A Davos domina l’ansia da Trump, Fmi teme “cigno nero”

Pubblicato il 20 gennaio 2017 da ansa

REUTERS/Ruben Sprich

DAVOS. – La ‘Trump anxiety’, l’ansietà di sapere se Donald Trump terrà davvero fede alle sue promesse elettorali più populistiche, è l’argomento principe in ogni salottino del Forum economico mondiale nel giorno del giuramento del presidente Usa. Un elefante nella stanza che non riescono a evitare neanche i discorsi ufficiali, che siano l’appello-denuncia di George Soros contro “un impostore, imbroglione, potenziale dittatore” alla Casa Bianca o l’allarme del Fondo monetario internazionale sul rischio di un “cigno nero”.

E’ raro trovare un solo panel dell’elite globale a Davos in cui Trump non emerga come il grande punto interrogativo. E se Soros, suo oppositore della prima ora, non stupisce, fa effetto che pur prendendo l’argomento alla larga, Christine Lagarde, numero uno del Fondo monetario internazionale, abbia evocato rischi elevatissimi per l’economia mondiale se nel 2017 le stelle del populismo dovessero allinearsi.

Parlando esplicitamente della nuova Casa Bianca, la Lagarde ha spiegato che l’impatto dello stimolo di bilancio alla crescita annunciato da Trump, al netto della spinta contraria se vi saranno chiusure protezionistiche, “potrebbe non essere positivo”. Senza fare riferimenti espliciti, poi, Lagarde si è spinta oltre.

L’economia mondiale rischia “un ‘cigno nero’ davvero grande che avrebbe effetti devastanti, se si ripetessero nel 2017 in maniera negativa tutti gli elementi di rottura che ci aspettiamo sulla base di quanto accaduto nel 2016, e se si andasse a finire in una corsa al ribasso sul fronte fiscale, del commercio internazionale e della regolazione finanziaria”.

E’ chiaro che un simile scenario ruota attorno a Trump, anche se vi rientrano le incognite elettorali europee e le voglie di Londra di farsi paradiso fiscale e magnete finanziario grazie a una nuova deregulation delle banche.

Roberto Azevedo, direttore generale dell’Organizzazione mondiale del commercio, invita gli americani a sedersi al tavolo per un “dialogo” e discutere delle loro “inquietudini”. Wolfgang Schaeuble, prudente ministro delle Finanze tedesco e politico navigato, sempre qui a Davos ostenta il suo scetticismo: “non riesco davvero a immaginare che l’amministrazione Trump arrivi a danneggiare seriamente il libero commercio globale” lasciando alla Cina il ruolo di difensore della libertà.

Scetticismo anche sul disimpegno dalla Nato evocato da Trump, escluso qui a Davos dal segretario generale dell’Alleanza, Jens Stoltenberg. Trump “va preso sul serio, ma non alla lettera”, argomenta Pierre Moscovici, responsabile per l’economia della Commissione Ue.

Ma chi non ha vincoli diplomatici o timori per il proprio business non nasconde la propria preoccupazione. Non riesce proprio a trattenersi, ad esempio, Angus Deaton, pacioso, rassicurante e prudente premio Nobel per l’economia: “Sono molto preoccupato. Non è facile dire quel che succederà perché non lo sappiamo. Ma sappiamo che non è qualificato per essere il presidente degli Stati Uniti”.

Mario Monti, ex Commissario Ue e presidente del Consiglio europeo, parlando di Brexit non nasconde il “trattamento ruvido” da parte dell’amministrazione Usa con cui dovranno fare i conti le istituzioni europee. E a fare i conti con l’incognita Trump è anche il mondo della finanza e degli affari. Larry Fink, numero uno di Blackrock, si aspetta un’amministrazione Usa “che farà rumore” e che farà politiche forti e decise. Mentre Claudio Costamagna, presidente di Cassa Depositi e Prestiti, è ironico: “c’è un po’ di ansietà” a Davos, spiega, ma a Trump “diamo almeno il beneficio del dubbio”.

(dell’inviato Domenico Conti/ANSA)

Ultima ora

11:38Sicilia: Impastato, Lista 100 passi? Operazione strumentale

(ANSA) - PALERMO, 26 SET - "Questa iniziativa, oltre ad essere un'operazione elettorale alla ricerca di consensi, è strumentale e utilizza come un marchio pubblicitario la figura e l'immagine di Peppino e l'impegno di chi ha continuato ad operare 'con le sue idee e il suo coraggio"'. Lo afferma Giovanni Impastato, fratello di Giuseppe, l'attivista ucciso a Cinisi (Pa) da cosa nostra il 9 maggio del 1978, in una nota firmata insieme al centro di documentazione Impastato, Rete 100 passi e associazione Peppino Impastato. Il riferimento è alla lista che sostiene Claudio Fava candidato alla presidenza della Regione siciliana. Nel simbolo spicca la scritta "Cento passi per la Sicilia".

