Maltempo: Italia al gelo, emergenza idrica e disagi

Pubblicato il 09 gennaio 2017 da ansa

ROMA. – Ancora neve e temperature polari sull’Italia, in particolare sul sud e sulle regioni adriatiche colpite dalla perturbazione proveniente dall’est Europa. Il gelo, in particolare, sta creando molti problemi in tanti territori. In Abruzzo è emergenza idrica: oltre ad alcuni guasti e rotture, difficili da individuare a causa della neve che nell’ entroterra supera anche il metro, il problema principale è rappresentato dai contatori ghiacciati per le basse temperature, un po’ ovunque al di sotto dello zero.

Ad Enna, dopo la nevicata del 6 gennaio, la situazione nel capoluogo è difficile: da tre giorni, a causa di un problema elettrico alla diga Ancipa, la città è senz’acqua; oggi l’erogazione é ripresa solo in alcune zone e le scuole rimarranno chiuse anche domani.

Tanti i disagi a Salerno e nel salernitano per carenze idriche dovute al congelamento degli impianti. Udienze rinviate a Lagonegro (Potenza): il freddo polare degli ultimi giorni ha causato il congelamento dell’impianto idrico, rendendo così impossibile l’utilizzo dei servizi igienici.

A causa delle anomale e proibitive condizioni meteo in Puglia, lo stabilimento di Gioia del Colle della azienda Granarolo è bloccato da sabato scorso. Le organizzazioni agricole lamentano nel Metapontino, in Puglia, nel Lazio, in Sicilia, danni gravissimi all’agricoltura con danni, in alcune zone, all’80% della produzione.

Problemi di riscaldamento sono emersi stamane alla riapertura delle scuole dopo la pausa natalizia, in istituti sparsi in tutta Italia: da Roma – dove molti studenti hanno trovato aule gelide, nonostante l’operazione del comune “Scuole al caldo” che prevedeva riscaldamenti accesi già dal fine settimana – a Bologna, per il guasto al circuito di distribuzione del calore in una scuola primaria; al torinese e all’astigiano, dove due scuole, per la rottura della caldaia, rimarranno chiuse; al veneziano, dove il gelo ha fatto saltare i tubi degli impianti idrici d’emergenza in alcune scuole; a Pietrasanta (Lucca) dove ben 7 istituti hanno evidenziato rotture o guasti agli impianti di riscaldamento.

A causa del persistere delle condizioni meteorologiche avverse le Università di Campobasso, Pesche-Isernia e Termoli hanno sospeso le attività didattiche per domani e dopodomani; stessa decisione per le sedi universitarie di Potenza e di Matera; scuole chiuse in molti comuni del Molise, a Potenza e a Matera e in sei dei dieci comuni della provincia di Barletta-Andria-Trani.

Il Dipartimento della Protezione Civile ha emesso una nuova allerta meteo che prevede, a partire dalla serata di oggi, nevicate fino a quota di pianura su Abruzzo, Molise, Basilicata e Puglia, sopra i 200-400 metri sulla Calabria, e sopra 600-800 metri sulla Sicilia. Le temperature molto basse determineranno ancora diffuse gelate.

Dalla mattinata di domani sono inoltre previste nevicate anche a quote di pianura, su Liguria, Lombardia, Veneto e Marche, con apporti generalmente deboli. Dal pomeriggio, poi, si prevedono precipitazioni, anche a carattere di temporale accompagnate da forti raffiche di vento e grandinate sulla Sicilia.

Momenti di paura sul lago d’Endine, in provincia di Bergamo: lo specchio d’acqua è ghiacciato, nonostante i divieti molti ci camminano o pattinano sopra e stamani un uomo è finito in acqua dopo che la lastra di ghiaccio si è crepata. L’uomo si è salvato riuscendo ad aggrapparsi a una lastra di ghiaccio spezzata.

