Politici spiati: oltre mille i computer compromessi

Pubblicato il 11 gennaio 2017 da ansa

ROMA. – Ci sono almeno un migliaio di computer di istituzioni, società, enti pubblici e studi professionali privati che sono stati violati da ‘EyePiramid’, il virus utilizzato dai fratelli Occhionero per rubare migliaia di informazioni e dati sensibili al sistema di potere italiano. Sono le carte dell’inchiesta sulla centrale di cyberspionaggio e dossieraggio scoperta dalla Polizia Postale a svelare le reali dimensioni della vicenda e, di conseguenza, i rischi per la sicurezza nazionale.

Quale che sia il contenuto e lo spessore delle informazioni contenute nei server sequestrati a Prior Lake, in Minnesota, e a Salt Lake City, in Utah – per conoscere il quale bisognerà attendere il risultato della rogatoria in Usa – un dato certo c’è già ed è, appunto, la dimensione del danno provocato alle istituzioni del paese dall’attività di spionaggio in corso da almeno sei anni.

Finora infatti, scrive il Gip nell’ordinanza di arresto nei confronti di Giulio e Francesca Occhionero, gli investigatori hanno identificato “circa cento macchine” infettate dal virus. Ma il numero reale di pc colpiti è, almeno, dieci volte di più.

Torniamo all’inizio della storia. Quando il responsabile della sicurezza di Enav Francesco di Maio, a gennaio 2016, si accorge che qualcosa non quadra nella mail ricevuta da uno studio legale con cui non ha mai avuto rapporti, contatta la società ‘Mentat Solution’, un’azienda che opera nel settore della sicurezza informatica e della malware analysis, e chiede di analizzare l’allegato.

I tecnici fanno il loro lavoro e scoprono il virus, ma non solo: partendo da EyePiramid individuano il server punto di riferimento per il malware stesso, utilizzato per la gestione di tutti i sistemi infettati. E su questo server sono memorizzati anche i file relativi alla configurazione delle macchine compromesse dal virus, oltre a migliaia di documenti.

“Sul server – scrive il Gip – erano presenti 1.133 file di configurazione, evidente indice di un egual numero di macchine compromesse”. Dunque se finora le macchine compromesse individuate – grazie ad un solo mese di intercettazione telematica sul pc di Occhionero – sono un centinaio su oltre 1.100 (quelle di una ventina di studi legali, di commercialisti, consulenti del lavoro, architetti ma anche dell’università di Napoli, della Regione Lazio, della Cgil, del Vaticano, di società di costruzioni, del settore sanitario, delle assicurazioni e dei trasporti), è evidente che il numero dei soggetti coinvolti, e delle istituzioni violate dal virus, sia assai maggiore.

E’ anche questo il motivo per il quale gli investigatori non escludono l’esistenza di altri server di gestione della rete messa in piedi da Occhionero, che al momento non sono ancora stati individuati, o che esistano addirittura dei server di backup che possano permettere agli indagati, una volta fuori dal carcere, di ripristinare totalmente il sistema informatico.

L’analisi dei file a disposizione al momento, inoltre, ha consentito di stilare un primo elenco del ‘materiale’ che potrebbe essere stato sottratto dai pc e dai telefoni infettati col virus: password salvate sui browser, password per accedere alle caselle mail e alle chat come messanger, cartelle del pc, siti preferiti e cronologia, lista dei software installati, database delle conversazioni via Skype, ricerche effettuate sui motori di ricerca, password wireless.

Nel file denominato ‘Hwater.mrk’, sono invece state trovate informazioni relative ai nomi delle cartelle di posta presenti sul server, agli utenti ed all’oggetto dei messaggi mail ricevuti. L’altro fronte su cui stanno lavorando gli investigatori è la ‘rete’ di contatti dei due fratelli che, dice il gip, “consente agli indagati di acquisire informazioni riguardo il procedimento penale”.

E’ probabile che la lista degli indagati possa allungarsi – al momento sarebbero due le persone iscritte oltre ai fratelli Occhionero – soprattutto se dovessero spuntare punti di contatto, al momento non emersi in modo chiaro, con l’indagine sulla P4. Non è un caso che il giudice parla di “diretto collegamento” tra le “condotte illecite” dei fratelli Occhionero e gli “interessi illeciti oscuri” emersi durante l’indagine sulla P4″.

Ultima ora

20:46Ferita 15enne: trovato cadavere presunto aggressore

(ANSA) - ISCHITELLA (FOGGIA), 20 SET - Il cadavere del presunto responsabile del tentato omicidio della ragazza di 15 anni è stato trovato nelle campagne della località Callone, in agro di Ischitella. Lo rendono noto i carabinieri del Comando provinciale di Foggia. Pare che si sia tolto la vita con la stessa arma usata stamattina contro la 15enne. "Ditemi che è vero", ha scritto la madre della ragazzina su Facebook dopo avere appreso della morte dell'uomo.

20:23Calcio: serie A, Benevento-Roma 0-4

(ANSA) - BENEVENTO, 20 SET - La Roma passa senza problemi a Benevento per 4-0 nell'anticipo della quinta giornata di serie A. Partita dominata in lungo e in largo dagli uomini di Di Francesco: il primo pericolo lo porta Dzeko all'11' con un tiro da fuori. La replica dei padroni di casa è affidata a Cataldi che al 18' lascia partire un destro a giro che esce di pochissimo. La Roma passa in vantaggio con Dzeko al 22' che mette dentro da due passi su passaggio di Kolarov. Lo stesso centravanti bosniaco colpisce un palo al 30'. Al 35' arriva l'autogol di Lucioni che, dopo un cross di Bruno Peres, nel tentativo di anticipare Dzeko mette dentro la propria porta. Dzeko sigla il gol del 3-0 al 52' con un sinistro da fuori area. Benevento pericoloso al 67' con Coda che da buona posizione mette alto sopra la traversa. Al 74' l'autorete di Venuti per il 4-0 mentre Dzeko - ancora lui - colpisce la traversa all'83'. Roma quinta a nove punti, Benevento sempre ultimo a quota zero.

