A Davos domina l’ansia da Trump, Fmi teme “cigno nero”

Pubblicato il 20 gennaio 2017 da ansa

REUTERS/Ruben Sprich

DAVOS. – La ‘Trump anxiety’, l’ansietà di sapere se Donald Trump terrà davvero fede alle sue promesse elettorali più populistiche, è l’argomento principe in ogni salottino del Forum economico mondiale nel giorno del giuramento del presidente Usa. Un elefante nella stanza che non riescono a evitare neanche i discorsi ufficiali, che siano l’appello-denuncia di George Soros contro “un impostore, imbroglione, potenziale dittatore” alla Casa Bianca o l’allarme del Fondo monetario internazionale sul rischio di un “cigno nero”.

E’ raro trovare un solo panel dell’elite globale a Davos in cui Trump non emerga come il grande punto interrogativo. E se Soros, suo oppositore della prima ora, non stupisce, fa effetto che pur prendendo l’argomento alla larga, Christine Lagarde, numero uno del Fondo monetario internazionale, abbia evocato rischi elevatissimi per l’economia mondiale se nel 2017 le stelle del populismo dovessero allinearsi.

Parlando esplicitamente della nuova Casa Bianca, la Lagarde ha spiegato che l’impatto dello stimolo di bilancio alla crescita annunciato da Trump, al netto della spinta contraria se vi saranno chiusure protezionistiche, “potrebbe non essere positivo”. Senza fare riferimenti espliciti, poi, Lagarde si è spinta oltre.

L’economia mondiale rischia “un ‘cigno nero’ davvero grande che avrebbe effetti devastanti, se si ripetessero nel 2017 in maniera negativa tutti gli elementi di rottura che ci aspettiamo sulla base di quanto accaduto nel 2016, e se si andasse a finire in una corsa al ribasso sul fronte fiscale, del commercio internazionale e della regolazione finanziaria”.

E’ chiaro che un simile scenario ruota attorno a Trump, anche se vi rientrano le incognite elettorali europee e le voglie di Londra di farsi paradiso fiscale e magnete finanziario grazie a una nuova deregulation delle banche.

Roberto Azevedo, direttore generale dell’Organizzazione mondiale del commercio, invita gli americani a sedersi al tavolo per un “dialogo” e discutere delle loro “inquietudini”. Wolfgang Schaeuble, prudente ministro delle Finanze tedesco e politico navigato, sempre qui a Davos ostenta il suo scetticismo: “non riesco davvero a immaginare che l’amministrazione Trump arrivi a danneggiare seriamente il libero commercio globale” lasciando alla Cina il ruolo di difensore della libertà.

Scetticismo anche sul disimpegno dalla Nato evocato da Trump, escluso qui a Davos dal segretario generale dell’Alleanza, Jens Stoltenberg. Trump “va preso sul serio, ma non alla lettera”, argomenta Pierre Moscovici, responsabile per l’economia della Commissione Ue.

Ma chi non ha vincoli diplomatici o timori per il proprio business non nasconde la propria preoccupazione. Non riesce proprio a trattenersi, ad esempio, Angus Deaton, pacioso, rassicurante e prudente premio Nobel per l’economia: “Sono molto preoccupato. Non è facile dire quel che succederà perché non lo sappiamo. Ma sappiamo che non è qualificato per essere il presidente degli Stati Uniti”.

Mario Monti, ex Commissario Ue e presidente del Consiglio europeo, parlando di Brexit non nasconde il “trattamento ruvido” da parte dell’amministrazione Usa con cui dovranno fare i conti le istituzioni europee. E a fare i conti con l’incognita Trump è anche il mondo della finanza e degli affari. Larry Fink, numero uno di Blackrock, si aspetta un’amministrazione Usa “che farà rumore” e che farà politiche forti e decise. Mentre Claudio Costamagna, presidente di Cassa Depositi e Prestiti, è ironico: “c’è un po’ di ansietà” a Davos, spiega, ma a Trump “diamo almeno il beneficio del dubbio”.

(dell’inviato Domenico Conti/ANSA)

Ultima ora

00:30Roma ufficializza Kolarov dal City

(ANSA) - ROMA, 22 LUG - La Roma ha perfezionto l'ingaggio di Aleksandar Kolarov. La società, attraverso una nota, ha comunicato di aver sottoscritto con il Manchester City il contratto per l'acquisizione a titolo definitivo del calciatore serbo a fronte di un corrispettivo di 5 milioni. Il calciatore 31enne, ha firmato un contratto che lo legherà al club fino al 30 giugno 2020. "Sono molto contento di essere qui", ha dichiarato il serbo. "Darò più del 100% alla Roma, il mio obiettivo è sempre uno: vincere". "Aleksandar è un calciatore con grande esperienza e che può dare da subito il suo contributo per il club", ha dichiarato il direttore sportivo Monchi. "Penso che con lui cresceremo sia dentro sia fuori dal campo. Desidero ringraziarlo per il suo entusiasmo e per la volontà dimostrata di venire alla Roma".

