Schiaffo di Alde a M5S. Grillo, l’establishment ci ha fermato

Pubblicato il 09 gennaio 2017 da ansa

ROMA. – L’annuncio della clamorosa svolta ‘europeista’, il sì della Rete, lo schiaffo dei liberali Ue: il M5S ‘battezza’ il suo rientro dalle feste natalizie con 48 ore sull’ottovolante e con la prospettiva fallita di rendere il gruppo Alde la terza forza del Parlamento europeo. Finisce infatti con un nulla di fatto il tentativo di Beppe Grillo e Davide Casaleggio di entrare in un gruppo a loro distante anni luce ma funzionale ad acquisire peso in Europa. Un matrimonio, quello con Guy Verhofstadt, voluto dai vertici pentastellati vista il futuro addio di Ukip a Strasburgo, approvato dalla Rete e, alla fine, bocciato proprio dall’Alde.

“L’establishment ci ha fermato”, è la sentenza, tra il piccato e l’amaro, di Grillo. E’ una giornata frenetica per il M5S in Italia e a Bruxelles. Una giornata che inizia con la diffusione, sul web, di un pre-accordo datato 4 gennaio nel quale il M5S e Alde si dicono uniti nel riformare l’eurozona e nel potenziare il ruolo del Parlamento Ue.

Poi, poco dopo mezzogiorno, arriva il placet della Rete alla proposta di Grillo: il 78,5% (su oltre 40mila iscritti) dice sì all’ingresso in Alde nelle stesse ore in cui Davide Casaleggio – e non l’ex comico che si limita ad un collegamento video – vola a Bruxelles per incontrare gli eurodeputati. Il vertice serviva al figlio di Gianroberto a spiegare una decisione giunta per tantissimi eurodeputati a sorpresa ma, di fatto, si rivela inutile.

Nel pomeriggio, nel gruppo Alde a prevalere è la corrente degli anti-M5S. Una corrente capitanata dalla francese Marielle De Sarnez (contraria ad un’alleanza definita “empia”) e che, con il passare delle ore si ingrossa irrimediabilmente. “Rinunciamo all’accordo, non ci sono sufficienti garanzie e restano differenze fondamentali”, annuncia Verhofstadt costretto, nelle prossime ore, a spiegare una mossa che rischia di affossare la sua candidatura alla presidenza del Parlamento Ue.

Uno stop, quello di Alde, che innesca la piccata reazione del M5S e di Grillo. “Tutte le forze possibili si sono mosse contro di noi. Abbiamo fatto tremare il sistema come mai prima”, tuona il blog del leader M5S mentre Alessandro Di Battista, pur precisando come l’accordo con Alde fosse puramente “tecnico”, sottolinea: “il M5S è percepito in Italia e in Ue come un corpo estraneo. Il mio sogno è un gruppo autonomo, se andiamo da soli è meglio”.

E lo stop dell’Alde innesca la reazione, tra lo scherno e l’attacco, di tutti gli altri partiti. “Una farsa, l’operazione svendita dei vertici è fallito. Porte aperte ai penstellati delusi”, afferma Matteo Salvini mentre dal Pd si grida al “ridicolo” e, in riferimento ai finanziamenti ai gruppi europarlamentari, si sottolinea: “è fallito l’assalto di Grillo al piatto di lenticchie”.

“E’ stata evitata una figuraccia europea”, incalza Enrico Zanetti, segretario di Sc, ‘proiezione’ italiana dei liberali Ue. Liberali ai quali, in realtà, non tutti nel M5S avevano strizzato l’occhio mentre dalla base, nonostante il sì della Rete, era arrivata un’ondata di scetticismo. E, dopo il ‘no’ di Alde, a finire sul banco degli imputati sono Grillo e Casaleggio: “irresponsabili, ora chiedete scusa”, è l’urlo degli utenti sul blog.

(di Michele Esposito/ANSA)

Ultima ora

05:05Curry, ‘giornata surreale, Trump non si comporta da leader’

NEW YORK - ''Una giornata surreale'': cosi' la stella della Nba Stephen Curry commenta l'affondo del presidente americano Donald Trump che gli ha ritirato l'invito alla Casa Bianca. ''Non so perche' sente la necessita' di prendere di mira certe persone piuttosto che altre. Io un'idea ce l'ho, ma questo non e' quello che fa un leader''.

