Politici spiati: oltre mille i computer compromessi

Pubblicato il 11 gennaio 2017 da ansa

ROMA. – Ci sono almeno un migliaio di computer di istituzioni, società, enti pubblici e studi professionali privati che sono stati violati da ‘EyePiramid’, il virus utilizzato dai fratelli Occhionero per rubare migliaia di informazioni e dati sensibili al sistema di potere italiano. Sono le carte dell’inchiesta sulla centrale di cyberspionaggio e dossieraggio scoperta dalla Polizia Postale a svelare le reali dimensioni della vicenda e, di conseguenza, i rischi per la sicurezza nazionale.

Quale che sia il contenuto e lo spessore delle informazioni contenute nei server sequestrati a Prior Lake, in Minnesota, e a Salt Lake City, in Utah – per conoscere il quale bisognerà attendere il risultato della rogatoria in Usa – un dato certo c’è già ed è, appunto, la dimensione del danno provocato alle istituzioni del paese dall’attività di spionaggio in corso da almeno sei anni.

Finora infatti, scrive il Gip nell’ordinanza di arresto nei confronti di Giulio e Francesca Occhionero, gli investigatori hanno identificato “circa cento macchine” infettate dal virus. Ma il numero reale di pc colpiti è, almeno, dieci volte di più.

Torniamo all’inizio della storia. Quando il responsabile della sicurezza di Enav Francesco di Maio, a gennaio 2016, si accorge che qualcosa non quadra nella mail ricevuta da uno studio legale con cui non ha mai avuto rapporti, contatta la società ‘Mentat Solution’, un’azienda che opera nel settore della sicurezza informatica e della malware analysis, e chiede di analizzare l’allegato.

I tecnici fanno il loro lavoro e scoprono il virus, ma non solo: partendo da EyePiramid individuano il server punto di riferimento per il malware stesso, utilizzato per la gestione di tutti i sistemi infettati. E su questo server sono memorizzati anche i file relativi alla configurazione delle macchine compromesse dal virus, oltre a migliaia di documenti.

“Sul server – scrive il Gip – erano presenti 1.133 file di configurazione, evidente indice di un egual numero di macchine compromesse”. Dunque se finora le macchine compromesse individuate – grazie ad un solo mese di intercettazione telematica sul pc di Occhionero – sono un centinaio su oltre 1.100 (quelle di una ventina di studi legali, di commercialisti, consulenti del lavoro, architetti ma anche dell’università di Napoli, della Regione Lazio, della Cgil, del Vaticano, di società di costruzioni, del settore sanitario, delle assicurazioni e dei trasporti), è evidente che il numero dei soggetti coinvolti, e delle istituzioni violate dal virus, sia assai maggiore.

E’ anche questo il motivo per il quale gli investigatori non escludono l’esistenza di altri server di gestione della rete messa in piedi da Occhionero, che al momento non sono ancora stati individuati, o che esistano addirittura dei server di backup che possano permettere agli indagati, una volta fuori dal carcere, di ripristinare totalmente il sistema informatico.

L’analisi dei file a disposizione al momento, inoltre, ha consentito di stilare un primo elenco del ‘materiale’ che potrebbe essere stato sottratto dai pc e dai telefoni infettati col virus: password salvate sui browser, password per accedere alle caselle mail e alle chat come messanger, cartelle del pc, siti preferiti e cronologia, lista dei software installati, database delle conversazioni via Skype, ricerche effettuate sui motori di ricerca, password wireless.

Nel file denominato ‘Hwater.mrk’, sono invece state trovate informazioni relative ai nomi delle cartelle di posta presenti sul server, agli utenti ed all’oggetto dei messaggi mail ricevuti. L’altro fronte su cui stanno lavorando gli investigatori è la ‘rete’ di contatti dei due fratelli che, dice il gip, “consente agli indagati di acquisire informazioni riguardo il procedimento penale”.

