Schedato il sistema di potere in Italia, 18mila nomi nel database

Pubblicato il 10 gennaio 2017 da ansa

Prima fila, da sinistra: Matteo Renzi e il cardinale Gianfranco Ravasi. Seconda fila, da sinistra: Mario Draghi e Mario Monti. ANSA
—————————————————————————————–

ROMA. – Si chiama ‘Pobu’, Political and business’, ed è una cartella virtuale contenente quasi 700 file relativi a personaggi politici, ‘appoggiata’ in un server negli Stati Uniti in cui sono conservati oltre 18mila username, i nomi con cui gli utenti vengono riconosciuti online: è la prova che qualcuno, almeno dal 2010, spia l’intero sistema di potere italiano, rubando informazioni e dati sensibili dei vertici politico-economici dello Stato e delle principali aziende del paese. Per farne cosa?

L’inchiesta della Polizia Postale che ha portato in carcere Giulio Occhionero, un ingegnere nucleare dalla vita monastica massone e poco socievole, e sua sorella Francesca Maria, una manager con un dottorato in chimica, apre scenari inquietanti per il Paese se è vero, come scrive il Gip di Roma Maria Paola Tomasselli, che vi è stata una “alterazione del sistema, con grave rischio per la sicurezza nazionale”: sono state acquisite informazioni che “nell’interesse politico interno e della sicurezza pubblica devono rimanere riservate”. Acquisite per almeno sei anni: dal maggio del 2010 all’agosto del 2016.

Si tratta dunque di una vicenda che non è affatto “un’iniziativa isolata” dei due fratelli ma piuttosto si colloca in un più ampio contesto in cui operano “interessi illeciti oscuri” tanto da aprire “ulteriori spazi per l’aggravamento delle contestazioni”. Se infatti sarà dimostrata la “segretezza” dei dati sottratti e “la loro pertinenza al settore politico e militare, già oggi altamente probabile”, dice ancora il Gip, “sarebbe inevitabile ricondurre le azioni criminose nell’ambito dei delitti contro la personalità dello Stato”.

Vale a dire procacciamento di notizie concernenti la sicurezza dello Stato e spionaggio politico e militare. Quali siano però questi interessi, il giudice non lo dice esplicitamente. Ma nelle carte una pista è tracciata e porta dritto a Luigi Bisignani, l’uomo d’affari finito al centro dell’indagine napoletana sulla P4, condannato ad un anno e 7 mesi per associazione a delinquere, favoreggiamento, rivelazione del segreto e corruzione.

In una delle versioni del virus utilizzate per infettare i computer, i dati rubati dai pc di politici e istituzioni sono stati inviati a 4 indirizzi mail che, sostiene il giudice, “risultavano essere già emersi nel luglio 2011 nel corso del procedimento della cosiddetta P4”. Ma non solo: quegli indirizzi “sarebbero riconducibili ad un’attività di esfiltrazione dei dati e ‘dossieraggio’ illecito effettuata con modalità del tutto analoghe” a quelle utilizzate dai fratelli Occhionero.

I fratelli Occhionero

Uno di questi indirizzi – ‘purge626@gmail.com – tra l’altro, “sarebbe collegato a operazioni di controllo da parte di Luigi Bisignani nei confronti dell’onorevole Papa e delle Fiamme Gialle”. L’onorevole Papa è Alfonso Papa, il parlamentare del Pdl condannato a 4 anni e 6 mesi sempre nell’indagine napoletana: avrebbe promesso ad imprenditori informazioni riservate su indagini in corso ottenute grazie ai suoi contatti con settori della Guardia di Finanza.

Bisignani però si difende: “non ho mai spiato nessuno. Né l’onorevole Papa né le Fiamme Gialle né ho mai avuto accesso alle mail citate o conosciuto gli indagati”. E’ un fatto però che quegli indirizzi mail tornano oggi a distanza di cinque anni ed il sospetto è che i fratelli Occhionero siano stati il ‘braccio’ operativo di qualcuno.

