Migranti: presidenza Ue, bene l’intesa tra l’Italia e la Libia

Pubblicato il 12 gennaio 2017 da ansa

ROMA. – L’accordo tra Italia e Libia sulla gestione del fenomeno delle migrazioni riceve il plauso della presidenza Ue. “Credo che l’accordo preparato dal governo libico e da quello italiano debba essere portato a livello europeo, il governo italiano debba essere aiutato e bisogna offrire alla Libia un pacchetto finanziario e anche aiuto logistico” ha detto il premier maltese Joseph Muscat, presidente di turno della Ue.

Per Muscat occorre cambiare strategia, “rompere il business model dei trafficanti” e comunque assumere delle decisioni ora, prima dell’arrivo della primavera, che segnerà, senza nuove decisioni, una nuova ondata di migranti verso l’Europa.

E l’Italia scende ancora in campo, questa volta guardando ai campi profughi dell’Etiopia. E’ stato firmato al Viminale un protocollo d’intesa tra la Cei, la Comunità di Sant’Egidio e il governo italiano per portare in Italia, attraverso i cosiddetti ‘corridoi umanitari’, cinquecento persone che vivono nei campi profughi in Etiopia, per lo più eritrei, somali e sud-sudanesi fuggiti dai loro Paesi in guerra. A sostenere il progetto saranno i fondi dell’8 per mille.

Intanto l’Italia “sta lavorando con grande impegno – ha sottolineato il ministro degli Esteri Angelino Alfano – per rafforzare la collaborazione bilaterale sul fronte del controllo dei punti di transito migratorio alla frontiera sud tra Libia e Niger e nel contrasto alla immigrazione illegale e al traffico di esseri umani”.

Il ministro dell’Interno Marco Minniti, nell’incontro con il Commissario europeo per le migrazioni Dimitris Avramopulos, ha ribadito la necessità dell'”impegno per trovare soluzioni e porre fine alle morti nel Mediterraneo”. Ma l’impegno dei Paesi europei nell’accoglienza ancora non risulta sufficiente. L’Unhcr ha sottolineato senza mezzi termini che “le cifre sui ricollocamenti sono troppo basse, davvero inaccettabili”.

E l’Alto Commissariato per i Rifugiati chiede alla Ue di prepararsi a “nuovi possibili flussi” esprimendo allo stesso tempo “forti preoccupazioni perché in diversi casi l’Europa pare non avere né un piano A né un piano B”.

Tornado all’accordo sui corridoi umanitari con l’Etiopia, il segretario generale dei vescovi, mons. Nunzio Galantino, ha sottolineato: “Troppo spesso ci troviamo a piangere le vittime dei naufragi in mare, senza avere il coraggio poi di provare a cambiare le cose: questo Protocollo consentirà un ingresso legale e sicuro a donne, uomini e bambini che vivono da anni nei campi profughi etiopi in condizioni di grande precarietà materiale ed esistenziale”.

Il fondatore della Comunità di Sant’Egidio, Andrea Riccardi, ha commentato: “Questo accordo per nuovi corridoi umanitari risponde al desiderio di molti italiani di salvare vite umane dai viaggi della disperazione. L’Europa, tentata dai muri come scorciatoia per risolvere i suoi problemi e troppe volte assente, guardi a questo modello di sinergia tra Stato e società civile replicabile anche in altri Paesi”.

Sant’Egidio sta per raggiungere un’intesa anche con il governo francese per replicare l’esperienza dei corridoi umanitari anche Oltralpe. A nome del governo, il prefetto Mario Morcone, Capo del Dipartimento immigrazione del Viminale, ha rilevato: “Siamo sempre attenti alle sollecitazioni di Papa Francesco e della Cei, che ora sta costruendo con noi un percorso per consentire a 500 persone di arrivare nel nostro Paese in condizioni di legalità e sicurezza. Speriamo che questa esperienza si possa allargare per offrire una opportunità a persone che sono in seria difficoltà”.

Sul fronte dei migranti da registrare infine l’ennesima frase choc del leader della Lega Matteo Salvini: “Bisogna salvare chiunque in mezzo al mare, ma poi riportarlo indietro. Bisogna scaricarli sulle spiagge, con una bella pacca sulla spalla, un sacchetto di noccioline e un gelato”.

(di Manuela Tulli/ANSA)

Ultima ora

21:00Sudafrica: Cyril Ramaphosa nuovo presidente dell’Anc

(ANSA) - JOHANNESBURG, 18 DIC - E' Cyril Ramaphosa il nuovo presidente dell'African National Congress (Anc), il partito che fu di Nelson Mandela, al potere in Sudafrica. E in questa veste sarà il candidato presidente alle elezioni del 2019 in sostituzione di Jacob Zuma, al secondo e ultimo mandato. Con 2.446 voti, i delegati dell'Anc hanno decretato la vittoria dell'attuale vice presidente del Sud Africa, Cyril Ramaphosa, contro la candidata concorrente, Nkosazana Dlamini-Zuma, ex moglie di Zuma. Ramaphosa, considerato uno degli uomini d'affari più ricchi del Sudafrica, è un veterano della lotta anti-apartheid e fu leader del potente Num (National Union of Mineworkers), il sindacato dei minatori sudafricani che con i suoi scioperi a metà anni Ottanta mise in seria difficoltà il regime segregazionista bianco. Il neo presidente dell'Anc si accredita come il riformatore che tirerà fuori l'economia sudafricana dalla morsa della corruzione nella quale, secondo le accuse, l'ha precipitata il presidente Jacob Zuma.

