Schedato il sistema di potere in Italia, 18mila nomi nel database

Pubblicato il 10 gennaio 2017 da ansa

Prima fila, da sinistra: Matteo Renzi e il cardinale Gianfranco Ravasi. Seconda fila, da sinistra: Mario Draghi e Mario Monti. ANSA
—————————————————————————————–

ROMA. – Si chiama ‘Pobu’, Political and business’, ed è una cartella virtuale contenente quasi 700 file relativi a personaggi politici, ‘appoggiata’ in un server negli Stati Uniti in cui sono conservati oltre 18mila username, i nomi con cui gli utenti vengono riconosciuti online: è la prova che qualcuno, almeno dal 2010, spia l’intero sistema di potere italiano, rubando informazioni e dati sensibili dei vertici politico-economici dello Stato e delle principali aziende del paese. Per farne cosa?

L’inchiesta della Polizia Postale che ha portato in carcere Giulio Occhionero, un ingegnere nucleare dalla vita monastica massone e poco socievole, e sua sorella Francesca Maria, una manager con un dottorato in chimica, apre scenari inquietanti per il Paese se è vero, come scrive il Gip di Roma Maria Paola Tomasselli, che vi è stata una “alterazione del sistema, con grave rischio per la sicurezza nazionale”: sono state acquisite informazioni che “nell’interesse politico interno e della sicurezza pubblica devono rimanere riservate”. Acquisite per almeno sei anni: dal maggio del 2010 all’agosto del 2016.

Si tratta dunque di una vicenda che non è affatto “un’iniziativa isolata” dei due fratelli ma piuttosto si colloca in un più ampio contesto in cui operano “interessi illeciti oscuri” tanto da aprire “ulteriori spazi per l’aggravamento delle contestazioni”. Se infatti sarà dimostrata la “segretezza” dei dati sottratti e “la loro pertinenza al settore politico e militare, già oggi altamente probabile”, dice ancora il Gip, “sarebbe inevitabile ricondurre le azioni criminose nell’ambito dei delitti contro la personalità dello Stato”.

Vale a dire procacciamento di notizie concernenti la sicurezza dello Stato e spionaggio politico e militare. Quali siano però questi interessi, il giudice non lo dice esplicitamente. Ma nelle carte una pista è tracciata e porta dritto a Luigi Bisignani, l’uomo d’affari finito al centro dell’indagine napoletana sulla P4, condannato ad un anno e 7 mesi per associazione a delinquere, favoreggiamento, rivelazione del segreto e corruzione.

In una delle versioni del virus utilizzate per infettare i computer, i dati rubati dai pc di politici e istituzioni sono stati inviati a 4 indirizzi mail che, sostiene il giudice, “risultavano essere già emersi nel luglio 2011 nel corso del procedimento della cosiddetta P4”. Ma non solo: quegli indirizzi “sarebbero riconducibili ad un’attività di esfiltrazione dei dati e ‘dossieraggio’ illecito effettuata con modalità del tutto analoghe” a quelle utilizzate dai fratelli Occhionero.

I fratelli Occhionero

Uno di questi indirizzi – ‘purge626@gmail.com – tra l’altro, “sarebbe collegato a operazioni di controllo da parte di Luigi Bisignani nei confronti dell’onorevole Papa e delle Fiamme Gialle”. L’onorevole Papa è Alfonso Papa, il parlamentare del Pdl condannato a 4 anni e 6 mesi sempre nell’indagine napoletana: avrebbe promesso ad imprenditori informazioni riservate su indagini in corso ottenute grazie ai suoi contatti con settori della Guardia di Finanza.

Bisignani però si difende: “non ho mai spiato nessuno. Né l’onorevole Papa né le Fiamme Gialle né ho mai avuto accesso alle mail citate o conosciuto gli indagati”. E’ un fatto però che quegli indirizzi mail tornano oggi a distanza di cinque anni ed il sospetto è che i fratelli Occhionero siano stati il ‘braccio’ operativo di qualcuno.

Bisignani? O altri dietro di lui? Al momento “non è dimostrato il collegamento con altri procedimenti penali” precisa il giudice, ma è probabile che nei prossimi giorni gli inquirenti sentiranno l’uomo d’affari, così come non si escludono altre iscrizioni nel registro degli indagati. Quel che è chiaro è però l’imponente mole di informazioni delicate che sono state sottratte, anche se per conoscere la loro natura bisognerà attendere l’esito della rogatoria già inviata dall’Italia negli Usa.

Dal server è stato estratto un database, denominato ‘InfoPyramid.accdb’, contenente una tabella con 18.327 username univoche, quasi 1.800 delle quali con tanto di password. Le user sono catalogate in 122 categorie denominate ‘Nick’: c’è la politica appunto, gli affari e la massoneria. O le iniziali dei primi due caratteri del nome e cognome. L’elenco è strutturato con il nome della vittima e la sua mail, le date dei tentativi di intrusione e l’indirizzo mail da cui è partito l’attacco.