E proseguono nelle città le iniziative per ospitare i senzatetto: a Rimini una albergatrice, per il decimo anno, ha messo a disposizione il suo hotel per chi non ha una casa. La situazione sulle strade rimane critica, soprattutto in Puglia e in Molise: uomini e mezzi spargisale e sgombraneve sulla rete autostradale e sulla rete Anas sono incessantemente al lavoro per garantire la transitabilità su tutti i tratti innevati.

In Sicilia, oggi nel primo pomeriggio, in provincia di Messina è stata riaperta la strada statale 289 di Cesarò; restano chiusi alcuni tratti in Molise, Puglia, Basilicata ed anche in Sicilia. Sempre in Molise resta chiusa al traffico la linea ferroviaria Campobasso – Venafro mentre in Puglia è prevista per la giornata di domani la riattivazione del traffico sulla linea Barletta – Spinazzola.

Ultima ora

13:46Calcio: legale Palermo, oggi prima volta che parliamo a pm

(ANSA) - PALERMO, 16 DIC - "Oggi, per la prima volta, abbiamo potuto interloquire con la Procura presentando le nostre ragioni. Siamo molto ottimisti, aspettiamo fiduciosi la decisione del Tribunale". Lo ha detto l'avvocato del Palermo, Francesco Pantaleone, al termine dell'udienza sull'istanza di fallimento della società presentata dalla Procura. "Abbiamo ripercorso quanto scritto nelle memorie - ha spiegato - il fatto di avere avuto un confronto con la Procura è molto importante". Il presidente del Palermo, Giovanni Giammarva, si dice fiducioso: "Speriamo di avere belle notizie a breve. Abbiamo illustrato le nostre ragioni al Tribunale, siamo sicuri dei nostri bilanci. Sono sereno e l'evolversi della situazione ci rende ancora più ottimisti. L'analisi dei documenti ci rende davvero tranquilli".

13:43Nuoto: Europei,Rivolta e Codia tentano il bis in 50 farfalla

(ANSA) - ROMA, 16 DIC - Nelle gare della mattinata ai campionati europei di nuoto in vasca corta, in corso a Copenhagen, hanno confermato il loro grande stato di forma Matteo Rivolta e Piero Codia, qualificandosi agevolmente per le semifinali dei 50 farfalla. Con un occhio alla finale per una possibile doppietta bis, dopo quella dei 100 farfalla dei giorni scorsi. Nei 200 misti Ilaria Cusinato ha vinto la sua batteria in 2'09"91 e guadagnato un posto in finale. In finale anche la 4X50 sl mista (in vasca per l'Italia Zazzeri, Vergani, Pellegrini, Ferraioli): il quartetto azzurro ha fatto il quinto tempo in 1'31"50 ed è passato. Altri responsi delle batterie di oggi: in semifinale Silvia Scalia e Elena di Liddo nei 50 dorso. La stessa Di Liddo e Ilaria Bianchi sono in semifinale anche nella gara dei 100 farfalla.

13:41Igor: ora è caccia alla ‘rete’, decina nomi nel mirino

(ANSA) - BOLOGNA, 16 DIC - Sono una decina i nomi nel mirino degli inquirenti italiani che indagano sull'ipotetica rete di appoggi di 'Igor', il criminale serbo Norbert Feher arrestato in Spagna, dopo una sparatoria con tre morti nella provincia Teruel, in Aragona. La Guardia Civil si è imbattuta in lui casualmente mentre indagava su alcune rapine nella zona. La Procura di Bologna ha chiesto il verbale dell'udienza che si terrà domani in Spagna, dove Norbert Feher comparirà in seguito all'arresto per il triplice omicidio commesso nella zona di Teruel, dove il 14 dicembre sono morti due uomini della Guardia Civil e un allevatore. Il procuratore Giuseppe Amato e il pm Marco Forte si sono attivati attraverso Eurojust e stanno valutando le mosse da compiere nei confronti di 'Igor': anche in base a come si comporterà davanti al giudice spagnolo, decideranno quando sentire l'indagato. L'obiettivo è capire come e quando Feher è riuscito a lasciare l'Emilia per raggiungere la sperduta zona dell'Aragona. (ANSA).

