Jobs Act: la Consulta boccia il quesito, niente referendum sull’art.18

Pubblicato il 11 gennaio 2017 da ansa

L’aula della Corte Costituzionale durante la prima udienza pubblica, Roma, 2 dicembre 2014. ANSA/GIUSEPPE LAMI
——————————————————————————

ROMA. – Il referendum sull’art.18, con i suoi possibili contraccolpi sul governo, è disinnescato. E anche il riverbero della prossima decisione sull’Italicum, che la Consulta esaminerà il 24 gennaio, diventa più soft, perché il sistema istituzionale ha di fronte un quadro meno incerto in cui inserire il dibattito sulla nuova legge elettorale. E’ questo l’effetto più tangibile della decisione della Corte Costituzionale sui quesiti referendari proposti dalla Cgil.

Due referendum restano comunque in pista: quello sui voucher e quello sulla responsabilità committente-appaltatore; si andrà alle urne in primavera, una domenica tra il 15 aprile e il 15 giugno. Ma la loro portata politica è assai più contenuta e una modifica alle norme, come già si profila per i voucher, potrebbe consentire di evitarli.

I quesiti sottoposti alla Consulta erano tre. Due – art. 18 e voucher – riguardavano altrettanti pilastri del Jobs Act che il sindacato chiedeva di abrogare. Il primo è stato dichiarato inammissibile, e quindi non sarà sottoposto a referendum: chiedeva di reintrodurre i limiti ai licenziamenti senza giusta causa, ripristinando la reintegra del lavoratore prevista per le aziende con più di 15 dipendenti ed estendendola a tutte quelle con più di 5 addetti.

Il secondo riguardava i voucher, i buoni lavoro da 10 euro l’ora per le prestazioni occasionali, estesi ai redditi fino a 7mila euro: qui la Corte ha dato il via libera. Ma su questo tema il governo ha già annunciato una riforma: se approvata, la nuova norma passerà dalla Cassazione, Ufficio centrale per il referendum, chiamato a valutare se la nuova legge risponda al quesito referendario. In caso negativo, il referendum si farà sulla nuova norma, ma in caso positivo, non si farà affatto.

C’è quindi la possibilità che resti in piedi solo il referendum, quello che, negli appalti, chiede di reintrodurre senza deroghe la responsabilità solidale tra committente e appaltatore quando ci siano violazioni contro il lavoratore. Un tema molto meno immediato, per l’opinione pubblica, dei voucher, per cui se questo referendum resterà da solo, senza l’effetto trascinante dell’altro quesito, bisognerà impostare una forte campagna per raggiungere il quorum necessario a validare il risultato.

Per capire le motivazioni che sorreggono la decisione della Corte Costituzionale, bisognerà aspettare la sentenza, che arriverà presto, certo prima del 10 febbraio, termine ultimo per questo tipo di pronuncia. Sul ‘no’ al quesito sull’art. 18 può aver inciso la necessità di dare un segnale a ipotesi referendarie che puntano ad abrogare contemporaneamente più parti di una stessa legge con un’opera di ‘taglia e cuci’. Quel che è certo è che la decisione è stata sofferta.

Il collegio è in questo momento a quota 14, dopo le dimissioni di Giuseppe Frigo (proprio oggi il Parlamento si è riunito in seduta comune per cercare di eleggere un successore, ma la fumata è stata nera). Stamane però era assente anche Alessandro Criscuolo per motivi di salute: quindi, erano in 13. Prima, per un paio d’ore, hanno ascoltato le ragioni dei legali della Cgil, Vittorio Angiolini e Amos Andreoni; poi l’Avvocato dello Stato, Vincenzo Nunziata, che per la Presidenza del Consiglio ha chiesto l’inammissibilità dei quesiti.

E’ seguita una camera di consiglio di poco più di due ore e mezza. Ai voti sull’art. 18 sarebbe finita 7 a 6, da quanto filtra: la relatrice, Silvana Sciarra, probabilmente non firmerà la sentenza, perché era tra i favorevoli all’ammissibilità del referendum.