23:55Consip: gen. Maruccia sentito da pm come testimone

(ANSA) - ROMA, 22 LUG - Il generale di Divisione Gaetano Maruccia, capo di Stato Maggiore dell'Arma dei Carabinieri, è stato ascoltato dai pm di Roma in qualità di persona informata sui fatti nell'inchiesta Consip. L'ufficiale, si apprende dallo stesso comando generale dei Carabinieri, si è detto "lieto di aver potuto contribuire alla ricerca della verità nella contorta vicenda".

23:46Calcio: amichevoli, Napoli-Chievo 1-1

(ANSA) - ROMA, 22 LUG - Il Napoli non è riuscito ad andare oltre l'1-1 con il Chievo, nell'ultima amichevole nel ritiro di Dimaro, in Trentino. I gialloblù di Maran si erano portati in vantaggio con un gol di Inglese, dopo 26' di gioco, ma sono stati raggiunti dal neoacquisto Ounas (13' st), giocatore di origine algerina, ma proveniente dal Bordeaux. Finora la squadra partenopea aveva sempre vinto: 17-0 contro la Bassa Anaunia, 70 contro il Trento e 4-1 contro il Carpi. Prima di lasciare il ritiro di Dimaro, domani sera la squadra allenata da Maurizio Sarri verrà presentata ufficialmente. L'allenatore stasera ha schierato Reina; Hysaj, Maksimovic, Koulibaly, Ghoulam; Rog, Jorginho, Hamsik; Callejón, Mertens, Insigne, come formazione di partenza. Nella ripresa cambio di formazione, sempre con il 4-3-3: Rafael; Maggio, Albiol, Koulibaly, Ghoulam; Allan, Jorginho, Zielinski; Ounas, Milik, Mertens.

23:26Terremoto Kos, in serata due forti scosse di assestamento

(ANSA) - KOS (GRECIA), 22 LUG - Questa sera due forti scosse di assestamento di magnitudo 4.4 e 4.6, alla distanza di 16 minuti l'una dall'altra, hanno colpito l'isola greca di Kos, costringendo residenti e turisti a lasciare le case e i ristoranti. Lo riporta l'Istituto di Geodinamica di Atene. La prima scossa, avvenuta più vicina all'isola, è stata ad una profondità di 10 km. L'aeroporto è stato fatto evacuare. Poco di 24 ore fa una potente scossa di terremoto con epicentro a Bodrum, in Turchia, ha colpito sempre l'isola di Kos causando la morte di due turisti ed il ferimento di 500 persone.

23:17Mafia Capitale:Camera penale Roma, da Bindi più senso Stato

(ANSA) - ROMA, 22 LUG - La Camera Penale di Roma auspica da parte della Presidente della Commissione antimafia, on.le Bindi, "un maggiore senso dello Stato. Riscontriamo con stupore le esternazioni dell'on. Bindi - informa un a nota - rispetto alla sentenza di primo grado del processo "mafia capitale", con cui si accusano i giudici del Tribunale di Roma di non essere idonei, perché non specializzati, a giudicare i reati contestati dalla Procura. Risulta palese, da parte del Presidente della Commissione Antimafia, la violazione del principio, costituzionalmente garantito, dell'indipendenza della magistratura dal potere politico. Lo stesso principio più volte invocato rispetto a sentenze gradite. Ecco perchè auspichiamo un maggiore senso dello Stato".

22:38Calcio: Genoa, slitta trattativa per acquisizione del club

(ANSA) - GENOVA, 22 LUG - Potrebbe slittare di oltre un mese la cessione del Genoa. Le trattative, infatti, si fermerebbero fino alla fine del calciomercato, prima di riprendere a settembre. Sarebbe questo l'orientamento emerso nelle ultime ore. La decisione sarebbe stata presa insieme da Enrico Preziosi, proprietario del Genoa, e Giulio Gallazzi, presidente di Sri group, che si dice disposta ad acquisire il club ligure attraverso fondi stranieri. Prima sembrava che il termine ultimo delle trattative fosse stato fissato per fine luglio, adesso la decisione di far slittare la chiusura dell'affare a inizio settembre, quando si sarà già concluso il mercato estivo.

22:33Venezuela: ferito giovane violinista simbolo delle proteste

(ANSA) - CARACAS, 21 LUG - Wuilly Arteaga, il 23/enne violinista venezuelano simbolo delle proteste anti-Maduro, è stato ferito oggi durante una marcia dell'opposizione a Caracas. Arteaga è stato raggiunto da un pallettone di gomma sparato dagli uomini della 'guardia nazionale bolivariana' e subito dopo, ha precisato la stampa locale, è stato portato in un ospedale. Stava suonando il violino durante una manifestazione di piazza nella capitale per raggiungere la sede del Tribunale supremo di giustizia. Il giovane è spesso al centro dell'interesse dei media venezuelani e internazionali perchè durante le manifestazioni suona l'inno nazionale e canzoni tradizionali con il suo violino. E' stato fotografato e filmato decine di volte durante le proteste contro il 'chavismo'. Lo scorso 15 giugno aveva incontrato quattro membri del congresso Usa ai quali aveva chiesto di far pressione contro i paesi che vendono gas lacrimogeni e blindati al governo del presidente Nicolas Maduro.

Archivio Ultima ora