorno al Mattarellum e arrivare a incassare un sistema il più vicino possibile al modello tedesco.

La prima preoccupazione del leader del Pd, in questo momento, sarebbe comunque evitare di restare intrappolato in un gioco di ‘melina’ sulla legge elettorale per prolungare la legislatura. Ferma restando la proposta del Mattarellum, il Pd sarebbe pronto a discutere di soluzioni corrette in senso più proporzionale, ma è determinato a fare chiarezza sulle posizioni in campo prima della sentenza della Consulta, attesa per il 24 gennaio.

A complicare la partita, però, ci sono anche le spinte tra i parlamentari Dem a non accelerare la fine della legislatura e il difficile dialogo con la minoranza interna, che al Senato ha un peso determinante. Nei prossimi giorni a Palazzo Madama si farà un punto per verificare quanto siano a rischio i numeri sulla sfiducia a Poletti (tra i senatori della maggioranza Pd c’è anche chi continua a ventilare, anche se lui lo ha escluso, un passo indietro del ministro).

Ma sui destini della legge elettorale pesa anche la questione della sostituzione di Anna Finocchiaro alla guida della commissione Affari costituzionali del Senato. In chiave di una possibile intesa con Fi si è fatta largo l’ipotesi di affidare la presidenza a un senatore ‘azzurro’. Ma al momento la via maestra sembra essere quella di un accordo dentro il Pd, dal momento che in commissione siedono quattro senatori della minoranza Dem.

La loro candidata sarebbe Doris Lo Moro, attuale capogruppo in commissione. Ma i renziani preferirebbero un profilo come quello di Vannino Chiti, che ha votato Sì al referendum. Le posizioni però sono ancora lontane e i tempi sembrano allungarsi.

Renzi intanto, tornato lunedì a Pontassieve dalla vacanza di Capodanno sulla neve, sta preparando il rilancio del partito, con un rafforzamento della segreteria e anche della comunicazione sul web. All’inizio della prossima settimana sarà a Roma – ma già nella giornata di martedì scorso sarebbe stato avvistato al lavoro nel suo ufficio al Nazareno – e potrebbe annunciare la nuova composizione della segreteria.

Accanto a Tommaso Nannicini, chiamato a occuparsi del programma, potrebbero arrivare Piero Fassino e alcuni sindaci come Giuseppe Falcomatà e Ciro Bonajuto. Ma la composizione sarebbe ancora in via di definizione, dal momento che Renzi considera il rafforzamento del partito cruciale per i delicati passaggi dei prossimi mesi.

(di Serenella Mattera/ANSA)

Ultima ora

01:37Corea del Nord, Kim: Trump è folle e pagherà per minacce

(ANSA) - PYONGYANG, 22 SET - Il leader nordcoreano Kim Jong-un ha definito Donald Trump "un folle" e ha aggiunto che il presidente statunitense "pagherà caro" per le sue minacce. Kim ha accusato Trump di non essere adeguato per ricoprire il ruolo di "comandante in capo di un Paese". Il capo del regime nordcoreano ha descritto il presidente Usa come "una canaglia e un bandito, desideroso di giocare con il fuoco". Le parole di Kim arrivano in risposta al bellicoso discorso fatto da Trump sulla Corea del Nord all'assemblea generale dell'Onu.

00:40Calcio: Liga, nuovo stop per la Real Sociedad

(ANSA) - ROMA, 22 SET - Nuovo stop per la Real Sociedad, battuta 3-0 a Valencia dal Levante, in una delle tre gare che giovedì sera hanno chiuso la quinta giornata di Liga. La formazione di San Sebastian, sconfitta in casa domenica scorsa dal Real Madrid, perde così ulteriore terreno dalle zone alte della classifica. Pareggi sugli altri due campi: 0-0 fra Villarreal ed Espanyol, 1-1 fra Celta Vigo e Getafe. Classifica: Barcellona 15 punti; Siviglia 13; Atletico Madrid 11; Valencia, Levante, Real Sociedad e Betis 9; Real Madrid 8; Villarreal, Athletic Bilbao e Leganes 7; Las Palmas ed Eibar 6; Getafe, Girona ed Espanyol 5; Celta e Deportivo 4; Alaves e Malaga 0.