04:56James ancora contro Trump, usa sport per dividere Paese

NEW YORK - LeBron James torna ad attaccare Donald Trump, stavolta con un video: ''Mi sento frustrato, perche' questa persona che abbiamo messo al potere dopo quello che e' successo dopo Charlottesville sta tentando di usare lo sport per dividere ancor di piu' il popolo americano. E non e' una cosa che posso tollerare, non e' una cosa su cui posso tacere''. Oltre al caso del suo collega della Nba Stephen Curry, James critica Trump anche per aver chiesto di licenziare i giocatori di football americano che non cantano l'inno in segno di protesta.

04:41Londra: 6 feriti in attacchi con acido, no terrorismo

LONDRA - Sei persone sono state ferite ieri sera in diversi attacchi con acido in un centro commerciale a Stratford, nella zona orientale di Londra. La polizia ha arrestato un uomo, sospettato di lesioni personali gravi e ne sta cercando altri. Un portavoce ha dichiarato che la polizia esclude il movente terroristico e ha aggiunto che le persone ferite non sono in pericolo di vita.

04:36Trump, test dimostra accordo Iran non e’ un granche’

NEW YORK - "L'Iran ha appena testato un missile balistico capace di raggiungere Israele. E stanno anche lavorando con la Corea del Nord. Non e' un granche' di accordo quello che abbiamo": cosi' il presidente americano, Donald Trump, commenta il test su un nuovo missile balistico eseguito da Teheran.

23:38Calcio: Udinese in ritiro da lunedì

(ANSA) - UDINE, 23 SET - L'Udinese andrà in ritiro da lunedì. Lo ha deciso la società dopo la sconfitta di questo pomeriggio con la Roma, la quinta in sei gare da inizio campionato. Il ritiro, annunciato in serata dal club con una breve nota, è stato deciso "per preparare al meglio l'importante sfida di sabato prossimo con la Sampdoria". Una partita dal risultato che appare obbligato per i bianconeri, ancora fermi a 3 punti in classifica.

23:30Calcio: Baselli si scusa, ‘troppa voglia derby,ho sbagliato’

(ANSA) - TORINO, 23 SET - "Avevo troppo voglia di derby, tenevo troppo a questa partita. Ho sbagliato". Daniele Baselli commenta così, su Twitter, l'espulsione che ha condizionato la prestazione del Torino, battuto 4-0 dalla Juventus. "Chiedo scusa ai miei compagni, ai nostri tifosi, alla società", aggiunge il giocatore granata, che posta la foto in cui esce dal campo. "Superfluo aggiunge altro. Momento durissimo - scrive il centrocampista -. Mi assumo tutte le responsabilità. Sempre e comunque forza Toro".

23:18Serie A: Juve padrona, demolisce Toro 4-0 e fa suo il derby

(ANSA) - ROMA, 23 SET - Una Juve padrona all'Allianz Stadium fa suo il derby della Mole, cancellando il Torino 4-0. Primo tempo sontuoso degli uomini di Allegri che prima a passano in vantaggio grazie al 9/o gol stagionale di Dybala e poi approfittano di uno sciagurato fallo di Baselli che costa al centrocampista granata il doppio giallo e l'inevitabile espulsione. Era il 25' e da lì la partita è corsa su un unico binario: il raddoppio di Pjanic al 40', il tris firmato da Alex Sandro al 12' st e il sigillo ancora del n.10 argentino allo scadere. Il punteggio sarebbe addirittura potuto essere ancora più severo per i granata, ma i pali, le parate di Sirigu e l'imprecisione degli attaccanti bianconeri hanno limitato i danni. Higuain ha iniziato in panchina per poi entrare negli ultimi dieci minuti. La squadra di Mihajlovic paga caro l'errore di Baselli ma già l'approccio alla gara non era stato dei migliori, sentendo forse troppo il match a cui per la prima volta dopo anni erano arrivata senza i panni dell'eterna sconfitta.

Archivio Ultima ora