Miracolo Rigopiano: una decina in salvo, 4 sono bimbi

Pubblicato il 20 gennaio 2017 da ansa

ANSA/ VIGILI DEL FUOCO

BIVIO RIGOPIANO (PESCARA). – Gianfilippo ha la stessa età di Alfredino ma stavolta quel buco nero non è il pozzo di Vermicino e non ci sono le lacrime disperate di Sandro Pertini né quelle di Angelo Licheri, l’uomo che sfiorò le dita del piccolo senza riuscire ad afferrarle davvero. Stavolta Gianfilippo esce con le sue gambe e sorride ai vigili del fuoco, che forse era da quel maledetto 10 giugno 1981 che aspettavano una giornata così.

“Vai chicco”, gli urlano mentre applaudono, mettendogli una mano sulla testa per proteggerlo nell’ultimo metro che lo separa dal ritorno alla vita. Perché molti di questi pompieri sono di Roma e a Roma, se un bambino non lo conosci, lo chiami così, “chicco”.

Il miracolo di Rigopiano ha il volto dei bambini. Quattro ne hanno salvati, quasi 48 ore dopo che una slavina con un fronte di 300 metri ha sommerso il loro hotel sotto 5 metri di neve. Ha il volto di Gianfilippo e Ludovica, i figli di Giampiero Parente. Ieri era un uomo senza futuro, il cuoco salvo per puro caso, piegato e distrutto da qualcosa troppo grande da sopportare, sopravvivere alla morte di moglie e figli, tutti insieme. E oggi è un signore felice davvero, di quella felicità che solo chi ha toccato il fondo del dolore può conoscere. E ha il volto di Edoardo e Samuel, uniti da un identico destino: uscire dall’incubo e trovarsi ancora impauriti in un letto d’ospedale, senza mamma e papà accanto a coccolarti.

I genitori di Samuel, il poliziotto Domenico Michelangelo e Marina Serraiocco, sono tra i cinque ancora sotto le macerie con i quali i vigili del fuoco parlano da ore, mentre cercano di tirarli fuori senza far crollare tutto. Di quelli di Edoardo invece, Sebastiano Di Carlo, il pizzettaio di Loreto Aprutino e sua moglie Nadia, ancora non si sa nulla.

Ma il miracolo del Rigopiano ha anche il sapore della vita. Quella vera. Che è più forte di tutto e malgrado tutto. E a volte spesso sorprende, stupisce. Perché i sopravvissuti a quell’inferno sono almeno dieci. Dieci vite che hanno sconfitto quell’inferno bianco.

Come hanno fatto? Chi lo sa. Davvero nessuno ha la risposta giusta. Il primo gruppo di sei sopravvissuti che i soccorritori hanno individuato era in quella parte dell’hotel che, prima di tutto questo, era la ‘zona ricreativa’, con il bar e la sala biliardo. Quando tutto è crollato, lì si è creata una sacca d’ossigeno. E c’era anche qualcosa da mangiare e bere. Così ce l’hanno fatta, stando uno accanto all’altro per ripararsi dal freddo. I cinque metri di neve sopra le loro teste hanno fatto il resto, isolando dalle temperature sotto zero all’esterno della stanza.

Quattro sono ancora lì dentro, incastrati dietro macerie e pilasti, in attesa di essere liberati. Una settima persona è stata individuata sempre nella stessa zona, ma separata dal gruppo, mentre i tre bambini li hanno trovati in una stanza poco distante: gli uomini dell’Usar, il nucleo ricerca e soccorso tra le macerie, hanno sfondato una parete e li hanno liberati.

L’arrivo all’ospedale di Pescara dei i tre bambini estratti dall’Hotel di Rigopiano, 20 Gennaio 2017. Sono tutti in discrete condizioni di salute. ANSA/ CLAUDIO LATTANZIO

Era stata Adriana, la moglie di Giampiero Parete, a dire dove trovarli. Lei è stata estratta subito dopo il piccolo Gianfilippo. Quando li ha visti, i suoi angeli, gli occhi hanno lasciato uscire le lacrime. “Non ci credevamo più, non ci speravamo più”. Subito dopo è tornata ad essere madre. “Andate là, andate là, c’è una stanza, c’è mia figlia, dovete riportamela vi prego”, un braccio proteso verso quell’albergo maledetto, combattuta tra tornare la dentro per aspettare anche Ludovica o stare vicino a Gianfilippo.

