Parole vecchie e parole nuove: il caso di “agenda” e “compiti”

Pubblicato il 16 gennaio 2017 da Luigi Casale

Non sempre Si capiscono alla stessa maniera.

Molte volte mi chiedono, e io stesso me lo domando, perché non mi dedichi alla esplicitazione di commenti e riflessioni su: eventi, fatti, azioni e conseguenze, dell’attualità politica. Nell’assumermi l’onere di collaborare alla Voce d’Italia con la rubrica Appunti d’italiano, come esperto di etimologia, avevo per scopo la finalità educativa.

Cioè di raggiungere “la trasparenza linguistica” per comprendere meglio le realtà. Obiettivo che autonomamente avevo fissato a me stesso, prima ancora di consegnarlo ai lettori che avessero voluto seguirmi.

A me personalmente sarebbe bastato che le persone avessero aperto gli occhi (e la mente) per comprendere da soli ciò che ci si muove intorno. Un po’ come fanno i bambini (ma, in effetti, lo fanno per natura tutti gli uomini, fino agli studiosi e agli scienziati). A dire il vero, conoscendo un po’ i sentimenti della mia gente, avevo supposto che la gratificazione, i lettori più vicini – tutta gente del popolo – se l’avessero aspettata dalla ricerca etimologica condotta su parole napoletane, specialmente quelle che non trovano riscontro di corrispondenza fonetica e morfologica nella lingua italiana. E, infatti, era insistente la loro richiesta.

Ma soddisfazione maggiore – ne sono convinto – avrebbero provato proprio in quelle parole della lingua italiana, forse le più semplici e familiari, inflazionate dall’uso, specialmente quando esse entrano nel discorso per moda, per eccentricità o per piaggeria, nonostante non abbia mai disdegnato di trattare parole dialettali, o addirittura vernacolari.

Purtroppo però, la mia scarsa applicazione metodologica, ma soprattutto la mancanza di adeguati strumenti necessari alla ricerca – la quale se mi affascina, non è attualmente la mia occupazione principale – mi hanno fatto preferire, per la maggior parte della mia produzione, il lessico della lingua italiana.

Nel’uno e nell’altro caso erano fatti salvi comunque, da una parte l’intento educativo, dall’altra la promessa di occuparmi di qualcosa di più importante e di più significativo per la vita sociale, politica e morale.

Ora rileggendo alcuni lemmi, da me proposti in questi anni di attività, mi accorgo che quell’intento originario, benché non sempre vigile in tutti gli articoli pubblicati, ha contraddetto il mio atteggiamento apparentemente di disimpegno. Rimane perciò ancora la propensione sempre attuale che si manifesta ancora in questa mia ulteriore pagina di scrittura.

A gennaio del 2013 il presidente del consiglio era Mario Monti. Egli parlava di “agenda”, mentre la Merkel parlava di “compiti a casa” per l’Italia. La Repubblica dedicò un paginone alla parola “agenda”: non si capì bene se perché la parola fosse stata trovata nuova e originale, o se perché il soggetto meritasse una riproposizione in quanto alterato dallo strano uso che se ne faceva.

In tutto questo sfuggiva ai più la connotazione negativa che artificiosamente la stampa italiana volle dare alla parola “compiti”, da farla sembrare ancora oggi una cosa indegna di persone mature e responsabili. Intanto su “agenda”, volli intervenire anch’io; ma solo per la salute (nel senso di salvezza). Come dire: salvare dalla confusione dei linguaggi i miei pochi lettori. Ma nella trattazione del lemma parlai anche del significato di “compiti”, senza approfondirne l’origine semantica.

L’anno successivo, quando mi capitò di dover parlare di “computer”, allora dovetti richiamare, in quanto appartenente alla stessa famiglia di parole, anche il termine “compiti”. A distanza di un anno, però, erano cambiati gli attori, mentre la scena era sempre la stessa; perché identico era rimasto l’atteggiamento, fondamentalmente permaloso e diffidente, della politica italiana verso l’Europa e verso quelli che ne hanno a cuore il destino. Perciò, ora, ripropongo la rilettura di quanto andavo scrivendo l’anno scorso a proposito di agenda. Invitando i nuovi lettori a rileggersi – se ciò non risulta troppo oneroso – anche il lemma computer di più recente pubblicazione in questa rubrica.

Inizio della citazione

Faccio in tempo a parlarvi di agenda? Certo, avrei potuto farlo prima! Considerato l’uso diffuso della parola specialmente negli ultimi tempi. Ma dopo che anche il quotidiano “la Repubblica” (giovedì, 3 gennaio 2013) ha dedicato un paginone alla parola (nello spazio: “R2-DIARIO di Repubblica”), non posso esimermi. Perciò nel rispetto dei miei quattro lettori non mi tirerò indietro.

Anche se la riflessione a più voci presentata sul giornale la Repubblica – suggerita dalla attualità della formula “agenda Monti” – ne spiega l’uso e il significato nel linguaggio della politica. Il mio intento resta comunque fedele alla affermazione posta a cappello di questa rubrica. Ciò, per non lasciare l’affezionato mio lettore, desideroso di addentrarsi in un più personale percorso di lettura della parola, privo di quel metodo che nella sua modestia appare più vicino, più quotidiano, più familiare: tutto nostro, insomma.

