Verso il tramonto del “madurismo”?

Pubblicato il 09 gennaio 2017 da Mauro Bafile

Tareck El Aissami, vicepresidente della Repubblica

CARACAS – Non un raggio di sole che squarci l’orizzonte, cupo di nuvole minacciose, ma un fulmine a ciel sereno presagio di tormenta. L’annuncio del presidente della Repubblica, Nicolás Maduro, ha colto tutti di sorpresa. E l’ha fatto non perché non si avesse coscienza della necessità di adeguare il salario minimo alla nuova realtà economica, frutto di una dinamica inflazionaria sempre più vicina all’iperinflazione, che provoca il deterioramento accelerato del potere d’acquisto del consumatore, ma perché si riteneva che tale decisione dovesse essere il corollario di una serie di provvedimenti orientati al riequilibrio delle variabili macroeconomiche. Non è stato così. Il presidente della Repubblica ha, di nuovo, rimandato ogni decisione riguardante la sfera economica.
Il governo del presidente Maduro, una volta ancora, non pare scommettere sulla ripresa dell’economia nazionale e sul rilancio dell’industria, ma sull’“economia di porto”. Ovvero, sulla ipotetica possibilità di una ripresa del mercato petrolifero – vedremo nei mesi prossimi se la tendenza sarà o no confermata dalla realtà e in quale misura – che permetterebbe l’importazione di beni essenziali da poter offrire ai consumatori, in particolare alle fasce più bisognose, a prezzi politici. In questa strategia, la sopravvivenza dell’industria privata e l’efficienza di quella pubblica assumono una rilevanza periferica. Poco importa se l’aumento dei salari e il controllo dei prezzi potrebbero, come lo dimostra l’esperienza degli ultimi 15 anni, rappresentare una miscela letale per la piccola e media industria e per l’economia nella sua globalità.

Sono sempre meno i prodotti nazionali presenti negli scaffali dei supermarket

Il “Made in Venezuela” e il “compra venezolano” non sono più di moda. Basta dare uno sguardo ai prodotti negli scaffali dei supermarket per rendersi conto di una realtà preoccupante. Mentre nel resto dell’America Latina si favoriscono i prodotti nazionali su quelli provenienti da altri paesi, in Venezuela oramai la produzione nazionale è stata sostituita da beni di consumo importati dall’Argentina, dalla Bolivia, dal Brasile, dal Cile, dalla Colombia, dall’Ecuador, dall’Iran e dall’Iraq; prodotti, a volte, di dubbia qualità.
Eppure, fino a una quindicina di anni fa, esisteva una fiorente industria locale capace di soddisfare, in gran parte, il fabbisogno nazionale e che si apprestava, in alcuni casi, a fare il gran salto verso l’esportazione. Tante industrie, in particolare quelle piccole e medie, erano proprietà di connazionali, frutto della caparbietà, del coraggio, della capacità imprenditoriale della nostra Collettività. Queste industrie – tante hanno chiuso definitivamente ed altre sussistono a dura pena alla crisi – sono state a lungo fonte di lavoro e di benessere.

