Davos: Xi ruba la scena globale. Populismo agita il Forum globale

Pubblicato il 10 gennaio 2017 da ansa

Xi Jinping a Davos (cortesia Financial Times)

ROMA. – Con Xi Jinping, primo presidente cinese in carica a presenziare al World Economic Forum, la Cina a Davos ruberà probabilmente la scena agli Usa, impegnati col cambio di guardia alla Casa Bianca, alla Russia, assente Vladimir Putin, e all’Europa, dopo il diniego di Angela Merkel e di altri leader e con l’Italia rappresentata dal ministro dell’Economia Pier Carlo Padoan.

La presenza cinese con il leader di più alto profilo su scala globale rischia di ben rappresentare un nuovo scenario globale in cui Pechino potrebbe ritrovarsi, dopo la vittoria di Donald Trump e i sussulti protezionistici europei, come principale portatrice della torcia del libero scambio mondiale.

Gli scossoni populistici agiteranno molti dei dibattiti ospitati fra le nevi di Davos fra il 16 e il 20 gennaio: Trump giurerà venerdì, quando i businessmen riuniti a Davos, da Satya Nadella di Microsoft a Jack Ma (Alibaba) al presidente di Bank of America Brian Moynihan ai pesi massimi degli hedge fund, prepareranno i bagagli.

E magari sceglieranno a quale esclusivo party andare la sera, fra chalet di montagna ed hotel dai prezzi stellari dove si aggireranno partecipanti al forum come Shakira, Forest Whitaker e Matt Damon.

Non a caso uno dei dibattiti principali al Forum economico mondiale – che propone di superare il populismo con più crescita, ascolto degli esclusi e dei giovani – sarà dedicato al ‘Ruolo della Cina per la prosperità globale’: roba da far andare di traverso a Trump persino i sofisticatissimi cocktail di Davos. Problemi che non dovrebbero comunque offuscare l’ottimismo che impera a Davos per la quarta rivoluzione industriale e il miglioramento complessivo del benessere globale nella globalizzazione.

Il populismo, poi, non si esaurirà comunque nel solo fenomeno Trump. Si soffermerà sull’Europa: un panel è dedicato al rischio di un’ “era post-Ue” e cita esplicitamente i passati referendum in Gran Bretagna (peraltro è attesa anche la premier britannica Theresa May) e Italia.

L’italiano Padoan, con il veterano democratico americano Larry Summers e il numero uno del Fmi Christine Lagarde, parlerà di classe media in crisi mercoledì 18, e delle fratture politiche e sociali il giorno dopo. Emma Marcegaglia, presidente dell’Eni, interverrà con Pierre Moscovici (Commissario Ue agli affari economici) sulla “disunione europea”. Valdis Dombrovskis, vicepresidente dell’esecutivo Ue, con Cecilia Malmstroem (commissaria al commercio) cercherà di delineare percorsi di crescita europei. Un progetto ambizioso almeno quanto la riscrittura della sicurezza europea su cui interverranno Federica Mogherini (alto rappresentante Ue per gli affari esteri) e Jens Stoltenberg, segretario generale della Nato.

Senza Putin, Obama e il premier israeliano Benjamin Netanyahu, che alla fine ha scelto di non esserci, non si attendono colpi di scena sul Medio Oriente, ma ci saranno comunque Re Abdullah II di Giordania, il primo ministro libico Fayez Al Serrag, il ministro degli Esteri iraniano Javad Zarif e Masoud Barzani, presidente del Kurdistan iracheno.

Basso profilo per la finanza italiana, con più big energetici (presenti per Eni anche il CEO Claudio Descalzi e per Enel Francesco Starace) che banchieri. Mario Draghi ha preferito inviare il suo ‘ministro degli Esteri’ Benoit Coeuré, ma la politica monetaria potrebbe essere vivacizzata dal governatore della Banca del Giappone Haruhiko Kuroda, o dalle sferzate del ministro delle Finanze tedesco Wolfgang Schaeuble.

Ultima ora

17:53Doping: Zaytsev, squalifica Russia decisione forte

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - "Le sanzioni del Cio nei confronti della Russia? È stata una decisione forte, supportata dai vari rapporti di studio e indagine. È una decisione complicata da gestire a livello politico. Vedremo gli atleti russi partecipare alle Olimpiadi sotto una bandiera anonima". Così il pallavolista azzurro Ivan Zaytsev a margine della presentazione dell'accordo di partnership tra Coni, Cip e Toyota. Un'occasione per parlare anche di Nazionale. "Il Mondiale in Italia si avvicina - precisa lo schiacciatore della Sir Safety Umbria - ci stiamo preparando tutti tra quelli papabili per la Nazionale. Aspettiamo con ansia questo bellissimo evento, perché l'Italia merita di ospitarlo e, come Nazionale, meritiamo di fare bella figura. Potrebbe darci nuova fiducia dopo una bellissima Olimpiade del 2016, noi ci faremo trovare pronti".

17:44Maltempo: in Veneto chiusi i passi a rischio valanghe

(ANSA) - VENEZIA, 11 DIC - Nevica ancora in Veneto solo oltre i 1400 metri di quota, e per questo motivo la società Veneto Strade ha deciso di chiudere i Passi Pordoi, Falzarego, Valparola, Giau e Fedaia, per possibili slavine durante la notte. La situazione è seguita costantemente dai tecnici di Veneto Strade e nella giornata di domani si deciderà quando riaprirli. L'indice di rischio slavine - in una scala da 1 a 5 - è al momento stimato dal centro antivalanghe di Arabba tra il grado 3 (marcato) e 4 (forte).

