Charlie Hebdo, ‘la fine del tunnel’

Pubblicato il 05 gennaio 2017 da ansa

(ANSA) – PARIGI, 5 GEN – Numero speciale di Charlie Hebdo a due anni dalla strage dei fratelli Kouachi che decimò la redazione del giornale. “2017, finalmente la fine del tunnel”, titola il settimanale satirico della Francia nella prima pagina su sfondo rosso. Ma nell’amara vignetta il ‘tunnel’ è il kalashnikov imbracciato da un jihadista pronto a colpire. Mentre Libération ripubblica oggi le controverse caricature che seguirono il terremoto in centro Italia con le lasagne e i morti. “Charlie all’italiana” è il titolo di un lungo reportage firmato dall’italiano, Francesco Mazza, che dopo le polemiche per la vignetta sul sisma ad Amatrice, lo scorso agosto, difese la satira dei francesi nel pezzo pubblicato sul web: “La vignetta di Charlie Hebdo spiegata a mia madre”. Per ringraziarlo i redattori del settimanale lo hanno ricevuto nella nuova redazione bunker. Un privilegio concesso a pochissimi, viste anche le misure di sicurezza.

I commenti sono chiusi.

Ultima ora

19:53Operaio forestale ucciso nel nuorese: fatale un colpo fucile

(ANSA) - NUORO, 20 SET - Un solo colpo di fucile alla testa esploso a distanza ravvicinata: questo l'esito dell'autopsia sul corpo di Luca Carboni, l'operaio forestale di 46 anni di Orani, ucciso ieri notte davanti a una pizzeria del paese. L'esame è stato effettuato all'ospedale San Francesco di Nuoro dal medico legale Vindice Mingioni. La salma è stata quindi restituita ai familiari. I funerali della vittima, separato e padre di due figli, sono previsti domani pomeriggio nella parrocchia di Sant'Andrea. In un post sulla pagina Facebook del Comune di Orani, la reazione dell'amministrazione e del sindaco Antonio Fadda. "Nel condannare fermamente l'assassinio del nostro compaesano Luca Carboni - si legge - chiediamo a tutti gli oranesi, nessuno escluso, di riflettere sui valori che stanno alla base della convivenza umana, e che sono i pilastri stessi della nostra comunità: civile convivenza, rispetto, solidarietà, bene comune. Non lasciamo che sia l'assurda logica della violenza a vincere, non facciamoci trascinare da pericolose ondate di odio, vendetta e rancore. Rialziamo la testa, e dimostriamo a noi stessi e agli altri i valori di una comunità ospitale, unita, sana". Le indagini della Squadra Mobile di Nuoro, coordinate dal sostituto procuratore Andrea Schirra, proseguono con interrogatori, perquisizione e posti di blocco. Gli inquirenti scavano nel passato dell'uomo tormentato dalle vicende giudiziarie legate al traffico di armi e di droga, attentati e usura. Secondo gli inquirenti, Luca Carboni avrebbe anche fatto parte, seppur con un ruolo marginale, della banda pronta a trafugare a scopo di estorsione la salma del costruttore automobilistico Enzo Ferrari. Per questo all'operaio era stato imposto l'obbligo di dimora.(ANSA).

19:45Donna incinta al sesto mese presa a calci da un clochard

(ANSA) - MILANO, 20 SET - Una donna ucraina di 32 anni, al sesto mese di gravidanza, è stata aggredita da un clochard nei giardinetti di via Keplero, a Milano. L'episodio è avvenuto alle 15, alla polizia ha raccontato di essere stata avvicinata dal senzatetto e colpita con due calci alla schiena senza alcun motivo. L'uomo, che sarebbe anch'egli dell'est Europa ed è noto nella zona, è scappato prima dell'arrivo della polizia. La 32enne è stata accompagnata a scopo precauzionale all'ospedale Niguarda ma non ha riportato contusioni preoccupanti.

