Terremoto e neve, i ritardi e le accuse. Gentiloni e Mattarella, restare uniti

Pubblicato il 19 gennaio 2017 da ansa

EPA/ITALIAN FIRE DEPARTMENT

ROMA. – C’è spazio anche per le polemiche, nella storia tragica, fatta di terremoto e neve, che ha colpito l’Abruzzo. L’hotel di Rigopiano, sommerso da una valanga, è una vicenda estrema, ma anch’essa presenta un elemento che andrà chiarito: secondo una testimonianza, i clienti aspettavano uno spazzaneve ieri alle 15 per andar via, orario poi spostato alle 19. Secondo il padre di una dei dispersi “loro da ieri mattina chiedevano di essere sbloccati, ma hanno risposto che c’erano altre priorità”.

In piena emergenza si viene a sapere anche che l’ex base operativa degli elicotteri del Corpo Forestale a Rieti ha elicotteri fermi, mentre il sindacato Conapo denuncia che i Vigili del fuoco non sono stati dotati degli strumenti e del numero di piloti per far volare gli elicotteri di notte.

Da giorni i sindaci abruzzesi lamentano di essere isolati, senza luce, e con le nevicate sempre più abbondanti chiedono turbine e mezzi spalaneve. Appelli lanciati di fronte a una situazione oggettivamente eccezionale. Un fenomeno “di portata storica” in cui, ha detto il premier, Paolo Gentiloni – andato a Rieti nella centrale operativa allestita già dopo il sisma del 24 agosto dalla Protezione civile – terremoto e maltempo hanno agito a “tenaglia”.

(ANSA/

Gentiloni ha chiesto a tutti “impegno”, ma anche “rispetto” per “le forze civili e militari impegnate e il dolore dei familiari”: “tutte le istituzioni mobilitate”. Parole in sintonia con quelle del Capo dello Stato, Sergio Mattarella, che ha garantito come “nessuno sforzo viene risparmiato nel tentativo di salvare vite umane” e ha richiesto a “tutta la comunità nazionale grande unità. Ognuno, per la sua parte, deve agire con intelligenza e responsabilità”.

Invito a collaborare anche dalla presidente della Camera, Laura Boldrini. Il Capo della Protezione Civile, Fabrizio Curcio, difende il lavoro che si sta facendo sul campo: dal 24 agosto, dice, non si è perso un minuto. “Chi solleva polemiche su ipotetici ritardi, lancia accuse vuol dire che non ha capito come funziona il Sistema di protezione civile. Non ha capito che attacca il Sistema Paese. E chi tocca il sistema tocca il Paese”.

E se il dramma di questi giorni è dovuto in gran parte al maltempo, c’è da dire che il primo alert della Protezione civile è del 14 gennaio. Gli attacchi politici, però, non mancano. Durissimo il leader della lega, Matteo Salvini, che chiede al governo di stanziare subito 100 milioni: “Ho sentito tanti sindaci: se non ci sono i mezzi, si tagliano i fondi, uomini e mezzi; se ci sono paesi senza corrente e riscaldamento da tre giorni, oltre alla natura c’è anche dell’altro”.

La colonna dei soccorritori

E ancora: “Politicizzare la Protezione civile, affidandola a un ex governatore trombato è demenziale”. L’affondo è per il commissario straordinario, Vasco Errani, difeso invece dal ministro Anna Finocchiaro. A chiedere di smorzare le polemiche è M5S, con Grillo, che sul suo blog scrive: non è il momento delle accuse, ma di stare uniti. Fico e Di Battista ringraziano i soccorritori. Il partito annuncia che, per rispetto, cancellerà la manifestazione davanti al Parlamento del 24 gennaio, giorno del verdetto della Consulta sull’Italicum.

Le verifiche possono aspettare, per ora; ma non per sempre: il Movimento, infatti, chiede a Gentiloni di riferire in Parlamento e spiegare come si è mossa la macchina dei soccorsi. Stessa richiesta anche da Forza Italia. Le denunce arrivate dai sindaci sono molteplici e non sono iniziate oggi.