20:57Morto in incidente gondola, imputato condannato a 10 mesi

(ANSA) - VENEZIA, 18 DIC - Il Tribunale di Venezia ha condannato oggi a 10 mesi di reclusione il gondoliere coinvolto nell'incidente in Canal Grande che il 17 agosto 2013 costò la vita ad un turista tedesco, Joachim Vogel, che si trovava con la famiglia su un'altra gondola, speronata da un vaporetto in manovra. Per l'uomo, Davide Forcellini, il pm aveva chiesto un anno e 5 mesi. Il collegio ha condannato inoltre l'imputato al risarcimento dei danni, che sarà determinato in altra sede, decidendo una provvisionale esecutiva di 200mila euro. La tesi accusatoria, basata sull'analisi di diversi filmati, attribuiva alla gondola manovrata da Forcellini l'inizio di un maxi ingorgo di imbarcazioni che, schivandosi l'una con l'altra nel tratto di Rialto, contribuirono alla tragedia.

20:56Savoia: Franceschini, vicenda chiusa, Pantheon non esiste

(ANSA) - ROMA, 18 DIC - "La sepoltura a Vicoforte è la chiusura definitiva della vicenda, non ne apre una nuova. Del resto sono la storia e la memoria a impedire anche solo di prendere in considerazione l'ipotesi di una sepoltura al Pantheon". Lo dichiara il ministro della Cultura Dario Franceschini, interpellato dai cronisti sulla richiesta di parte di casa Savoia di seppellire Vittorio Emanuele III al Pantheon.

20:56Matteoli: Gentiloni, cordoglio governo

(ANSA) - ROMA, 18 DIC - Il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni esprime il suo personale cordoglio e quello del governo ai familiari del senatore Altero Matteoli, tragicamente scomparso oggi. Di Matteoli il premier ricorda la passione politica, la coerenza del suo percorso, il profondo senso delle istituzioni.

20:28Bolivia: Morales candidato per quarto mandato tra proteste

(ANSA) - ROMA, 18 DIC - Il presidente della Bolivia Evo Morales è stato proclamato candidato per il quarto mandato consecutivo alle elezioni del 2019 dalla base del partito di governo Movimento per il socialismo (Mas) in un grande evento tenutosi a Cochabamba, di fronte a migliaia di sostenitori. Lo riportano media locali. Morales è stato scelto dalle organizzazioni e movimenti che fanno parte del partito. "Missione compiuta, siamo abilitati per le elezioni", ha esclamato Morales all'evento pubblico. Il supporto da parte della sua base popolare arriva due settimane dopo che Morales stesso si è candidato, dopo aver ricevuto l'autorizzazione da parte della Corte costituzionale del Paese per presentarsi alle elezioni. La decisione è stata duramente criticata dagli oppositori, che proprio per esprimere il loro rifiuto alla ricandidatura sono scesi in piazza a migliaia nelle principali città della Bolivia.

20:24Gerusalemme: Abu Mazen, vogliono negare nostra storia

(ANSAmed) - TEL AVIV, 18 DIC - "Dichiarazioni recenti puntano a negare la nostra storia, ma questa è la nostra terra e i palestinesi continueranno a lottare in modo pacifico". Lo ha detto il presidente palestinese Abu Mazen incontrando oggi a Ramallah i capi delle Chiese cristiane per gli auguri di Natale. "Il mondo e la legge internazionale riconoscono Gerusalemme est capitale dello stato di Palestina e noi - ha aggiunto, citato dalla Wafa - resteremo uniti nel difendere Gerusalemme, le terre dei cristiani e le dotazioni islamiche". Abu Mazen ha poi sottolineato lo "stretto e costante coordinamento con il regno hashemita di Giordania per quanto riguarda i luoghi santi islamici e cristiani di Gerusalemme, specialmente la Spianata delle Moschee e il Santo Sepolcro". In Consiglio di sicurezza Onu si discute questa sera una Risoluzione contro la decisione di Trump su Gerusalemme.

20:22Arabia Saudita: re Salman riceve direttore CIA a Riad

(ANSA) - ROMA, 18 DIC - Il re dell'Arabia Saudita, Salman bin Abdulaziz Al Saud, ha ricevuto oggi a Riad il direttore della CIA, Mike Pompeo. La notizia viene riportata da Al Arabiya. All'incontro, avvenuto nel palazzo Al Yamamah, hanno partecipato, aggiunge la stessa fonte, anche il ministro degli Esteri saudita, Adel Al Jubeir, il capo dell'Intelligence saudita, Khaled bin Ali Al Humaidan, e altri esponenti delle autorità locali.

Archivio Ultima ora