Terremoto, quattro forti scosse nell’Italia Centrale: torna la paura

Pubblicato il 18 gennaio 2017 da ansa

Case sotto la neve a Marruci frazione di Pizzoli, 18 gennaio 2017. “Siamo per strada, sommersi dalla neve e non riusciamo nemmeno a scappare. Le automobili non possono muoversi per via della neve. Continuano a esserci scosse e la gente urla per strada. Cerco inutilmente di contattare mia madre che si trova in una struttura di Montereale”. Questa la drammatica testimonianza, tra le lacrime, di Serena Testa che vive a Marruci frazione di Pizzoli in provincia dell’Aquila vicinissima alla zona dell’epicentro delle scosse di questa mattina.
ANSA/SERENA TESTA

ROMA – Quattro forti scosse di terremoto sono state avvertite in tutta l’Italia Centrale. Le prime tre tra le 10.25 e le 11.26. La quarta poco dopo le 14.30. La terra ha tremato per diversi secondi anche a Roma. La magnitudo è tra 5.1 e 5.5 . Il sisma è avvenuto tra L’Aquila e Rieti, nella zona di Montereale (AQ), l’epicentro è a una profondità di 9 chilometri. Gli altri comuni vicini (entro 10 chilometri) sono Capitignano, Campotosto, Amatrice e Cagnano Amiterno.
Le scosse sono state sentita nel Lazio, in Abruzzo e nelle Marche ed anche a Roma, dove alcune scuole sono state evacuate per precauzione. Scuole evacuate anche nelle Marche e a Foligno. Rispetto ai capoluoghi e alla capitale, la scossa è avvenuta 28 chilometri a sud-ovest di Ascoli Piceno, 36 chilometri a nord dell’Aquila e 111 chilometri a nord-est della Capitale.

Le numerose, forti scosse sismiche che stamani sono tornate a scuotere l’Italia centrale si sommano a una situazione già drammatica, in queste regioni, causata dalla nave e dal maltempo. Al momento non risultano vittime. Il premier Paolo Gentiloni ha chiesto al ministro Pinotti di rafforzare l’impegno dell’esercito nei luoghi interessati dal sisma. Molti i crolli. Scuole evacuate nella capitale e in molti centri dell’area interessata dalle scosse, domani istituti chiusi nelle Marche e a Perugia.

“L’emergenza non è il terremoto né i danni in zona rossa, bensì la neve. Abbiamo urgente bisogno di turbine, non bastano gli spazzaneve. Abbiamo frazioni isolate con due metri di neve” è l’allarme lanciato dal sindaco di Amatrice Sergio Pirozzi.

SISMA 5

Situazione di emergenza in tutta la provincia di Teramo, dove ci sono centri isolati per neve, paese senza energia da 48 ore e le autorità chiedono l’intervento dell’esercito e del Genio militare. In particolare, a Teramo, il sindacato dei poliziotti Sappe denuncia una situazione di “paralisi totale” nel carcere di Castrogno dovuta al maltempo e al sisma, con detenuti e personale al gelo e mancanza di elettricità che impedisce di preparare il vitto, ed esprime timori che possano scoppiare disordini. Crolli sin sono verificati a Campotosto, Laringo e Poggio Cancelli, comuni dell’aquilano che si trovano nella zona dell’epicentro delle scosse di stamani. La gente sta scavando nella neve per scappare a causa della paura delle scosse. Tante le richieste di soccorso e le testimonianze.

“Siamo per strada, sommersi dalla neve e non riusciamo nemmeno a scappare. Le automobili non possono muoversi per via della neve. Continuano a esserci scosse e la gente urla per strada. Cerco inutilmente di contattare mia madre che si trova in una struttura di Montereale” è la drammatica testimonianza di Serena Testa, che vive a Marruci, frazione di Pizzoli in provincia dell’Aquila, vicinissima alla zona dell’epicentro delle scosse di questa mattina. Dodici viaggiatori del treno regionale 7100, bloccato lungo la linea ferroviaria Civitanova-Albacina non lontano dalla stazione di San Severino Marche per accertamenti tecnici sulla tratta dopo le scosse di terremoto, sono stati soccorsi da un pullman sostitutivo e hanno potuto riprendere il viaggio verso Macerata.

Criticità si stanno verificando in alcune frazioni di Amatrice. A Collecreta sono sette i nuclei familiari bloccati, stessa situazione nella zona di Bagnolo e San Martino, dove la neve ha raggiunto il metro e mezzo di altezza. A Cossara 15 persone sono rimaste isolate. Diversi i crolli fino ad ora registrati, rende noto la Croce Rossa.

Nell’ascolano, nella zona di Arquata del Tronto, i vigili del fuoco hanno rintracciato una dozzina di allevatori che erano dati per dispersi ma altri tre allevatori risultano ancora irrintracciabili; nella zona è caduta moltissima neve e si teme che possano esserci stati dei crolli a seguito delle scosse di stamani. “Ogni scossa aggrava le condizioni dei nostri concittadini ma aumenta anche la determinazione a star loro vicini e ad aiutarli”. Lo ha garantito il presidente Sergio Mattarella parlando con i giornalisti ad Atene. Il capo dello Stato ha aggiunto che nonostante il terremoto non si fermi la ricostruzione “si farà ugualmente”.