Ora “la battaglia proseguirà”, dice Susanna Camusso, leader della Cgil, che giudica una “scelta politica” quella del governo di intervenire di fronte alla Consulta attraverso l’Avvocatura dello Stato; e annuncia che sull’art. 18 si valuta un ricorso alla Corte Europea.

I voucher, “strumento malato”, vanno “azzerati”, aggiunge. “Serve una riforma sostanziale”, rimarca l’avvocato Angiolini, non un intervento “insufficiente” come quello sulla tracciabilità dei voucher. La politica corre ai ripari. Il 23 è calendarizzata alla Camera una mozione di Sinistra Italiana che impegna il governo “ad adottare le opportune iniziative normative”. Ma il primo passo è atteso dal governo.

Il ministro del Lavoro, Poletti, difende il Jobs Act. Il ‘no’ della Consulta al referendum sull’art. 18 è un punto a favore, ma “non abbiamo da vantare né vittorie né sconfitte”, precisa. Sui voucher c’è l’impegno a mettere a punto modifiche per ridurre “gli elementi di utilizzo improprio”. Effetti sul governo? “Assolutamente no”, assicura il ministro della Salute, Beatrice Lorenzin.

(di Eva Bosco/ANSA)

Ultima ora

19:55Calcio: Andrea Bocelli ospite nella sede dell’Inter

(ANSA) - MILANO, 21 SET - Un ospite speciale per l'Inter oggi negli uffici della sede del club nerazzurro: Andrea Bocelli ha incontrato il vicepresidente Javier Zanetti e l'ad Alessandro Antonello. Il grande tenore italiano, noto tifoso dell'Inter, ha visitato la sala delle Coppe del club, indossando la maglia personalizzata numero 5, regalata per l'occasione dai dirigenti nerazzurri. Bocelli a sfiorato i trofei conquistati in passato dall'Inter, sollevando anche la Coppa della Champions League e la Coppa Intercontinentale.

19:54Pallavolo: Mazzanti, il nostro motto è stupire e stupirci

(ANSA) - ROMA, 21 SET - Al via domani in Azerbaigian e Georgia gli Europei di pallavolo femminile: l'Italia debutterà a Tbilisi contro le padrone di casa georgiane e avrà sette esordienti in una rassegna continentale: Alessia Orro, Carlotta Cambi, Sara Bonifacio, Anna Danesi, Sara Loda, Paola Egonu e Beatrice Parrocchiale. "Ho buone sensazioni - ha detto il ct Davide Mazzanti, a sua volta al primo Europeo - Negli ultimi giorni ho visto delle cose belle da parte della squadra. Durante la preparazione abbiamo fatto passi avanti dal punto di vista del gioco e ora bisognerà continuare a crescere. Il calendario del torneo ci permetterà di aumentare progressivamente la qualità del gioco e vedere dove possiamo arrivare. Mi sta piacendo molto il percorso che le ragazze stanno facendo: la squadra ha compiuto un ulteriore step e ne siamo consapevoli. Il nostro motto è sempre lo stesso: stupire e stupirci". In dubbio per domani è la schiacciatrice Lucia Bosetti, che in allenamento ha riportato una leggera distorsione a una caviglia.

19:51Boldrini, senza legge elettorale paese meno credibile

(ANSA) - REGGIO EMILIA, 21 SET - "Rosatellum? Non entro nel merito della legge elettorale, sarebbe improprio. Ma senza legge elettorale il Paese rischia un contraccolpo, perderebbe credibilità. Bisogna fare tutti uno sforzo, faccio un appello a tutte le forze politiche perchè riescano ad avere una prova di responsabilità e trovare un accordo". Lo ha detto la Presidente della Camera, Laura Boldrini, partecipando alla Festa nazionale di Sinistra Italiana.

