Gentiloni da Merkel: “Basta con l’Europa a due rigidità”

Pubblicato il 18 gennaio 2017 da ansa

Paolo Gentiloni (S) e Angela Merkel (D)
EPA/CLEMENS BILAN

BERLINO. – Paolo Gentiloni arriva a Berlino per il suo primo bilaterale con Angela Merkel mentre il centro Italia torna a tremare per un nuovo terremoto. E mentre resta in contatto con Roma, tirando un sospiro di sollievo per l’assenza di vittime, in cancelleria trova tutta la solidarietà della Germania. Ma al di là del sisma, in agenda c’è il nodo della linea dura di Bruxelles sui conti pubblici, intenzionata a chiedere una manovra correttiva da oltre 3 miliardi.

E l’obiettivo è quello di sondare gli umori della Merkel in vista di una trattativa che appare tutta in salita, anche alla luce delle chiusura del commissario Moscovici, che domani vedrà Padoan. Anche perché le rassicurazioni arrivate da Juncker sulle spese per il terremoto fuori dal Patto di stabilità non bastano.

Nel suo stile pacato, il premier la prende da lontano, affrontando la questione, anche sulla scia delle parole di del presidente Mattarella, dal lato migranti. Ma il messaggio è chiaro: “Non ci può essere in Europa una flessibilità a due velocità, a corrente alternata, rigida sui decimali di bilancio e molto più ampia su questioni fondamentali come la crisi migratoria”.

Su questo “sentiamo il diritto di lamentarci”, dice in cancelleria. Tornandoci nel forum economico italo-tedesco: “L’Italia non tornerà mai ad essere un paese fiscalmente irresponsabile. Quel tempo ormai è finito, anche se ne paghiamo ancora il prezzo”, ma “crediamo che l’era dell’austerity sia terminata”. Perché le sfide per rilanciare l’Europa passano per crescita, lavoro, investimenti e migrazioni.

Ed il piano Juncker per l’Europa, di cui apprezza il prolungamento, “non basta”. Va contrastata, è il suo ragionamento, “l’insicurezza dei cittadini, va dato lavoro” e restituita “la fiducia”: non è possibile che “in questo mare in tempesta l’Ue si muova con piccolo cabotaggio”.

La Merkel non entra nel merito. Cauta, anche per le sue questioni interne di campagna elettorale, glissa sulle domande sui conti pubblici italiani. Si limita ad ascoltare ed a sposare la posizione italiana sui migranti. “E’ uno degli argomenti che ci occupa da vicino, lavoreremo insieme per un sistema giuridico europeo. Crediamo entrambi che il problema non riguarda singoli paesi ma deve essere affrontato dall’intera Ue”, spiega, mentre il premier ribadisce che non “può essere una questione solo di 3 o 4 paesi”.

L’emergenza immigrazione tiene banco anche a porte chiuse, in chiave rapporti con i paesi d’origine, in particolare con la Libia, con cui – ricorda Merkel – “l’Italia ha rapporti tradizionali”. Tra Italia e Germania, dice la cancelliera, ci “sono ottimi rapporti” e un’ampia agenda comune, anche in vista dei prossimi G7 e G20 a rispettive presidenze.

Una “collaborazione che continuerà anche con te, Paolo”, assicura, sottraendosi però alla domanda sulle prospettive del governo Gentiloni in chiave stabilità italiana. “Non entro in queste vicende”, si schermisce. E il premier ridendo prosegue: “Neanche io, non è questa la sede…”.

Tra i due si è invece cercato di gettare acqua sul caso dieselgate. L’argomento è stato affrontato marginalmente, si fa sapere, mentre a domanda diretta la cancelliera cambia argomento. Non lo fa invece Gentiloni per ribadire la posizione dell’Italia: ci sono controlli nazionali, c’è una commissione che se ne occupa a livello europeo, ognuno faccia il suo.

Merkel e Gentiloni hanno parlato anche di terrorismo e crisi internazionali. E, ovviamente, di Trump. Inviando auguri al nuovo presidente Usa ma ribadendo – come fatto da Gentiloni – che “la collaborazione è fondamentale ma i nostri principi lo sono altrettanto”. E ancora di Brexit, non mostrandosi preoccupati dalla linea dura di Theresa May: pronti a discutere un’intesa, l’importante è che l’Ue non si disunisca.

(dell’inviata Marina Perna/ANSA)

Ultima ora

03:52Corea del Nord, Trump: Kim è solo un piccolo pazzo

(ANSA) - NEW YORK, 23 SET - "Vogliamo un mondo in cui ci siano Paesi che cooperano tra loro. Non possiamo avere un piccolo pazzo che spara missili sugli altri": così Trump torna a parlare di Kim Jong-un. "Stiamo parlando di armi di distruzione di massa e non possiamo permettere che qualcuno metta il nostro popolo in pericolo", ha aggiunto Trump. "L'uomo missile doveva essere gestito molto tempo fa", ha detto il presidente Usa chiamando di nuovo Kim 'rocket man' e accusando Obama e la Clinton. Molti dei piu' stretti consiglieri di Trump lo avevano messo in guardia dall'attaccare personalmente il dittatore nordcoreano nel discorso davanti all'Onu, avvertendo che un affondo diretto contro Kim avrebbe portato inevitabilmente ad una ulteriore escalation della tensione. Lo riportano alcuni media Usa citando fonti della Casa Bianca, secondo cui l'espressione "uomo missile in missione suicida" e la minaccia di "distruggere totalmente" la Corea del Nord non erano contenute nel testo originale del discorso.