Ultima ora

13:27Terremoto: inaugurata scuola Arquata con Boschi e De Micheli

(ANSA) - ARQUATA DEL TRONTO (ASCOLI PICENO), 20 SET - "Dalle nostre parti si dice 'sposa bagnata, sposa fortunata'. Noi diciamo 'scuola bagnata, scuola fortunata'. Abbiamo bisogno di fortuna perché quest'anno ci è capitato di tutto". Lo ha detto il sindaco di Arquata del Tronto Aleandro Petrucci, durante l'inaugurazione della nuova scuola della cittadina colpita dal terremoto, donata dalla Fondazione La Stampa-Specchio dei tempi. Cerimonia, sotto una pioggia scosciante, a cui sono presenti il sottosegretario della presidenza del Consiglio Maria Elena Boschi, il commissario alla ricostruzione Paola De Micheli, il presidente della Regione Marche Luca Ceriscioli, il presidente della Fondazione Lodovico Passerin d'Entreves. "Però oggi è una giornata particolare, importante" ha aggiunto, perché la scuola "per Arquata significa la continuità. Noi abbiamo lavorato molto per far tornare qui le famiglie con i bambini". Il primo cittadino di Arquata ha ringraziato "immensamente" la Fondazione La Stampa-Specchio dei tempi "che ci ha donato questa bella scuola. Solo quattro mesi fa la posa della prima pietra con John Elkann, a cui va il nostro ringraziamento. In quattro mesi è stata realizzata questa magnificenza". E poi "già che ci siamo - ha concluso scherzando -, ci hanno promesso anche una piccola palestra, vuol dire che faremo un'altra inaugurazione".(ANSA).

13:19Boldrini, la politica vada oltre i sondaggi, Moro un esempio

(ANSA) - ROMA, 20 SET - "Oggi più che mai serve una politica che sia animata da principi e valori, che sia capace di alzare lo sguardo e di proporre un progetto che vada oltre il sondaggio delle ultime ore. Aldo Moro, in tutta la sua vita, propose questa idea alta della politica". Lo ha detto la presidente della Camera Laura Boldrini nel corso del suo intervento alla presentazione "Immagini di una vita. Una mostra per Aldo Moro". "Politica come vocazione, come sobrietà. Oggi - ha proseguito la presidente - abbiamo visto su un quotidiano nazionale delle belle foto di Aldo Moro: rigoroso e formale nel porsi, anche tra i bambini. Ripercorrerne la vicenda umana e politica, come si propone di fare questa mostra, rappresenta dunque un grande contributo di qualità al dibattito politico e alla vita delle istituzioni."

13:19M5S: domani voto primarie online, confermati i candidati

(ANSA) - ROMA, 20 SET - "Domani, giovedì 21 settembre, sarai chiamato a votare su Rousseau per scegliere il Candidato Premier del MoVimento 5 Stelle e designando Capo della forza politica che depositerà il programma elettorale sotto il simbolo del M5S alle prossime elezioni". Lo annuncia il blog di Beppe Grillo confermando la lista dei candidati in corsa e sottolineando come i risultati del voto saranno depositati presso due notai e resi pubblici solo nella serata della proclamazione del vincitore, sabato a Rimini.

13:18Violenza sessuale: Boldrini, nuove misure, più tutele

(ANSA) - ROMA, 20 SET - "Un appello alle forze politiche perché si approvi un provvedimento che aumenti la protezione e le tutele per le donne e rafforzi le misure di interdizione contro gli uomini violenti". A lanciarlo è la presidente della Camera Laura Boldrini in riferimento agli episodi di violenza contro le donne che si sono registrati ultimamente.

13:06Confindustria: maxi ammanco edili Vda, ex presidente ammette

(ANSA) - AOSTA, 20 SET - Un maxi ammanco di oltre 400 mila euro dalle casse della sezione edile di Confindustria Valle d'Aosta: è quanto è emerso dalla contabilità dopo l'elezione del nuovo presidente Gian Luca Berger, che subentra dopo 24 anni di guida interrotta del collega Federico Jacquin. E' stato lo stesso ex presidente a risolvere il mistero del buco finanziario, ammettendo, in una intervista pubblicata oggi dal quotidiano La Stampa, di aver preso i soldi dopo un momento di difficoltà della propria azienda: "Sono pronto a restituire tutto", assicura Jacquin. "E' in corso una scrupolosa attività di verifica contabile per i periodi antecedenti all'elezione del nuovo presidente", precisa una nota di Confindustria. "Si tratta di una vicenda molto delicata - commentano dall'associazione degli industriali valdostani - che non coinvolge Confindustria Valle d'Aosta in quanto la stessa non gestisce in alcun modo i fondi a disposizione della Sezione edile". (ANSA).

13:03Calcio: Real, Benzema firmerà domani rinnovo fino al 2021

(ANSA) - ROMA, 20 SET - Karim Benzema resterà al Real Madrid due anni di più, fino al 2021, quando avrà 33 anni. L'attaccante francese, anticipa oggi 'AS', firmerà domani a mezzogiorno allo Stadio Bernabeu il prolungamento del suo contratto col club merengue (che sarebbe scaduto nel 2019) fino al 2021, ritoccando l'ingaggio che oggi è di 7,5 milioni netti l'anno e con una clausola monstre di un miliardo. Arrivato a Madrid nel 2009, quando in panchina sedeva il cileno Manuel Pellegrini, venne acquistato per 35 milioni da Lione.

13:01Catalogna: 14 arresti e 22 perquisizioni in blitz

(ANSA) - MADRID, 20 SET - Sono ora 14 le persone arrestate e 22 le perquisizioni in corso nel blitz della Guardia Civil spagnola contro il governo catalano. Secondo la Efe, che cita fonti dell'operazione, i detenuti al termine dell'operazione potrebbero essere 17. Fra gli ultimi arrestati, il direttore del dipartimento di attenzione ai cittadini del governo Jordi Graell e il presidente del Centro delle telecomunicazioni Jordi Puignero.

Archivio Ultima ora