Hotel Rigopiano, trovate vive 8 persone: ci sono due bambini

ROMA. – Sono state trovate vive 8 persone all’Hotel “Rigopiano” a Farindola sul Gran Sasso, spazzato via da una slavina di immense proporzioni. Tra i sopravvissuti ci sono due bambini. Sono state estratte vive finora una donna e la figlia, rimaste 43 ore sotto le macerie. Entrambe sembrerebbero in condizioni discrete e sono state già portate in ospedale con un elicottero. Al momento gli altri superstiti sono ancora sotto le macerie – si trovano sotto ad un solaio – e i vigili del fuoco hanno più volte parlato con loro.

Sono state circa 43 ore sotto l’enorme massa di neve della valanga, i detriti e le macerie dell’albergo La donna e la bambina estratte poco dopo le 12.30. Il primo allarme della valanga, infatti, era stato lanciato da Giampiero Parete alle 17.40 di mercoledì 18 gennaio. In pratica quasi due giorni.

I soccorritori hanno lavorato per tutta la scorsa notte, in condizioni estreme, alla ricerca della trentina di dispersi. Con le temperature ampiamente sotto lo zero, i soccorritori hanno lavorato grazie all’ausilio delle fotocellule ma a ritmi ridotti: non ci sono infatti le condizioni di sicurezza necessarie per operare in maniera massiccia. Le turbine hanno proseguito inoltre il lavoro per liberare la strada che sale all’hotel. La Procura ha aperto un’indagine per omicidio colposo.