Era da ieri sera che i soccorritori avevano cominciato a sperare. I volti di chi scendeva nel pomeriggio non lasciavano presagire nulla di buono. “Non c’è più niente, è difficilissimo”. Poi qualcosa è cambiato. I cani. I cani hanno fiutato qualcosa in alcune zone. “Finalmente avevamo delle ipotesi di lavoro – dice uno di quelli che ha operato lassù – e stamattina le abbiamo portate avanti. Più ci avvicinavamo e più i segnali diventavano chiari fin quando, a forza di battere, abbiamo sentito chiaramente la risposta arrivare da sotto”.

Cosa sia successo in quei momenti tra tutti i soccorritori lo raccontano il volto e i gesti di Marco Piergallini. Il vigile del fuoco stava parlando con qualche cronista all’ultimo bivio prima dell’inizio della strada per l’hotel. “E’ un’operazione non facile – diceva, raccontando le ricerche dei dispersi, di cui ancora non c’era traccia – per i possibili crolli e per l’enorme quantità di neve. Stiamo lavorando ancora a mano perché con i mezzi pesanti rischieremmo di passare in punti dove potrebbero esserci le persone”.

Squilla il telefono. “Scusate”. Marco si allontana. Pochi istanti e gli occhi cominciano a brillare, ma il telefono prende male. “La radio, la radio, accendi la radio”. Le mani di Marco tremano per l’emozione. “Via via, liberate la strada, devono passare le ambulanze, subito”.

Marco risale in macchina, il collega parte sgommando verso la montagna. I pompieri sono entrati nell’albergo da una botola che stava su quello che era il tetto di cemento e che ora è sotto metri di neve. Da lì le squadre hanno iniziato a togliere pezzi di cemento crollati e puntellare i solai, per mettere in sicurezza la struttura.

Da lì, da quel buco, sono usciti i quattro bimbi e Adriana. E da lì usciranno anche gli altri cinque già individuati. E tutti gli altri. Ora in molti sperano, ci credono. Ma i dispersi sono tanti, ancora tanti. Almeno una ventina. Come Linda, che lavorava al centro benessere ed è la sorella di Fabio Salzetta che invece si è salvato.

Oggi il ragazzo andava in giro con una sua foto che mostrava ai pompieri. “Cercatela lì, dietro la nicchia. Era lì quando l’ho lasciata”. La cercheranno, ancora. Come faranno con tutti gli altri. Gli unici, che nessuno cerca più, sono Alessandro Giancaterino e Gabriele D’Angelo. Gente di questi posti, uno di Farindola l’altro di Penne. Erano il maitre e uno dei camerieri e per loro non c’è stato nessun miracolo al Rigopiano.

(dell’inviato Matteo Guidelli/ANSA)

Ultima ora

21:00Sudafrica: Cyril Ramaphosa nuovo presidente dell’Anc

(ANSA) - JOHANNESBURG, 18 DIC - E' Cyril Ramaphosa il nuovo presidente dell'African National Congress (Anc), il partito che fu di Nelson Mandela, al potere in Sudafrica. E in questa veste sarà il candidato presidente alle elezioni del 2019 in sostituzione di Jacob Zuma, al secondo e ultimo mandato. Con 2.446 voti, i delegati dell'Anc hanno decretato la vittoria dell'attuale vice presidente del Sud Africa, Cyril Ramaphosa, contro la candidata concorrente, Nkosazana Dlamini-Zuma, ex moglie di Zuma. Ramaphosa, considerato uno degli uomini d'affari più ricchi del Sudafrica, è un veterano della lotta anti-apartheid e fu leader del potente Num (National Union of Mineworkers), il sindacato dei minatori sudafricani che con i suoi scioperi a metà anni Ottanta mise in seria difficoltà il regime segregazionista bianco. Il neo presidente dell'Anc si accredita come il riformatore che tirerà fuori l'economia sudafricana dalla morsa della corruzione nella quale, secondo le accuse, l'ha precipitata il presidente Jacob Zuma.

