Ripresa in aula del Senato la discussione sulla crisi economica e sociale del Venezuela

Pubblicato il 24 gennaio 2017 da redazione

ROMA – Oggi, alle ore 16,30 italiane, continuerà nell’Aula del Senato la discussione sulle mozioni relative alla crisi venezuelana. Un prima mozione, che ha come primo firmatario il presidente della Commissione Esteri Pier Ferdinando Casini, impegna il Governo “ad adottare con urgenza ogni iniziativa utile, anche in sede di Unione europea e in collaborazione con gli organismi internazionali, per ottenere dal Governo venezuelano un atteggiamento costruttivo per superare la situazione critica in cui versa il Paese; per impegnarlo a ripristinare la separazione dei poteri e salvaguardare le attribuzioni dei diversi organi costituzionali; per favorire un dialogo effettivo e stringente tra i diversi livelli di Governo, l’opposizione democratica e la società civile; per ottenere la liberazione di tutti i prigionieri politici”. Nella mozione si chiede altresì di “adottare con urgenza ogni iniziativa utile, anche in sede di Unione europea e in collaborazione con gli organismi internazionali, per alleviare la grave crisi umanitaria del Paese, in particolare a favore dei soggetti più deboli della società”, nonché “di approntare un piano straordinario di assistenza ai connazionali residenti in Venezuela, anche attraverso un rafforzamento delle nostre strutture diplomatico-consolari” e di “continuare a sostenere i legittimi interessi delle imprese italiane che operano nel Paese e vantano crediti nei confronti del Governo”. Un’altra mozione, che ha come prima firmataria la senatrice del Movimento 5 Stelle Ornella Bertorotta, chiede al Governo di “avviare un dialogo con il Governo venezuelano, nel pieno rispetto del principio di non ingerenza negli affari interni di altri Stati, al fine di tutelare la sicurezza e il benessere dei cittadini venezuelani e in particolare degli Italo-Venezuelani” e di rigettare con forza qualsiasi posizione oltranzista, supportando, con ogni mezzo necessario, l’iniziativa di pace della Santa Sede. Nella mozione si impegna inoltre il Governo a chiedere sia a Caracas “di aumentare le misure di sicurezza a protezione della comunità italiana, predisponendo quanto necessario a garantire una vita tranquilla agli italo venezuelani nel Paese” sia all’opposizione venezuelana “di fare quanto possibile per isolare i violenti e ripristinare le condizioni di dialogo nell’interesse del popolo venezuelano”. Sollecitato inoltre l’avvio “di una contrattazione per ripristinare i voli aerei da e per Caracas dal nostro Paese, agevolando i nostri concittadini nel Paese latino americano, anche con tariffe scontate”. Chiesto infine nella mozione il sostegno da parte del Governo “a procedure di pagamento dei crediti vantati dalle imprese italiane anche attraverso contropartite in petrolio, di cui il Paese è particolarmente ricco e i cui prezzi sono in ripresa, permettendo così il recupero delle ingenti somme vantate dalle nostre imprese in tempi più rapidi”.
Tra i vari interventi del dibattito avvenuto la scorsa settimana, hanno in primo luogo preso la parola i primi firmatari delle mozioni Casini e Bertorotta, segnaliamo l’intervento del presidente del Comitato per le Questioni degli Italiani all’Estero Claudio Micheloni che ha sottolineato come questa discussione in Aula sia di grande importanza per la nostra comunità residente in Venezuela.
– D’altronde, – ha precisato Micheloni – non è la prima volta che il Senato affronta questo problema: con il presidente Casini, con il presidente Manconi, con il Comitato per le questioni degli italiani all’estero, abbiamo più volte ricevuto delegazioni di italiani residenti in Venezuela che sono venuti qui ad illustrare le difficoltà ed i problemi che affrontano e hanno sempre denunciato il disinteresse della politica e dell’informazione nei confronti del Venezuela. Una delle loro preoccupazioni costanti è appunto che in Europa non si parla abbastanza del Venezuela, quindi questo momento è di grande importanza per tutta quella comunità.
Il senatore del Pd, eletto nella ripartizione Europa, ha poi segnalato come nel marzo 2015 una rappresentanza del Comitato per le questioni degli italiani all’estero si sia recato in Venezuela.
– La senatrice Montevecchi, il senatore Pagano ed il sottoscritto, insieme alla dottoressa D’Addio, – ha ricordato Micheloni – abbiamo avuto l’incontro più drammatico con le comunità italiane nel mondo che io ricordi da quando vivo questa realtà. Siamo usciti a pezzi da quell’incontro, che credo la senatrice Montevecchi, il senatore Pagano ed io non dimenticheremo mai, per quello che abbiamo ascoltato e visto. E non c’era il problema della maggioranza o dell’opposizione, trattandosi della situazione di una comunità. Siamo usciti con un impegno: quello di affrontare l’unica cosa concreta sulla quale potevamo intervenire come Italia, ovvero il pagamento delle pensioni. Ci abbiamo messo un anno e mezzo … e finalmente le pensioni di questo mese saranno pagate con un cambio diverso da quello deciso dal Governo venezuelano. Per noi è poca cosa, per i nostri pensionati, che sono 5.50, cambierà completamente la situazione…. Al riguardo, – ha proseguito Micheloni che ha anche ringraziato gli enti e le persone che si sono spesi per il raggiungimento di questo risultato – rivolgo nuovamente un appello al sottosegretario Pizzetti, affinché verifichi un’informazione che mi viene dall’INPS: sui 5.500 pensionati, solo 3.800 beneficeranno di questa novità. Va verificato che tutti beneficino di questo cambiamento.
Per quanto riguarda il rafforzamento della struttura diplomatica consolare richiesto dalla Mozione Casini, Micheloni, oltre a ribadire l’importanza di questo tipo di intervento, ha annunciato la presentazione, da parte dei senatori del collegio Estero, di un emendamento, da agganciare al primo veicolo utile, per permettere al ministero degli Esteri di assumere personale in loco e di disporre di risorse per la sicurezza, dando la possibilità anche di inviare le Forze dell’ordine a proteggere le nostre strutture.

