Meryl Streep attacca Trump. Lui, sopravvalutata e lacchè

Pubblicato il 09 gennaio 2017 da ansa

Meryl Streep (Photo by Jordan Strauss/Invision/ANSA/AP)

WASHINGTON. – Un elogio della diversità, una difesa della libertà di stampa e un duro atto di accusa contro l’umiliazione dei più deboli: Meryl Streep ha usato il palcoscenico mondiale dei Golden Globes, dopo aver ricevuto quello alla carriera, per lanciare un pesante affondo contro Donald Trump, pur senza mai nominarlo.

L’attacco ha spinto il tycoon a reagire stizzito, alla vigilia delle audizioni in Senato per la conferma dei suoi ministri, prima liquidando la star sul Nyt come una “Hillary lover” e poi twittando che è “una lacchè di Hillary che ha perso grosso”, nonché “una delle attrici più sopravvalutate di Hollywood”, ignorando la sua collezione di Oscar, nomination e premi internazionali.

Uno scontro che si proietta su uno sfondo più ampio, con il mondo dello star system quasi tutto ostile al magnate, tanto che alla sua cerimonia di inaugurazione ci sarà solo un cast di sconosciuti dopo i forfait dei big, Bocelli compreso.

Meryl Streep ha preso di mira Trump per aver pubblicamente deriso, imitandone i gesti, un reporter disabile del Nyt, Serge Kovaleski. Una “performance” interpretata da “una persona che chiede di sedere sul posto più rispettato nel nostro Paese, qualcuno che è superiore in privilegi, potere e capacità di reagire”. Una scena, ha proseguito commossa, che “mi ha infranto il cuore e che ancora adesso non riesco a togliermi dalla testa perché non era un film. Era vita reale”.

Poi la stoccata: “Questo istinto ad umiliare, quando è esemplificato da qualcuno di potente su un palcoscenico pubblico, filtra nella vita di tutti perché è come dare il permesso a chiunque di fare la stessa cosa. La mancanza di rispetto invita alla mancanza di rispetto, violenza chiama violenza”, ha denunciato, ammonendo sui rischi del “bullismo” esercitato da un potente.

Nella sua replica, Trump ha tentato di negare l’episodio: “Ho semplicemente dimostrato il suo ‘servilismo’ quando lui ha cambiato completamente una storia che aveva scritto 16 anni fa per farmi apparire in cattiva luce”. Ma le immagini lo inchiodano.

L’attrice ha fustigato il tycoon anche su altri terreni, come quello della diversità, passando in rassegna l’origine non americana di molti colleghi (tra cui “Amy Adams, nata a Vicenza, Veneto, Italy”) e sottolineando che Hollywood “sta avanzando con outsider e stranieri: se li cacciassimo, non ci restererebbe altro da vedere che il football e le arti marziali, che arti non sono”.

Meryl Streep ha infine difeso dai ripetuti attacchi di Trump la stampa, ora uno dei settori “più denigrati nella società americana”, insieme a Hollywood e agli stranieri. “Abbiamo bisogno che la stampa mantenga il suo potere perché scriva e dia voce alle vittime di qualsiasi offesa”, ha sottolineato, invitando a sostenere il comitato per la protezione dei giornalisti.

La popolare attrice aveva già attaccato il magnate facendone a sorpresa la caricatura lo scorso giugno sul palco del Delacorte theater del Central Park, nel pieno di una campagna elettorale che l’ha vista schierata con Hillary Clinton.

Ma l’ultimo affondo ha trasformato Streep in una vera icona anti Trump, capace di mobilitare la “responsabilità” civile degli artisti. E segnalato che tutta Hollywood, con i suoi applausi solidali, non ha digerito il nuovo presidente, a parte qualche apparente tentativo di dialogo, come quello di Leonardo di Caprio in campo ambientale.

Il tycoon comunque tira dritto per la sua strada e spera nella rapida conferma dei suoi ministri, che da adesso affronteranno le audizioni al Senato. I Democratici provano a dare battaglia esigendo di avere prima tutta la documentazione di controllo sui nominee, dalle loro dichiarazioni finanziarie ai possibili conflitti di interesse, ma i repubblicani, che controllano il Congresso, non sono propensi a rinvii.

