Jobs Act: referendum, in attesa della decisione della Consulta

Pubblicato il 10 gennaio 2017 da ansa

ROMA. – La decisione che la Consulta prenderà sui referendum sul Jobs Act, proposti dalla Cgil, avrà un’inevitabile, e pesante, contraccolpo politico. Sarà letta, a seconda dei casi, come un giudizio sulle politiche renziane, come un anticipo di quello che avverrà tra due settimane con la decisione sull’Italicum, e soprattutto potrà rendere più o meno probabile il ricorso a elezioni anticipate, che una parte del sistema istituzionale vuole evitare e una parte del sistema politico tiene come carta nel cassetto.

Nascono da qui anche le ricostruzioni sul pressing di ministri renziani, come Delrio e Franceschini, su alcuni giudici, Giuliano Amato in testa. Il Pd ha smentito: le posizioni di Renzi in materia di lavoro sono chiare, la decisione della Corte sarà rispettata.

E’ intervenuto anche Tommaso Nannicini, ex sottosegretario e ora tra quelli che si occupa del programma del partito: “Nessun tifo”. Quello che, in linea generale, si può considerare un dato di fatto, è che un via libera al quesito sull’art.18 renderebbe molto più concreta una battaglia per il voto anticipato a giugno che punti a evitare la pericolosa consultazione referendaria, il cui esito rischierebbe di impattare sul governo, ma anche sul Pd di Renzi, già reduce dalla débacle del referendum costituzionale di dicembre.

Se si andasse alle urne, invece, il referendum sul Jobs Act slitterebbe, per legge, di un anno. Al di là dei tatticismi politici, la Corte – che domani prima sentirà gli avvocati della Cgil e l’avvocato dello Stato a porte chiuse e poi deciderà in camera di consiglio – dovrà stabilire principalmente se i tre quesiti hanno i requisiti di univocità e omogeneità.

Il primo punta ad abrogare le modifiche apportate dal Jobs Act all’art. 18 dello Statuto dei lavoratori, ripristinando le tutele per chi subisce un licenziamento illegittimo; il secondo chiede di abolire i voucher, i buoni lavoro per le prestazioni accessorie introdotti sempre dal Jobs Act; il terzo vuole reintrodurre la responsabilità in solido tra appaltante e appaltatore.

Per questi ultimi due il via libera è più scontato. Per il primo, no e la Corte è spaccata. Il risultato preoccupa anche gli industriali: “Fare riforme e smontarle prima ancora che realizzano gli effetti è negativo per tutto il Paese”, ha dichiarato il presidente di Confindustria, Vincenzo Boccia, che giudica “allarmante” il dato sulla disoccupazione giovanile.

Sui voucher, intanto, è dibattito aperto. Il ministro del lavoro Poletti, sotto attacco da parte delle opposizioni, ha ribadito che il governo vuole una revisione dei voucher. Ma la minoranza Dem chiede garanzie: “O si interviene immediatamente – ha detto Roberto Speranza – o al referendum voteremo sì”.

Ultima ora

16:28Russia: 007, sventato piano attentati kamikaze durante feste

(ANSA) - MOSCA, 12 DIC - I servizi di sicurezza russi (FSB) hanno sgominato un gruppo terroristico composto da persone originarie dell'Asia centrale che pianificava attacchi suicida, nel corso del periodo festivo e nelle settimane precedenti alle elezioni presidenziali. Lo ha detto il direttore dell'FSB Alexander Bortnikov citato dalle agenzie russe.

16:26Calcio: Gattuso, quarti di coppa Italia un obbligo

(ANSA) - MILANO, 12 DIC - "Le vittorie fanno lavorare meglio, ma la salita è ancora lunga". Rino Gattuso non si monta la testa dopo la prima vittoria alla guida del Milan, e cerca subito conferme negli ottavi di coppa Italia contro il Verona. "Abbiamo il dovere di passare questo turno", ha spiegato a Milan Tv l'allenatore rossonero, confermando che "il modulo con la difesa a quattro dà più garanzie" e indicando alcuni aspetti da migliorare Nei pensieri di Gattuso ancora non c'è spazio per l'avversario di Europa League, i bulgari del Ludogorets. "Febbraio è lontano: non ha grandissimo nome ma è una squadra forte, con dieci brasiliani", ha notato, parlando delle sensazioni che sta vivendo a Milanello da allenatore: "Sembra di non essere mai andato via, ma a volte mi fa specie pensare di stare nella stessa stanza di Carlo (Ancelotti, ndr) - ha sorriso l'ex mediano -. Non vado nell'ufficio del mister, mi piace stare giù con la squadra, mi piace lo spogliatoio".