03:26Grillo: se vuole Fico parla, è un romantico

(ANSA) - RIMINI, 23 SET - Oggi "se vuole, Fico parla. Lui e' un romantico. Ma va bene cosi'". Lo afferma Beppe Grillo, rispondendo ai cronisti a margine di una festa di compleanno di quattro parlamentari M5s organizzata a Rimini dopo la prima serata di 'Italia 5 Stelle'. Fico nel primo giorno della kermesse in extremis e' rimasto fuori dalla scaletta degli interventi sul palco principale. Ma Grillo sembra tendergli la mano: "E' un romantico ed e' bene che ci siano. Anche io lo sono", afferma il garante M5s.

23:21Attico Bertone: torna ‘giallo’ doppie fatture

(ANSA) - CITTA' DEL VATICANO, 22 SET - Torna il 'giallo' del doppio pagamento per la ristrutturazione dell'appartamento dell'ex Segretario di Stato vaticano, il cardinale Tarcisio Bertone. Nel processo in corso in Vaticano, l'ex presidente della Fondazione Bambino Gesù, Giuseppe Profiti (accusato di peculato) aveva definito 'falsa' questa ipotesi, perché la Fondazione aveva cofinanziato i lavori dell'appartamento mentre il Governatorato aveva pagato i lavori per le parti comuni di Palazzo San Carlo. Oggi, invece, l'ombra del doppio pagamento a vantaggio delle imprese di Gianantonio Bandera, di cui si è parlato nei mesi scorsi, di fatto è rispuntata. Marco Bargellini, alla guida della sezione 'edilizia' della Direzione dei Servizi Tecnici del Governatorato, ha detto che l'ente ha pagato tutto, non sapendo che i lavori erano stati pagati anche dalla Fondazione. Durante un'udienza di sei ore, è anche emerso che nell'appartamento non sono mai stati effettuati i collaudi.

23:12Calcio: Bayern raggiunto dal Wolfsburg sul 2-2

(ANSA) - ROMA, 22 SET - Non sono bastate due reti di vantaggio al Bayern Monaco per condurre in porto la partita contro il Wolfsburg, conclusasi 2-2. Sul campo della Allianz Arena, nell'anticipo della sesta giornata di Bundesliga, le reti di Lewandowski (33', su rigore che lo stesso attaccante polacco si era procurato) e Robben (42') sembravano aver messo in discesa l'incontro per la formazione allenata da Carlo Ancelotti. Ma nella ripresa la reazione del Wolfsburg ha sorpreso i bavaresi, che hanno incassato all'11' il gol su punizione di Arnold ed a 7' dalla fine quello di Didavi. Il Bayern ha così fallito il momentaneo sorpasso sul Borussia Dortmund capolista, raggiunto a 13 punti, che domani affronta il Moenchengladbach.

22:28Usa: McCain resiste su Obamacare, ‘non voto nuovo testo’

(ANSA) - WASHINGTON, 22 SET - Il senatore repubblicano John McCain ha annunciato che non voterà per la nuova proposta di legge per la revoca di Obamacare, infliggendo così un altro duro colpo al tentativo dei repubblicani di raggiungere i 50 voti necessari al Senato per mandare avanti l'iter. "Non posso in buona coscienza votare per la proposta Graham-Cassidy. Credo che possiamo fare meglio, lavorando insieme repubblicani e democratici, e non abbiamo ancora davvero provato", ha affermato McCain. Il testo, messo a punto dai senatori Bill Cassidy e Lindsey Graham, è l'ultima possibilità di passare una proposta di legge che smantelli l'Affordable Care Act (detto Obamacare) voluto da Barack Obama, prima della scadenza del 30 settembre. Il voto è previsto infatti per la prossima settimana. La determinazione di McCain, che invoca collaborazione bipartisan dopo averne già interrotto l'iter in luglio, mette così nuovamente a rischio il tentativo dei repubblicani di sostituire l'Obamacare, su cui spinge il presidente Donald Trump.

22:20Maria: cede diga Porto Rico, allagate due cittadine

(ANSA) - SAN JUAN DE PORTORICO (STATI UNITI), 22 SET - La diga di Guajataca, a Porto Rico, ha ceduto e sta provocando alluvioni "estremamente pericolose", in particolare in due cittadine lungo il fiume: lo ha annunciato il servizio meteo Usa (Nws), citato da Bbc, aggiungendo che è in corso l'evacuazione della popolazione di due centri abitati lungo il fiume. Sotto l'azione delle piogge portate dall'uragano Maria, che sta devastando i Caraibi, il cedimento è avvenuto alle 14:10 locale, le 21.10 italiane, allagando subito le cittadine di Isabela e Quebradillas.

21:46Uccisa da veicolo poi in fuga, denunciato camionista

(ANSA) - CASTELFIORENTINO (FIRENZE), 22 SET - È un camionista residente nel Pisano la persona denunciata dai carabinieri perché accusato dell'omicidio stradale di Sara Scimmi, la 19enne investita e uccisa il 9 settembre scorso a Castelfiorentino (Firenze) lungo la strada regionale 429. Secondo gli accertamenti dei carabinieri l'uomo quella sera era alla guida di un tir di proprietà di un'azienda umbra, i cui segni delle gomme sarebbero riconducibili a quelli lasciati sull'asfalto. Il dettaglio chiave è stato un logo sul telone del mezzo pesante, individuato in una ripresa di videosorveglianza visionata dai carabinieri. Il confronto con alcune riprese effettuate a distanza di ore a un casello autostradale, seguendo un ipotetico tracciato, ha permesso di individuare definitivamente mezzo e autista. Il conducente ha negato ogni coinvolgimento e il veicolo, sequestrato, sarà oggetto di approfondimenti da parte dei Ris di Roma.

Archivio Ultima ora