E’ probabile che la lista degli indagati possa allungarsi – al momento sarebbero due le persone iscritte oltre ai fratelli Occhionero – soprattutto se dovessero spuntare punti di contatto, al momento non emersi in modo chiaro, con l’indagine sulla P4. Non è un caso che il giudice parla di “diretto collegamento” tra le “condotte illecite” dei fratelli Occhionero e gli “interessi illeciti oscuri” emersi durante l’indagine sulla P4″.

Ultima ora

08:45Honduras: sorella presidente morta in incidente elicottero

(ANSA) - TEGUCIGALPA, 17 DIC - Hilda Hernandez, sorella del presidente dell'Honduras Juan Orlando Hernandez, è morta, con altre cinque persone, in un incidente di elicottero, schiantatosi su una montagna vicino alla capitale Tegucigalpa. La donna, 51 anni, era addetta alle comunicazioni per il fratello, ed era stata ministro dello sviluppo sociale durante la precedente amministrazione dell'allora presidente Porfirio Lobo. L' elicottero militare trasportava Hernandez, quattro membri della sua scorta e un pilota. Era decollato dall'aeroporto internazionale di Tegucigalpa alla volta della sua residenza a Comayagua, 60 chilometri dalla capitale. Poco dopo, l'aeronautica ha dato il velivolo per disperso. I resti dell'elicottero sono stati poi trovati sulle montagne vicine a Tegucigalpa, senza sopravvissuti. Hernandez è coinvolto in una disputa sulle elezioni presidenziali in cui ha conquistato il 43% dei voti contro il 41,4% del candidato di opposizione Salvador Nasralla. Il vincitore non è stato ancora proclamato ufficialmente.

08:43Russiagate: Mueller accede a migliaia email transition team

(ANSA) - WASHINGTON, 17 DIC - Il team del procuratore speciale per il Russiagate Robert Mueller ho ottenuto l'accesso a migliaia di email private mandate e ricevute da collaboratori di Donald Trump prima che si insediasse alla Casa Bianca. Materiale, riferisce l'Ap, di cui gli investigatori sono venuti in possesso non chiedendo direttamente al transition team del tycoon ma attraverso la General services administration, che spesso archivia i documenti della transizione presidenziale nei suoi computer. Una mossa che potrebbe sollevare obiezioni legali. Un avvocato del transition team ha gia' inviato una lettera al Congresso per segnalare che all'indagine di Mueller sono state fornite "rivelazioni non autorizzate" da parte di questa agenzia federale. Il materiale comprende comunicazioni di una decina di dirigenti all'epoca della transizione, tra cui Michael Flynn, che ha raggiunto un accordo con gli inquirenti per aver mentito all'Fbi.

04:33Savoia: salma Vittorio Emanuele III in arrivo dall’ Egitto

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - La salma di Vittorio Emanuele III è partita da Alessandria d'Egitto dove era sepolta nella cattedrale di Santa Caterina, per rientrare in Italia a bordo di un volo militare atteso stamani attorno alle 11. Lo ha riferito il Gr1 di Radio Rai, precisando che alla partenza erano presenti familiari e l'ambasciatore italiano al Cairo Giampaolo Cantini. Le spoglie del sovrano, a quanto si è appreso, sarebbero state portate da Alessandria in un aeroporto militare nelle vicinanze del Cairo, punto di partenza per l'Italia a bordo di un aereo militare. Il velivolo dovrebbe atterrare in mattinata in uno scalo militare del Piemonte, e la bara dovrebbe essere poi traslata al Santuario di Vicoforte, accanto a quella della regina Elena, sebbene alcuni familiari premano ancora per la traslazione nel Pantheon.