20:57Morto in incidente gondola, imputato condannato a 10 mesi

(ANSA) - VENEZIA, 18 DIC - Il Tribunale di Venezia ha condannato oggi a 10 mesi di reclusione il gondoliere coinvolto nell'incidente in Canal Grande che il 17 agosto 2013 costò la vita ad un turista tedesco, Joachim Vogel, che si trovava con la famiglia su un'altra gondola, speronata da un vaporetto in manovra. Per l'uomo, Davide Forcellini, il pm aveva chiesto un anno e 5 mesi. Il collegio ha condannato inoltre l'imputato al risarcimento dei danni, che sarà determinato in altra sede, decidendo una provvisionale esecutiva di 200mila euro. La tesi accusatoria, basata sull'analisi di diversi filmati, attribuiva alla gondola manovrata da Forcellini l'inizio di un maxi ingorgo di imbarcazioni che, schivandosi l'una con l'altra nel tratto di Rialto, contribuirono alla tragedia.

20:56Savoia: Franceschini, vicenda chiusa, Pantheon non esiste

(ANSA) - ROMA, 18 DIC - "La sepoltura a Vicoforte è la chiusura definitiva della vicenda, non ne apre una nuova. Del resto sono la storia e la memoria a impedire anche solo di prendere in considerazione l'ipotesi di una sepoltura al Pantheon". Lo dichiara il ministro della Cultura Dario Franceschini, interpellato dai cronisti sulla richiesta di parte di casa Savoia di seppellire Vittorio Emanuele III al Pantheon.

20:56Matteoli: Gentiloni, cordoglio governo

(ANSA) - ROMA, 18 DIC - Il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni esprime il suo personale cordoglio e quello del governo ai familiari del senatore Altero Matteoli, tragicamente scomparso oggi. Di Matteoli il premier ricorda la passione politica, la coerenza del suo percorso, il profondo senso delle istituzioni.

20:28Bolivia: Morales candidato per quarto mandato tra proteste

(ANSA) - ROMA, 18 DIC - Il presidente della Bolivia Evo Morales è stato proclamato candidato per il quarto mandato consecutivo alle elezioni del 2019 dalla base del partito di governo Movimento per il socialismo (Mas) in un grande evento tenutosi a Cochabamba, di fronte a migliaia di sostenitori. Lo riportano media locali. Morales è stato scelto dalle organizzazioni e movimenti che fanno parte del partito. "Missione compiuta, siamo abilitati per le elezioni", ha esclamato Morales all'evento pubblico. Il supporto da parte della sua base popolare arriva due settimane dopo che Morales stesso si è candidato, dopo aver ricevuto l'autorizzazione da parte della Corte costituzionale del Paese per presentarsi alle elezioni. La decisione è stata duramente criticata dagli oppositori, che proprio per esprimere il loro rifiuto alla ricandidatura sono scesi in piazza a migliaia nelle principali città della Bolivia.

20:24Gerusalemme: Abu Mazen, vogliono negare nostra storia

(ANSAmed) - TEL AVIV, 18 DIC - "Dichiarazioni recenti puntano a negare la nostra storia, ma questa è la nostra terra e i palestinesi continueranno a lottare in modo pacifico". Lo ha detto il presidente palestinese Abu Mazen incontrando oggi a Ramallah i capi delle Chiese cristiane per gli auguri di Natale. "Il mondo e la legge internazionale riconoscono Gerusalemme est capitale dello stato di Palestina e noi - ha aggiunto, citato dalla Wafa - resteremo uniti nel difendere Gerusalemme, le terre dei cristiani e le dotazioni islamiche". Abu Mazen ha poi sottolineato lo "stretto e costante coordinamento con il regno hashemita di Giordania per quanto riguarda i luoghi santi islamici e cristiani di Gerusalemme, specialmente la Spianata delle Moschee e il Santo Sepolcro". In Consiglio di sicurezza Onu si discute questa sera una Risoluzione contro la decisione di Trump su Gerusalemme.

20:22Arabia Saudita: re Salman riceve direttore CIA a Riad

(ANSA) - ROMA, 18 DIC - Il re dell'Arabia Saudita, Salman bin Abdulaziz Al Saud, ha ricevuto oggi a Riad il direttore della CIA, Mike Pompeo. La notizia viene riportata da Al Arabiya. All'incontro, avvenuto nel palazzo Al Yamamah, hanno partecipato, aggiunge la stessa fonte, anche il ministro degli Esteri saudita, Adel Al Jubeir, il capo dell'Intelligence saudita, Khaled bin Ali Al Humaidan, e altri esponenti delle autorità locali.

Archivio Ultima ora