Terremoto: fuga dei turisti stranieri dalle Marche

Pubblicato il 13 gennaio 2017 da ansa

Palazzo ducale di Urbino

VALFORNACE (MACERATA). – Meno 36% di turisti stranieri a ottobre, stop alla narrazione del ‘Marcheshire’. Se i dati elaborati dalla Coldiretti su statistiche della Banca d’Italia saranno confermati, il terremoto del 24 agosto e del 26 e 30 ottobre scorsi ha inferto un colpo micidiale al turismo straniero nelle Marche, una meta scoperta relativamente tardi da inglesi, tedeschi, olandesi e americani, ma dove il connubio città d’arte, paesaggio, buon cibo si è ormai affermato come un brand riconoscibile nel mondo.

Nel 2015 i turisti dall’estero erano stati 115 mila, da gennaio a ottobre scorsi sono scesi a 74 mila, con una spesa media passata da 34 a 19 milioni di euro. Una brusca inversione di tendenza rispetto ai primi 8 mesi dell’anno, quando i viaggiatori stranieri erano già a quota 945 mila, quasi il doppio del 2015. E ”la preoccupazione vera” ammette l’assessore regionale al Turismo e Cultura Moreno Pieroni, ”è per il 2017”, tanto che è partita una massiccia campagna promozionale sulle reti Rai, e 3,5 mln di euro dei Fondi europei 2018-2019 verranno impegnati per la comunicazione turistica.

”I miei clienti sono per lo più inglesi” racconta Maccario Aureli, titolare di un agriturismo con azienda agricola biologica a Valfornace, comune del Maceratese nato dalla fusione di Pievebovigliana e Fiordimonte, nel cuore del Parco dei Sibillini e del cratere. ”Vengono qui in cerca di relax. Una settimana-dieci giorni, li vedi seduti lì fuori sulla panca, leggono molto, fanno passeggiate. Chissà se tornano”.

Delle 15 camere della struttura ”5 sono inagibili. Dopo la ‘botta’ di agosto le prenotazioni erano riprese, per il ponte di Ognissanti c’era il tutto esaurito, poi solo disdette”. Ora i clienti sono gli sfollati del sisma, e ”tecnici e ingegneri che vengono ad annusare l’aria, la ricostruzione si sa di lavoro ne porterà tanto”.

Al momento comunque ”è tutto fermo, niente casette in paese, e io non posso neppure riparare i danni a mie spese”. Dimezzato pure il reddito legato alla vendita diretta: ”il ciauscolo, la carne bovina, lenticchie e ceci che coltiviamo nei nostri 120 ettari bio”, l’altra gamba del turismo ‘acchiappa stranieri’, quella legata ai sapori del viaggio in Italia.

E benché il sisma abbia risparmiato tanti gioielli del Grand Tour nelle Marche, come il Palazzo ducale di Urbino, la paura delle scosse scoraggia i visitatori anche lì. ”A novembre e dicembre gli ingressi sono rimasti più o meno gli stessi dell’anno precedente” dice il direttore della Galleria delle Marche Peter Aufreiter, ”ma con la mostra della Venere di Tiziano e quella sui Giocattoli nel Rinascimento mi sarei aspettato un incremento di almeno il 30%, che invece non c’è stato”.

(di Cristina Morbiducci/ANSA)

Ultima ora

21:34Germania: manifestanti anti AfD in piazza, ‘Berlino vi odia’

(ANSA) - BERLINO, 24 SET - Centinaia di manifestanti anti AfD sono scesi in piazza a Berlino vicino al club dove si sono riuniti i leader del partito populista per celebrare il loro ingresso nel Parlamento tedesco dopo il voto in Germania, che li ha premiati terzo partito. Al grido di "Tutta Berlino odia l'AfD", "Nazisti maiali" e altri slogan i dimostranti hanno lanciato alcune bottiglie mentre la polizia li portava fuori dall'edificio. Ore prima i manifestanti avevano organizzato un'altra protesta vicino a Alexanderplatz.

21:24Pezzi intonaco galleria cadono su auto, nessun ferito

(ANSA) - CATANZARO, 24 SET - Pezzi di intonaco della copertura di una galleria sulla statale 280 "Dei due mari", nel territorio del comune di Marcellinara, nel catanzarese, si sono staccati colpendo alcune auto in transito. Secondo quanto riferito dai vigili del fuoco, comunque, non risultano persone ferite. Il distacco è avvenuto nella galleria in direzione Catanzaro. Sul posto sono intervenuti gli agenti della polizia stradale, i tecnici dell'Anas oltre ai vigili del fuoco. La galleria è stata chiusa al traffico e la circolazione deviata sul vecchio tracciato della statale 280 da Marcellinara a Settingiano con conseguenti disagi per la viabilità. I vigili del fuoco sono intervenuti con un'autoscala per eliminare ulteriori parti di intonaco che rischiano di cadere. (ANSA).

