Fca scommette sugli Usa. Prove d’intesa tra Marchionne e Trump

Pubblicato il 09 gennaio 2017 da ansa

DETROIT. – Sergio Marchionne scommette sugli Stati Uniti, investendo un miliardo di dollari e creando 2.000 posti di lavoro. Una mossa con la quale avvia ‘prove di intesa’ con Donald Trump. Proprio il presidente eletto plaude all’iniziativa, ringraziando pubblicamente su Twitter Fiat Chrysler. ”E’ un atto dovuto al Paese” replica Marchionne, confermando per il gruppo gli obiettivi del 2018 e aprendo alla possibilità di un ritorno al dividendo prima di quella data.

”Si sta sviluppando una coscienza da parte degli investitori sul fatto che gli obiettivi non sono fantasmagorici come si pensava”, spiega Marchionne riferendosi alle recenti promozioni delle banche, da Goldman Sachs a Mediobanca. Una volta raggiunti i target, Fca sarà al sicuro. ”Il mio obiettivo è completare il piano del 2018”: è importante chiudere senza debiti e con, come previsto, 5 miliardi di cassa, 9 miliardi di utile operativo e 5 miliardi di netto. Obiettivi con i quali Fca avrà una solidità finanziaria che la riparerà dai rischi dopo il 2018.

”Abbiamo fatto gli stress test” dice, escludendo uno spin off di Alfa Romeo e Maserati, ma lasciando aperta la porta a quello di Magneti Marelli. Al completamento del piano industriale, Marchionne secondo le attese dovrebbe lasciare. ”Spero” che il bilancio del 2018 ”sarà l’ultimo che firmo” mette in evidenza, rassicurando sulla sua successione. ”Procede bene. E’ tutta interna” dice. E non esclude la possibilità di un maxi accordo prima della sua uscita. ”Non escludo nulla” afferma, ipotizzando che al presidente eletto una fusione fra Fca e General Motors non dispiacerebbe. ”Potrebbe piacergli” dice nel corso di una conferenza stampa al Salone dell’Auto di Detroit.

Un Salone all’insegna di Trump che, pur assente, è il tema principale. ”Non ho avuto contatti diretti” con il presidente eletto, ”non gli ho parlato, e non ho parlato con il suo staff” mette in evidenza Marchionne, precisando che la decisione dell’investimento da 1 miliardo di dollari negli Stati Uniti non è legata ai ‘tweet’ del presidente, che di recente ha cinguettato contro le case automobilistiche, prendendo di mira General Motors, Ford e Toyota.

Marchionne invita alla calma e non lasciarsi prendere dalle speculazioni sulle possibili novità dell’era Trump. ”Aspettiamo di vedere quando si insedia. E’ un territorio nuovo per tutti. Nessuno ha mai avuto un presidente che twitta. Trump è il presidente, noi siamo costruttori e ci adatteremo. Aspettiamo chiarezza” aggiunge.

I nodi da sciogliere sono la possibile imposizione di dazi doganali sulle importazioni, ma anche la ventilata revisione dell’accordo di libero scambio del Nafta. Ci sono poi i tweet del presidente eletto, di fronte ai quali le case automobilistiche si interrogano su come rispondere.

”No, non sono spaventato” dai tweet di Trump” dice il numero uno del marchio Volkswagen, Herbert Diess, rispondendo a chi gli chiedeva se temesse di diventare il prossimo oggetto delle critiche del presidente eletto con la conferma del mantenimento delle attività Volkswagen in Messico.

”Non cambiamo i piani di produzione” per i tweet di Trump, gli fa eco l’amministratore delegato di Gm, Mary Barra, uno dei manager che consigliera’ Trump su temi economici. Ma al di là dei proclami pubblici e dell’ostentata tranquillità, i costruttori attendono indicazioni e chiarezza.

(dell’inviata Serena Di Ronza/ANSA)

Ultima ora

11:32Renzi, mai pensato di fare come Macron, vergogna chi va via

(ANSA) - ROMA, 27 APR - "Quando vedi che persone come Macron fanno certi risultati...io lo sconsigliai Macron, invece ha funzionato ma con il 23 per cento. Non sono mai tentato di fare un mio partito, sono convinto che se dai la parola agli elettori stai in una comunità, chi sputa nel piatto in cui mangia si deve vergognare. Dopo di che il sistema francese con il ballottaggio funziona eccome ed infatti io con il referendum volevo la semplificazione totale". Così Matteo Renzi, a Rtl, alla domanda sulla tentazione di fare un suo partito.