Ultima ora

16:14Calcio: Moratti, Borja Valero profilo che serve a Inter

(ANSA) - MILANO, 23 GIU - "Borja Valero il regista giusto per l’Inter? Chi lo sa, speriamo di sì. E’ un grande giocatore, ha esperienza, è punto di riferimento per tutta la squadra e ha personalità: è il profilo che serve". L'ex presidente dell'Inter Massimo Moratti, intervistato da Premium Sport, approva la trattativa per portare il centrocampista della Fiorentina in nerazzurro. Tra l'Inter e lo spagnolo ci sarebbe già un accordo per un triennale, manca solo l'intesa tra i due club con l'Inter che avrebbe già messo sul tavolo un'offerta ufficiale. "Bernardeschi? E’ bravo - continua Moratti - ma anche noi abbiamo degli ottimi giocatori".

16:10Calcio: agente Deulofeu, lui alla Roma? E’ un ipotesi

(ANSA) - ROMA, 23 GIU - "E' tutto da vedere però la Roma è un grandissimo club, quindi rappresenta un'ipotesi". Gines Carvajal, procuratore di Gerard Deulofeu, è intervenuto ai microfoni di Romanews WebRadio strizzando l'occhio ai giallorossi. L'esterno classe '94 è stato autore di una buona seconda parte di stagione con la maglia del Milan, collezionando 4 gol e 3 assist in 17 presenze. Sono tanti i nomi accostati al club capitolino per individuare il sostituto dell'egiziano Salah.

15:53Motop: Olanda, seconde libere a Vinales

(ANSA) - ROMA, 23 GIU - Maverick Vinales ha firmato il miglior tempo delle seconde libere, classe motoGp, sul circuito olandese di Assen, con il tempo di 1'33"130. Seconda un'altra Yamaha, quella di Jonas Folger, staccato di 367 millesimi. Terza la Honda di Marc Marquez (+0.652). Seguono la Ducati di Andrea Dovizioso (+0.660), la Honda di Cal Crutchlow (+0.698) e la seconda Yamaha ufficiale con Valentino Rossi (+0.700). Completano la top ten - cioè i piloti che al momento accederebbero alla Q2 di domani - Danilo Petrucci, Johann Zarco, Alvaro Bautista e Dani Pedrosa. In una sessione interrotta qualche minuto per la caduta di un pò di pioggia, sono rimasti fuori dal gruppo dei migliori sia Lorenzo (14/o tempo) che Iannone (17/o).

15:49Calcio: Messi apre alla Cina ‘andarci non è impossibile’

(ANSA) - ROMA, 23 GIU - Anche Lionel Messi non esclude una possibile esperienza in Cina. In una intervista a Espn, l'asso argentino del Barcellona apre ad un'avventura nel calcio della Grande Muraglia: "Non posso dire che andare in Cina sia impossibile - afferma l'argentino - nessuno può dire che ci sia qualcosa di impossibile nel calcio di oggi, ma non mi è mai passato per la mente. Terminare la mia carriera al Barcellona è quello che ho sempre voluto e quello che sogno. Penso solo a questo club e a vincere il maggior numero possibile di titoli la prossima stagione".

15:29Brexit:Gentiloni,da May buone intenzioni ma verificare

(ANSA) - ROMA, 23 GIU - La proposta del premier britannico Theresa May "è una dimostrazione di buone intenzioni, ma ci sono molte cose da verificare nel merito". Lo ha detto il premier Paolo Gentiloni in conferenza stampa da Bruxelles, al termine del vertice europeo.

15:27Wp, Cia accertò che Putin diresse campagna hackeraggio

(ANSA) - WASHINGTON, 23 GIU - La Cia accertò che Vladimir Putin fu coinvolto direttamente nella campagna di hackeraggio per screditare le presidenziali Usa sulla base di fonti interne al governo russo. Lo rivela il Washington Post che ricostruisce con decine di fonti anonime dell'intelligence Usa le reazioni di Obama per fermare le interferenze russe. La Cia sarebbe venuta in possesso di specifiche istruzioni di Putin per sconfiggere o almeno danneggiare la candidata dem Hillary Clinton e aiutare il suo rivale Donald Trump.

15:26Gentiloni,su migranti Italia soddisfatta da vertice Ue

(ANSA) - ROMA, 23 GIU - "Sul tema migratorio credo che l'Italia possa essere soddisfatta dalle conclusioni raggiunte, anche se sappiamo bene che i problemi con cui ci dobbiamo confrontare non si risolvono con le conclusioni di un documento del Consiglio europeo". Lo ha detto il premier Paolo Gentiloni nella conferenza stampa a Bruxelles.

Archivio Ultima ora