Il Wp ammonisce poi sul rischio che molti consiglieri informali del ‘governo ombra’ di Trump possano eludere i controlli sui conflitti di interesse. Nel mirino anche l’imprenditore immobiliare Jared Kushner, genero di Donald Trump, che dovrebbe essere nominato consigliere senior del presidente: nel suo caso si teme anche una violazione della legge contro il nepotismo.

Ma neppure Trump, a 11 giorni dall’insediamento, ha spiegato come si libererà dei conflitti di interesse per evitare di gestire la Casa Bianca al pari di un ‘family business’, come lo ha ammonito Obama.

(di Claudio Salvalaggio/ANSA)

Ultima ora

17:42Gerusalemme: Anp, ‘inaccettabile posizione Usa su Muro’

(ANSAmed) - ROMA, 16 DIC - "Inaccettabile". I palestinesi prendono posizione contro la posizione espressa dall' Amministrazione Usa dopo che ieri fonti della Casa Bianca hanno fatto sapere di considerare il Muro occidentale di Gerusalemme (il Muro del pianto) come parte di Israele. "I palestinesi non accetteranno alcun cambiamento sul confine del 1967 di Gerusalemme est", ha detto Nabil Abu Rudeineh, portavoce del presidente palestinese Abu Mazen. Lo scrive il sito israeliano Haaretz. "Questa presa di posizione da parte americana è la prova ancora una volta che l'attuale amministrazione Usa si è totalmente tirata fuori dal processo di pace", ha precisato, aggiungendo che tale mossa "consoliderà l'occupazione" israeliana.

17:28Biotestamento: arcivescovo Torino, diritto vita prioritario

(ANSA) - TORINO, 16 DIC - "Gli anziani, le persone malate vanno difese e tutelate nei loro diritti e quello della vita è prioritario. Invece nel nuovo quadro normativo si aprono prospettive pericolose e inquietanti anche sui rischi di abusi sulla vita, motivati dai 'costi' di mantenimento delle persone malate". L'arcivescovo di Torino, monsignor Cesare Nosiglia, esprime "apprezzamento" a don Carmine Arice, padre generale del Cottolengo, che ha annunciato l'intenzione di non applicare le disposizioni anticipate di trattamento per il fine vita. "Di fronte ad una richiesta di morte, la nostra struttura non può rispondere positivamente", ha spiegato don Arice, ricevendo il plauso dell'arcivescovo di Torino, che invita comunità religiose, istituzioni, associazioni e tutti i volontari del mondo sanitario e assistenziale della diocesi "ad avere il coraggio di fare scelte di coerenza morale e di testimonianza anche andando controcorrente". Un dovere, conclude, affinché "i valori della vita abbiano peno riconoscimento".(ANSA).

17:25Calcio: Kakà ha deciso, si ritira ma non torna al Milan

(ANSA) - SAN PAOLO, 16 DIC - Doccia fredda per i tifosi del San Paolo: Ricardo Kakà ha deciso di ritirarsi dall'attività agonistica e quindi di non accettare l'offerta del club 'tricolor', della cui tifoseria è uno degli idoli, di giocare per un anno nella squadra che lo ha lanciato. Kakà infatti, secondo quanto riporta il sito brasiliano 'Uol Esporte', ha confidato a persone a lui molto vicine di aver deciso di smettere, per dedicarsi agli studi e capire se può avere un futuro da dirigente. L'ex Pallone d'oro ha anche confermato di aver ricevuto una proposta dal Milan per fare il dirigente della società rossonera, ma di non essere orientato ad accettarla, almeno per ora. "Non è nel mio futuro immediato", avrebbe spiegato Kakà parlando del Milan. Di recente un altro idolo della torcida 'saopaulina', ovvero Raì, ha accettato una carica dirigenziale all'interno del club, e Kakà potrebbe essere il prossimo, mentre Lugano entrerà a far parte dello staff tecnico.

