Fca scommette sugli Usa. Prove d’intesa tra Marchionne e Trump

Pubblicato il 09 gennaio 2017 da ansa

DETROIT. – Sergio Marchionne scommette sugli Stati Uniti, investendo un miliardo di dollari e creando 2.000 posti di lavoro. Una mossa con la quale avvia ‘prove di intesa’ con Donald Trump. Proprio il presidente eletto plaude all’iniziativa, ringraziando pubblicamente su Twitter Fiat Chrysler. ”E’ un atto dovuto al Paese” replica Marchionne, confermando per il gruppo gli obiettivi del 2018 e aprendo alla possibilità di un ritorno al dividendo prima di quella data.

”Si sta sviluppando una coscienza da parte degli investitori sul fatto che gli obiettivi non sono fantasmagorici come si pensava”, spiega Marchionne riferendosi alle recenti promozioni delle banche, da Goldman Sachs a Mediobanca. Una volta raggiunti i target, Fca sarà al sicuro. ”Il mio obiettivo è completare il piano del 2018”: è importante chiudere senza debiti e con, come previsto, 5 miliardi di cassa, 9 miliardi di utile operativo e 5 miliardi di netto. Obiettivi con i quali Fca avrà una solidità finanziaria che la riparerà dai rischi dopo il 2018.

”Abbiamo fatto gli stress test” dice, escludendo uno spin off di Alfa Romeo e Maserati, ma lasciando aperta la porta a quello di Magneti Marelli. Al completamento del piano industriale, Marchionne secondo le attese dovrebbe lasciare. ”Spero” che il bilancio del 2018 ”sarà l’ultimo che firmo” mette in evidenza, rassicurando sulla sua successione. ”Procede bene. E’ tutta interna” dice. E non esclude la possibilità di un maxi accordo prima della sua uscita. ”Non escludo nulla” afferma, ipotizzando che al presidente eletto una fusione fra Fca e General Motors non dispiacerebbe. ”Potrebbe piacergli” dice nel corso di una conferenza stampa al Salone dell’Auto di Detroit.

Un Salone all’insegna di Trump che, pur assente, è il tema principale. ”Non ho avuto contatti diretti” con il presidente eletto, ”non gli ho parlato, e non ho parlato con il suo staff” mette in evidenza Marchionne, precisando che la decisione dell’investimento da 1 miliardo di dollari negli Stati Uniti non è legata ai ‘tweet’ del presidente, che di recente ha cinguettato contro le case automobilistiche, prendendo di mira General Motors, Ford e Toyota.

Marchionne invita alla calma e non lasciarsi prendere dalle speculazioni sulle possibili novità dell’era Trump. ”Aspettiamo di vedere quando si insedia. E’ un territorio nuovo per tutti. Nessuno ha mai avuto un presidente che twitta. Trump è il presidente, noi siamo costruttori e ci adatteremo. Aspettiamo chiarezza” aggiunge.

I nodi da sciogliere sono la possibile imposizione di dazi doganali sulle importazioni, ma anche la ventilata revisione dell’accordo di libero scambio del Nafta. Ci sono poi i tweet del presidente eletto, di fronte ai quali le case automobilistiche si interrogano su come rispondere.

”No, non sono spaventato” dai tweet di Trump” dice il numero uno del marchio Volkswagen, Herbert Diess, rispondendo a chi gli chiedeva se temesse di diventare il prossimo oggetto delle critiche del presidente eletto con la conferma del mantenimento delle attività Volkswagen in Messico.

”Non cambiamo i piani di produzione” per i tweet di Trump, gli fa eco l’amministratore delegato di Gm, Mary Barra, uno dei manager che consigliera’ Trump su temi economici. Ma al di là dei proclami pubblici e dell’ostentata tranquillità, i costruttori attendono indicazioni e chiarezza.

(dell’inviata Serena Di Ronza/ANSA)

Ultima ora

12:48Migranti: assessore Turismo, no accoglienza in comuni Unesco

(ANSA) - CATANIA, 18 AGO - Una delle "emergenze che danneggia le nostre eccellenze è l'immigrazione. Non sono razzista e sono per l' accoglienza, ma con alcuni limiti di buon senso. Uno di questi: non distribuire i profughi nei comuni turistici. Non si possono fare Sprar con decine di migranti a Taormina, a Bronte o nel patrimonio Unesco. I migranti vanno distribuiti altrove. Perciò chiedo ai nostri solerti prefetti di esentare dall'obbligo di accoglienza i sindaci dei comuni turistici siciliani". Lo afferma l'assessore regionale al Turismo, Anthony Barbagallo, in un'intervista a La Sicilia. "La deroga - aggiunge - riguarderebbe circa una cinquantina di Comuni: tutti quelli sedi di siti Unesco, più quelli a evidente vocazione turistica. Non è difficile, secondo me si può fare. Sin da subito". Tra le altre emergenze che danneggiano il turismo nell'Isola, l'assessore ha citato "i pesantissimi danni d' immagine" causati dai "rifiuti, per i quali, oltre ai controlli, urge una rivoluzione culturale" e "quest'anno dagli incendi".