17:44Maltempo: forte vento nelle Marche, rami e alberi su strade

(ANSA) - ANCONA, 11 DIC - Forti raffiche di vento nelle Marche hanno tenuto impegnati i vigili del fuoco in numerosi interventi. Ad Arcevia (Ancona), lungo la Sp 48 per Montelago, un grosso albero si è abbattuto sulla sede stradale, per fortuna senza fare danni. Per rimuoverlo si è dovuto far ricorso ad una squadra di pompieri da Ancona con mezzi adeguati. Rami, alberi e tegole pericolanti sono segnalati in tutta la provincia. A Fabriano vigili del fuoco al lavoro in via Dante per la messa in sicurezza della pensilina di un distributore di carburante, con la copertura staccata dal vento. Stesso quadro in provincia di Pesaro Urbino e nell'entroterra maceratese. Per domani la Protezione civile prevede un'intensificazione dei fenomeni, con raffiche di vento fino a 60-100 km orari.

17:41Doping: Fontana, ingiusto squalificare tutti i russi

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - "Non ritengo giusto il fatto di squalificare tutti gli atleti, sono sicura che in molti non hanno fatto mai uso di doping". Arianna Fontana, campionessa dello short track e portabandiera azzurra ai prossimi Giochi invernali di PyeongChang 2018, commenta così il bando degli atleti russi. "Veder sfumare il sogno olimpico deve essere una sensazione bruttissima. Potranno gareggiare senza bandiera ma è un po' diverso, è una decisione dura", ha aggiunto Fontana a margine della presentazione della partnership di Coni e Cip con Toyota avvenuta a Roma.

17:40Ordigno stazione Cc, possibili legami con Torino

(ANSA) - TORINO, 11 DIC - Potrebbero esserci connessioni fra l'attentato dello scorso 7 dicembre a Roma, rivendicato dalla sigla Fai-Fri, e gruppi anarchici lottarmatisti orbitanti a Torino, dove è in corso il maxiprocesso Scripta Manent. La possibilità è al vaglio delle forze dell'ordine che si occupano del caso. Di recente ambienti anarchici hanno lanciato la campagna 'Dicembre nero', dedicata a Sebastian Oversluij, morto in Cile nel 2013, e a Alexandros Grigoropoulos, morto nel 2008. I comunicati invitano all'azione che "alimenti incendi e esplosioni contro il potere e i suoi difensori". La rivendicazione dell'attentato di Roma è a firma Fai-Fri 'Cellula Santiago Maldonado'. Il testo, a differenza di iniziative analoghe, non esprime solidarietà agli imputati del processo Scripta Manent, cosa che ha attirato l'attenzione degli investigatori. A Scripta Manent c'è invece riferimento nei comunicati di 'Dicembre nero', dove si legge che "in Italia i nostri compagni lanciano insulti ai giudici riaffermando le proprie convinzioni".

17:40Boldrini, fascismo e nazismo sono tragedie globali

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - "Il fascismo e il nazismo sono tragedie globali: non si tratta di cose di ragazzi, guai a essere indulgenti". Lo ha detto la Presidente della Camera, Laura Boldrini, aprendo i lavori del secondo Forum parlamentare Italia-America Latina e Caraibi.

17:40Maltempo: in Toscana prolungata allerta rossa

(ANSA) - FIRENZE, 11 DIC - E' stata prolungata fino alle 13 di domani 12 dicembre, l'allerta rossa per l'Alta Toscana per rischio idrogeologico e idraulico. Rimane arancione il livello di allerta per la Versilia e la parte dell'Ombrione pistoiese per rischio idrogeologico, vento e mareggiate. Scende invece al codice giallo la criticità per il resto della regione. Le aree dove il codice è più alto, si spiega dalla protezione civile regionale, sono Lunigiana, Apuane, Garfagnana, valle del Reno, parte inferiore del Serchio fino a Marina di Vecchiano. L'allerta è stata prolungata a seguito dell'ultimo bollettino meteo, in base al quale oggi proseguiranno le precipitazioni persistenti sui rilievi di Lunigiana, Garfagnana, Appennino pistoiese, in parte anche quello pratese e fiorentino. Le piogge, generalmente di moderata intensità, tenderanno ad intensificarsi dal pomeriggio, con possibili rovesci temporaleschi sulla Lunigiana e Garfagnana. In pianura saranno più deboli e intermittenti. Nel corso della notte le precipitazioni, a prevalente carattere di rovescio o localmente di temporale, tenderanno gradualmente a trasferirsi al resto della regione, attenuandosi sul nord-ovest. Dalla sera di oggi, lunedì, ci sarà anche possibilità di temporali sul nord-ovest. Nel corso della notte e la mattinata di domani possibilità di temporali sparsi sul centro-nord, dal pomeriggio su quelle meridionali. Per i venti, oggi raffiche molto forti crinali appenninici e sottovento ad essi, costa centro-meridionale, Colline Metallifere e attorno all'Amiata. Attenuazione dei venti a partire dalle prime ore di domani quando è prevista la rotazione dei venti a libeccio. Oggi ancora mare agitato sulle coste esposte al flusso meridionale e in Arcipelago. Graduale attenuazione del moto ondoso dalle prime ore di domani, martedì.(ANSA).

Archivio Ultima ora