Sindaca da sei mesi, Appendino e già la più amata

Pubblicato il 16 gennaio 2017 da ansa

Foto LaPresse – Marco Alpozzi

TORINO. – “I numeri fanno piacere, ma sono solo numeri”: Chiara Appendino, sindaca di Torino da sei mesi e già la più amata, commenta così la classifica sul gradimento degli amministratori dell’Istituto Ipr Marketing per il Sole 24 Ore, che la colloca al primo posto. “La vera sfida – sostiene la vincitrice del Governance Poll 201 – è ricucire la fiducia tra cittadini e istituzioni”.

Appendino, che ha conquistato per il Movimento 5 Stelle una città da oltre vent’anni governata dal centrosinistra con i sindaci Castellani, Chiamparino e Fassino, ha ereditato un’istituzione in tutt’altra situazione rispetto alla capitale, dove l’altra sindaca grillina, Virginia Raggi, è risultata penultima in classifica. Ritiene però, come ha detto nella conferenza stampa di fine anno, bilancio dei primi sei mesi del suo mandato, che “Torino era una città divisa in due e lo è ancora”.

Ma “registro tra i cittadini – aveva affermato in quell’occasione – una forte speranza per il futuro”. “Le idee sono molte – aveva detto Appendino – e anche se le risorse sono poche, c’è tanta voglia di lavorare, per cui confido che nel 2017 la città possa ripartire”.

Appendino ha rivendicato di aver saputo in sei mesi “mettere ordine nei conti con una manovra da 58 milioni che ha anche messo in sicurezza i servizi”. E per l’anno appena iniziato, ha annunciato, “le sfide sono molte, a partire dalle periferie”.

Fra le iniziative già realizzate, l’uscita del Comune di Torino dall’Osservatorio sulla nuova linea ad alta velocità ferroviaria Torino-Lione, gesto di nessun rilievo pratico sull’opera ma di forte significato simbolico per il suo elettorato. Fra i dossier più scottanti, anche l’addio degli editori milanesi al Salone del Libro di Torino, vicenda gestita in piena “concordia istituzionale” con il presidente regionale Chiamparino. L’azione più contestata è stata quella contro la sosta selvaggia, con la stangata di multe natalizie.

Ma il vero senso della sua amministrazione, questo il convincimento della sindaca torinese, non è l’aver agito in continuità o in discontinuità con i predecessori, tema che invece appassiona detrattori e sostenitori. Il segreto sarebbe ancora una volta nello spirito subalpino della città: “Non esiste un interruttore ‘on-off’ – ha dichiarato infatti Appendino – il cambiamento va fatto con senso sabaudo”.

Ultima ora

18:11Sicilia: Micciché, mai fatti accordi con Lotti

(ANSA) - PALERMO, 17 DIC - Il neo-eletto presidente dell'Ars, Gianfranco Miccichè in una nota dichiara "che con il ministro dello Sport, Luca Lotti, non c'è stato alcun accordo sulla eventualità di far confluire i voti dei deputati del Pd sulla sua candidatura alla presidenza del Parlamento siciliano". "Il ministro Lotti - sottolinea Miccichè - mi ha telefonato dopo la mia elezione per augurarmi buon lavoro".

18:04Savoia: Vittorio Emanuele, domani a Vicoforte per omaggio

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - "Domani, alle ore 15.00, insieme a mia moglie Marina, a mio figlio Emanuele Filiberto, a mia sorella Maria Pia ed a mio nipote Serge di Jugoslavia, mi recherò al Santuario di Vicoforte per rendere omaggio alle sepolture provvisorie dei miei nonni, il Re Vittorio Emanuele III e la Regina Elena". Lo scrive, in una nota, Vittorio Emanuele di Savoia.

18:03Savoia: Comunità ebraiche, profonda inquietudine

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - "In un'epoca segnata dal progressivo smarrimento di Memoria e valori fondamentali il rientro della salma del re Vittorio Emanuele III in Italia non può che generare profonda inquietudine, anche perché giunge alla vigilia di un anno segnato da molti anniversari", tra cui "gli 80 anni dalla firma delle Leggi Razziste". Lo sottolinea la Presidente dell'Unione delle Comunità Ebraiche Italiane Noemi Di Segni, ricordando che "Vittorio Emanuele III fu complice di quel regime fascista di cui non ostacolò mai l'ascesa".

18:02Igor: accetta estradizione, ma dopo inchiesta Spagna

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - Norbert Feher, noto come 'Igor il russo' ha risposto in italiano alle domande del giudice spagnolo, Carmen Lamela - durante l'interrogatorio tenuto in videoconferenza - e ha accettato, non opponendosi al mandato di arresto europeo, di essere consegnato in Italia per essere processato per gli omicidi commessi ad aprile tra Bolognese e Ferrarese. Secondo quanto filtra da ambienti investigativi italiani l'eventuale consegna - come è emerso dall'interrogatorio durante l'udienza di convalida in Aragona - avverrà dopo i processi per i tre omicidi - di due agenti della Guardia Civil e di un allevatore - avvenuti in Spagna lo scorso 14 dicembre. Nell'interrogatorio il latitante, fuggito dall'Italia otto mesi fa, ha detto di essere in Spagna da settembre. Sull'affermazione verranno fatti accertamenti.(ANSA).

17:54Papa: Gentiloni, grazie per esortarci a fare mondo migliore

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - "Desidero ancora una volta ringraziarla profondamente per il suo inarrestabile impegno che scuote le nostre coscienze e ci esorta a rendere migliore questo mondo". Lo dice il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni in un messaggio di auguri a Papa Francesco per il suo compleanno.

17:53Austria: Salvini, Strache? Non è un estremista

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - In Austria "io non vedo estremisti al governo. Heinz-Christian Strache non è assolutamente estremista, se controllare i confini è estremista allora sono estremista anche io. Io vedo un partito che difende l'interesse nazionale austriaco e io come Lega lo voglio fare non solo in Lombardia e Veneto dove governiamo da anni, ma anche in Puglia o in Campania". Lo afferma il segretario della Lega Matteo Salvini a "1/2 ora in più".

17:42Salvini, serve programma scritto o no alleanze con FI

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - "Io chiedo un programma comune del centrodestra, senza un programma scritto" nei suoi "capisaldi non c'è alleanza". Lo afferma il segretario della Lega Matteo Salvini a "1/2 ora in più" su Raitre spiegando che l'abolizione della Fornero, un intervento su immigrazione, scuola e sulle politiche europee, sono i punti "su cui non ci può essere trattativa". "Io ritengo che Berlusconi firmerà", spiega Salvini, ritenendo necessario, in vista dell'ipotesi larghe intese anche "un patto contro gli inciuci".

Archivio Ultima ora