In fila al gelo per mangiare, il dramma dei migranti

Pubblicato il 12 gennaio 2017 da ansa

BELGRADO. – La morsa del gelo che continua a imperversare nei Balcani e in Grecia rende sempre più drammatica la situazione per le migliaia di migranti e profughi che da mesi vivono accampati nella speranza mai abbandonata di poter prima o poi raggiungere in qualche modo i Paesi del nord Europa. La chiusura lo scorso marzo delle frontiere lungo la rotta balcanica, che non ha tuttavia fermato del tutto il flusso di migranti mediorientali, ha lasciato migliaia di profughi praticamente bloccati nei vari Paesi della regione. E la loro condizione si è fatta drammatica e al limite della sopravvivenza con l’ondata di freddo glaciale, neve e ghiaccio che ha investito la regione dall’inizio del nuovo anno.

Le immagini di questi giorni di centinaia di migranti in fila per il cibo nel gelo e sotto la neve a Belgrado e nelle isole greche, riparati alla meglio con coperte e scialli, hanno scosso le coscienze degli europei, inducendo alcuni media internazionali a fare accostamenti con la Stalingrado del 1943 e le code dei prigionieri tedeschi in attesa delle razioni di cibo nel freddo glaciale russo.

Un paragone questo peraltro che le autorità serbe hanno respinto con sdegno, sottolineando l’enorme e incessante impegno del Paese a sostegno dei profughi e affermando che a voler restare all’aperto è la grande maggioranza degli stessi migranti, restii ad accettare gli inviti pressanti a trasferirsi nei centri di accoglienza in Serbia per paura di essere registrati e rimandati poi indietro nei Paesi di provenienza.

A Belgrado la gran parte dei migranti che vivono all’addiaccio è concentrata nei parchi e spiazzi intorno alla grande stazione degli autobus, a ridosso del centro della capitale. E con le temperature abbondantemente sotto lo zero, di notte cercano riparo in locali fatiscenti privi di porte e finestre, capannoni e magazzini abbandonati, garages pubblici. Lì con legna, pneumatici e altro materiale accendono fuochi per riscaldarsi ma che provocano al tempo stesso fumi ed effluvi estremamente nocivi alla loro salute. Sono in tanti quelli che accusano tosse e problemi respiratori.

In loro aiuto sono mobilitate ong e organizzazioni umanitarie, in primo luogo la sezione serba dell’Unchr e Medici senza frontiere che mettono a disposizione coperte, vestiario e scarpe invernali, cibo e medicine. Anche tanti privati cittadini belgradesi partecipano ad azioni di solidarietà donando generi di prima necessità.

La situazione non è meno drammatica in Grecia, dove sono migliaia i migranti accampati nel gelo e sotto la neve caduta copiosa nelle isole e sulla terraferma. Per far fronte all’emergenza acuta creatasi nel centro di accoglienza di Moria, sull’isola di Lesbo, le autorità elleniche hanno mobilitato una nave militare da guerra sulla quale hanno trasferito circa 500 migranti per sottrarli ai disagi estremi e alle temperature sotto lo zero di questi giorni.

Analoga emergenza vivono i profughi accampati a Samos, con le tende collassate sotto il peso della neve. Un appello alla Ue a fare di più per proteggere i profughi dai rigori del gelo è venuto dal gruppo dei Socialisti e Democratici al parlamento europeo, che hanno ottenuto l’inserimento in calendario di un dibattito sulla drammatica situazione dei migranti nei Balcani e in Grecia.

(di Franco Quintano/ANSAmed)

Ultima ora

18:11Sicilia: Micciché, mai fatti accordi con Lotti

(ANSA) - PALERMO, 17 DIC - Il neo-eletto presidente dell'Ars, Gianfranco Miccichè in una nota dichiara "che con il ministro dello Sport, Luca Lotti, non c'è stato alcun accordo sulla eventualità di far confluire i voti dei deputati del Pd sulla sua candidatura alla presidenza del Parlamento siciliano". "Il ministro Lotti - sottolinea Miccichè - mi ha telefonato dopo la mia elezione per augurarmi buon lavoro".

18:04Savoia: Vittorio Emanuele, domani a Vicoforte per omaggio

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - "Domani, alle ore 15.00, insieme a mia moglie Marina, a mio figlio Emanuele Filiberto, a mia sorella Maria Pia ed a mio nipote Serge di Jugoslavia, mi recherò al Santuario di Vicoforte per rendere omaggio alle sepolture provvisorie dei miei nonni, il Re Vittorio Emanuele III e la Regina Elena". Lo scrive, in una nota, Vittorio Emanuele di Savoia.

18:03Savoia: Comunità ebraiche, profonda inquietudine

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - "In un'epoca segnata dal progressivo smarrimento di Memoria e valori fondamentali il rientro della salma del re Vittorio Emanuele III in Italia non può che generare profonda inquietudine, anche perché giunge alla vigilia di un anno segnato da molti anniversari", tra cui "gli 80 anni dalla firma delle Leggi Razziste". Lo sottolinea la Presidente dell'Unione delle Comunità Ebraiche Italiane Noemi Di Segni, ricordando che "Vittorio Emanuele III fu complice di quel regime fascista di cui non ostacolò mai l'ascesa".

18:02Igor: accetta estradizione, ma dopo inchiesta Spagna

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - Norbert Feher, noto come 'Igor il russo' ha risposto in italiano alle domande del giudice spagnolo, Carmen Lamela - durante l'interrogatorio tenuto in videoconferenza - e ha accettato, non opponendosi al mandato di arresto europeo, di essere consegnato in Italia per essere processato per gli omicidi commessi ad aprile tra Bolognese e Ferrarese. Secondo quanto filtra da ambienti investigativi italiani l'eventuale consegna - come è emerso dall'interrogatorio durante l'udienza di convalida in Aragona - avverrà dopo i processi per i tre omicidi - di due agenti della Guardia Civil e di un allevatore - avvenuti in Spagna lo scorso 14 dicembre. Nell'interrogatorio il latitante, fuggito dall'Italia otto mesi fa, ha detto di essere in Spagna da settembre. Sull'affermazione verranno fatti accertamenti.(ANSA).

17:54Papa: Gentiloni, grazie per esortarci a fare mondo migliore

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - "Desidero ancora una volta ringraziarla profondamente per il suo inarrestabile impegno che scuote le nostre coscienze e ci esorta a rendere migliore questo mondo". Lo dice il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni in un messaggio di auguri a Papa Francesco per il suo compleanno.

17:53Austria: Salvini, Strache? Non è un estremista

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - In Austria "io non vedo estremisti al governo. Heinz-Christian Strache non è assolutamente estremista, se controllare i confini è estremista allora sono estremista anche io. Io vedo un partito che difende l'interesse nazionale austriaco e io come Lega lo voglio fare non solo in Lombardia e Veneto dove governiamo da anni, ma anche in Puglia o in Campania". Lo afferma il segretario della Lega Matteo Salvini a "1/2 ora in più".

17:42Salvini, serve programma scritto o no alleanze con FI

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - "Io chiedo un programma comune del centrodestra, senza un programma scritto" nei suoi "capisaldi non c'è alleanza". Lo afferma il segretario della Lega Matteo Salvini a "1/2 ora in più" su Raitre spiegando che l'abolizione della Fornero, un intervento su immigrazione, scuola e sulle politiche europee, sono i punti "su cui non ci può essere trattativa". "Io ritengo che Berlusconi firmerà", spiega Salvini, ritenendo necessario, in vista dell'ipotesi larghe intese anche "un patto contro gli inciuci".

Archivio Ultima ora