Migranti: presidenza Ue, bene l’intesa tra l’Italia e la Libia

Pubblicato il 12 gennaio 2017 da ansa

ROMA. – L’accordo tra Italia e Libia sulla gestione del fenomeno delle migrazioni riceve il plauso della presidenza Ue. “Credo che l’accordo preparato dal governo libico e da quello italiano debba essere portato a livello europeo, il governo italiano debba essere aiutato e bisogna offrire alla Libia un pacchetto finanziario e anche aiuto logistico” ha detto il premier maltese Joseph Muscat, presidente di turno della Ue.

Per Muscat occorre cambiare strategia, “rompere il business model dei trafficanti” e comunque assumere delle decisioni ora, prima dell’arrivo della primavera, che segnerà, senza nuove decisioni, una nuova ondata di migranti verso l’Europa.

E l’Italia scende ancora in campo, questa volta guardando ai campi profughi dell’Etiopia. E’ stato firmato al Viminale un protocollo d’intesa tra la Cei, la Comunità di Sant’Egidio e il governo italiano per portare in Italia, attraverso i cosiddetti ‘corridoi umanitari’, cinquecento persone che vivono nei campi profughi in Etiopia, per lo più eritrei, somali e sud-sudanesi fuggiti dai loro Paesi in guerra. A sostenere il progetto saranno i fondi dell’8 per mille.

Intanto l’Italia “sta lavorando con grande impegno – ha sottolineato il ministro degli Esteri Angelino Alfano – per rafforzare la collaborazione bilaterale sul fronte del controllo dei punti di transito migratorio alla frontiera sud tra Libia e Niger e nel contrasto alla immigrazione illegale e al traffico di esseri umani”.

Il ministro dell’Interno Marco Minniti, nell’incontro con il Commissario europeo per le migrazioni Dimitris Avramopulos, ha ribadito la necessità dell'”impegno per trovare soluzioni e porre fine alle morti nel Mediterraneo”. Ma l’impegno dei Paesi europei nell’accoglienza ancora non risulta sufficiente. L’Unhcr ha sottolineato senza mezzi termini che “le cifre sui ricollocamenti sono troppo basse, davvero inaccettabili”.

E l’Alto Commissariato per i Rifugiati chiede alla Ue di prepararsi a “nuovi possibili flussi” esprimendo allo stesso tempo “forti preoccupazioni perché in diversi casi l’Europa pare non avere né un piano A né un piano B”.

Tornado all’accordo sui corridoi umanitari con l’Etiopia, il segretario generale dei vescovi, mons. Nunzio Galantino, ha sottolineato: “Troppo spesso ci troviamo a piangere le vittime dei naufragi in mare, senza avere il coraggio poi di provare a cambiare le cose: questo Protocollo consentirà un ingresso legale e sicuro a donne, uomini e bambini che vivono da anni nei campi profughi etiopi in condizioni di grande precarietà materiale ed esistenziale”.

Il fondatore della Comunità di Sant’Egidio, Andrea Riccardi, ha commentato: “Questo accordo per nuovi corridoi umanitari risponde al desiderio di molti italiani di salvare vite umane dai viaggi della disperazione. L’Europa, tentata dai muri come scorciatoia per risolvere i suoi problemi e troppe volte assente, guardi a questo modello di sinergia tra Stato e società civile replicabile anche in altri Paesi”.

Sant’Egidio sta per raggiungere un’intesa anche con il governo francese per replicare l’esperienza dei corridoi umanitari anche Oltralpe. A nome del governo, il prefetto Mario Morcone, Capo del Dipartimento immigrazione del Viminale, ha rilevato: “Siamo sempre attenti alle sollecitazioni di Papa Francesco e della Cei, che ora sta costruendo con noi un percorso per consentire a 500 persone di arrivare nel nostro Paese in condizioni di legalità e sicurezza. Speriamo che questa esperienza si possa allargare per offrire una opportunità a persone che sono in seria difficoltà”.

Sul fronte dei migranti da registrare infine l’ennesima frase choc del leader della Lega Matteo Salvini: “Bisogna salvare chiunque in mezzo al mare, ma poi riportarlo indietro. Bisogna scaricarli sulle spiagge, con una bella pacca sulla spalla, un sacchetto di noccioline e un gelato”.

(di Manuela Tulli/ANSA)

Ultima ora

15:43Coni: 51/o concorso letterario, premiato Minà

(ANSA) - ROMA, 25 SET - Il giornalista Gigi Riva per 'L'ultimo rigore di Faruk" (Sellerio editore) per la sezione narrativa e Gianni Minà per "Il mio Ali" (Rai Eri - Best Bur) per la sezione saggistica, sono i vincitori della 51/a edizione del Concorso Letterario del Coni. Lo ha deciso la commissione per l'assegnazione del premio riunitasi oggi nella sede del Comitato olimpico, presieduta da Marino Bartoletti e composta da Paola Pigni, Valerio Bianchini, Paolo Francia, Piero Mei, Giancarlo Padovan e Roberto Rosseti. Per la sezione tecnica il 1/o premio è andato a Fabio Inka per "Impacto Training" (Mediterranee editore).

15:40Accoltella giudici a Perugia: ferito anche impiegato

(ANSA) - PERUGIA, 25 SET - Anche un impiegato amministrativo del tribunale civile di Perugia è rimasto lievemente ferito per difendere la giudice Francesca Altrui colpita con un coltello e in aiuto della quale era già intervenuto il collega Umberto Rana. I tre sono stati portati in ospedale ma le loro condizioni non sono gravi. In questura è stato condotto l'aggressore tempestivamente bloccato dagli agenti che erano in servizio. La sua posizione è ora al vaglio degli inquirenti. Secondo quanto si è appreso in ambito investigativo l'aggressione è maturata nell'ambito di un procedimento civile. La dinamica è ancora al vaglio della polizia che sta ricostruendo quanto successo. Anche con la scientifica. (ANSA).