17:20Calcio: Mourinho tenta Kovacic, pronti 30 mln per il Real

(ANSA) - ROMA, 16 DIC - Il Manchester United punta a rafforzarsi nel mercato invernale e uno dei nomi sul taccuino di Josè Mourinho è Mateo Kovacic, il centrocampista croato del Real Madrid poco utilizzato però da Zinedine Zidane (3 partite in Liga e due in Champions). Secondo lo spagnolo 'AS', per accaparrarselo il club dei Red Devils sarebbe disposti a mettere sul piatto 30 milioni. Kovacic, 23 anni, ha un contratto con il Real fino al 2021. E' arrivato a Madrid nell'estate 2015 dall'Inter per 28 milioni, cifra simile a quella offerta al momento da United. Un altro dei club che è sulle tracce del croato, scrive 'AS' è la Juventus.

17:19Si è ripetuto a Napoli il miracolo di San Gennaro

(ANSA) - NAPOLI, 16 DIC - Si è ripetuto alle 12.07, nella cappella del Tesoro di San Gennaro, il miracolo della liquefazione del sangue del patrono di Napoli e della Campania. Il 16 dicembre è la terza data dell'anno - dopo il sabato precedente la prima domenica di maggio e il 19 settembre - in cui le ampolle vengono esposte; nella festività odierna si ricorda l'eruzione del Vesuvio del 1631, che il 16 dicembre risparmiò Napoli dopo ore di preghiere dei fedeli. E' stato l'abate della cappella, monsignor Vincenzo De Gregorio, a celebrare la messa. L'evento, annunciato dal tradizionale sventolio di un fazzoletto bianco, è stato salutato da un lungo e forte applauso da una folla di fedeli accompagnato dall'intonazione dell'antico canto delle 'parenti' di San Gennaro.

17:18Milan: Gattuso ‘con me si sgarra due volte, la terza…’

(ANSA) - CARNAGO (VARESE), 16 DIC - Con Rino Gattuso si può sgarrare due volte, la terza non conviene. "La prima ci può stare, la seconda pure, la terza non fatemela dire. Si capisce...", ha sorriso l'allenatore del Milan, che nelle sue prime due settimane sulla panchina rossonera sta lavorando anche per dare tranquillità alla squadra e spirito di sacrificio. "La chiave deve essere lo scatto di Cutrone al 90' contro il Verona, o i due recuperi di Suso. Io so cosa può dare a livello tecnico questa squadra ma non basta, serve fame, cattiveria, mettersi a disposizione dei compagni" ha spiegato Gattuso, sottolineando l'esempio di Bonucci: "E' un martello, ha la faccia d'angelo ma lavora in modo incredibile, è uno spettacolo vederlo. Se vuoi mollare, è importante vedere 6-7 giocatori che ti incitano, è lo spirito che ci sta facendo lavorare bene. Questa è una squadra forte, lo penso veramente, c'è qualità a livello tecnico e umano e dobbiamo battere su questo aspetto qua".

17:16Calcio: Ballardini, a Firenze voglio Genoa con furore

(ANSA) - GENOVA, 16 DIC - "A Firenze voglio un Genoa con più furore". L'allenatore Davide Ballardini detta subito le condizioni per la sfida con la Fiorentina a pochi giorni dalla sconfitta casalinga con l'Atalanta. "I dati dicono che contro l'Atalanta abbiamo fatto la partita più bella da quando ci sono io, con un baricentro più alto per almeno 70' - ha spiegato il tecnico rossoblù -. Ma preferisco avere un baricentro più basso perché è sempre meglio essere compatti e aggressivi". Nessun timore però di aver perso quella "fame" che aveva contraddistinto il Genoa dal suo arrivo. "Se non hai quella determinazione, quell'attenzione, quel furore che è necessario avere, significa che non hai capito nulla - ha ribadito -. Sono tutte caratteristiche fondamentali, le qualità in questo caso vengono dopo. Il nostro primo obbiettivo è essere sempre compatti con equilibrio. La squadra deve dare sempre la sensazione che sia facile per noi che abbiamo la palla giocare e difficile invece per l'avversario giocare".

Archivio Ultima ora