11:26Tennis: Bouchard su Sharapova, “non dovrebbe più giocare”

(ANSA) - ROMA, 27 APR - Maria Sharapova nel mirino. La campionessa russa torna e vince, ma non tutti sono con lei. Sulla tennista, ex numero uno del mondo, rientrata ieri in campo a Stoccarda in una competizione ufficiale, battendo Roberta Vinci, dopo 15 mesi di squalifica per doping, giungono soprattutto le critiche durissime dalla collega canadese Eugenie Bouchard, numero 59 del mondo e finalista a Wimbledon nel 2014. "Non doveva tornare" dichiara al sito dell'Independent, la campionessa russa è una "imbrogliona"' e la federazione "non doveva riammetterla" in campo. E sulla BBC sport la tennista canadese rincara la dose: "con la sua decisione, la Wta ha lanciato un messaggio sbagliato ai giovani: imbrogliate tanto poi vi daremo il bentornato a braccia aperte. Non credo tutto ciò sia giusto'. Secondo Bouchard, citata anche dal Daily Mail, la Sharapova "non dovrebbe più giocare".

11:10Incidenti stradali: due ragazzi morti nel Mantovano

(ANSA) - MILANO, 27 APR - Due giovani, entrambi ventenni, sono morti la scorsa notte in un grave incidente stradale che si è verificato a Poggio Rusco (Mantova). Lo ha comunicato il 118. E' accaduto sulla Strada provinciale Ex SS496 poco prima delle 23 di ieri. Secondo quanto si è saputo si sarebbe trattato di un'uscita di strada di un autovettura, finita contro un albero senza il coinvolgimento di altri mezzi. Un giovane di 20 anni è morto sul colpo, un coetaneo, trasportato con 'elisoccorso agli Spedali Civili di Brescia per un grave politrauma, è deceduto una volta giunto al pronto soccorso. Un 21enne è stato trasportato in codice giallo all'ospedale di Mantova.

10:53Corea Nord: esperto Usa, armi in parate militari sono finte

(ANSA) - ROMA, 27 APR - Le armi sfoggiate dai soldati nordcoreani durante le imponenti parate militari organizzate da Pyongyang sono per gran parte finte: ne e' convinto l'ex funzionario dell'intelligence americana Michael Pregent. L'esperto ha analizzato le immagini della parata militare del 15 aprile scorso ed ha concluso che neanche gli occhiali da sole indossati dai soldati in tuta mimetica avrebbero i requisiti necessari per essere utilizzati in combattimento. Molti dei fucili erano finti, ha proseguito Pregent alla Fox News, ipotizzando che molti soldati imbracciavano anche semplici armi giocattolo. Stessa cosa dicasi per i proiettili fuori misura montati alle estremità di alcuni fucili.

10:44Tap: terminate operazioni messa a dimora ulivi eradicati

(ANSA) - MELENDUGNO (LECCE), 27 APR - Sono terminate senza incidenti le operazioni di travaso degli 11 ulivi eradicati dai lotti 2 e 3 e riposti in grandi vasi nel lotto 4 del cantiere del gasdotto Tap in località San Basilio, a San Foca di Melendugno. Le operazioni di eradicazione e messa a dimora degli alberi sono state 'scortate' da più di 100 agenti di polizia arrivati sul posto sin dalle 3 della notte per garantire ai tecnici del consorzio Tap di ultimare le attività previste nel primo step dei lavori e più volte interrotte nelle scorse settimane dalla protesta degli attivisti che si oppongono al progetto del gasdotto. Non si sono registrati scontri o disordini. I manifestanti sono rimasti 'confinati' a ridosso del loro presidio manifestando con slogan e cori la loro contrarietà al progetto della multinazionale svizzera. L'uscita dei cinque camion di Tap dal cantiere al termine delle operazioni é stata accompagnata da un tentativo dei manifestanti di aprirsi un varco nel cordone si sicurezza eretto dagli agenti.

10:44Armati e pronti a sparare, tre arresti a Bari

(ANSA) - BARI, 27 APR - Avevano armi - tre pistole e una mitraglietta - con il colpo in canna e molto probabilmente erano in procinto di compiere un nuovo agguato le tre persone, tutte con precedenti penali, arrestate ieri dagli agenti della squadra Mobile della Polizia di Bari. I tre sono stati bloccati dalla polizia nel quartiere Japigia, nell'ambito di controlli di prevenzione del crimine, nella flagranza dei reati di detenzione e porto abusivo di armi da fuoco clandestine e ricettazione aggravata in concorso. Uno dei tre pregiudicati è anche sottoposto alla misura della sorveglianza speciale di pubblica sicurezza.

10:29Merkel, Gb non avrà diritti come stato Ue,no illusioni

(ANSA) - BERLINO, 27 APR - "Un terzo Stato, quale sarà la Gran Bretagna, non potrà avere gli stessi diritti di uno stato europeo". Lo ha detto Angela Merkel al Bundestag, in vista del consiglio europeo sulla Brexit. La cancelliera ha specificato di "dovere esprimere anche concetti che sembrano scontati". "Ho infatti la sensazione che qualcuno in Gran Bretagna si faccia delle illusioni, e deve essere detto chiaramente che questo è tempo sprecato", ha aggiunto.

Archivio Ultima ora