11:28Netanyahu, attacco è frutto sobillazione Anp

(ANSAmed) - TEL AVIV, 26 SET - "L'attacco terroristico di questa mattina è frutto della sobillazione dell'Autorità nazionale palestinese" (Anp). Lo detto il premier Benyamin Netanyahu che ha aggiunto: "mi aspetto che Abu Mazen condanni l'attentato e non cerchi di giustificarlo". Netanyahu ha preannunciato che la casa del palestinese autore dell'attacco mortale, identificato in Nimer Jamal (37 anni), sarà demolita.

10:54Big Ue rilanciano web tax, cambiare attuale fisco

(ANSA) - BRUXELLES, 26 SET - L'economia digitale cambia "profondamente" il modo di fare business e quindi "il modo in cui deve essere tassato". Per questo serve "una profonda revisione dell'attuale sistema di tassazione, per assicurare un fisco efficiente, equo e trasparente": lo scrivono Italia, Francia, Germania e Spagna in un documento congiunto circolato a tre giorni dal vertice di Tallin sul digitale, dove i capi di Stato e di Governo Ue discuteranno della web tax e delle sfide ed opportunità del digitale.

10:48Iraq: primi dati referendum, verso plebiscito per sì

(ANSA) - BEIRUT, 26 SET - Lo spoglio delle schede del referendum nel Kurdistan iracheno è cominciato nella notte e sono già emersi i primi risultati sulla base delle prime schede scrutinate, secondo i dati diffusi dalle autorità di Erbil e pubblicati sul sito Rudaw, vicino al presidente curdo Massud Barzani: circa il 93% ha votato a favore dell'indipendenza mentre circa il 7% si è detto contrario. L'affluenza alle urne è stata del 78% per cento, su un totale di cinque milioni di aventi diritto al voto. I risultati finali sono attesi entro domani sera.

10:45Violenza sessuale su minore, arresto nell’Oristanese

(ANSA) - ORISTANO, 26 SET - Per violenza e abusi sessuali ai danni di un minore i carabinieri in un paese dell'Oristanese hanno arrestato in flagranza di reato un uomo. A far scattare il blitz dei militari - come ha anticipato il quotidiano La Nuova Sardegna - sarebbe stata proprio la giovanissima vittima degli abusi che ha trovato la forza di raccontare quello che gli stava accadendo. Una vicenda per la quale vi sarebbero anche dei riscontri. Il minore ora sarebbe ospite di una struttura protetta. Sul fatto la magistratura ed i carabinieri mantengono per il momento il massimo riserbo. L'accusa per la persona fermata ieri dai militari è quella di violenza sessuale, ma le indagini proseguono per fare piena luce su quanto accaduto. (ANSA).

10:18Promoter uccisa: esperti al lavoro nell’orto del killer

(ANSA) - MILANO, 26 SET - Gli esperti del Labanof, laboratorio forense di antropologia di Milano, a Garbagnate Milanese (Milano) eseguono nuovi accertamenti nei terreni di proprietà di Vito Clericò, il 65 enne di Garbagnate Milanesec che ha confessato l'omicidio di Marilena Rosa Re, promoter di 58 anni di Castellanza (Varese). Insieme ai carabinieri dei comando provinciale di Varese e coordinati dal Pm Rosaria Stagnaro della Procura di Busto Arsizio (Varese) titolare del fascicolo, gli esperti analizzano tutta l'area di proprietà di Clericó, anche con l'ausilio di un escavatore. Gli accertamenti sono iniziati il giorno dopo il ritrovamento delle ossa del cranio della donna in un'area campestre di Garbagnate.

10:11Migranti: sbarcati in Sardegna oltre 100 algerini

(ANSA) - CAGLIARI, 26 SET - Sbarco di migranti sulle coste del sud Sardegna durante la notte. Sono oltre cento gli algerini arrivati e il numero potrebbe ancora salire, visto che già in queste ore altri stranieri sono stati rintracciati mentre si incamminavano a piedi, dopo essere arrivati a bordo di piccoli natanti, verso i centri cittadini. Dalle 23 in poi il Reparto operativo aeronavale della Guardia di finanza, carabinieri, polizia e Capitaneria di porto sono stati impegnati per rintracciare i nordafricani. Il primo imponente arrivo è avvenuto dopo le 23 a Porto Pino, nel territorio di Sant'Anna Arresi. Tre barchini con a bordo complessivamente 62 algerini sono stati rintracciati dalle Fiamme gialle. Altri 14 su un altro barchino sono stati soccorsi in mare e trasportati direttamente in porto a Cagliari. Durante la notte altri arrivi, complessivamente 26 algerini, sono avvenuti sempre lungo la spiaggia di Porto Pino. I migranti sono stati bloccati dai carabinieri di Carbonia. Una imbarcazione con otto stranieri, sempre algerini, è anche arrivata sulla spiaggia di Domus de Maria. Infine cinque sono stati rintracciati questa mattina mentre camminavano sulla strada a Sant'Antioco e altri due a Porto Pino. Tutti dopo le visite mediche e le operazioni di identificazione sono stati trasferiti nel centro di accoglienza di Monastir. (ANSA).

Archivio Ultima ora