Inizia l’era Trump: “Prima l’America, potere al popolo”

Pubblicato il 20 gennaio 2017 da ansa


Trump ha giurato, è il presidente degli Stati Uniti (ANSA/AP Photo/Andrew Harnik)

NEW YORK. – “America First”, prima l’America. E’ il giorno più lungo per Donald Trump, e lo si intravede dallo sguardo teso prima del solenne giuramento con cui diventa ufficialmente il 45/mo presidente degli Stati Uniti. Nemmeno un’accoglienza da stadio sembra metterlo a suo agio. Ma presa la parola per il suo primo discorso da Commander in Chief, The Donald ritrova la grinta di sempre. E il suo messaggio è totalmente coerente con quanto predicato per mesi e mesi, il messaggio che lo ha trasformato da outsider nella corsa alla Casa Bianca ad assoluto protagonista.

“Basta con questa carneficina americana, la fermerò immediatamente”, promette. Dove con il cupo termine “carneficina” si riferisce non solo alla perdita di posti di lavoro e alle industrie “arrugginite” diventate cattedrali nel deserto, ma anche alle città affette dal crimine e ai ghetti dove ci sono tante persone dimenticate.

Ora la musica cambia. E’ l’inizio di una nuova era. Trump assicura che imporrà due semplici regole: “Comprare americano, assumere americani”. E poi la restaurazione di ordine e giustizia. Così si rifà l’America grande, come recita lo slogan che lo scorso 8 novembre ha portato il tycoon al trionfo nelle urne delle presidenziali.

Poco distante ad ascoltarlo Hillary Clinton, insieme al marito Bill. Ma sulla tribuna allestita come da tradizione sulla scalinata di Capitol Hill ci sono anche due altri ex presidenti, George W. Bush e Jimmy Carter, oltre agli Obama a cui Trump rende omaggio: “Sono stati magnifici”.

In mattinata, prima del loro addio alla Casa Bianca, Barack e Michelle avevano offerto un tè alla nuova coppia presidenziale. Ma dopo i ringraziamenti di rito Trump non fa sconti: “Basta con le chiacchiere, è ora di agire, e lo faremo insieme”. Il suo è un appello all’unità, respingendo le critiche di chi lo accusa di alimentare i pregiudizi.

Ma nel mirino c’è soprattutto quell’elite politica che – a suo dire – ha dimenticato la gente ordinaria, quell’establishment che finora “ha pensato solo a sé stesso e non ai cittadini di questo Paese”, e per combattere il quale mesi fa decise di scendere in campo. “Restituirò il potere al popolo.

Trasferirò il potere da Washington a voi, agli americani. Vi restituirò l’American Dream”. Ora si tratta di passare dalle parole ai fatti, probabilmente a partire già da lunedì con i primi decreti. E mentre ancora la cerimonia è in corso, sul nuovo sito della Casa Bianca già targato Donald Trump spunta l’indicazione di alcune delle priorità della nuova amministrazione: dallo sviluppo dello scudo spaziale per difendersi dalle minacce di Iran e Corea del Nord a un piano economico per creare 25 milioni di posti di lavoro in 25 anni, passando per un’offensiva contro l’Isis.

“Elimineremo il radicalismo islamico dalla faccia della Terra”, promette. Intanto tutto intorno all’area blindata della cerimonia e poi della parata che da Capitol Hill porta la nuova coppia presidenziale alla Casa Bianca, lungo Pennsylvania Avenue, il variegato popolo anti-Trump mette in scena le attese proteste.

E per il centro di Washington ci sono scontri, vandalismi, e almeno 100 arresti. In strada per manifestare si è scesi in tutte le principali città americane, e anche in alcune città europee. Domani l’imponente ‘marcia delle donne’ per le strade della capitale federale.

(di Ugo Caltagirone/ANSA)

Ultima ora

05:05Curry, ‘giornata surreale, Trump non si comporta da leader’

NEW YORK - ''Una giornata surreale'': cosi' la stella della Nba Stephen Curry commenta l'affondo del presidente americano Donald Trump che gli ha ritirato l'invito alla Casa Bianca. ''Non so perche' sente la necessita' di prendere di mira certe persone piuttosto che altre. Io un'idea ce l'ho, ma questo non e' quello che fa un leader''.