Il capo dello Stato, Nicolás Maduro

Il presidente Maduro ha affermato che uno degli obiettivi del governo è abbattere la disoccupazione e portarla attorno al 4,5 per cento. Gli esperti in materia si chiedono come potrà raggiungere l’obiettivo dal momento che il nuovo aumento del salario minimo, senza provvedimenti di carattere economico, asfissierà le poche industrie che resistono alla crisi. La risposta non può che essere una: attraverso l’incremento della burocrazia nella Pubblica Amministrazione e nelle aziende statali. Ma un tale provvedimento sarebbe possibile solo attraverso “denaro inorganico”; cioè, attraverso l’emissione di monete e banconote non vincolate ad alcun bene reale. Le conseguenze sono facilmente immaginabili.
L’annuncio del presidente Maduro contrasta con le denunce delle organizzazioni sindacali. Ed infatti dal 30 dicembre, stando a Marcella Máspero, coordinatrice di Unete, sarebbero già stati licenziati oltre 10mila impiegati nella pubblica Amministrazione e aziende dello Stato. Se dovesse essere vero quanto denunciato da Máspero, allora anche l’impiego statale sarebbe ormai arrivato al capolinea.
La burocrazia, negli ultimi 20 anni, è cresciuta in maniera preoccupante. Alcuni economisti, in passato, avevano già considerato inevitabile il fenomeno. I governi dell’estinto presidente Chávez e quello dell’attuale capo di Stato, Nicolás Maduro, avevano trasformato la Pubblica Amministrazione in una macchina capace di risucchiare la disoccupazione provocata dai provvedimenti economici che hanno messo in crisi tutta l’imprenditorialità privata. Ma, si sa, tutto ha un limite. Come mai in passato, negli ultimi 20 anni lo “Stato paternalista” ha assunto un ruolo decisivo nell’economia; un ruolo che oggi non pare più sostenibile. Così, stando alle organizzazioni sindacali, i ministeri e le aziende pubbliche avrebbero cominciato a ridurre il numero degli impiegati.
Marcella Máspero, coordinatrice di Unete, ha commentato che per il momento l’ondata di licenziamenti ha interessato “Bolivariana de Puertos”, il Ministero dell’Agricoltura, l’Aeroporto di Maiquetía e il Seniat.
L’incremento del salario minimo fa seguito alla designazione di Tareck El Aissami alla vicepresidenza della Repubblica. L’ex governatore dello Stato Aragua, considerato un influente esponente dell’ala più radicale del “chavismo”, sostituisce il professore Aristóbulo Istúriz, politico navigato e più proclive al dialogo con l’Opposizione.
La designazione di Tareck El Aissami è considerata da politologi ed esperti in materia la rottura dell’equilibrio tra le maggiori correnti interne nel chavismo: quella capeggiata dal presidente Maduro e quella, invece, guidata da Diosdado Cabello. L’elezione di El Aissami, di fatto, potrebbe rappresentare il tramonto di Nicolás Maduro e del “madurismo” e l’inizio di una nuova tappa politica nel Paese.
C’è anche chi interpreta la designazione di El Aissami come l’anticamera alle dimissioni di Nicolás Maduro. Ciò permetterebbe al “chavismo” di chiudere una pagina di storia, considerata dallo stesso Psuv e dal “chavismo” tutta da dimenticare, per aprirne un’altra dal futuro incerto. Tareck El Aissami si presenterebbe come un esponente giovane, anche se con un passato controverso; un volto relativamente nuovo, anche se è già stato deputato e ministro degli Interni; un candidato, nel caso fossero rispettati i tempi previsti dalla Costituzione, per le presidenziali del 2018.
Intanto, dopo la pausa di un magro Natale i venezuelani si ritrovano in un paese in cui a crescere sono solo l’inflazione, la povertà, l’assenza di alimenti e medicine e, dulcis in fundo, la delinquenza.
L’insicurezza continua ad essere uno dei maggiori malanni del Paese. Il Venezuela continua ad essere uno dei Paesi più pericolosi e violenti al mondo. Nel 2016, stando all’Ong “Observatorio Venezolano de la Violencia”, sono state assassinate 28.479 persone. Una cifra, questa, superiore alle 27.875 vittime registrate lo scorso anno. Un tasso di 98,1 morti ogni 100 mila abitanti.
Le cifre dell’Ong smentiscono quelle emanate dalla Procuratrice Generale della Repubblica, Luisa Ortega Díaz, secondo la quale in Venezuela si registravano, fino a febbraio del 2016, 58,1 morti violente ogni 100 mila abitanti.
Oggi, stando all’Ong, Caracas è 14 volte più violenta di Sao Paulo, 10 volte più di Bogotá e 15 volte più di Città del Messico. I paragoni sono sempre antipatici ma, purtroppo, a volte necessari per illustrare meglio la realtà.
Mauro Bafile

Ultima ora

20:18Calcio: Napoli, Sarri, Mertens non è in dubbio

(ANSA) - NIZZA, 21 AGO - "Ho parlato con il medico e non credo che Mertens sia in dubbio". Lo ha detto Maurizio Sarri alla vigilia della sfida contro il Nizza per il playoff di Champions League. L'attaccante belga non si è allenato stamattina, ma Sarri ha spiegato: "Ha subito un colpo - ha detto - ad un dito di un piede, le scarpe gli davano un po' fastidio e l'ho spedito in palestra anche se lui voleva allenarsi. La scelta è stata più mia che sua, ma parlando con lui e col dottore nessun vede grosse problematiche".

20:17Barcellona: la famiglia di Gulotta torna con la salma

(ANSA) - MILANO, 21 AGO - Dovrebbero tornare insieme alla salma di Bruno Gulotta i familiari del trentacinquenne di Legnano che si trovavano con lui a Barcellona quando c'è stato l'attentato che lo ha ucciso. Oltre alla compagna Martina e ai due figli, Alessandro e Aria, che erano con lui al momento della tragedia, a quanto si apprende, sono arrivati a Barcellona anche il fratello di Bruno, che si trovava già in Spagna, e il padre.

20:15Atletica: scandali Iaaf, Tas conferma tre squalifiche a vita

(ANSA) - LOSANNA (SVIZZERA), 21 AGO - Il Tas di Losanna ha confermato la squalifica a vita per tre dirigenti del mondo dell'atletica rimasti coinvolti negli scandali verificatisi in seno alla Iaaf durante la presidenza di Lamine Diack. Uno dei tre che hanno avuto la pena sportiva confermata dal Tribunale di Arbitrato è proprio il figlio di Diack, Papa Massata Diack, all'epoca consulente nel marketing della federazione, colpevole di aver ricevuto denaro per occultare dei casi di positività al doping. E' ricercato dall'Interpol. Lo stesso vale per l'ex tesoriere della federazione internazionale, il russo Valentin Balakhnicev, coinvolto in patria anche nel cosiddetto 'doping di Stato'. Il terzo squalificato a vita è l'allenatore Alexei Melnikov, che ha più volte somministrato sostanze proibite a suoi atleti, e anche lui operante nell'ambito del 'doping di Stato'.

