A Davos domina l’ansia da Trump, Fmi teme “cigno nero”

Pubblicato il 20 gennaio 2017 da ansa

REUTERS/Ruben Sprich

DAVOS. – La ‘Trump anxiety’, l’ansietà di sapere se Donald Trump terrà davvero fede alle sue promesse elettorali più populistiche, è l’argomento principe in ogni salottino del Forum economico mondiale nel giorno del giuramento del presidente Usa. Un elefante nella stanza che non riescono a evitare neanche i discorsi ufficiali, che siano l’appello-denuncia di George Soros contro “un impostore, imbroglione, potenziale dittatore” alla Casa Bianca o l’allarme del Fondo monetario internazionale sul rischio di un “cigno nero”.

E’ raro trovare un solo panel dell’elite globale a Davos in cui Trump non emerga come il grande punto interrogativo. E se Soros, suo oppositore della prima ora, non stupisce, fa effetto che pur prendendo l’argomento alla larga, Christine Lagarde, numero uno del Fondo monetario internazionale, abbia evocato rischi elevatissimi per l’economia mondiale se nel 2017 le stelle del populismo dovessero allinearsi.

Parlando esplicitamente della nuova Casa Bianca, la Lagarde ha spiegato che l’impatto dello stimolo di bilancio alla crescita annunciato da Trump, al netto della spinta contraria se vi saranno chiusure protezionistiche, “potrebbe non essere positivo”. Senza fare riferimenti espliciti, poi, Lagarde si è spinta oltre.

L’economia mondiale rischia “un ‘cigno nero’ davvero grande che avrebbe effetti devastanti, se si ripetessero nel 2017 in maniera negativa tutti gli elementi di rottura che ci aspettiamo sulla base di quanto accaduto nel 2016, e se si andasse a finire in una corsa al ribasso sul fronte fiscale, del commercio internazionale e della regolazione finanziaria”.

E’ chiaro che un simile scenario ruota attorno a Trump, anche se vi rientrano le incognite elettorali europee e le voglie di Londra di farsi paradiso fiscale e magnete finanziario grazie a una nuova deregulation delle banche.

Roberto Azevedo, direttore generale dell’Organizzazione mondiale del commercio, invita gli americani a sedersi al tavolo per un “dialogo” e discutere delle loro “inquietudini”. Wolfgang Schaeuble, prudente ministro delle Finanze tedesco e politico navigato, sempre qui a Davos ostenta il suo scetticismo: “non riesco davvero a immaginare che l’amministrazione Trump arrivi a danneggiare seriamente il libero commercio globale” lasciando alla Cina il ruolo di difensore della libertà.

Scetticismo anche sul disimpegno dalla Nato evocato da Trump, escluso qui a Davos dal segretario generale dell’Alleanza, Jens Stoltenberg. Trump “va preso sul serio, ma non alla lettera”, argomenta Pierre Moscovici, responsabile per l’economia della Commissione Ue.

Ma chi non ha vincoli diplomatici o timori per il proprio business non nasconde la propria preoccupazione. Non riesce proprio a trattenersi, ad esempio, Angus Deaton, pacioso, rassicurante e prudente premio Nobel per l’economia: “Sono molto preoccupato. Non è facile dire quel che succederà perché non lo sappiamo. Ma sappiamo che non è qualificato per essere il presidente degli Stati Uniti”.

Mario Monti, ex Commissario Ue e presidente del Consiglio europeo, parlando di Brexit non nasconde il “trattamento ruvido” da parte dell’amministrazione Usa con cui dovranno fare i conti le istituzioni europee. E a fare i conti con l’incognita Trump è anche il mondo della finanza e degli affari. Larry Fink, numero uno di Blackrock, si aspetta un’amministrazione Usa “che farà rumore” e che farà politiche forti e decise. Mentre Claudio Costamagna, presidente di Cassa Depositi e Prestiti, è ironico: “c’è un po’ di ansietà” a Davos, spiega, ma a Trump “diamo almeno il beneficio del dubbio”.