Nella pratica noi sappiamo che cosa sia l’agenda: un libro, un quaderno, un brogliaccio, dove vengono annotati gli appuntamenti, le date importanti, le cose da fare; oppure dove sono fissate quelle annotazioni di carattere personale di cui vogliamo lasciare memoria allo scopo di poter ricostruire in futuro la nostra storia personale.

Questa seconda utilizzazione avvicina l’agenda a quell’altro libretto che chiamiamo anche diario. Per l’esperienza che ne abbiamo, potremmo dire allora che l’Agenda (quella che in questo inizio d’anno abbiamo ricevuto in dono specialmente da Banche, Assicurazioni, Uffici di rappresentanza, Ditte e Società di servizi) è più professionale, destinata agli adulti, o per lo più a persone di un certo impegno e responsabilità.

Il Diario, invece, scolari e studenti ce l’hanno nella cartella scolastica; dove annotano insieme agli impegni giornalieri di scuola anche i compiti assegnati, da svolgere a casa. Le due cose potrebbero però ridursi alla medesima funzione, compreso anche il lavorio quotidiano di ricerca interiore fatto giorno per giorno attraverso la registrazione del vissuto: incontri, emozioni, fantasie, riflessioni, decisioni, annotazioni per memoria, ecc.

“Diario” – forse già ne abbiamo parlato in altre occasioni – è un aggettivo (poi sostantivato: “il diario”) derivato da dies = giorno; perciò l’etimologia della parola mette in evidenza una rappresentazione del tempo cadenzato a ritmi giornalieri. Mentre “agenda” è un’antica forma di participio (perdutasi nella lingua italiana!) che la grammatica latina ci fa chiamare gerundivo. In particolare: agenda, dal verbo ago = faccio, è il nominativo plurale neutro del gerundivo latino, e significa “le cose che debbono essere fatte”.

Perciò la parola, divenuta in italiano – come nome del libricino – un sostantivo femminile singolare, mette in evidenza le azioni programmate, le scadenze, tutte cose che, una volta svolte, diventano “fatte” (i fatti, gli avvenimenti); cioè “acta” (sempre da “ago”), per dirlo con la corrispondente parola latina.

Sia il politico che lo scolaro, quindi, a seconda che chiamino agenda oppure diario il loro libro immaginario delle cose da farsi – o il brogliaccio concreto su cui le annotano – si riferiscono ad un programma definito di “compiti” (ricordate l’espressione della Merkel? “L’Italia deve fare i suoi compiti!”).

Ma la parola “compiti” non significa necessariamente: “cose assegnate da altri”. Ma più esattamente: “cose che devono essere portate a termine (compiute)”. In francese la parola per indicare la stessa cosa è: “devoirs” (calco delle parole italiane: doveri o debiti; cioè “cose dovute, che si devono fare o dare in restituzione”).

In conclusione: solo chi non conosce la portata delle parole (specialmente quando c’è di mezzo la traduzione da una lingua all’altra) non capisce. Potenza della trasparenza! Mentre chi è in malafede fa finta di non capire.
(Da: www.liberoricercatore.it , nella rubrica “Pillole di cultura” di Luigi Casale. Lemma: “Agenda”). Fine della citazione.

Chi ha orecchie da intendere ……..

Luigi Casale

luigicasale
Luigi Casale

Luigi Casale, insegnante in pensione e pubblicista. È nato nel 1943 a Torre Annunziata, alle falde del Vesuvio. Oggi, continuando a mantenere contatti affettivi e culturali con la Campania, vive tra Bressanone (Alto Adige) e Lussemburgo. Durante la sua carriera professionale, ha insegnato nei Licei dell’Alto Adige, nella Scuola Europea di Lussemburgo, e presso il Dipartimento d’italiano dell’Università di Clermont-Ferrand (Francia). Si occupa di didattica delle lingue classiche e di linguistica generale. Nel più ampio quadro delle questioni pedagogiche e sociali, su queste tematiche offrirà la sua collaborazione in questa rubrica.




Ultimi articoli


11 dicembre 2017

Ambizione



04 dicembre 2017

Passione e pazienza



27 novembre 2017

Desiderare



20 novembre 2017

Cafone!



13 novembre 2017

Abbondare



06 novembre 2017

Bottega



23 ottobre 2017

Ncigna



17 ottobre 2017

Giorno



02 ottobre 2017

Espedito



01 agosto 2017

Legenda o leggenda?



26 luglio 2017

Cultura



03 luglio 2017

Idiota



21 giugno 2017

Auguri



12 giugno 2017

Preparare



02 maggio 2017

Ite Missa Est



25 aprile 2017

Virtù



17 aprile 2017

Studium



10 aprile 2017

La scuola



03 aprile 2017

Istruzione, educazione



27 marzo 2017

Amante



14 marzo 2017

“Cicero, pro domo sua”



20 febbraio 2017

Eccetera



13 febbraio 2017

Urbano e villano



23 gennaio 2017

Affatto



09 gennaio 2017

Oratorio



03 gennaio 2017

La Befana



19 dicembre 2016

I pastori



12 dicembre 2016

Tetto, tegola, proteggere



05 dicembre 2016

Marmellata



28 novembre 2016

Erario, fisco e moneta



21 novembre 2016

Primo pelo



14 novembre 2016

Carosello



31 ottobre 2016

Istruzione, educazione



24 ottobre 2016

Ozio e negozio



17 ottobre 2016

Emancipazione