Gli investigatori hanno accertato, con un solo mese di intercettazioni telematiche, che sono stati infettati un centinaio di pc di studi professionali e legali, di istituzioni come la Regione Lazio e il Vaticano, di sindacati (la Cgil di Torino), di società di costruzioni o attive nel settore sanitario e delle assicurazioni. Mentre gli account rubati, oltre a politici di spicco come Renzi e Draghi, riguardano 5 ministeri (Esteri, Interni, Giustizia, Istruzione e Tesoro), Camera e Senato e aziende come Eni, Finmeccanica e Enel.

Ma “non si può escludere”, scrive il Gip, che oltre a quelli sequestrati, “esistano altri server che non sono stati individuati o addirittura server di backup”. Il che significa che i dati rubati potrebbero essere molti ma molti di più.

(di Matteo Guidelli/ANSA)

Ultima ora

05:05Curry, ‘giornata surreale, Trump non si comporta da leader’

NEW YORK - ''Una giornata surreale'': cosi' la stella della Nba Stephen Curry commenta l'affondo del presidente americano Donald Trump che gli ha ritirato l'invito alla Casa Bianca. ''Non so perche' sente la necessita' di prendere di mira certe persone piuttosto che altre. Io un'idea ce l'ho, ma questo non e' quello che fa un leader''.

04:56James ancora contro Trump, usa sport per dividere Paese

NEW YORK - LeBron James torna ad attaccare Donald Trump, stavolta con un video: ''Mi sento frustrato, perche' questa persona che abbiamo messo al potere dopo quello che e' successo dopo Charlottesville sta tentando di usare lo sport per dividere ancor di piu' il popolo americano. E non e' una cosa che posso tollerare, non e' una cosa su cui posso tacere''. Oltre al caso del suo collega della Nba Stephen Curry, James critica Trump anche per aver chiesto di licenziare i giocatori di football americano che non cantano l'inno in segno di protesta.

04:41Londra: 6 feriti in attacchi con acido, no terrorismo

LONDRA - Sei persone sono state ferite ieri sera in diversi attacchi con acido in un centro commerciale a Stratford, nella zona orientale di Londra. La polizia ha arrestato un uomo, sospettato di lesioni personali gravi e ne sta cercando altri. Un portavoce ha dichiarato che la polizia esclude il movente terroristico e ha aggiunto che le persone ferite non sono in pericolo di vita.

04:36Trump, test dimostra accordo Iran non e’ un granche’

NEW YORK - "L'Iran ha appena testato un missile balistico capace di raggiungere Israele. E stanno anche lavorando con la Corea del Nord. Non e' un granche' di accordo quello che abbiamo": cosi' il presidente americano, Donald Trump, commenta il test su un nuovo missile balistico eseguito da Teheran.

23:38Calcio: Udinese in ritiro da lunedì

(ANSA) - UDINE, 23 SET - L'Udinese andrà in ritiro da lunedì. Lo ha deciso la società dopo la sconfitta di questo pomeriggio con la Roma, la quinta in sei gare da inizio campionato. Il ritiro, annunciato in serata dal club con una breve nota, è stato deciso "per preparare al meglio l'importante sfida di sabato prossimo con la Sampdoria". Una partita dal risultato che appare obbligato per i bianconeri, ancora fermi a 3 punti in classifica.

23:30Calcio: Baselli si scusa, ‘troppa voglia derby,ho sbagliato’

(ANSA) - TORINO, 23 SET - "Avevo troppo voglia di derby, tenevo troppo a questa partita. Ho sbagliato". Daniele Baselli commenta così, su Twitter, l'espulsione che ha condizionato la prestazione del Torino, battuto 4-0 dalla Juventus. "Chiedo scusa ai miei compagni, ai nostri tifosi, alla società", aggiunge il giocatore granata, che posta la foto in cui esce dal campo. "Superfluo aggiunge altro. Momento durissimo - scrive il centrocampista -. Mi assumo tutte le responsabilità. Sempre e comunque forza Toro".

23:18Serie A: Juve padrona, demolisce Toro 4-0 e fa suo il derby

(ANSA) - ROMA, 23 SET - Una Juve padrona all'Allianz Stadium fa suo il derby della Mole, cancellando il Torino 4-0. Primo tempo sontuoso degli uomini di Allegri che prima a passano in vantaggio grazie al 9/o gol stagionale di Dybala e poi approfittano di uno sciagurato fallo di Baselli che costa al centrocampista granata il doppio giallo e l'inevitabile espulsione. Era il 25' e da lì la partita è corsa su un unico binario: il raddoppio di Pjanic al 40', il tris firmato da Alex Sandro al 12' st e il sigillo ancora del n.10 argentino allo scadere. Il punteggio sarebbe addirittura potuto essere ancora più severo per i granata, ma i pali, le parate di Sirigu e l'imprecisione degli attaccanti bianconeri hanno limitato i danni. Higuain ha iniziato in panchina per poi entrare negli ultimi dieci minuti. La squadra di Mihajlovic paga caro l'errore di Baselli ma già l'approccio alla gara non era stato dei migliori, sentendo forse troppo il match a cui per la prima volta dopo anni erano arrivata senza i panni dell'eterna sconfitta.

Archivio Ultima ora