(dell’inviato Domenico Conti/ANSA)

Ultima ora

01:30Azzurri:Bonucci,Ventura unico colpevole è brutto e riduttivo

(ANSA) - ROMA, 18 NOV - ''Trovare un unico colpevole nel Ct Ventura è brutto e riduttivo, l'eliminazione arriva non per il Ct in panchina ma perché abbiamo tralasciato i segnali che arrivavano''. Dopo il match con il Napoli, il difensore del Milan e della Nazionale italiana torna sulla mancata qualificazione dell'Italia ai Mondiali. ''Gli altri - afferma Bonucci a Sky - crescono e noi ci affidiamo alla buona sorte. Ancelotti prossimo CT? Per lui parla la carriera, è un grandissimo allenatore, è un vincente ma ci sono altre cose che bisogna decidere prima del commissario tecnico"

01:16Azzurri:Sarri’nessuno ha difeso Ventura e non mi è piaciuto’

(ANSA) - ROMA, 18 NOV - ''Nessuno ha preso le difese di Ventura. Qualcuno avrebbe dovuto farlo. Non ho sentito le parole dell'associazione allenatori e questo mi ha fatto male''. Il tecnico del Napoli Maurizio Sarri prende le difese dell'ex ct della nazionale Giampiero Ventura assediato dai media dopo la mancata qualificazione ai Mondiali. ''Nessuno l'ha difeso e non mi è piaciuta la gogna mediatica a cui è stato sottoposto''. ''Io ct? Più facile - aggiunge Sarri - che io faccia il politico''.

00:41Calcio: Liga, finisce a reti inviolate il derby di Madrid

(ANSA) - ROMA, 18 NOV - Finisce a reti inviolate il derby di Madrid. Nella 12/a giornata della Liga, l'Atletico, prossimo avversario della Roma in Champions League, non va oltre lo 0-0 in casa contro il Real di Cristiano Ronaldo. Ne approfitta il Barcellona che allunga sempre di più in classifica dopo la larga vittoria 3-0 sul campo del Leganes. Ora i blaugrana hanno 7 punti di vantaggio sul Valencia impegnato domani contro l'Espanyol e 10 sulle due squadre di Madrid.

00:40Calcio:Insigne’dispiace molto per Mondiale,ma no polemiche’

(ANSA) - ROMA, 18 NOV - "E' stata una grande vittoria contro una grande come il Milan. Noi ci abbiamo messo grinta e cuore, poi i tifosi ci sono sempre vicino e noi li ringraziamo sempre e cercheremo di non deluderli''. A Premium Sport l'attaccante del Napoli Lorenzo Insigne torna sulla mancata qualificazione al Mondiale: Scudetto possibile? ''Sappiamo che possiamo fare grandi cose quest'anno, stiamo dando il massimo e speriamo che basterà. Il Napoli per dimenticare la panchina in Nazionale? A me è dispiaciuto di più non andare al Mondiale rispetto a non aver giocato. Non voglio fare polemica, ho accettato le scelte del mister. Per il CT quegli erano gli uomini giusti ma io sono stato orgoglioso di far parte di quel gruppo. Dispiace molto, ma ora devo pensare al Napoli".

00:24Basket: Serie A, Cremona-Reggio Emilia 68-71

(ANSA) - CREMONA, 18 NOV - Colpo grosso per Reggio Emilia che in emergenza totale passa al PalaRadi di Cremona contro una Vanoli troppo svagata (71-68). La squadra di Menetti si è affidata al suo giocatore più forte, Amedeo Della Valle, e alla fine ha ragione visto che il numero 8 realizza ben 24 punti. Reggio ha sfruttato una grande difesa, riuscendo a limitare per quasi tutti i 40' il giocatore più pericoloso della Vanoli: Johnson Odom. La gara, nonostante la supremazia di Reggio, si è decisa a pochi secondi dalla fine. Cremona era riuscita a passare in vantaggio ma ha sprecato troppo facendosi riprendere e superare da un canestro di Wright. Sul -1 la palla persa decisiva di Odom con contropiede decisivo di Reggio che ha di fatto chiuso il conto sul 71-68. Migliori marcatori da una parte Della Valle con 24 e dall'altra Sims con 15.

00:13Serie A: il Napoli batte il Milan 2-1

(ANSA) - ROMA, 18 NOV - Il Napoli ha battuto il Milan 2-1 (1-0) al San Paolo nel secondo dei due anticipi della 13/a giornata del campionato di Serie A. Apre le marcature Insigne (gol convalidato dalla Var al 33' pt) e chiude Zielinski al 28' st. Tardivo il gol nel finale di Romagnoli (47' st). Gli azzurri allungano in testa alla classifica a +4 punti dalla Juventus attesa domani a Genova dalla Sampdoria.

00:01Gerry Adams, ‘lascio la guida del Sinn Fein nel 2018’

(ANSA) - ROMA, 18 NOV - Gerry Adams ha annunciato che l'anno prossimo lascerà la guida del Sinn Fein, il partito di riferimento della causa repubblicana nella comunità cattolica dell'Irlanda del Nord, dopo 34 anni di leadership. Adams ha comunicato che non si presenterà alle prossime elezioni parlamentari irlandesi. "La leadership è sapere quando è il momento di cambiare e questo è il momento", ha detto alla riunione del partito a Dublino. La sua decisione era attesa.

Archivio Ultima ora