Maltempo: Italia al gelo, emergenza idrica e disagi

Abruzzo: neve a Pian delle 5 miglia

ROMA. – Ancora neve e temperature polari sull’Italia, in particolare sul sud e sulle regioni adriatiche colpite dalla perturbazione proveniente dall’est Europa. Il gelo, in particolare, sta creando molti problemi in tanti territori. In Abruzzo è emergenza idrica: oltre ad alcuni guasti e rotture, difficili da individuare a causa della neve che nell’ entroterra supera anche il metro, il problema principale è rappresentato dai contatori ghiacciati per le basse temperature, un po’ ovunque al di sotto dello zero.

Ad Enna, dopo la nevicata del 6 gennaio, la situazione nel capoluogo è difficile: da tre giorni, a causa di un problema elettrico alla diga Ancipa, la città è senz’acqua; oggi l’erogazione é ripresa solo in alcune zone e le scuole rimarranno chiuse anche domani.

Tanti i disagi a Salerno e nel salernitano per carenze idriche dovute al congelamento degli impianti. Udienze rinviate a Lagonegro (Potenza): il freddo polare degli ultimi giorni ha causato il congelamento dell’impianto idrico, rendendo così impossibile l’utilizzo dei servizi igienici.

A causa delle anomale e proibitive condizioni meteo in Puglia, lo stabilimento di Gioia del Colle della azienda Granarolo è bloccato da sabato scorso. Le organizzazioni agricole lamentano nel Metapontino, in Puglia, nel Lazio, in Sicilia, danni gravissimi all’agricoltura con danni, in alcune zone, all’80% della produzione.

Problemi di riscaldamento sono emersi stamane alla riapertura delle scuole dopo la pausa natalizia, in istituti sparsi in tutta Italia: da Roma – dove molti studenti hanno trovato aule gelide, nonostante l’operazione del comune “Scuole al caldo” che prevedeva riscaldamenti accesi già dal fine settimana – a Bologna, per il guasto al circuito di distribuzione del calore in una scuola primaria; al torinese e all’astigiano, dove due scuole, per la rottura della caldaia, rimarranno chiuse; al veneziano, dove il gelo ha fatto saltare i tubi degli impianti idrici d’emergenza in alcune scuole; a Pietrasanta (Lucca) dove ben 7 istituti hanno evidenziato rotture o guasti agli impianti di riscaldamento.

A causa del persistere delle condizioni meteorologiche avverse le Università di Campobasso, Pesche-Isernia e Termoli hanno sospeso le attività didattiche per domani e dopodomani; stessa decisione per le sedi universitarie di Potenza e di Matera; scuole chiuse in molti comuni del Molise, a Potenza e a Matera e in sei dei dieci comuni della provincia di Barletta-Andria-Trani.

Il Dipartimento della Protezione Civile ha emesso una nuova allerta meteo che prevede, a partire dalla serata di oggi, nevicate fino a quota di pianura su Abruzzo, Molise, Basilicata e Puglia, sopra i 200-400 metri sulla Calabria, e sopra 600-800 metri sulla Sicilia. Le temperature molto basse determineranno ancora diffuse gelate.

Dalla mattinata di domani sono inoltre previste nevicate anche a quote di pianura, su Liguria, Lombardia, Veneto e Marche, con apporti generalmente deboli. Dal pomeriggio, poi, si prevedono precipitazioni, anche a carattere di temporale accompagnate da forti raffiche di vento e grandinate sulla Sicilia.

Momenti di paura sul lago d’Endine, in provincia di Bergamo: lo specchio d’acqua è ghiacciato, nonostante i divieti molti ci camminano o pattinano sopra e stamani un uomo è finito in acqua dopo che la lastra di ghiaccio si è crepata. L’uomo si è salvato riuscendo ad aggrapparsi a una lastra di ghiaccio spezzata.

E proseguono nelle città le iniziative per ospitare i senzatetto: a Rimini una albergatrice, per il decimo anno, ha messo a disposizione il suo hotel per chi non ha una casa. La situazione sulle strade rimane critica, soprattutto in Puglia e in Molise: uomini e mezzi spargisale e sgombraneve sulla rete autostradale e sulla rete Anas sono incessantemente al lavoro per garantire la transitabilità su tutti i tratti innevati.

In Sicilia, oggi nel primo pomeriggio, in provincia di Messina è stata riaperta la strada statale 289 di Cesarò; restano chiusi alcuni tratti in Molise, Puglia, Basilicata ed anche in Sicilia. Sempre in Molise resta chiusa al traffico la linea ferroviaria Campobasso – Venafro mentre in Puglia è prevista per la giornata di domani la riattivazione del traffico sulla linea Barletta – Spinazzola.