20:55Calcio: Serie B, la nuova classifica

(ANSA) - ROMA, 23 SET - Classifica del campionato di calcio di Serie B, dopo il posticipo Cesena-Ascoli (domani Palermo-Pro Vercelli, alle 20,30): Perugia e Frosinone punti 13; Empoli e Carpi 11; Cittadella e Avellino 10; Bari, Palermo e Parma 9; Cremonese 8; Pescara, Salernitana, Venezia e Spezia 7; Brescia, Novara, Entella, Foggia e Ascoli 6; Ternana 5; Cesena 4; Pro Vercelli 2. Brescia, Palermo, Pro Vercelli e Ternana una partita in meno.

20:48Calcio: Cesena-Ascoli 0-2

(ANSA) - CESENA, 24 SET - Vince l'Ascoli, che si risolleva; perde il Cesena, fischiatissimo da tutto il Manuzzi e che adesso riflette su Camplone. Finisce 2-0 per i marchigiani. Tra i romagnoli l'unico pericoloso è Jallow che andrà al tiro in totale cinque volte, ma raramente lo farà con cattiveria. Cacia (salutato affettuosamente dai mille tifosi dell'Ascoli), invece, non riceve un pallone giocabile in area. Mentre i marchigiani già nel primo tempo si rendono pericolosi con la punizione di Buzzegoli e il tiro-cross di Mignanelli, entrambi respinti da Fulignati. Ripresa dello stesso tono: Cesena con un possesso palla prolungato, ma sterile. Senza pericolosità. L'Ascoli tiene e colpisce: all'38' della ripresa è Varela con un gran sinistro ad incrociare a sbloccare il risultato, poi è Baldini di destro a giro al 41' (bella azione corale, cross di Bianchi, assist di Varela e tiro) a chiudere i conti.

20:48Terremoto: De Micheli, polemica non aiuta ricostruzione

(ANSA) - ROMA, 24 SET - "Ogni polemica o strumentalizzazione non aiuta in alcun modo la ricostruzione e rischia di creare un clima sfavorevole alla ripartenza dei territori colpiti dal sisma". Così il commissario per la ricostruzione del terremoto del Centro Italia, Paola De Micheli, commenta le accuse del sindaco di Amatrice sui fondi raccolti con gli sms solidali. "Le donazioni - sottolinea - non sono sparite, tutto è stato impiegato secondo le indicazioni di legge". "Le donazioni provenienti dall'utilizzo dell'sms solidale per sostenere i territori colpiti dal sisma dello scorso anno - sostiene De Micheli - non sono affatto sparite. Voglio ribadire quanto già chiarito da Protezione civile e dall'ufficio speciale per la ricostruzione della Regione Lazio. Le donazioni raccolte, secondo quanto disposto dal decreto legge 189 convertito dalla legge 229 del 2016, si trovano nella contabilità speciale del Commissario straordinario alla ricostruzione che li ha destinati, sulla base delle indicazioni del comitato dei Garanti, a quei progetti approvati nella seduta del 17 luglio scorso dallo stesso Comitato". "Tutte le istituzioni coinvolte, le Regioni come i Comuni - prosegue il Commissario - hanno aderito positivamente alle proposte che sono state presentate. Le scelte di ripartizione delle opere sono state assunte con il consenso del Comitato dei sindaci dove sono rappresentate tutte le amministrazioni dell'area del cratere. Tutte le opere pubbliche e private, i luoghi di culto e le attività produttive le prime e seconde case - assicura - saranno ricostruite con una copertura del 100% delle spese".

20:26Calcio: Serie A, Sassuolo-Bologna 0-1

(ANSA) - REGGIO EMILIA, 24 SET - Il Bologna ha battuto il Sassuolo 1-0 (0-0), nel posticipo della sesta giornata della Serie A. Il derby emiliano è stato deciso nel finale dalla rete realizzata da Orji Okwonkwo, all'89'. Per il giovane nigeriano si tratta del primo gol nel campionato di Serie A.

20:22Card. Menichelli lascia Ancona,nessun tempo è nemico Vangelo

(ANSA) - ANCONA, 24 SET - ''Nessun tempo, nessuna umanità è nemica o fuori del Vangelo'' e una Chiesa ''credente e missionaria deve essere capace di offrire ragione della speranza che predica''. Dell'umanità di oggi, ''piena di ferite, la Chiesa è sempre madre e sempre amica''. Il card. Edoardo Menichelli ha preso congedo dalla Diocesi di Ancona-Osimo, di cui è stato arcivescovo per 13 anni, presiedendo nel Duomo di San Ciriaco stracolmo di fedeli, nonostante il maltempo, una celebrazione eucaristica che è stata anche una sintesi del suo mandato pastorale. Nell'omelia, che il cardinale ha concluso molto commosso, senza nascondere le lacrime, due i passaggi centrali: ''Chiesa di Ancona-Osimo - l'esortazione - ama la famiglia, custodisci, evangelizza, cura e salva la famiglia, spesso oggi sedata da desideri che sono diventati diritti e che non rispondono minimamente né alla ragione umana né tantomeno al piano di Dio''. Poi l'invito ad avere ''uno sguardo amorevole verso le nuove generazioni''.

Archivio Ultima ora