20:11Tennis: Atp San Pietroburgo, Fabbiano al secondo turno

(ANSA) - ROMA, 20 SET - Thomas Fabbiano si qualifica per il secondo turno del torneo Atp di San Pietroburgo (montepremi di un milione di dollari, veloce indoor), in Russia. Il pugliese ha sconfitto il russo Daniil Medvedev per 7-6(4) 7-5 e ora sfiderà per un posto nei quarti il tedesco Jan-Lennard Struff. In tabellone c'è anche Fabio Fognini che entrerà in gara direttamente al secondo turno, dove affronterà il russo Mikhail Youzhny.

19:53Operaio forestale ucciso nel nuorese: fatale un colpo fucile

(ANSA) - NUORO, 20 SET - Un solo colpo di fucile alla testa esploso a distanza ravvicinata: questo l'esito dell'autopsia sul corpo di Luca Carboni, l'operaio forestale di 46 anni di Orani, ucciso ieri notte davanti a una pizzeria del paese. L'esame è stato effettuato all'ospedale San Francesco di Nuoro dal medico legale Vindice Mingioni. La salma è stata quindi restituita ai familiari. I funerali della vittima, separato e padre di due figli, sono previsti domani pomeriggio nella parrocchia di Sant'Andrea. In un post sulla pagina Facebook del Comune di Orani, la reazione dell'amministrazione e del sindaco Antonio Fadda. "Nel condannare fermamente l'assassinio del nostro compaesano Luca Carboni - si legge - chiediamo a tutti gli oranesi, nessuno escluso, di riflettere sui valori che stanno alla base della convivenza umana, e che sono i pilastri stessi della nostra comunità: civile convivenza, rispetto, solidarietà, bene comune. Non lasciamo che sia l'assurda logica della violenza a vincere, non facciamoci trascinare da pericolose ondate di odio, vendetta e rancore. Rialziamo la testa, e dimostriamo a noi stessi e agli altri i valori di una comunità ospitale, unita, sana". Le indagini della Squadra Mobile di Nuoro, coordinate dal sostituto procuratore Andrea Schirra, proseguono con interrogatori, perquisizione e posti di blocco. Gli inquirenti scavano nel passato dell'uomo tormentato dalle vicende giudiziarie legate al traffico di armi e di droga, attentati e usura. Secondo gli inquirenti, Luca Carboni avrebbe anche fatto parte, seppur con un ruolo marginale, della banda pronta a trafugare a scopo di estorsione la salma del costruttore automobilistico Enzo Ferrari. Per questo all'operaio era stato imposto l'obbligo di dimora.(ANSA).

19:45Donna incinta al sesto mese presa a calci da un clochard

(ANSA) - MILANO, 20 SET - Una donna ucraina di 32 anni, al sesto mese di gravidanza, è stata aggredita da un clochard nei giardinetti di via Keplero, a Milano. L'episodio è avvenuto alle 15, alla polizia ha raccontato di essere stata avvicinata dal senzatetto e colpita con due calci alla schiena senza alcun motivo. L'uomo, che sarebbe anch'egli dell'est Europa ed è noto nella zona, è scappato prima dell'arrivo della polizia. La 32enne è stata accompagnata a scopo precauzionale all'ospedale Niguarda ma non ha riportato contusioni preoccupanti.

19:38‘Give a home’, mille artisti per campagna rifugiati Amnesty

(ANSA) - ROMA, 20 SET - Trecento concerti in 24 ore, dalla Nuova Zelanda a Seattle negli Stati Uniti, passando per l'Europa, Italia compresa, con mille artisti, dai big internazionali alle band di musica etnica formate dagli stessi migranti: è quanto si sta svolgendo in questi ore in tutto il mondo con "Give a Home", iniziativa organizzata da Amnesty International e Sofar Sounds a sostegno dei rifugiati. Tanti gli artisti che si stanno cimentando in performance che si svolgono in luoghi pubblici, ma anche in case private o in strutture che simboleggiano l'accoglienza: fra questi, Ed Sheeran, Emeli Sandé, Hot Chip, Jesse&Joy, Laura Mvula, Ludovico Einaudi, The National. Suoneranno anche band di rifugiati originari di ogni parte del mondo. Nell'occasione potranno raccontare le loro storie: come l'Orchestra of Syrian Musicians e il duo pop somalo-canadese Faarrow, che si esibiranno a Londra e a Los Angeles. In Italia, appuntamenti per la manifestazione, fra gli altri, a Milano, Napoli, Roma, Verona, Brescia, Udine.

19:35Pugilato: morto LaMotta, il ricordo di Mazzinghi

(ANSA) - PISA, 20 SET - "Ci ha lasciati Jake La Motta uno dei più grandi pugili, un pezzo di grande storia pugilistica e non solo.....Sono molto dispiaciuto, un uomo che ha combattuto tanto nella vita, le sue gesta rimarranno per sempre scolpite dentro tutti noi". Così su facebook l'ex pugile Sandro Mazzinghi, che ha 79 anni, ricorda il campione americano scomparso.

Archivio Ultima ora