19:51Salvini, pronti a votare Rosatellum settimana prossima

(ANSA) - FONTANELLA (BERGAMO), 21 SET - Il Rosatellum Bis? "Ne abbiamo sentite tante - risponde il leader della Lega Nord, Matteo Salvini -, ma se la settimana prossima porta in discussione questa legge elettorale i voti della Lega ci sono già la settimana prossima". Salvini lo ha detto a margine di un presidio della Lega a Fontanella, nel Bergamasco, dove ieri un richiedente asilo ha violentato un'operatrice.

19:50Noemi: trovata punta coltello in nuca vittima

(ANSA) - SPECCHIA (LECCE), 21 SET - La punta di un coltello è stata trovata incastrata nella nuca di Noemi Durini durante l'autopsia compiuta due giorni fa a Lecce. Per questo motivo la Procura per i minorenni ha disposto una nuova perquisizione nella casa del fidanzato 17enne della ragazza, ora detenuto in Sardegna con l'accusa di omicidio premeditato. Nell'appartamento si cerca la parte mancante del coltello utilizzato per commettere il delitto. Il fidanzato di Noemi, Lucio, durante l'interrogatorio in cui aveva confessato il delitto, aveva detto che la lama del coltello utilizzato per uccidere la ragazza si era spezzata dopo aver sferrato il fendente alla nuca della sedicenne. Aveva quindi spiegato di aver avvolto il manico dell'arma nella sua maglietta e di averlo nascosto in una zona di campagna che non ha saputo indicare. Il giovane aveva spiegato che il coltello era stato portato proprio da Noemi all'alba del 3 settembre, giorno della scomparsa e del delitto, per mettere in atto l'uccisione dei genitori del ragazzo.

19:43Donna muore intossicata in principio d’incendio cucina

(ANSA) - BELLUNO, 21 SET - Una donna quarantenne è morta intossicata dal fumo di un principio d'incendio che, probabilmente, ha innescato lei stessa cercando di accendere con del liquido infiammabile la cucina a legna della casa. La disgrazia è avvenuta a Cesiomaggiore (Belluno). E' stato il figlio quindicenne della donna, tornando da scuola, ad accorgersi del fumo che usciva dall'edificio, dando l'allarme al 115. Quando i pompieri di Belluno sono giunti sul posto per la donna non c'era più nulla da fare. Le fiamme avevano attaccato solo le suppellettili della cucina, senza allargarsi al resto dell'abitazione, ma questo è bastato a produrre una grande quantità di fumo, che non ha dato scampo alla quarantenne. Le cause esatte del principio d'incendio sono ancora al vaglio dei tecnici del vigili del fuoco.

19:38Pedofilia: andrà in carcere giovane liberato nel Reggiano

(ANSA) - REGGIO EMILIA, 21 SET - Andrà in carcere il giovane pakistano di 21 anni accusato di violenza sessuale nei confronti di un minorenne disabile residente in un comune della bassa reggiana. Lo ha deciso il Riesame accogliendo il ricorso del sostituto procuratore di Reggio Emilia Maria Rita Pantani contro la decisione del Gip Giovanni Ghini, che il 18 agosto scorso aveva concesso all'indagato, reo confesso, l'obbligo di firma e il divieto di avvicinamento alla vittima dell'abuso. Il 21enne era stato arrestato nei giorni precedenti ed era finito ai domiciliari. Il suo ritorno in libertà aveva poi sollevato vaste proteste e quella decisione del Gip è ora al vaglio del Csm e del ministero della Giustizia. Da alcuni giorni il 21enne, che ha sempre sostenuto come il ragazzo con cui aveva avuto il rapporto fosse consenziente, risiedeva a Reggio. Il suo avvocato, Domenico Noris Bucchi, fa sapere che non ricorrerà in Cassazione contro il provvedimento di custodia cautelare in carcere, per volere del suo stesso assistito. (ANSA).

Archivio Ultima ora