Sicurezza, migranti e povertà. Lite continua tra Pd e Grillo

Pubblicato il 05 gennaio 2017 da ansa

ROMA. – “Accoglienza umanitaria e rigore”. L’equazione è possibile, assicura Paolo Gentiloni. Al suo fianco il premier ha il ministro dell’Interno Marco Minniti, che dopo i dubbi espressi nella stessa maggioranza Pd ha corretto il tiro del progetto di riapertura dei Cie in ogni Regione e ipotizzato strutture piccole, con gestione trasparente e garanzia delle condizioni di vita al loro interno. E ha annunciato un “piano organico” su immigrazione e sicurezza su cui sfidare l’opposizione in Parlamento.

Il tentativo è provare a contrastare con i fatti il messaggio “populista della paura” di chi, come Lega ma soprattutto M5s, “è già in campagna elettorale e – osserva un dirigente Pd – ci attacca e martella ogni giorno, su ogni fronte”. Premier e ministri evitano di entrare in polemica, ma tra parlamentari 5 Stelle e Dem lo scontro è costante, con il web divenuto un ring.

Gentiloni a Palazzo Chigi riprende in mano tutti i dossier più delicati. La prossima settimana, con due visite a Parigi il 10 e a Londra il 12, inizierà il ‘tour’ delle Cancellerie europee che lo porterà a Berlino il 18 e poi probabilmente a fine mese a Madrid e a Lisbona per il vertice dei capi di Stato socialisti.

Il premier è al lavoro anche sul G7 di maggio a Taormina e sente Shinzo Abe, primo ministro giapponese: centrali saranno “ripresa dell’economia mondiale, crescita, grandi investimenti e riforme strutturali”. Ma sono i fronti interni i più caldi per il governo. L’11 la Consulta si pronuncerà sui quesiti referendari sul Jobs act e negli stessi giorni il ministro Giuliano Poletti dovrà affrontare la mozione di sfiducia in Senato, su cui si registra maretta nel Pd.

E poi sono centrali i temi del contrasto alla povertà, con il tentativo di accelerare il ddl delega sul reddito di inclusione, e più in generale dell’economia (i dati Istat positivi nel terzo trimestre 2016 portano i dirigenti Dem a dire che “la strada è giusta”), oltre che delle banche e della ricostruzione delle aree terremotate. Nel pomeriggio a Palazzo Chigi si segnala la presenza del ministro Pier Carlo Padoan e poi del commissario Vasco Errani.

Su immigrazione, sicurezza e sulla ricerca di un accordo con la Libia per controllare i flussi, Gentiloni incontra ministri e vertici degli apparati di sicurezza. Poi vede la Commissione di studio sulla radicalizzazione e i fenomeni di jihadismo in Italia. “La minaccia non autorizza a fare equazioni improprie tra migrazione e terrorismo”, afferma il premier.

Ma il tentativo, dopo l’attentato di Berlino, è rispondere alla percezione di insicurezza con un’azione articolata. Intensificare gli accordi con i Paesi africani, tenere alto il pressing sull’Europa e in Italia coniugare l’accoglienza con il rigore delle espulsioni. Tenendo conto che la sensibilità a sinistra è alta e la ricetta di Minniti di riapertura dei Cie è stata criticata sia da esponenti della maggioranza che della minoranza Pd, da Debora Serracchiani a Gianni Cuperlo. Di qui la correzione con l’annuncio di centri piccoli e tutela di diritti che potrebbe convincere la stessa minoranza, che per ora sospende il giudizio.

In vista delle possibili elezioni anticipate auspicate dallo stesso Matteo Renzi, però, è incessante il ‘martellamento’ del M5s. I grillini, osservano i Dem, attaccano a tutto campo. Da Luigi Di Maio che accusa l’Italia di “abbandonare i poveri” e chiede di adottare il reddito di cittadinanza (costerebbe 14,9 miliardi), a Danilo Toninelli che torna ad attaccare sul “fallimento” dei Cie. Toninelli attacca anche l’inglese Guardian, per un articolo in cui si sottolinea la vicinanza tra il M5s e Putin e si afferma che il Pd starebbe sottovalutando “la possibile minaccia di interferenza russa nelle elezioni italiane”: “Sono terrorizzati che M5s possa vincere”, afferma il deputato grillino.

