Meryl Streep attacca Trump. Lui, sopravvalutata e lacchè

Pubblicato il 09 gennaio 2017 da ansa

Meryl Streep (Photo by Jordan Strauss/Invision/ANSA/AP)

WASHINGTON. – Un elogio della diversità, una difesa della libertà di stampa e un duro atto di accusa contro l’umiliazione dei più deboli: Meryl Streep ha usato il palcoscenico mondiale dei Golden Globes, dopo aver ricevuto quello alla carriera, per lanciare un pesante affondo contro Donald Trump, pur senza mai nominarlo.

L’attacco ha spinto il tycoon a reagire stizzito, alla vigilia delle audizioni in Senato per la conferma dei suoi ministri, prima liquidando la star sul Nyt come una “Hillary lover” e poi twittando che è “una lacchè di Hillary che ha perso grosso”, nonché “una delle attrici più sopravvalutate di Hollywood”, ignorando la sua collezione di Oscar, nomination e premi internazionali.

Uno scontro che si proietta su uno sfondo più ampio, con il mondo dello star system quasi tutto ostile al magnate, tanto che alla sua cerimonia di inaugurazione ci sarà solo un cast di sconosciuti dopo i forfait dei big, Bocelli compreso.

Meryl Streep ha preso di mira Trump per aver pubblicamente deriso, imitandone i gesti, un reporter disabile del Nyt, Serge Kovaleski. Una “performance” interpretata da “una persona che chiede di sedere sul posto più rispettato nel nostro Paese, qualcuno che è superiore in privilegi, potere e capacità di reagire”. Una scena, ha proseguito commossa, che “mi ha infranto il cuore e che ancora adesso non riesco a togliermi dalla testa perché non era un film. Era vita reale”.

Poi la stoccata: “Questo istinto ad umiliare, quando è esemplificato da qualcuno di potente su un palcoscenico pubblico, filtra nella vita di tutti perché è come dare il permesso a chiunque di fare la stessa cosa. La mancanza di rispetto invita alla mancanza di rispetto, violenza chiama violenza”, ha denunciato, ammonendo sui rischi del “bullismo” esercitato da un potente.

Nella sua replica, Trump ha tentato di negare l’episodio: “Ho semplicemente dimostrato il suo ‘servilismo’ quando lui ha cambiato completamente una storia che aveva scritto 16 anni fa per farmi apparire in cattiva luce”. Ma le immagini lo inchiodano.

L’attrice ha fustigato il tycoon anche su altri terreni, come quello della diversità, passando in rassegna l’origine non americana di molti colleghi (tra cui “Amy Adams, nata a Vicenza, Veneto, Italy”) e sottolineando che Hollywood “sta avanzando con outsider e stranieri: se li cacciassimo, non ci restererebbe altro da vedere che il football e le arti marziali, che arti non sono”.

Meryl Streep ha infine difeso dai ripetuti attacchi di Trump la stampa, ora uno dei settori “più denigrati nella società americana”, insieme a Hollywood e agli stranieri. “Abbiamo bisogno che la stampa mantenga il suo potere perché scriva e dia voce alle vittime di qualsiasi offesa”, ha sottolineato, invitando a sostenere il comitato per la protezione dei giornalisti.

La popolare attrice aveva già attaccato il magnate facendone a sorpresa la caricatura lo scorso giugno sul palco del Delacorte theater del Central Park, nel pieno di una campagna elettorale che l’ha vista schierata con Hillary Clinton.

Ma l’ultimo affondo ha trasformato Streep in una vera icona anti Trump, capace di mobilitare la “responsabilità” civile degli artisti. E segnalato che tutta Hollywood, con i suoi applausi solidali, non ha digerito il nuovo presidente, a parte qualche apparente tentativo di dialogo, come quello di Leonardo di Caprio in campo ambientale.

