Gentiloni da Merkel: “Basta con l’Europa a due rigidità”

Pubblicato il 18 gennaio 2017 da ansa

Paolo Gentiloni (S) e Angela Merkel (D)
EPA/CLEMENS BILAN

BERLINO. – Paolo Gentiloni arriva a Berlino per il suo primo bilaterale con Angela Merkel mentre il centro Italia torna a tremare per un nuovo terremoto. E mentre resta in contatto con Roma, tirando un sospiro di sollievo per l’assenza di vittime, in cancelleria trova tutta la solidarietà della Germania. Ma al di là del sisma, in agenda c’è il nodo della linea dura di Bruxelles sui conti pubblici, intenzionata a chiedere una manovra correttiva da oltre 3 miliardi.

E l’obiettivo è quello di sondare gli umori della Merkel in vista di una trattativa che appare tutta in salita, anche alla luce delle chiusura del commissario Moscovici, che domani vedrà Padoan. Anche perché le rassicurazioni arrivate da Juncker sulle spese per il terremoto fuori dal Patto di stabilità non bastano.

Nel suo stile pacato, il premier la prende da lontano, affrontando la questione, anche sulla scia delle parole di del presidente Mattarella, dal lato migranti. Ma il messaggio è chiaro: “Non ci può essere in Europa una flessibilità a due velocità, a corrente alternata, rigida sui decimali di bilancio e molto più ampia su questioni fondamentali come la crisi migratoria”.

Su questo “sentiamo il diritto di lamentarci”, dice in cancelleria. Tornandoci nel forum economico italo-tedesco: “L’Italia non tornerà mai ad essere un paese fiscalmente irresponsabile. Quel tempo ormai è finito, anche se ne paghiamo ancora il prezzo”, ma “crediamo che l’era dell’austerity sia terminata”. Perché le sfide per rilanciare l’Europa passano per crescita, lavoro, investimenti e migrazioni.

Ed il piano Juncker per l’Europa, di cui apprezza il prolungamento, “non basta”. Va contrastata, è il suo ragionamento, “l’insicurezza dei cittadini, va dato lavoro” e restituita “la fiducia”: non è possibile che “in questo mare in tempesta l’Ue si muova con piccolo cabotaggio”.

La Merkel non entra nel merito. Cauta, anche per le sue questioni interne di campagna elettorale, glissa sulle domande sui conti pubblici italiani. Si limita ad ascoltare ed a sposare la posizione italiana sui migranti. “E’ uno degli argomenti che ci occupa da vicino, lavoreremo insieme per un sistema giuridico europeo. Crediamo entrambi che il problema non riguarda singoli paesi ma deve essere affrontato dall’intera Ue”, spiega, mentre il premier ribadisce che non “può essere una questione solo di 3 o 4 paesi”.

L’emergenza immigrazione tiene banco anche a porte chiuse, in chiave rapporti con i paesi d’origine, in particolare con la Libia, con cui – ricorda Merkel – “l’Italia ha rapporti tradizionali”. Tra Italia e Germania, dice la cancelliera, ci “sono ottimi rapporti” e un’ampia agenda comune, anche in vista dei prossimi G7 e G20 a rispettive presidenze.

Una “collaborazione che continuerà anche con te, Paolo”, assicura, sottraendosi però alla domanda sulle prospettive del governo Gentiloni in chiave stabilità italiana. “Non entro in queste vicende”, si schermisce. E il premier ridendo prosegue: “Neanche io, non è questa la sede…”.

Tra i due si è invece cercato di gettare acqua sul caso dieselgate. L’argomento è stato affrontato marginalmente, si fa sapere, mentre a domanda diretta la cancelliera cambia argomento. Non lo fa invece Gentiloni per ribadire la posizione dell’Italia: ci sono controlli nazionali, c’è una commissione che se ne occupa a livello europeo, ognuno faccia il suo.

Merkel e Gentiloni hanno parlato anche di terrorismo e crisi internazionali. E, ovviamente, di Trump. Inviando auguri al nuovo presidente Usa ma ribadendo – come fatto da Gentiloni – che “la collaborazione è fondamentale ma i nostri principi lo sono altrettanto”. E ancora di Brexit, non mostrandosi preoccupati dalla linea dura di Theresa May: pronti a discutere un’intesa, l’importante è che l’Ue non si disunisca.

(dell’inviata Marina Perna/ANSA)

Ultima ora

05:24Molestie: New Yorker licenza corrispondente da Washington

WASHINGTON - Un'altra firma del giornalismo americano finisce nel turbine delle accuse di molestie sessuali: il New Yorker ha licenziato Ryan Lizza, corrispondente del magazine da Washington, dopo che una donna ha denunciato un suo comportamento inappropriato. Addebito che Lizza nega, sostenendo che la decisione di licenziarlo "e' stata fatta precipitosamente e senza una indagine completa dei fatti rilevanti". "Un terribile errore", ha aggiunto. Ma sia il prestigioso periodico che il legale della vittima hanno replicato che la descrizione degli eventi e' accurata.