01:35Calcio: Francia, Psg a valanga e il Monaco resta a -9

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - Il Paris Saint Germain risponde alla vittoria di ieri del Monaco infliggendo una dura lezione al Rennes, battuto 4-1 in trasferta con una doppietta di Neymar e gol di Cavani e Mbappè. I parigini, dopo 18 giornate, mantengono il +9 di vantaggio sui monegaschi. Fari puntati domani sulla sfida Lione-Marsiglia, match clou che mette di fronte due squadre in corsa per la Champions ed è una grande occasione per gli ospiti, guidati da Rudi Garcia sono in corsa per il secondo posto. Nonostante i gol di Balotelli, il Nizza annaspa al settimo posto e domenica ospita il Bordeaux. Tra le altre partite di oggi, il Digione ha battuto 3-0 il Lille e sale al settimo posto a quota 24, dove si trovano anche lo Strasburgo, che ha battuto 2-1 il Tolosa, e il Caen, che invece non è andato oltre lo 0-0 in casa col Guingamp. Seconda vittoria stagionale per il fanalino di coda Metz, che è riuscito a imporsi 3-1 a Montpellier.

01:05Calcio: Roma, Di Francesco “vittoria sofferta ma importante”

(ANSA) - ROMA, 16 DIC - "Questa gara era importante, avevo dato un segnale, e l'abbiamo vinta soffrendo. Si parla sempre degli episodi, che sono importantissimi, ma noi avremmo potuto fare gol prima. Abbiamo subito il primo tiro contro dopo 83', abbiamo sempre fatto la gara contro un Cagliari molto organizzato ma noi abbiamo voluto fortemente la vittoria. Ci teniamo stretti questi 3 punti". Lo ha detto l'allenatore della Roma, Eusebio Di Francesco, dopo la vittoria al 94' sui sardi. "Abbiamo concesso pochissimo in difesa, il Cagliari non ci ha permesso di essere aggressivi ma abbiamo avuto una grande supremazia territoriale - ha proseguito -. Dovevamo essere più cinici e cattivi, dobbiamo lavorare ancora di più. Ma io non sono d'accordo sulla prestazione negativa, abbiamo fatto la partita. Abbiamo tirato in porta 20 volte, dovevamo essere più precisi".

01:03Cile: frana per piogge torrenziali, 3 morti e 15 dispersi

(ANSA) - SANTIAGO, 16 DIC - Piogge torrenziali nel sud del Cile hanno causato una frana che ha sommerso un villaggio: almeno tre persone sono morte e altre 15 risultano disperse. Lo riferisce il viceministro dell'Interno Madmud Aleuy, aggiungendo che le vittime sono due donne e un turista non ancora identificato. Le piogge hanno causato l'esondazione di un fiume vicino a una collina franata su 20 delle 200 case del villaggio di Villa Santa Lucia, nella regione meridionale di Los Lagos. La presidente Michelle Bachelet ha riferito su Twitter che i servizi di emergenza stanno lavorando dell'area "per soccorrere le persone colpite". Alcuni feriti sono stati evacuati in elicottero. (ANSA)

01:01Omicidio cestista Nba Lorenzen Wright, arrestata moglie

(ANSA) - WASHINGTON, 16 DIC - Per l'uccisione nel 2010 dell'ex giocatore di basket Nba Lorenzen Wright, la polizia di Memphis ha arrestato l'ex moglie Sherra, 46 anni, e un suo coetaneo, Bill Turner, accusati ora di concorso nell'omicidio. Le forze dell'ordine non hanno reso noto cosa le abbia portate ai due e il movente del delitto, ma la svolta sarebbe stata impressa dal ritrovamento dell'arma usata nell'aggressione, in un lago vicino a Walnut, Mississippi, 75 miglia a est di Memphis. Il corpo di Wright, che allora aveva 34 anni, fu trovato alla periferia della città in stato di decomposizione dieci giorni dopo la sua scomparsa. Aveva diverse ferite d'arma da fuoco. Il cestista aveva giocato nell'Nba per 13 anni in 5 squadre, tra cui quella di Memphis.

Archivio Ultima ora