12:36Barcellona: arbitri e Figc, 1′ raccoglimento a Coverciano

(ANSA) - COVERCIANO (FIRENZE), 18 AGO - Un minuto di raccoglimento per l'attentato di Barcellona è stato osservato nel Centro tecnico federale di Coverciano, dove si svolge il tradizionale incontro organizzato dall'AIA in vista dell'inizio della Serie A. Di fronte agli arbitri impegnati nell'ultimo raduno precampionato, intervengono il Presidente federale Carlo Tavecchio, il Presidente dell'Associazione arbitri Marcello Nicchi ed i rappresentanti delle Leghe e delle componenti tecniche, i responsabili di CAN A e CAN B.

12:28Uno bianca: Occhipinti in vacanza-premio in Valle d’Aosta

(ANSA) - PADOVA, 18 AGO - Marino Occhipinti, condannato all'ergastolo per uno degli omicidi dei fratelli Savi della Uno bianca e attualmente sottoposto al regime della semilibertà dal 2012, ha ottenuto dal Tribunale di sorveglianza di Padova, dove è detenuto, la possibilità di trascorrere una settimana in un albergo a quattro stelle a Breuil. Secondo quanto riporta il Gazzettino, Occhipinti sarebbe stato invitato nella località valdostana in relazione ad una iniziativa promossa da Comunione e Liberazione e dalla Cooperativa Giotto, alle cui dipendenze lavora ormai da oltre 15 anni. Occhipinti sarebbe ospite dell'albergo dove viene organizzato l'evento.

12:27Barcellona: Farnesina, 2 italiani morti e 3 feriti

(ANSA) - ROMA, 18 AGO - "Ci sono due italiani tra le vittime e tre feriti". Lo afferma il capo dell'Unità di Crisi della Farnesina Stefano Verrecchia.

12:27Barcellona: sindaco Legnano conferma, Gulotta è morto

(ANSA) - MILANO, 18 AGO - "Nessuna conferma ufficiale dalla Farnesina, ma è sicuro che il nostro concittadino è morto": lo ha detto il sindaco di Legnano, Giambattista Fratus, in una conferenza stampa convocata a Legnano sulla scomparsa a Barcellona di Bruno Gulotta. Il sindaco ha parlato di una giovane vita spezzata in modo "assurdo". Intanto emerge che Gulotta, sulle Ramblas, ha appena fatto in tempo a mettere in salvo i figli prima di essere ucciso. A raccontarlo è stato il titolare della società di Legnano in cui Gulotta lavorava, Pino Bruno. Bruno ha parlato con la moglie di Gulotta, Martina, 28 anni, che gli ha raccontato l'accaduto: "Stavano passeggiando sulle Ramblas con i due figli, Aria, di 7 mesi, nel passeggino, e Alessandro, di 6 anni, che il padre teneva per mano. Il van è arrivato all'improvviso. Tutti d'istinto si sono chinati, come a proteggersi". Gulotta si è messo davanti ai figli, ed è stato travolto. (ANSA).

12:27Barcellona: sindaco Legnano conferma, Gulotta è morto

(ANSA) - MILANO, 18 AGO - "Nessuna conferma ufficiale dalla Farnesina, ma è sicuro che il nostro concittadino è morto": lo ha detto il sindaco di Legnano, Giambattista Fratus, in una conferenza stampa convocata a Legnano sulla scomparsa a Barcellona di Bruno Gulotta. Il sindaco ha parlato di una giovane vita spezzata in modo "assurdo". Intanto emerge che Gulotta, sulle Ramblas, ha appena fatto in tempo a mettere in salvo i figli prima di essere ucciso. A raccontarlo è stato il titolare della società di Legnano in cui Gulotta lavorava, Pino Bruno. Bruno ha parlato con la moglie di Gulotta, Martina, 28 anni, che gli ha raccontato l'accaduto: "Stavano passeggiando sulle Ramblas con i due figli, Aria, di 7 mesi, nel passeggino, e Alessandro, di 6 anni, che il padre teneva per mano. Il van è arrivato all'improvviso. Tutti d'istinto si sono chinati, come a proteggersi". Gulotta si è messo davanti ai figli, ed è stato travolto. (ANSA).

12:23Barcellona: sindaco Legnano conferma, Gulotta è morto

(ANSA) - LEGNANO (MILANO), 18 AGO - "Nessuna conferma ufficiale dalla Farnesina, ma è sicuro che il nostro concittadino è morto": lo ha detto il sindaco di Legnano, Giambattista Fratus, in una conferenza stampa convocata a Legnano sulla scomparsa a Barcellona di Bruno Gulotta.

Archivio Ultima ora