20:06Terremoto: Save the Children lancia allarme scuole

(ANSA) - ROMA, 21 AGO - A un anno dal sisma e a pochi giorni dalla riapertura delle scuole, Save the Children esprime preoccupazione per le criticità che i minori dovranno affrontare con l'avvio del nuovo anno scolastico. Stando agli ultimi dati a disposizione dell'Organizzazione, su 2.409 edifici scolastici con più 84 mila studenti e alunni iscritti solo 1.585 sono stati dichiarati completamente agibili. Sarebbero, dunque, 824 le strutture non agibili (delle quali 146 totalmente inagibili). Le cifre diffuse dalla Protezione civile nel corso della conferenza stampa promossa oggi da Palazzo Chigi sullo stato della ricostruzione post-terremoto, confermano che il 34% delle scuole dove sono stati effettuati i sopralluoghi è risultato inagibile. Entro il mese di febbraio 2018, come reso noto da Errani, dovrebbero essere completati i lavori di costruzione di 21 nuovi edifici scolastici; ulteriori 87 scuole, inoltre, saranno messe in sicurezza nel corso di 2 anni.

20:04Multato per parcheggio insulta disabile, pm Monza indaga

(ANSA) - MILANO, 21 AGO - Un'inchiesta per "diffamazione aggravata" è stata aperta dalla Procura di Monza per arrivare all'individuazione della persona che, dopo essere stato multata per aver parcheggiato in un posto riservato alle persone disabili, ha lasciato nel parcheggio sotterraneo di un centro commerciale di Carugate (Milano) un cartello con insulti di questo genere: "a te handiccappato che ieri hai chiamato i vigili per non fare due metri in più vorrei dirti questo: a me 60 euro non cambiano nulla ma tu rimani sempre un povero handiccappato ... sono contento che ti sia capitata questa disgrazia!". Il Questore di Milano Marcello Cardona, si legge in una nota, "ieri sera, avuta notizia del fatto, e ritenendo i contenuti del cartello violenti e lesivi della dignità delle persone con disabilità, ha disposto sin da subito che le volanti dell'Ufficio Prevenzione Generale intervenissero sul posto per fare chiarezza e individuare l'autore del gesto".

19:53Incendi: 29 richieste intervento aereo

(ANSA) - ROMA, 21 AGO - Dalle prime ore del giorno gli equipaggi di Canadair ed elicotteri della flotta aerea dello Stato, coordinati dal Dipartimento della Protezione Civile, hanno ripreso le operazioni di spegnimento dei numerosi incendi boschivi. Al momento sono 29 le richieste di concorso aereo ricevute dal Centro Operativo Aereo Unificato del Dipartimento dalle Regioni. In particolare, 7 sono pervenute dalla Calabria, 5 dalla Campania e altrettante dal Lazio, 3 ciascuna da Abruzzo e Sicilia, 2 dalla Basilicata e una rispettivamente da Piemonte, Toscana, Molise e Puglia. L'intenso lavoro svolto dai piloti dei mezzi aerei - 14 Canadair e 9 elicotteri del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco oltre a due elicotteri del Comparto Difesa - ha permesso di mettere sotto controllo o spegnere, finora, 13 roghi. Le attività di lancio di acqua e liquido ritardante ed estinguente proseguiranno finché le condizioni di luce consentiranno di operare in sicurezza.

19:41Gasdotto: ‘No Tap’, 15-17/9 incontro nazionale in Salento

(ANSA) - MELENDUGNO (LECCE), 21 AGO - Dal 15 al 17 settembre prossimi il Presidio 'No Tap' di Melendugno terrà in Salento un incontro nazionale "con tutte le realtà in lotta da Sud a Nord contro il gasdotto". Lo rendono noto con un comunicato gli aderenti al Presidio. "Tre giorni - si spiega - in cui racconteremo le nostre storie, ci confronteremo, uniremo i nostri passi spinti dal potente 'no' che ci rende vicini oltre le distanze. Tre giorni per difendere e rivendicare il nostro diritto a decidere per il futuro nostro e dei nostri territori". Nella nota il Presidio riferisce che il gasdotto Tap non finirà a Melendugno ma "collegandosi alla rete Snam, proseguirà il suo percorso e la sua opera di devastazione fino a Minerbio in Emilia Romagna", aggiungendo che "intere regioni e comunità saranno attraversati da un'opera inutile, distruttiva progettata senza tenere alcun conto della volontà e della sicurezza di chi vive nei territori interessati".

Archivio Ultima ora