05:21Usa: appello contro espulsione giornalista messicano scomodo

WASHINGTON - Il National Press Club e altri difensori della liberta' di stampa hanno lanciato un appello al governo Usa perche' conceda asilo al giornalista messicano Emilio Gutierrez, che rischia di essere espulso dopo essere fuggito una decina di anni fa in Usa per una serie di articoli contro la corruzione nell'esercito messicano. Gutierrez, che ha impugnato l'espulsione, teme di essere ucciso se rimpatriato in Messico, considerato uno dei Paesi piu' pericolosi al mondo per i giornalisti (finora 11 morti quest'anno).

05:16New York:Trump a Congresso,cambiare leggi immigrazione

WASHINGTON - Donald Trump, poche ore dopo l'attentato di New York, sollecita il Congresso a riformare le leggi sull'immigrazione "per proteggere il popolo americano". Prima di tutto, spiega in una nota, "l'America deve correggere il suo lassista sistema sull'immigrazione, che consente a troppe persone pericolose e inadeguatamente valutate di entrare nel nostro Paese".

01:02Calcio: Mihajlovic “Cercavamo risultato importante”

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - ""Non voglio entrare nelle decisioni arbitrali. C'è il Var e l'arbitro è andato a vedere. Voglio solo parlare della partita, cercavamo una grande vittoria e l'abbiamo trovata. Sono orgoglioso dei miei ragazzi": così il tecnico del Torino, Sinisa Mihajlovic a Premium dopo la vittoria all'Olimpico sulla Lazio. "Certamente l'espulsione ci ha aiutato - riconosce - ma anche nel primo tempo abbiamo creato tanto: la vittoria è meritata. Del resto non mi interessa, non ho mai commentato le decisioni arbitrali, ora con il Var è più facile". "La mia panchina era a rischio? Quando uno fa questo lavoro ogni settimana è a rischio. Ma io ho fiducia nella mia squadra, so come ci alleniamo e so che alla fine il lavoro paga sempre. La società comunque non mi ha mai fatto mancare la fiducia, queste sono solo voci per riempire i giornali. Ljajic "è andato in tribuna per comportamenti sbagliati. In settimana ha fatto cose che non andavano bene. Da lui mi aspetti un altro atteggiamento".

00:26Calcio: posticipo serie A, Lazio-Torino 1-3

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - Il Toro sbanca l'Olimpico biancoceleste in un posticipo della 16/a giornata di serie A, imponendosi 3-1 su una Lazio che sperava invece di raggiungere la Roma al quarto posto. Una partita ricca di emozioni e anche di polemiche, segnata da una 'follia' di Immobile alla fine di un primo tempo già ricco di occasioni per entrambe le squadre. L'attaccante laziale, furente per un fallo di mano in area di Iago Falque considerato non da rigore dall'arbitro e per aver colpito subito dopo un palo, ha colpito Burdisso. Consultata la Var, Giacomelli lo ha espulso. La Lazio in 10 ha cercato di reagire mentre la Curva Nord si svuotava in segno di protesta contro il direttore di gara, ma in 19' ha subito tre reti da Berenguer, Rincon e del giovanissimo Edera, entrato poco dopo la rete del momentaneo 2-1 siglata da Luis Alberto. Il Torino, che veniva da quattro pareggi di fila, sale a quota 23, a -1 dal settimo posto in classifica occupato dal Milan.

23:49Ladro ucciso: archiviata l’accusa di omicidio

(ANSA) - MILANO, 11 DIC - Il gip di Milano Teresa De Pascale, come chiesto dalla Procura, ha archiviato l'inchiesta che era stata aperta per omicidio volontario a carico di Francesco Sicignano, il pensionato di Vaprio d'Adda, nel Milanese, che nell'ottobre del 2015 sparò ed uccise un ladro albanese che era entrato nella sua abitazione. Ad opporsi alla richiesta di archiviazione, formulata dai pm a fine maggio 2016 evidenziando la "legittima difesa", erano stati i familiari del giovane albanese chiedendo al gip nuovi approfondimenti.

22:50Bimbo di due mesi trovato morto in culla dai genitori

(ANSA) - CAGLIARI, 11 DIC - Era in culla e non respirava più. Così un padre e una madre, lui 39 anni lei 33, di Sant'Antioco, nel Sulcis, hanno trovato il corpo senza vita del figlioletto di soli due mesi. La tragedia, su cui stanno indagando i carabinieri, è avvenuta in una abitazione di via Matteotti, alle 18.30, orario in cui i genitori del piccolo hanno chiamato i soccorsi. Sul posto sono arrivati i medici del 118 che hanno solo potuto constatare il decesso. In via Matteotti sono poi arrivati i militari della Stazione che hanno raccolto le prime testimonianze. Dai primi accertamenti, non sarebbero stati riscontrati segni di violenza sul corpicino: si tende ad escludere l'azione di terzi. Il magistrato di turno ha comunque disposto il trasferimento della salma del piccolo al Policlinico di Monserrato dove sarà eseguita l'autopsia.

Archivio Ultima ora