Il tycoon comunque tira dritto per la sua strada e spera nella rapida conferma dei suoi ministri, che da adesso affronteranno le audizioni al Senato. I Democratici provano a dare battaglia esigendo di avere prima tutta la documentazione di controllo sui nominee, dalle loro dichiarazioni finanziarie ai possibili conflitti di interesse, ma i repubblicani, che controllano il Congresso, non sono propensi a rinvii.

Il Wp ammonisce poi sul rischio che molti consiglieri informali del ‘governo ombra’ di Trump possano eludere i controlli sui conflitti di interesse. Nel mirino anche l’imprenditore immobiliare Jared Kushner, genero di Donald Trump, che dovrebbe essere nominato consigliere senior del presidente: nel suo caso si teme anche una violazione della legge contro il nepotismo.

Ma neppure Trump, a 11 giorni dall’insediamento, ha spiegato come si libererà dei conflitti di interesse per evitare di gestire la Casa Bianca al pari di un ‘family business’, come lo ha ammonito Obama.

(di Claudio Salvalaggio/ANSA)

Ultima ora

20:23Calcio: serie A, Benevento-Roma 0-4

(ANSA) - BENEVENTO, 20 SET - La Roma passa senza problemi a Benevento per 4-0 nell'anticipo della quinta giornata di serie A. Partita dominata in lungo e in largo dagli uomini di Di Francesco: il primo pericolo lo porta Dzeko all'11' con un tiro da fuori. La replica dei padroni di casa è affidata a Cataldi che al 18' lascia partire un destro a giro che esce di pochissimo. La Roma passa in vantaggio con Dzeko al 22' che mette dentro da due passi su passaggio di Kolarov. Lo stesso centravanti bosniaco colpisce un palo al 30'. Al 35' arriva l'autogol di Lucioni che, dopo un cross di Bruno Peres, nel tentativo di anticipare Dzeko mette dentro la propria porta. Dzeko sigla il gol del 3-0 al 52' con un sinistro da fuori area. Benevento pericoloso al 67' con Coda che da buona posizione mette alto sopra la traversa. Al 74' l'autorete di Venuti per il 4-0 mentre Dzeko - ancora lui - colpisce la traversa all'83'. Roma quinta a nove punti, Benevento sempre ultimo a quota zero.

20:11Tennis: Atp San Pietroburgo, Fabbiano al secondo turno

(ANSA) - ROMA, 20 SET - Thomas Fabbiano si qualifica per il secondo turno del torneo Atp di San Pietroburgo (montepremi di un milione di dollari, veloce indoor), in Russia. Il pugliese ha sconfitto il russo Daniil Medvedev per 7-6(4) 7-5 e ora sfiderà per un posto nei quarti il tedesco Jan-Lennard Struff. In tabellone c'è anche Fabio Fognini che entrerà in gara direttamente al secondo turno, dove affronterà il russo Mikhail Youzhny.

19:53Operaio forestale ucciso nel nuorese: fatale un colpo fucile

(ANSA) - NUORO, 20 SET - Un solo colpo di fucile alla testa esploso a distanza ravvicinata: questo l'esito dell'autopsia sul corpo di Luca Carboni, l'operaio forestale di 46 anni di Orani, ucciso ieri notte davanti a una pizzeria del paese. L'esame è stato effettuato all'ospedale San Francesco di Nuoro dal medico legale Vindice Mingioni. La salma è stata quindi restituita ai familiari. I funerali della vittima, separato e padre di due figli, sono previsti domani pomeriggio nella parrocchia di Sant'Andrea. In un post sulla pagina Facebook del Comune di Orani, la reazione dell'amministrazione e del sindaco Antonio Fadda. "Nel condannare fermamente l'assassinio del nostro compaesano Luca Carboni - si legge - chiediamo a tutti gli oranesi, nessuno escluso, di riflettere sui valori che stanno alla base della convivenza umana, e che sono i pilastri stessi della nostra comunità: civile convivenza, rispetto, solidarietà, bene comune. Non lasciamo che sia l'assurda logica della violenza a vincere, non facciamoci trascinare da pericolose ondate di odio, vendetta e rancore. Rialziamo la testa, e dimostriamo a noi stessi e agli altri i valori di una comunità ospitale, unita, sana". Le indagini della Squadra Mobile di Nuoro, coordinate dal sostituto procuratore Andrea Schirra, proseguono con interrogatori, perquisizione e posti di blocco. Gli inquirenti scavano nel passato dell'uomo tormentato dalle vicende giudiziarie legate al traffico di armi e di droga, attentati e usura. Secondo gli inquirenti, Luca Carboni avrebbe anche fatto parte, seppur con un ruolo marginale, della banda pronta a trafugare a scopo di estorsione la salma del costruttore automobilistico Enzo Ferrari. Per questo all'operaio era stato imposto l'obbligo di dimora.(ANSA).