13:36Nuoto: Europei, Dotto show, in semifinale con miglior tempo

(ANSA) - ROMA, 16 DIC - Un grandissimo Luca Dotto ha vinto la sua batteria e fatto il miglior tempo (46"81) nei 100 sl ai campionati europei in vasca corta in corso a Copenhagen. Il campione azzurro si è qualificato per la semifinale della gara regina, e con lui è passato anche Lorenzo Zazzeri (47"). Fuori dalle semifinali invece Marco Orsi, campione in carica, che pure ha vinto la sua batteria e ha fatto il sesto tempo in 47"13. Orsi è stato eliminato per le quote nazionali, e così pure Alessandro Miressi, che aveva segnato il decimo tempo in 47"35. Orsi si è rifatto comunque nei 100 misti, vincendo la sua batteria in 52"13 a un solo centesimo dal record italiano. Dietro di lui Simone Geni, in 52"74. Entrambi vanno in semifinale. In questa gara ha dato forfait all'ultimo momento il primatista del mondo Morozov.

12:58Calcio: Palermo, istanza fallimento, giudice si riserva

(ANSA) - PALERMO, 16 DIC - Il giudice del tribunale di Palermo, Giuseppe Sidoti, si è riservato di decidere sull'istanza di fallimento del Palermo calcio presentata dalla Procura, secondo la quale la società sarebbe insolvente. I pm avevano presentato anche una memoria nei giorni scorsi per rispondere ai rilievi della difesa del Palermo.

12:50Mafia: arrestato boss della ‘società’ foggiana

(ANSA) - FOGGI, 16 DIC - La polizia ha arrestato a Foggia il boss della 'società' foggiana, Federico Trisciuoglio di 64 anni e il figlio Giuseppe, di 40, per provvedimenti di carcerazione emessi dalla Procura Generale di Bari. Sconteranno condanne per estorsione aggravata dal metodo mafioso: il padre è a sette anni di reclusione, il figlio a quasi cinque anni. Federico Trisciuoglio ha già subito condanne per associazione mafiosa nell'ambito dei processi storici alla criminalità organizzata foggiana. La condanna per cui è stato ora riportato in carcere si riferisce alla operazione 'piazza pulita' del 2010 su estorsioni a funzionari dell'azienda municipalizzata Amica (raccolta e smaltimento dei rifiuti), che all'epoca era di proprietà del Comune. Gli Trisciuoglio imponevano le assunzioni anche grazie all'intermediazione di politici locali. Gli assunti venivano pagati anche se non lavoravano e quando funzionari dell'Amica tentarono di contestare queste mancanze, furono minacciati di morte da parte di Federico Trisciuoglio.

12:26Austria: pronto il nuovo governo nero-blu

(ANSA) - ROMA, 16 DIC - Il nuovo governo austriaco nero-blu è pronto: il cancelliere designato Sebastian Kurz, popolare dell'Oevp, il più giovane premier del mondo (31 anni), ed il suo vice Heinz-Christian Strache, leader del partito populista di estrema destra Fpoe, lo hanno presentato questa mattina al presidente Alexander van der Bellen nella Hofburg di Vienna. Secondo Die Presse online Kurz ha definito la nuova compagine di governo, che verrà presentata nel pomeriggio, "un'ottima e forte squadra", mentre Van der Bellen ha tenuto a rassicurare l'opinione pubblica internazionale spiegando che "nei colloqui ci siamo trovati d'accordo che è nell'interesse nazionale dell'Austria essere al centro di una Unione europea forte, e di contribuire a una forte Comunità europea".

Archivio Ultima ora