“Le cose non vanno bene, sono arrivati dei mezzi ma sono insufficienti”, dichiara il primo cittadino di Teramo che ora teme il rischio frane. In cima alla lista dei problemi c’è anche il black out elettrico. A Orsogna (Chieti) 600 famiglie sono senza luce dal 16 gennaio e da ieri manca l’acqua potabile.

Un frame di un video della Guardia di Finanza mostra i soccorritori giunti all’hotel Rigopiano, travolto ieri da una valanga di neve, che mettono in salvo un anziano. Farindola (Pescara), 19 gennaio 2017. ANSA/ GUARDIA DI FINANZA

Il sindaco di Notaresco (Teramo), 7.000 abitanti senza energia elettrica da domenica, è pronto a organizzare l’evacuazione se non avrà informazioni chiare. Il sindaco di Belforte del Chienti ha deciso di denunciare l’Enel. Il primo cittadino di Brittoli (Pescara) pensa alla coppia di anziani coniugi morti intossicati dal monossido di carbonio dopo aver acceso un generatore di corrente per scaldarsi, visto da due giorni il paese è al buio, e dichiara: “Sono due vittime che si deve portare sopra la coscienza l’Enel”.

La società elettrica, che ha riferito di 90mila utenze senza corrente e 130mila rialimentate dall’inizio dell’emergenza, si scusa con cittadini e istituzioni, rimarcando che l’evento in atto è eccezionale. Prestissimo, salvo imprevisti, si conta “di ridurre in maniera consistente i disagi”, fa sapere inoltre la responsabile dell’Ufficio emergenze della Protezione Civile, Titti Postiglione.

(di Eva Bosco/ANSA)

Ultima ora

18:00Ciclismo: Mondiali, Italia chiude con più medaglie di tutti

(ANSA) - ROMA, 24 SET - L'Italia chiude il Mondiale 2017 di ciclismo su strada, a Bergen, con un bottino di medaglie più alto rispetto agli altri Paesi: ben sette, frutto di due ori, tre argenti e due bronzi. In realtà l'Italia occupa il secondo posto del medagliere dietro l'Olanda, ma solo perché i 'tulipani' hanno vinto quattro ori e due argenti, senza riuscire a collezionare bronzi. Italia con una medaglia in più, quindi, ma con due ori in meno. Al terzo posto c'è la Danimarca, con cinque medaglie (due ori, un argento e due bronzi), poi la Germania (un oro, un argento e un bronzo) e la Gran Bretagna (un oro e due bronzi) con tre allori. Seguono Francia con due medaglie (un oro e un bronzo), la Slovacchia con un oro, gli Stati Uniti con due argenti, l'Australia (un argento e tre bronzi), quindi i padroni di casa della Norvegia con un argento.

17:59Lazio: Inzaghi “Immobile super,ma forza è il gruppo”

(ANSA) - ROMA, 24 SET - "Per noi era una partita molto delicata, dopo il brusco stop contro il Napoli. I ragazzi sono stati bravissimi, sapevo che sarebbe entrato avrebbe fatto il suo dovere: abbiamo giocato bene e vinto su un campo non semplice. Il nostro punto di forza è il gruppo. Immobile? Non ci sono più aggettivi per lui: è il nostro bomber e il nostro trascinatore, ma ha anche una squadra dietro che lavora bene per farlo esprimere al meglio". Simone Inzaghi si coccola il goleador della sua Lazio, protagonista della doppietta nel 3-0 al Verona. "Corsa Champions? Dobbiamo essere bravi a rimanere nei piani alti della classifica - sottolinea il tecnico a Premium -: forse rispetto ad altri siamo meno attrezzati, ma abbiamo un gruppo che con il lavoro quotidiano può togliersi delle soddisfazioni. I complimenti nei miei confronti mi fanno piacere: in questo momento sono soddisfatto di come si sta esprimendo la squadra".

