Francia: primarie gauche al via, Valls favorito ma non decolla

Pubblicato il 12 gennaio 2017 da ansa

PARIGI. – Con quasi due mesi di ritardo sulla destra, un po’ di improvvisazione e una mobilitazione che si preannuncia nettamente inferiore, parte – con il primo di tre dibattiti tv in una settimana – la battaglia delle primarie della gauche francese. Urne aperte per la sinistra il 22 e il 29 gennaio per scegliere il candidato alle presidenziali. A sfidare Manuel Valls, l’ex premier con piglio autoritario al governo ma ancora incerto in campagna elettorale, ci sono concorrenti agguerriti, a cominciare dal rivale di sempre, l’ex ministro dell’Economia Arnaud Montebourg.

Anche se manca ogni riferimento statistico possibile per avere sondaggi affidabili, le previsioni dicono che fra i sette candidati Valls dovrebbe farcela a passare il primo turno. E nel ballottaggio potrebbe vedersela proprio con Montebourg, in un duello finale fra la destra e la sinistra di un Partito socialista lacerato.

Ci ha pensato l’aggressiva sindaca di Parigi, Anne Hidalgo – che pensa in modo sempre più evidente a una sua candidatura all’Eliseo nel 2022 – ad aprire le ostilità in questa prima giornata di confronto. Ha parlato di “enorme spreco” per come è stato condotto questo quinquennio di sinistra al potere. Ed ha accusato esplicitamente il presidente Francois Hollande, il primo ministro Manuel Valls e Emmanuel Macron, che però fa corsa a sé e non prende parte alla sfida delle primarie.

Manuel Valls è sceso in campo molto tardi, soltanto un mese fa. Ha dovuto aspettare che Francois Hollande annunciasse la sua rinuncia, perché non si sarebbe presentato da premier contro il capo dello stato. Il Valls dal piglio autoritario e deciso non è lo stesso che fatica a convincere nei comizi di queste settimane, soprattutto quando cerca di spiegare perché ciò che predica da candidato è spesso il contrario di quello che faceva da capo del governo.

L’esempio più lampante, che gli ha attirato lazzi e critiche, è stato il ricorso alla decretazione d’urgenza per far passare le leggi: lo ha fatto tante volte, soprattutto con l’indigesta riforma del lavoro El Khomri, ma adesso assicura di essere contrario a tale pratica.

Da candidato, Valls non raduna folle oceaniche: 300 persone martedì sera a Clermont-Ferrand, dove ce n’erano 2.000 il sabato precedente per Emmanuel Macron. Gli analisti dicono che più elettori di gauche andranno alle urne, più Valls rischierà di non arrivare al ballottaggio: la gente di gauche è scontenta e decisa a punire i protagonisti di questi ultimi cinque anni. Se non si supererà il milione di votanti, saranno più influenti le cerchie centrali e locali del partito, dove – al contrario – Valls è molto forte.

Ma chi sarà il suo avversario? Le previsioni dicono Montebourg, l’uomo dalle ricette radicali di sinistra, che ha lasciato la poltrona di ministro perché in disaccordo con Hollande e Valls, fra l’altro sull’allineamento con Bruxelles.

La protesta confluirà soprattutto su di lui, ma negli ultimi giorni si è fatto largo Benoit Hamon, leader dell’ala sinistra PS, uno dei capi della “fronda” al governo. Ha avuto il merito di lanciare con più incisività il dibattito sul cosiddetto “reddito universale”, un’entrata minima per le fasce più povere.

Strada in salita per Vincent Peillon, l’altro candidato socialista, schierato in campo soprattutto come “hollandiano” di provata fede. Completano il quadro Sylvia Pinel (Partito radicale di sinistra), Fran‡ois de Rugy (Partito ecologista) e Jean-Luc Bennahmias (Democratici e ecologisti).

(di Tullio Giannotti/ANSA)

Ultima ora

14:25Calcio: Milan Montolivo salta la Sampdoria

(ANSA) - MILANO, 21 SET - Il Milan dovrà fare a meno di Riccardo Montolivo per almeno un'altra partita, la trasferta di domenica contro la Sampdoria. Il centrocampista, ha reso noto il club, "come da programma prestabilito, ha effettuato esami clinici che hanno evidenziato una minima lesione di alcune fibre dei flessori della coscia destra. Il giocatore verrà tenuto monitorato per alcuni giorni". In base alle valutazioni di settimana prossima sarà chiaro se Montolivo, ko alla vigilia della partita di ieri contro la Spal, potrà essere a disposizione per gli altri impegni del Milan prima della sosta, giovedì in Europa League contro il Rijeka e poi domenica a San Siro nel big match di campionato contro la Roma.