16:25Alfano, la diplomazia economica vale l’1,4% del Pil

(ANSA) - ROMA, 12 DIC - "La diplomazia economica ha aiutato le nostre imprese nell'ottenimento di contratti e commesse contribuendo lo scorso anno in modo diretto o indiretto all'1,4% del Pil e ha sostenuto 307mila posti di lavoro". Lo ha detto il ministro degli esteri Angelino Alfano alla Farnesina dove è stato presentato il rapporto Prometeia sull'impatto economico di gare e contratti ottenuti all’estero da imprese italiane, che hanno beneficiato del sostegno della rete diplomatico consolare. Il ministro ha sottolineato che questa azione è fondamentale per la diplomazia nel suo insieme a differenza di anni fa, quando la diplomazia economica "era considerata quasi una diplomazia di serie B".

16:24Usa: aperti seggi in Alabama, è un test per il 2018

(ANSA) - WASHINGTON, 12 DIC - Aperte le urne in Alabama dove si vota oggi per il seggio in Senato lasciato vacante dalla nomina di Jeff Sessions a ministro della Giustizia nell' amministrazione Trump. Voto considerato strategico e un test per le elezioni di metà mandato del 2018. In corsa il repubblicano Roy Moore, sostenuto dal nazionalista ex stratega di Donald Trump, Steve Bannon, e dallo stesso presidente degli Stati Uniti, nonostante le polemiche per accuse verso di aver molestato minorenni nei decenni passati. Sul fronte democratico il candidato e' Doug Jones.

16:23Migranti:lettera Tusk per stop quote, sherpa Ue contro

(ANSA) - BRUXELLES, 12 DIC - A molti sherpa dei Paesi Ue non è piaciuta l'idea di mettere da parte il meccanismo di quote obbligatorie, per la ridistribuzione dei richiedenti asilo in situazioni di crisi, che hanno trovato nella nota del presidente del Consiglio europeo Donald Tusk. Il documento, indirizzato ai leader, è mirato ad orientare la discussione sui migranti al vertice di giovedì e venerdì. Alcuni Paesi, spiegano fonti diplomatiche, hanno chiesto che la lettera fosse riscritta.

16:16Politici spiati: pm, oltre 3,5 milioni mail carpite

(ANSA) - ROMA, 12 DIC - Oltre tre milioni e mezzo di mail carpite e seimila persone spiate dal 2004. Questi i numeri della nuova inchiesta a carico dei fratelli Giulio e Francesca Maria Occhionero, già a processo con l'accusa di aver avviato un'attività di cyber spionaggio su larga scala, ai quali adesso la Procura contesta anche l'accusa di spionaggio politico. I numeri dell'attività svolta dai due fratelli romani, sono stati resi noti oggi dal pm Eugenio Albamonte, nel corso dell'udienza del processo. I dati sono emersi dal lavoro svolto dagli specialisti Cnaipic che, grazie anche alla collaborazione dell'Fbi, sono riusciti a "sbloccare" i server americani dei due indagati e a ricostruire la rete creata su almeno 9 pc riconducibili agli Occhionero.

15:42Calcio: Gattuso, Donnarumma? Lo vedo sereno

(ANSA) - MILANO, 12 DIC - "Ora non c'è alcun problema da parte mia, Fassone e Mirabelli parleranno se ci sono problemi". Così Rino Gattuso su Gigi Donnarumma, che ha inviato al Milan un documento in cui sostiene di aver subito pressioni psicologiche per firmare il contratto. "Io non tocco con mano problemi con Gigio, ci parlo ogni giorno, lo vedo tranquillo - ha detto il tecnico del Milan al canale tematico rossonero a Milan tv -. Non l'ho mai sentito dire che saranno le ultime partite. Sta là e gli brucia se non arrivano i risultati. Dopo Benevento era molto triste, il gol al 96' gli brucia".

Archivio Ultima ora