17:59Caccia militare in mare durante esibizione a Terracina

(ANSA) - ROMA, 24 SET - Un velivolo Eurofighter dell'Aeronautica militare è caduto in mare a Terracina durante un air show. La notizia è stata confermata dalla stessa Aeronautica militare. Il pilota del caccia Eurofighter non si sarebbe lanciato con il paracadute, abbandonando il velivolo precipitato in mare durante il Terracina Air Show. Lo riferiscono all'ANSA alcuni testimoni.

17:40Napoli, Milik verso intervento al ginocchio

(ANSA) NAPOLI, 24 SET - Si va verso l'intervento chirurgico per Arek Milik dopo l'infortunio al legamenti del ginocchio destro subito ieri nel finale della sfida contro la Spal. La risonanza magnetica effettuata oggi in una clinica di Castel Volturno (Caserta) ha evidenziato un problema che - si apprende - lo porterà con ogni probabilità nuovamente sotto i ferri. Domani, dopo una nuova visita a Roma, a Villa Stuart, che precederà l'intervento, si saprà di più sull'entità del problema ai legamenti e sui tempi di rientro. Milik, 23 anni, lo scorso anno aveva subito ad ottobre la rottura dei legamenti del ginocchio sinistro, saltando in pratica tutta la stagione.

17:37Calcio: Inter e Lazio avanti tutta, il Benevento sprofonda

(ANSA) - ROMA, 24 SET - L'Inter piega la resistenza del Genoa al 42' st grazie a D'Ambrosio e continua a vedere da vicino la Juve e il Napoli, che distano solo 2 punti (18 contro i 16 dei nerazzurri). Grazie alla vittoria in trasferta sul Verona (3-0), la Lazio è a 5 punti dalle due battistrada e a +1 sulla Roma che, però, ha una partita in meno rispetto ai 'cugini' biancocelesti. In coda va al Crotone il derby per la salvezza, che vince 2-0 sul Benevento in casa.

16:53Violenza sessuale: studentessa denuncia stupro a Rimini

(ANSA) - RIMINI, 24 SET - Ha riferito di essere stata violentata, forse da due uomini italiani, una studentessa Erasmus di nazionalità spagnola, che ieri nel tardo pomeriggio si è presentata ai carabinieri di Rimini per sporgere denuncia. La ragazza, 20enne, in compagnia di altri studenti stranieri, a Rimini per l'Erasmus, ha riferito solo alcuni flash, ricordi annebbiati probabilmente dall'assunzione di alcol. La ventenne ha detto di aver conosciuto prima un uomo poi l'altro in un locale, venerdì notte, e dopo aver bevuto in compagnia di questi alcuni drink si sarebbe appartata. Non ricorderebbe la presunta violenza, né avrebbe dato una descrizione dei due uomini. Al termine della serata sarebbe tornata a casa con degli amici. Quando si è svegliata ieri mattina la studentessa ha accusato dolore alle parti intime e si sarebbe resa conto di essere stata violentata. E' stata quindi accompagna in pronto soccorso dove i medici hanno riscontrato lesioni che non escluderebbero però una violenza sessuale. (ANSA).

16:50Gotti Tedeschi, nessuna accusa a Papa, documento atto devoto

(ANSA) - ROMA, 24 SET - Il documento rivolto al Papa e contenente perplessità sulla Amoris Laetitia, firmato da 62 studiosi, molti dei quali laici, "è una supplica scritta da teologi, non parla di eresie ma dice che indirettamente potrebbe facilitare eresie. Sia chiaro: io non accuso il Papa, io gli voglio bene. Io sono per la Chiesa e per il Papa e non mi distaccherò mai né dalla Chiesa né dal Papa. Il documento è un atto devoto, un invito alla riflessione". Lo spiega all'ANSA l'ex presidente dello Ior, Ettore Gotti Tedeschi, tra i firmatari del documento 'Correctio Filialis', correzione filiale.

Archivio Ultima ora