E sui social network la polemica politica si trasforma in schermaglia costante con i parlamentari Dem. Anche a colpi di ironia: “Cosa avrebbe detto una giuria popolare della notizie di Beppe Grillo a Malindi per festeggiare il capodanno?”, scrive su Facebook Stefania Covello, della segreteria Dem. Proprio Grillo, ricorda Covello, a Natale aveva elogiato la povertà.

(di Serenella Mattera/ANSA)

Ultima ora

18:11Sicilia: Micciché, mai fatti accordi con Lotti

(ANSA) - PALERMO, 17 DIC - Il neo-eletto presidente dell'Ars, Gianfranco Miccichè in una nota dichiara "che con il ministro dello Sport, Luca Lotti, non c'è stato alcun accordo sulla eventualità di far confluire i voti dei deputati del Pd sulla sua candidatura alla presidenza del Parlamento siciliano". "Il ministro Lotti - sottolinea Miccichè - mi ha telefonato dopo la mia elezione per augurarmi buon lavoro".

18:04Savoia: Vittorio Emanuele, domani a Vicoforte per omaggio

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - "Domani, alle ore 15.00, insieme a mia moglie Marina, a mio figlio Emanuele Filiberto, a mia sorella Maria Pia ed a mio nipote Serge di Jugoslavia, mi recherò al Santuario di Vicoforte per rendere omaggio alle sepolture provvisorie dei miei nonni, il Re Vittorio Emanuele III e la Regina Elena". Lo scrive, in una nota, Vittorio Emanuele di Savoia.

18:03Savoia: Comunità ebraiche, profonda inquietudine

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - "In un'epoca segnata dal progressivo smarrimento di Memoria e valori fondamentali il rientro della salma del re Vittorio Emanuele III in Italia non può che generare profonda inquietudine, anche perché giunge alla vigilia di un anno segnato da molti anniversari", tra cui "gli 80 anni dalla firma delle Leggi Razziste". Lo sottolinea la Presidente dell'Unione delle Comunità Ebraiche Italiane Noemi Di Segni, ricordando che "Vittorio Emanuele III fu complice di quel regime fascista di cui non ostacolò mai l'ascesa".

18:02Igor: accetta estradizione, ma dopo inchiesta Spagna

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - Norbert Feher, noto come 'Igor il russo' ha risposto in italiano alle domande del giudice spagnolo, Carmen Lamela - durante l'interrogatorio tenuto in videoconferenza - e ha accettato, non opponendosi al mandato di arresto europeo, di essere consegnato in Italia per essere processato per gli omicidi commessi ad aprile tra Bolognese e Ferrarese. Secondo quanto filtra da ambienti investigativi italiani l'eventuale consegna - come è emerso dall'interrogatorio durante l'udienza di convalida in Aragona - avverrà dopo i processi per i tre omicidi - di due agenti della Guardia Civil e di un allevatore - avvenuti in Spagna lo scorso 14 dicembre. Nell'interrogatorio il latitante, fuggito dall'Italia otto mesi fa, ha detto di essere in Spagna da settembre. Sull'affermazione verranno fatti accertamenti.(ANSA).

17:54Papa: Gentiloni, grazie per esortarci a fare mondo migliore

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - "Desidero ancora una volta ringraziarla profondamente per il suo inarrestabile impegno che scuote le nostre coscienze e ci esorta a rendere migliore questo mondo". Lo dice il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni in un messaggio di auguri a Papa Francesco per il suo compleanno.

17:53Austria: Salvini, Strache? Non è un estremista

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - In Austria "io non vedo estremisti al governo. Heinz-Christian Strache non è assolutamente estremista, se controllare i confini è estremista allora sono estremista anche io. Io vedo un partito che difende l'interesse nazionale austriaco e io come Lega lo voglio fare non solo in Lombardia e Veneto dove governiamo da anni, ma anche in Puglia o in Campania". Lo afferma il segretario della Lega Matteo Salvini a "1/2 ora in più".

17:42Salvini, serve programma scritto o no alleanze con FI

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - "Io chiedo un programma comune del centrodestra, senza un programma scritto" nei suoi "capisaldi non c'è alleanza". Lo afferma il segretario della Lega Matteo Salvini a "1/2 ora in più" su Raitre spiegando che l'abolizione della Fornero, un intervento su immigrazione, scuola e sulle politiche europee, sono i punti "su cui non ci può essere trattativa". "Io ritengo che Berlusconi firmerà", spiega Salvini, ritenendo necessario, in vista dell'ipotesi larghe intese anche "un patto contro gli inciuci".

Archivio Ultima ora