04:56James ancora contro Trump, usa sport per dividere Paese

NEW YORK - LeBron James torna ad attaccare Donald Trump, stavolta con un video: ''Mi sento frustrato, perche' questa persona che abbiamo messo al potere dopo quello che e' successo dopo Charlottesville sta tentando di usare lo sport per dividere ancor di piu' il popolo americano. E non e' una cosa che posso tollerare, non e' una cosa su cui posso tacere''. Oltre al caso del suo collega della Nba Stephen Curry, James critica Trump anche per aver chiesto di licenziare i giocatori di football americano che non cantano l'inno in segno di protesta.

04:41Londra: 6 feriti in attacchi con acido, no terrorismo

LONDRA - Sei persone sono state ferite ieri sera in diversi attacchi con acido in un centro commerciale a Stratford, nella zona orientale di Londra. La polizia ha arrestato un uomo, sospettato di lesioni personali gravi e ne sta cercando altri. Un portavoce ha dichiarato che la polizia esclude il movente terroristico e ha aggiunto che le persone ferite non sono in pericolo di vita.

04:36Trump, test dimostra accordo Iran non e’ un granche’

NEW YORK - "L'Iran ha appena testato un missile balistico capace di raggiungere Israele. E stanno anche lavorando con la Corea del Nord. Non e' un granche' di accordo quello che abbiamo": cosi' il presidente americano, Donald Trump, commenta il test su un nuovo missile balistico eseguito da Teheran.

23:38Calcio: Udinese in ritiro da lunedì

(ANSA) - UDINE, 23 SET - L'Udinese andrà in ritiro da lunedì. Lo ha deciso la società dopo la sconfitta di questo pomeriggio con la Roma, la quinta in sei gare da inizio campionato. Il ritiro, annunciato in serata dal club con una breve nota, è stato deciso "per preparare al meglio l'importante sfida di sabato prossimo con la Sampdoria". Una partita dal risultato che appare obbligato per i bianconeri, ancora fermi a 3 punti in classifica.

23:30Calcio: Baselli si scusa, ‘troppa voglia derby,ho sbagliato’

(ANSA) - TORINO, 23 SET - "Avevo troppo voglia di derby, tenevo troppo a questa partita. Ho sbagliato". Daniele Baselli commenta così, su Twitter, l'espulsione che ha condizionato la prestazione del Torino, battuto 4-0 dalla Juventus. "Chiedo scusa ai miei compagni, ai nostri tifosi, alla società", aggiunge il giocatore granata, che posta la foto in cui esce dal campo. "Superfluo aggiunge altro. Momento durissimo - scrive il centrocampista -. Mi assumo tutte le responsabilità. Sempre e comunque forza Toro".

23:18Serie A: Juve padrona, demolisce Toro 4-0 e fa suo il derby

(ANSA) - ROMA, 23 SET - Una Juve padrona all'Allianz Stadium fa suo il derby della Mole, cancellando il Torino 4-0. Primo tempo sontuoso degli uomini di Allegri che prima a passano in vantaggio grazie al 9/o gol stagionale di Dybala e poi approfittano di uno sciagurato fallo di Baselli che costa al centrocampista granata il doppio giallo e l'inevitabile espulsione. Era il 25' e da lì la partita è corsa su un unico binario: il raddoppio di Pjanic al 40', il tris firmato da Alex Sandro al 12' st e il sigillo ancora del n.10 argentino allo scadere. Il punteggio sarebbe addirittura potuto essere ancora più severo per i granata, ma i pali, le parate di Sirigu e l'imprecisione degli attaccanti bianconeri hanno limitato i danni. Higuain ha iniziato in panchina per poi entrare negli ultimi dieci minuti. La squadra di Mihajlovic paga caro l'errore di Baselli ma già l'approccio alla gara non era stato dei migliori, sentendo forse troppo il match a cui per la prima volta dopo anni erano arrivata senza i panni dell'eterna sconfitta.

Archivio Ultima ora