19:45Donna incinta al sesto mese presa a calci da un clochard

(ANSA) - MILANO, 20 SET - Una donna ucraina di 32 anni, al sesto mese di gravidanza, è stata aggredita da un clochard nei giardinetti di via Keplero, a Milano. L'episodio è avvenuto alle 15, alla polizia ha raccontato di essere stata avvicinata dal senzatetto e colpita con due calci alla schiena senza alcun motivo. L'uomo, che sarebbe anch'egli dell'est Europa ed è noto nella zona, è scappato prima dell'arrivo della polizia. La 32enne è stata accompagnata a scopo precauzionale all'ospedale Niguarda ma non ha riportato contusioni preoccupanti.

19:38‘Give a home’, mille artisti per campagna rifugiati Amnesty

(ANSA) - ROMA, 20 SET - Trecento concerti in 24 ore, dalla Nuova Zelanda a Seattle negli Stati Uniti, passando per l'Europa, Italia compresa, con mille artisti, dai big internazionali alle band di musica etnica formate dagli stessi migranti: è quanto si sta svolgendo in questi ore in tutto il mondo con "Give a Home", iniziativa organizzata da Amnesty International e Sofar Sounds a sostegno dei rifugiati. Tanti gli artisti che si stanno cimentando in performance che si svolgono in luoghi pubblici, ma anche in case private o in strutture che simboleggiano l'accoglienza: fra questi, Ed Sheeran, Emeli Sandé, Hot Chip, Jesse&Joy, Laura Mvula, Ludovico Einaudi, The National. Suoneranno anche band di rifugiati originari di ogni parte del mondo. Nell'occasione potranno raccontare le loro storie: come l'Orchestra of Syrian Musicians e il duo pop somalo-canadese Faarrow, che si esibiranno a Londra e a Los Angeles. In Italia, appuntamenti per la manifestazione, fra gli altri, a Milano, Napoli, Roma, Verona, Brescia, Udine.

19:35Pugilato: morto LaMotta, il ricordo di Mazzinghi

(ANSA) - PISA, 20 SET - "Ci ha lasciati Jake La Motta uno dei più grandi pugili, un pezzo di grande storia pugilistica e non solo.....Sono molto dispiaciuto, un uomo che ha combattuto tanto nella vita, le sue gesta rimarranno per sempre scolpite dentro tutti noi". Così su facebook l'ex pugile Sandro Mazzinghi, che ha 79 anni, ricorda il campione americano scomparso.

19:32Prolungata di 15 giorni detenzione Metwaly

(ANSA) - IL CAIRO, 20 SET - E' stata prolungata di 15 giorni la custodia cautelare in carcere inflitta a Ibrahim Metwaly, consulente legale al Cairo della famiglia di Giulio Regeni. Lo ha riferito all'ANSA l'avvocato Ezzat Ghonem, difensore dell'attivista per i diritti umani. Metwaly era stato arrestato il 10 settembre all'aeroporto della capitale egiziana mentre si recava a Ginevra per partecipare a una sessione del Consiglio dei diritti umani dell'Onu.

Archivio Ultima ora