14:21Terremoto Ischia un mese fa, 1800 gli sfollati

(ANSA) - ISCHIA (NAPOLI), 21 SET - Un mese fa, alle 20,57, la scossa di terremoto che fece tremare l'isola d'Ischia (Napoli) e che colpì particolarmente i Comuni di Casamicciola e Lacco Ameno, i più danneggiati dagli effetti della scossa di terremoto. Due i morti nel sisma. Ad un mese esatto il punto della situazione del commissario straordinario, Giuseppe Grimaldi: "abbiamo un bilancio definitivo di 1800 sfollati di cui circa 1200 negli alberghi. La nostra priorità è al momento tentare di togliere quanta più gente dagli alberghi per assegnargli un alloggio maggiormente adeguato. Per noi è prioritario riportare queste famiglie in un'abitazione non solo per motivi economici ma anche e soprattutto limitare i danni sociali", conclude il commissario straordinario.(ANSA).

14:20Calcio: Koulibaly, da Mertens colpo da fuoriclasse

(ANSA) - NAPOLI, 21 SET - "Stamattina nello spogliatoio Mertens ci ha detto che quello di ieri era un gol normale, ma invece è stato un colpo da fuoriclasse". Così Kalidou Koulibaly commenta la prodezza dell'attaccante del Napoli nel match di ieri contro la Lazio. Un pallonetto "alla Maradona" di cui si parla molto in città e di cui anche gli azzurri hanno parlato a Castel Volturno: "Quando ho visto la palla andare in porta - ha detto il difensore senegalese a Kiss Kiss Napoli - ero molto sorpreso. Per lui magari è un gol normale ma invece noi abbiamo visto che era una prodezza, un gol da fuoriclasse". Il successo sulla Lazio ha dato un'ulteriore iniezione di fiducia al gruppo azzurro: "Era una partita difficile - ha detto Koulibaly - loro hanno avuto un buon avvio di stagione, era un esame importante e l'abbiamo superato, uscire con una vittoria dall'Olimpico ci fa molto bene".

14:16Catalogna: ‘dopo blitz referendum più complicato’

(ANSA) - BARCELLONA, 21 SET - L'organizzazione del referendum di indipendenza del 1/o ottobre si è fatta più complicata dopo il blitz della Guardia Civil a Barcellona, ma va avanti: lo ha detto questa mattina il vicepresidente catalano Oriol Junqueras. "E' evidente che non potremo votare come sempre, ma con il resto dei miei collaboratori cercheremo di essere responsabili e all'altezza delle circostanze" ha affermato. La Guardia Civil ieri ha arrestato 14 dirigenti dell'amministrazione catalana e sequestrato 10 milioni di schede del referendum.

14:05M5s: blog avverte, voto rallentato per troppa affluenza

(ANSA) - ROMA, 21 SET - "Le prestazioni del Sistema operativo Rousseau sono condizionate dall'alta affluenza in contemporanea che si sta registrando". Così il blog di Beppe Grillo tranquillizza gli iscritti M5s che stanno votando per il candidato premier del Movimento. Da quando è stato aperto il voto molti iscritti del M5s hanno segnalato difficoltà a votare tanto che qualcuno ha addirittura ipotizzato possibili nuovi attacchi hacker.

14:03Vitalizi: M5s, al senato ennesima farsa, partiti non mollano

(ANSA) - ROMA, 21 SET - Su vitalizi e privilegi ai politici si sta consumando l'ennesima farsa da parte del PD, di Fi e Lega in Commissione Affari Costituzionali in Senato. Tutti, dagli ex parlamentari a quelli attuali, parlano di uguaglianza tra i cittadini, mentre poi alla prova dei fatti tutti che si tengono stretto il 'malloppo' dei privilegi, parlando di diritti acquisiti, di incostituzionalità, e fesserie del genere". Lo affermano in una nota i parlamentari del MoVimento 5 stelle delle commissioni Affari Costituzionali di Camera e Senato.

13:58Vaticano: Gendarmeria allontana clochard, ‘per decoro’

(ANSA) - CITTA' DEL VATICANO, 21 SET - Per esigenze di "decoro" pubblico la Gendarmeria vaticana ha allontanato dall'area di piazza San Pietro i clochard che vivono nella zona, in particolare da quando papa Francesco ha fatto costruire bagni e docce per loro sotto al Colonnato oltre che un dormitorio. La decisione si è resa necessaria, a quanto apprende l'ANSA, per restituire al decoro un'area che negli ultimi anni versava sempre più nel degrado. I clochard potranno comunque continuare a dormire sotto ai porticati la notte. Papa Francesco è stato informato dell'intervento dei gendarmi.

Archivio Ultima ora