Bisignani? O altri dietro di lui? Al momento “non è dimostrato il collegamento con altri procedimenti penali” precisa il giudice, ma è probabile che nei prossimi giorni gli inquirenti sentiranno l’uomo d’affari, così come non si escludono altre iscrizioni nel registro degli indagati. Quel che è chiaro è però l’imponente mole di informazioni delicate che sono state sottratte, anche se per conoscere la loro natura bisognerà attendere l’esito della rogatoria già inviata dall’Italia negli Usa.

Dal server è stato estratto un database, denominato ‘InfoPyramid.accdb’, contenente una tabella con 18.327 username univoche, quasi 1.800 delle quali con tanto di password. Le user sono catalogate in 122 categorie denominate ‘Nick’: c’è la politica appunto, gli affari e la massoneria. O le iniziali dei primi due caratteri del nome e cognome. L’elenco è strutturato con il nome della vittima e la sua mail, le date dei tentativi di intrusione e l’indirizzo mail da cui è partito l’attacco.

Gli investigatori hanno accertato, con un solo mese di intercettazioni telematiche, che sono stati infettati un centinaio di pc di studi professionali e legali, di istituzioni come la Regione Lazio e il Vaticano, di sindacati (la Cgil di Torino), di società di costruzioni o attive nel settore sanitario e delle assicurazioni. Mentre gli account rubati, oltre a politici di spicco come Renzi e Draghi, riguardano 5 ministeri (Esteri, Interni, Giustizia, Istruzione e Tesoro), Camera e Senato e aziende come Eni, Finmeccanica e Enel.

Ma “non si può escludere”, scrive il Gip, che oltre a quelli sequestrati, “esistano altri server che non sono stati individuati o addirittura server di backup”. Il che significa che i dati rubati potrebbero essere molti ma molti di più.

(di Matteo Guidelli/ANSA)

Ultima ora

15:37Banche: Casini, il tema Ghizzoni è marginalissimo

(ANSA) - BOLOGNA, 16 DIC - "Il governatore della Banca d'Italia è doveroso che venga in commissione. Ghizzoni lo si è voluto inserire proprio per dimostrare che non ci sono zone d'ombra. Però, sia chiaro, il tema Ghizzoni è marginalissimo rispetto alla questione che riguarda la legge istitutiva che ha insediato una commissione su banche e sistema finanziario italiano". Lo ha detto il presidente della Commissione d' inchiesta sulle banche, Pier Ferdinando Casini, replicando chi gli chiedeva un commento sulle prossime audizioni.

15:31Natale: folla ai mercatini di Aosta

(ANSA) - AOSTA, 16 DIC - Mercatini di Natale presi d'assalto oggi ad Aosta, dove la neve caduta nei giorni scorsi ha creato un'ambientazione perfetta per le festività. Dall'Italia, ma anche dalla vicina Francia, i visitatori affollano il Marché vert Noel. I 43 chalet allestiti nella suggestiva cornice del Teatro romano offrono i prodotti del territorio e diverse creazioni artigianali, per regali di ogni tipo. Gli appassionati del gusto oltre alla tradizionale Fontina, ai salumi e al genepì, puntano anche su qualche novità: "Quest'anno stanno andando bene le lumache", spiegano i commercianti. Nel villaggio alpino sapientemente ricreato trovano spazio il fontanile, il braciere, i pontili e anche simpatiche sculture in legno di diversi animali, per la gioia dei più piccoli ma non solo. La novità di quest'anno è la balconata realizzata proprio ai piedi del Teatro romano, in modo da consentire a tutti di realizzare la migliore inquadratura per i propri selfie. (ANSA).

15:26Lazio: Inzaghi, mai più quanto successo a noi

(ANSA) - ROMA, 16 DIC - "Grazie a quello che è successo a noi ci sarà più attenzione per tutti, vorrei che nessun collega passi quello che è accaduto a noi. Serve più attenzione, sono cose che non devono più accadere". Alla vigilia della trasferta di Bergamo contro l'Atalanta, Simone Inzaghi torna sui torti subiti in Lazio-Torino, sfida in cui l'arbitro Giacomelli con il Var ha espulso Immobile e non ha concesso un rigore ai biancocelesti, usciti poi sconfitti per 3-1. "I punti dovevano essere di più, ci sono stati tolti - ha spiegato Inzaghi - quello che ci è successo deve essere una possibilità per diventare ancora più squadra. Abbiamo fatto grandi cose, abbiamo un leggero ritardo dalle prime 4, anche per i motivi che sappiamo tutti".