19:38‘Give a home’, mille artisti per campagna rifugiati Amnesty

(ANSA) - ROMA, 20 SET - Trecento concerti in 24 ore, dalla Nuova Zelanda a Seattle negli Stati Uniti, passando per l'Europa, Italia compresa, con mille artisti, dai big internazionali alle band di musica etnica formate dagli stessi migranti: è quanto si sta svolgendo in questi ore in tutto il mondo con "Give a Home", iniziativa organizzata da Amnesty International e Sofar Sounds a sostegno dei rifugiati. Tanti gli artisti che si stanno cimentando in performance che si svolgono in luoghi pubblici, ma anche in case private o in strutture che simboleggiano l'accoglienza: fra questi, Ed Sheeran, Emeli Sandé, Hot Chip, Jesse&Joy, Laura Mvula, Ludovico Einaudi, The National. Suoneranno anche band di rifugiati originari di ogni parte del mondo. Nell'occasione potranno raccontare le loro storie: come l'Orchestra of Syrian Musicians e il duo pop somalo-canadese Faarrow, che si esibiranno a Londra e a Los Angeles. In Italia, appuntamenti per la manifestazione, fra gli altri, a Milano, Napoli, Roma, Verona, Brescia, Udine.

19:35Pugilato: morto LaMotta, il ricordo di Mazzinghi

(ANSA) - PISA, 20 SET - "Ci ha lasciati Jake La Motta uno dei più grandi pugili, un pezzo di grande storia pugilistica e non solo.....Sono molto dispiaciuto, un uomo che ha combattuto tanto nella vita, le sue gesta rimarranno per sempre scolpite dentro tutti noi". Così su facebook l'ex pugile Sandro Mazzinghi, che ha 79 anni, ricorda il campione americano scomparso.

19:32Prolungata di 15 giorni detenzione Metwaly

(ANSA) - IL CAIRO, 20 SET - E' stata prolungata di 15 giorni la custodia cautelare in carcere inflitta a Ibrahim Metwaly, consulente legale al Cairo della famiglia di Giulio Regeni. Lo ha riferito all'ANSA l'avvocato Ezzat Ghonem, difensore dell'attivista per i diritti umani. Metwaly era stato arrestato il 10 settembre all'aeroporto della capitale egiziana mentre si recava a Ginevra per partecipare a una sessione del Consiglio dei diritti umani dell'Onu.

19:31Calcio: Corradi e Tarozzi tra neoallenatori

(ANSA) - FIRENZE, 20 SET - Ci sono anche Bernardo Corradi e Andrea Tarozzi tra i nuovi 'Allenatori Professionisti di prima categoria' che hanno superato gli esami finali tenuti in questi giorni a Coverciano ottenendo così la qualifica UEFA Pro, che abilita ad allenare qualsiasi squadra comprese quelle di Serie A e B. Corradi e Tarozzi si sono diplomati col massimo dei voti, 110 su 110, e come loro anche Alberto Colombo, Roberto De Zerbi e Michele Santoni. Tra i 24 diplomati anche altre conoscenze del calcio italiano come Dario Hubner, Simone Tiribocchi, Luciano Zauri, Marco Rossi oltre a Gianluca Conte, fratello dell'attuale allenatore del Chelsea.

19:31Iraq: ‘Isis quasi sconfitta, ma attenti a nuovi terroristi’

(ANSA) - ROMA, 20 SET - L'Isis è stata praticamente sconfitta militarmente in Iraq, ma non per questo la questione del terrorismo islamico è stata completamente risolta nel paese e nell'area mediorientale. Occorre mantenere la pressione perché spuntano nuove generazioni di jihadisti pronti ad infiltrarsi nella società irachena - sfruttando povertà ed ignoranza anche attraverso i social sui quali si muovono con molta destrezza - mentre i cosiddetti 'foreign fighter' tornano a casa pronti a nuove azioni devastanti in Europa. Queste le conclusioni dei partecipati al Forum 'La situazione attuale in Iraq e nell'area del Medio Oriente allargato', organizzato dall'ANSA e dal Centro Studi Internazionali, con esperti iracheni e italiani: i direttori degli affari politici del ministero degli esteri di Baghdad, Haider al-Barak, e del centro studi strategici dell'università di Kerbala, Khaled Olewiwi Jiad, Massimo Artini, vicepresidente della commissione Difesa della Camera, Lucio Malan, della commissione Esteri del Senato.

Archivio Ultima ora