15:39Tennis: classifiche, Nadal e Muguruza ancora al n.1

(ANSA) - ROMA, 25 SET - Spagna ancora al comando del tennis mondiale: Rafael Nadal e Garbine Muguruza si confermano infatti al n.1 dei ranking Atp e Wta. Fabio Fognini e Camila Giorgi restano i migliori azzurri. Per Nadal si tratta della sesta settimana in vetta. Rafa ha un vantaggio sullo svizzero Roger Federer di poco meno di 2000 punti. A completare il podio lo scozzese Andy Murray. Quarto e quinto posto rispettivamente per il tedesco Alexander Zverev e il croato Marin Cilic, mentre il bulgaro Grigor Dimitrov scavalca in 8/a posizione lo svizzero Stan Wawrinka, fermo fino a fine stagione. Grazie alla finale a San Pietroburgo Fognini guadagna due posizioni e si porta al n. 27. Tra le donne Muguruza capeggia la classifica per la terza settimana davanti alla romena Simona Halep, terza la ceca Karolina Pliskova. Camila perde cinque posizioni e si trova al n.74, dietro di lei avanzano di un paio di gradini sia Francesca Schiavone (78/a) sia Roberta Vinci (82/a).

15:32Iraq: media, sì Parlamento a invio truppe a Kirkuk

(ANSA) - BEIRUT, 25 SET - Il parlamento iracheno ha approvato oggi una serie di misura in risposta alla decisione della regione autonoma del Kurdistan di svolgere il controverso referendum per l'indipendenza. Secondo la tv panaraba al Arabiya, l'assemblea legislativa di Baghdad ha, tra l'altro, approvato il dispiegamento delle truppe federali in tutti i territori controllati dalle milizie curde dal 2013-14. Tra queste zone c'è anche l'area contesa di Kirkuk, ricca di petrolio.

15:10Accoltella giudici Perugia: avvocati,basta ritardi sicurezza

(ANSA) - PERUGIA, 25 SET - L'Ordine degli avvocati annuncia che "non tollererà più alcun ritardo nell'adozione di misure volte a garantire la sicurezza all'interno dei palazzi di giustizia di Perugia". Ed annuncia di aver scritto al ministro della Giustizia e ai vertici degli Uffici giudiziari del capoluogo umbro dopo il ferimento odierno dei due giudici. L'ordine sottolinea anche di avere "più volte sollecitato" le misure. Il Consiglio degli Ordine degli avvocati, in una nota del presidente Gianluca Calvieri, parla di "vile aggressione in danno di due giudici della sezione civile, dottoressa Francesca Altrui, e dottor Umberto Rana, e di un impiegato amministrativo. Condanna fortemente l'atto - aggiunge - ed esprime, anche a nome dell'intero foro perugino, vicinanza nei confronti dei soggetti vittime del gravissimo episodio di violenza manifestando altresì la solidarietà a tutto l'ordine giudiziario". "Gli avvocati in questa circostanza - si legge nella loro nota -, pur nella diversità di ruoli e di funzioni, intendono nuovamente ribadire la loro sincera lealtà nei rapporti istituzionali con tutta la magistratura e la piena disponbilità a sostenere con essa unitarie iniziative in ogni sede volte a tutelare l'incolumità di tutti gli operatori della giustizia". (ANSA).

15:05Spese pazze Liguria: 13 ex consiglieri rinviati a giudizio

(ANSA) - GENOVA, 35 SET - Sono stati tutti rinviati a giudizio i 13 assessori ed ex consiglieri regionali, in carica nella legislatura 2005-2010, accusati di peculato nell'ambito di una delle varie inchieste sulle spese pazze in regione Liguria. Lo ha deciso il gup Nadia Magrini. Tra gli ex politici coinvolti, di tutti quasi tutti gli schieramenti politici, ci sono Sandro Biasotti (Fi), Tirreno Bianchi (Pdci), Rosario Monteleone (Udc) e Fabio Broglia (Italia di mezzo). Il processo comincerà a gennaio dell'anno prossimo. L'accusa è di peculato perché gli imputati avrebbero speso fondi pubblici per fini privati.

14:57Terremoto: De Micheli in Umbria il 27 settembre

(ANSA) - PERUGIA, 25 SET - Mercoledì 27 settembre visita in Umbria del nuovo commissario straordinario per la ricostruzione, Paola De Micheli, per una giornata di incontri nelle aree colpite dal sisma, accompagnata dalla presidente della Regione, Catiuscia Marini. Alle 10, al Centro regionale della Protezione civile a Foligno, la riunione del Comitato istituzionale dell'Umbria, alle 12 l'incontro con i giornalisti. Alle 14.45 De Micheli sarà a Preci, nella frazione di Piedivalle, per la consegna di 5 casette, cui seguirà un sopralluogo all'Abbazia di Sant'Eutizio. Tappa successiva a Norcia, con sopralluogo nel centro storico e alle 16:40 la consegna di 32 casette nella zona industriale B (a Opaco). De Micheli raggiungerà infine Cascia: alle 17:40, nel piazzale San Francesco, la consegna delle strutture per la delocalizzazione delle attività commerciali. Alle 18 l'incontro con gli operatori economici della Valnerina. (ANSA).

Archivio Ultima ora