00:16Calcio: primo dispiacere per Mancini, Zenit fuori in Coppa

(ANSA) - ROMA, 21 SET - Primo dispiacere per Roberto Mancini alla guida dello Zenit: questa sera, infatti, la squadra di San Pietroburgo è stata eliminata dalla Coppa di Russia per mano di un club rivale cittadino di seconda divisione, la Dynamo San Pietroburgo. Lo Zenit, solitario in vetta al campionato (imbattuto dopo dieci giornate), è stato sconfitto per 3-2 ai tempi supplementari in una delle gare dei sedicesimi di finale. Rimasti in dieci dopo pochi minuti per l'espulsione di Mevlja, gli uomini di Mancini sono andati a riposo sotto di due reti ma, grazie alla reazione nella ripresa, sono riusciti a rimettere in equilibrio la situazione con i gol dell'ex romanista Paredes e di Poloz; ai supplementari, tuttavia, è arrivato il terzo gol della Dynamo con un rigore di Kulishev (autore di una doppietta, di Barsov l'altra marcatura).

23:40M5s: votazioni candidato premier proseguono

(ANSA) - ROMA, 21 SET - Proseguiranno anche domani mattina le votazioni sulla piattaforma Rousseau per la scelta del candidato premier del M5s. Il blog di Beppe Grillo, al termine della prima proroga stabilità alle 23 di questa sera, annuncia che le votazioni verranno riprese anche domani mattina dalle 8 fino alle 12.

23:33Calcio: Emery, rigorista Neymar o Cavani? Conta segnare

(ANSA) - ROMA, 21 SET - "I rigoristi sono Neymar e Cavani. Chi dei due è il numero uno? L'importante è segnare". Unai Emery, tecnico del Paris Saint-Germain, glissa così sulla vicenda della lite tra i fuoriclasse brasiliano e uruguaiano che in questi giorni ha agitato lo spogliatoio del club. L'allenatore, parlando in conferenza stampa in vista del ritorno in campo sabato a Montpellier, ha inteso in questo modo non creare favoritismi tra i due compagni di squadra dopo l'episodio del rigore conteso, domenica scorsa nella gara contro il Lione. Il tecnico spagnolo, d'altronde, avrebbe parlato con entrambi i giocatori ed è lecito ritenere che, se non una gerarchia, quantomeno un accordo sia stato raggiunto per far sì che al prossimo rigore non si ripeta lo stesso problema. Secondo "L'Equipe", intanto, Neymar avrebbe già presentato le sue scuse a tutta la squadra per l'accaduto. Il brasiliano, precisa il quotidiano francese, avrebbe parlato ieri prima dell'allenamento, con il supporto da interprete del connazionale Thiago Silva.

22:55Vaticano: processo, Spina, “Bertone chiarì col Papa”

(ANSA) - CITTA' DEL VATICANO, 21 SET - La vicenda della ristrutturazione dell'attico del Segretario di Stato emerito, con soldi della Fondazione Bambino Gesù, era stata chiarita dallo stesso cardinale Tarcisio Bertone, "di persona, con il Santo Padre". Lo ha riferito nel corso dell'interrogatorio Massimo Spina, ex tesoriere della Fondazione Bambino Gesù, accusato di peculato. "Me lo disse il presidente Profiti dopo il clamore mediatico" sulla vicenda nel maggio 2014. "Avevo un compito di carattere esecutivo, dovevo dare costante contezza contabile della situazione finanziaria della Fondazione Bambino Gesù"; "Non disponevo neanche di un centesimo"; "Non potevo neanche comprare una penna". E' questa la linea di difesa dell'ex tesoriere del Bambino Gesù, Massimo Spina, accusato con l'ex presidente Giuseppe Profiti, di peculato per la destinazione di 422mila euro della Fondazione per la ristrutturazione dell'appartamento del cardinale Tarcisio Bertone, ex Segretario di Stato.

22:47Tennis: Laver Cup, si parte con Cilic-Tiafoe

(ANSA) - ROMA, 21 SET - Saranno Marin Cilic e Frances Tiafoe a inaugurare domani la prima edizione della Rod Laver Cup, il nuovo format del tennis che vedrà a Praga i campioni della racchetta difendere i colori dell'Europa da una parte e del resto del mondo dall'altra, sulla falsariga della Ryder Cup golfistica. I capitani dei due team, Bjorn Borg per l'Europa e John McEnroe per il Resto del mondo hanno comunicato le loro scelte per la giornata d'esordio che, oltre al croato e allo statunitense, vedrà scendere in campo Dominic Thiem (Europa) e John Isner (Mondo) e nella sessione serale Alexander Zverev (Europa) contro Denis Shapovalov (Mondo) e il primo doppio, Tomas Berdych/Rafa Nadal (Europa) contro Nick Kyrgios/Jack Sock (Mondo). Roger Federer, tra i più attesi nel team Europa, riposerà nella prima giornata. Sede dei match, da domani a domenica, il veloce indoor della O2 Arena della capitale ceca. La formula del torneo prevede tre giorni di incontri, con 3 singolari e un doppio al dì, e un doppio decisivo in caso di parità.

Archivio Ultima ora