15:23Sci:doppietta norvegese in Gardena, Innerhofer 5/o Paris 6/o

(ANSA) - VAL GARDENA (BOLZANO), 16 DIC - Aksel Svindal 1/o in 1.57.00 e Kjetil Jansrud 2/o in 1.57.59: la discesa della val Gardena sui 3445 m della pista Saslong si e' confermata anche quest'anno terreno di caccia favorito dai norvegesi che hanno piazzato una doppietta. Terzo l'austriaco Max Franz in 1.57.85. Prova d'orgoglio dell'Italia su una pista mai considerata troppo amica soprattutto dagli uomini jet altoatesini: Christof Innerhofer ha chiuso infatti 5/o in 1.58.14 e Dominik Paris 6/o in 1.58.16. Molto più' indietro ed arrabbiato Peter Fill che si e' lamentato per un sasso finitogli sotto gli sci.

15:14Banche: Casini, impatto Boschi su tema sarebbe irrilevante

(ANSA) - BOLOGNA, 16 DIC - "Diciamo la verità: se non fossimo in campagna elettorale l'impatto della signora Boschi e della sua famiglia sul tema che riguarda centinaia di migliaia di risparmiatori sarebbero del tutto irrilevanti, ma siamo in campagna elettorale e si fa polemica politica". Lo ha detto a margine di un incontro dei centristi per l'Europa di Bologna il presidente della Commissione sulle banche Pier Ferdinando Casini."Mi scandalizzo? Sono troppo anziano per scandalizzarmi - risponde - però questo non riguarda la commissione banche...".

15:10Donna vegliata da figlio: autopsia esclude omicidio

(ANSA) - GENOVA, 16 DIC - Esclusa l'ipotesi di omicidio per la morte di Giovanna Pedori, la donna di 78 anni morta e vegliata per una settimana nel letto di casa dal figlio di 47 anni. L'esame autoptico svolto dal medico legale Marco Salvi ha accertato che la donna non è stata uccisa: sul suo corpo non sono state trovate contusioni o ferite compatibili con l'ipotesi dell'aggressione da parte del figlio o di un'altra persona. I lividi al collo, che per il medico che ha svolto il primo sopralluogo potevano essere spiegati con uno strangolamento, sono risultati essere superficiali. La donna, ha spiegato Salvi ai carabinieri della compagnia di San Martino, probabilmente è morta a causa di un malore che le ha fatto perdere i sensi e cadere sbattendo la testa contro un mobile. L'esame autoptico ha dunque confermato quanto detto dal figlio della donna: l'uomo, che soffre di disturbi psichici, pur molto confuso e provato, aveva riferito che la madre era caduta e lui l'aveva adagiata sul letto.

14:36Ucciso per un pettegolezzo, un arresto nel Reggiano

(ANSA) - REGGIO EMILIA, 16 DIC - Tutto sarebbe nato da un pettegolezzo: aveva detto che sua moglie era molto più bella di lui. Per fargliela pagare hanno escogitato un tranello, portato avanti per otto mesi, per attirarlo nel luogo dove poi lo hanno ucciso a Fabbrico, nel Reggiano, tre anni fa. I carabinieri hanno arrestato un pakistano di 38 anni, accusato di aver ucciso un connazionale di 20. E' l'evoluzione dell'inchiesta che aveva già portato nel maggio scorso, al fermo di un altro pachistano, accusato di aver illuso la vittima con un falso profilo Facebook, di una ragazza benestante con cui fuggire in cerca di una vita più felice e lontano dai vincoli delle proprie tradizioni. Il ventenne era stato seviziato, ucciso e sotterrato la notte di San Valentino di tre anni fa. Il suo corpo, in stato di decomposizione, era stato trovato casualmente solo tre mesi dopo nel corso di lavori in un cantiere. (ANSA).

Archivio Ultima ora